Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Risultati per i tag 'giallo'.

  • Cerca per Tag

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per Autore

Tipo di contenuto


Il mondo dell'editoria, senza filtri.

  • Inizia qui la tua avventura nella community
    • Regolamento del Forum
    • Ingresso
    • Bacheca
  • Il mondo dell'editoria
    • Case Editrici
    • Piattaforme Print on Demand
    • Agenzie Letterarie
    • Freelance
    • Questioni legali
    • Concorsi ed Eventi esterni
    • Varie ed eventuali
  • Officina
    • Narrativa
    • Poesia
    • Contest del Writer's Dream
    • I migliori racconti del WD
    • I nostri libri
  • Documentazione
    • Scrivere
    • Leggere
  • Area Relax
    • Agorà
    • WD Club
    • Il blog del Writer's Dream

Categorie

  • Arte, cinema e fotografia
  • Azione e avventura
  • Biografie, diari, memorie
  • Fantascienza, Horror, Fantasy
  • Gialli e Thriller
  • Letteratura non di genere
  • Letteratura erotica
  • Letteratura Rosa
  • Bambini e ragazzi
  • Società e Scienze sociali
  • Storia
  • Poesia

Categorie

  • Arte, cinema e fotografia
  • Azione, avventura
  • Biografia, diari e memorie
  • Fantascienza, Horror e Fantasy
  • Gialli e Thriller
  • Letteratura Erotica
  • Letteratura Rosa
  • Letteratura non di genere
  • Bambini e Ragazzi
  • Società e Scienze sociali
  • Storia
  • Poesia

Calendari

  • Presentazione in Libreria
  • Concorso Letterario
  • Corso di scrittura
  • Altro
  • Evento del Writer's Dream

Cerca risultati in...

Cerca risultati che...


Data di creazione

  • Inizio

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Inizio

    Fine


Filtra per...

Iscritto

  • Inizio

    Fine


Gruppo


Sito personale


Skype


Facebook


Twitter


Provenienza


Interessi

Trovato 116 risultati

  1. M.Writ

    Italialegge.it

    Sito: https://www.italialegge.it/ Per informazioni e contatti: https://www.italialegge.it/index.php/contact-us-2/ Il nuovo portale dedicato al mondo della letteratura, principalmente italiana, di genere thriller, noir e gialli – Con articoli, recensioni, segnalazioni di libri, consigli di scrittura creativa, biografie, focus su premi letterari, notizie riguardanti produzioni cinematografiche e serie televisive tratte da libri. E molto altro ancora… Il blog si propone anche di ricercare collaborazioni con altri appassionati di libri thriller, gialli e noir e di tutto il panorama letterario e cinematrografico legato a tali generi. Naturalmente ogni contatto richiederà una previa valutazione, perciò - mi raccomando - partecipate alle discussioni e non esitate a contattarci: troverete tutte le informazioni sul sito. Di seguito il link del nostro ultimo articolo: https://www.italialegge.it/index.php/2019/04/08/non-sono-un-assassino-il-best-seller-di-francesco-caringella-ora-anche-film-di-andrea-zaccariello/ Non mi resta che salutarvi con il nostro slogan: sentiti libero di leggere e di scoprire!
  2. Ospite

    Argento Vivo Edizioni

    Nome: Argento Vivo Edizioni Generi trattati: / Modalità di invio dei manoscritti: http://www.argentovivoedizioni.it/#manoscritti Distribuzione: per il momento ci autodistribuiamo Sito web: www.argentovivoedizioni.it Facebook:https://www.facebook.com/argentovivoedizioni/ Instagram:https://www.instagram.com/argentovivoedizioni/ Twitter:https://twitter.com/ArgentoVivoEdiz Youtube:https://www.youtube.com/channel/UCy2PmAKXUJKVkZo5VdAAUDw Ciao a tutti! Sono il legale rappresentante di Argento Vivo Edizioni. La nostra è una casa editrice neonata (gennaio 2017, abbiamo il sito da pochi giorni) e... particolare: si affianca infatti a un'Academy che ha lo scopo di formare i talenti di domani attraverso corsi di scrittura creativa e giornalismo rivolti a giovani e a giovanissimi. I nostri corsi sono gratuiti e finalizzati all'esordio editoriale degli studenti dell'Academy, che seguiamo fino alla pubblicazione del loro primo romanzo o saggio. Pubblicazione a cura e a spese del marchio Argento Vivo Edizioni: siamo al 100% NO EAP, o "free" come dite su questo forum. Per informazioni sui corsi o di carattere generale potete scriverci a questo indirizzo: info@argentovivoedizioni.it. Cercheremo comunque di essere presenti sul forum per rispondere alle vostre eventuali domande. Grazie per l'attenzione e buon proseguimento.
  3. Fraudolente

    Il titolo "porno"

    Mi manca giusto (solo…) un centinaio di pagine per ultimare il nuovo romanzo. Si tratta di un giallo che si svolge in epoche diverse, con una trama abbastanza intricata e che lascia il lettore nel dubbio tra due ipotetiche soluzioni. Onde non farmi editare dallo staff, non posso citare il titolo: mi piace moltissimo, è una minisinossi, incuriosisce e “spiccherebbe” in libreria, ma… Ecco, si potrebbe equivocare con il titolo di un porno, e anche la copertina che avrei in mente, tutt’altro che pudica, sarebbe più o meno sulla stessa lunghezza d’onda. E il mio romanzo non è un porno. L’alternativa è il solito titolo da giallo normalissimo, appropriato ma non altrettanto “particolare”. Come fareste? Potrei lasciare la decisione all’editore, ma la tentazione a favore del “titolaccio” è forte…
  4. Federica M. Barone

    Chiado Editore

    Nome: Chiado Editore Generi trattati: narrativa, saggi, polizieschi, thriller, biografie, poesie, libri d’infanzi, libri di illustrazioni. Modalità di invio dei manoscritti: https://www.chiadobooks.it/invio-opere Distribuzione:https://www.chiadobooks.it/distribuzione Sito: https://www.chiadobooks.it/ Facebook: https://www.facebook.com/ChiadoEditore Chiado Editore è specializzata nella pubblicazione di autori italiani contemporanei, da quelli più affermati ai più promettenti artisti emergenti del nostro tempo. Dato il successo raggiunto in Portogallo e Brasile, abbiamo ampliato i nostri orizzonti verso nuovi Paesi e lingue differenti e si possono trovare le opere pubblicate dalle nostre sezioni internazionali tramite i rispettivi siti web. Pubblichiamo anche in America Latina, Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti d’America. La politica editoriale di Chiado Editore punta a democratizzare il mondo editoriale, creando le migliori opportunità per gli Autori e offrendo ai Lettori straordinarie opere di ogni genere, ad un giusto prezzo e senza pregiudizi. Se un Autore desidera pubblicare il suo libro con noi, non deve fare altro che inviarcelo con una breve biografia. Il nostro Consiglio Editoriale lo analizzerà e se sarà compatibile con la nostra linea editoriale, non esisteremo a presentare una proposta di pubblicazione. Tutti gli Autori famosi inizialmente erano sconosciuti. Chiado Editore sa che è così e per questo motivo presta la massima attenzione ai manoscritti che riceve, analizzandoli senza pregiudizio alcuno.Comunichiamo sempre all’Autore le nostre intenzioni, che ci sia, o meno, interesse nel pubblicare il manoscritto. Scrivere un libro è una grande sfida, ma anche una sensazione unica e irripetibile!
  5. Luca Morandi - Aratak

    La Ruota Edizioni

    Nome: La Ruota Edizioni Generi trattati: Romanzi di narrativa; Fantasy; Horror; Antologie; Sillogi poetiche; Narrativa per l'infanzia Modalità di invio dei manoscritti: per email a proposte@laruotaedizioni.it Distribuzione: Directbook Sito: http://www.laruotaedizioni.it/ Facebook: https://www.facebook.com/laruotaedizioni/
  6. bukowsky77

    Nero Press

    Nome: Nero Press Generi: Horror e Gotico, Noir, Giallo, Thriller Modalità di invio Manoscritti: http://neropress.it/invio-manoscritti/ Distribuzione: http://neropress.it/distribuzione/ Sito web: http://neropress.it/ Facebook: https://www.facebook.com/neropress.edizioni
  7. Ospite

    Nord

    Nome: Casa editrice Nord (Gruppo GEMS) Sito: http://www.editricenord.it Genere valutati: Azione e avventura, Gialli e mystery, Letteratura, Narrativa fantastica, Narrativa non di genere, Thriller Invio manoscritti: http://www.editricenord.it/invio_manoscritto.php Distribuzione: non specificata Facebook: https://www.facebook.com/CasaEditriceNord/?fref=ts
  8. TempoPerso

    I Benefattori - Parte 2

    Commento Spalle al muro, Padre Manuel non potè che acconsentire. «Esatto, Natalia. La tua… generosità fa onore a te, alla tua famiglia e a tutta la Comunità. E’ deciso, allora: tornate ai vostri compiti, mi occuperò io di accogliere quest’uomo» Qualcuno borbottò, ma la parola di Padre Manuel era l’ultima. In breve, la folla si disperse e il parroco potè parlare in privato con lo straniero. «Da questa parte, buon uomo. Posso sapere il suo nome?» «Ma certo, Padre. Mi chiamo Noah» «Un nome davvero… interessante. Parlerei volentieri con te, Noah, ma il tuo aspetto mi dice che prima di tutto ti serve riposo e ristoro. Devo solo chiederti se hai un telefono cellulare con te» «No. Si è rotto quando sono caduto da cavallo» «Meglio così. La nostra è una Comunità molto riservata e non è permesso di avere strumenti del genere. Ora vieni, ti condurrò a quella che per il momento sarà la tua nuova casa» - Padre Manuel osservava la piazza del villaggio, nella quale i suoi abitanti avevano ripreso a svolgere freneticamente le loro faccende quotidiane. I Benefattori sarebbero arrivati tra soli tre giorni e c’era ancora molto lavoro da fare per tutti. “Soprattutto per me” pensò il prete rabbuiandosi. A passi lenti rientrò in chiesa. Non c’era nessuno a quell’ora, nella quale tutti erano impegnati con il duro lavoro, ma Padre Manuel sapeva che non avrebbe trovato l’agognata solitudine. Al contrario, erano proprio quelli i momenti nei quali si sentiva più osservato. E giudicato: il grande crocefisso di legno si stagliava imponente sulla navata principale, fissando il parroco come se si aspettasse una giustificazione. Padre Manuel sapeva di dovergliene, ben più di una, ma mai una volta era riuscito ad aprire bocca per la vergogna. Così, come tante altre volte in passato, egli passò a capo chino oltre il cieco sguardo di rimprovero e si diresse verso la sagrestia, dove si trovava una delle poche conquiste tecnologiche della Comunità: un telefono. Padre Manuel non aveva bisogno di alcuna agenda: conosceva il numero da comporre a memoria, l’unico che venisse mai digitato sull’apparecchio. Dopo una breve attesa, una fredda voce maschile rispose dall’altra parte della cornetta. «Pronto?» «Sono Padre Manuel» «Buongiorno, Padre. A cosa devo la sua chiamata? C’è qualche imprevisto per l’organizzazione dell’evento?» «Non lo chiamerei imprevisto… non ancora. Oggi è arrivato uno straniero al villaggio. Aveva bisogno di aiuto e non ho potuto dirgli di no, avrei attirato troppi sospetti» La voce si zittì alcuni istanti prima di rispondere nuovamente, ancora priva di emozione alcuna. «Ha agito bene. Lo tenga sotto controllo e lo tratti come ci si aspetterebbe. Io informerò i padroni, decideranno loro cosa farne durante l’evento» «Spero non…» «Padre, quel disgraziato ha segnato la sua sorte nel momento in cui ha attraversato le porte della Comunità. E comunque, meglio lui che qualcuno dei suoi, giusto?» La voce non attese una risposta perché già la conosceva. La chiamata venne terminata, lasciando Padre Manuel in balia di ciò che rimaneva della sua coscienza. - A Noah pareva di essersi appena sdraiato quando i suoni lo svegliarono. Invece, la luce che filtrava dalla finestra gli fece capire che il tramonto era ormai prossimo. Doveva avere dormito per almeno una decina di ore. Fu un risveglio piacevole: al suo capezzale vi erano due giovani ragazze, una dai capelli biondo cenere e l’altra dai capelli neri. Riconobbe la più giovane come quella che lo aveva invitato nella sua casa. «Natalia, giusto? Credo di esserti debitore» La ragazza lo fissò con sguardo penetrante, ma non disse nulla. Invece, fu la voce di un’altra donna a spezzare il silenzio. «Lilian, Natalia. Lasciate in pace il nostro ospite e preparate la cena, mentre io mi occupo di lui» Dalla porta fece capolino una donna, una delle più belle che Noah avesse mai visto. Doveva avere poco meno di quarant’anni, ma nemmeno i semplici e logori abiti da lavoro che indossava potevano nascondere le morbide curve del suo corpo. I capelli, biondo cenere come quelli della figlia maggiore, erano legati in una pratica coda di cavallo che le ricadeva fin sulle spalle. Quando le due ragazze si allontanarono, lasciandoli soli, l’uomo capì perfettamente perché i devoti abitanti del luogo erano sembrati così riluttanti a farlo dormire nella casa di quella donna. «Io sono…» «Noah, lo so. Padre Manuel mi ha detto di prendermi cura di te finchè non ti sarai ripreso» «Non volevo causare disturbo, ma quel dannato cavallo…» «Nessun disturbo. Anzi, a una madre fa sempre piacere conoscere l’uomo che la propria figlia invita a casa propria» Noah arrossì vistosamente e la donna scoppiò a ridere. «Non preoccuparti, stavo solo scherzando. Natalia è una cara ragazza ma è raro che leghi con qualcuno che non sia sua sorella. Considerati molto fortunato» L’uomo annuì. «La ringrazierò, allora… dopo che avrò ringraziato lei per l’ospitalità» «Chiamami Esmeralda: qui alla Comunità ci siamo lasciati alle spalle il passato e le sue formalità. E se vorrai davvero sdebitarti, Noah…» La donna gettò sul letto dei vestiti puliti. «Puoi fare onore alla cuoca. Lilian è molto suscettibile alle critiche, sai?» Esmeralda si congedò con un altro sorriso che strappò un battito al cuore dell’uomo, lasciandolo solo perché potesse cambiarsi. Recuperando la lucidità, Noah indossò i suoi nuovi abiti, di taglio semplice e adatti al lavoro fisico. Poi, con gesto rapido, ebbe cura di nascondere il proprio telefono cellulare perfettamente funzionante. - In una stanza buia molto lontana dalla Comunità, un uomo teneva lo sguardo fisso sul monitor di un portatile. Il sistema di geolocalizzazione mostrava solo numeri e codici di identificazione, ma per lui avevano un significato ben preciso. «Sembra che il nostro eroe sia riuscito a entrare nel villaggio» Una figura si portò alle sue spalle. «Notevole. Perfino da quegli inetti mi sarei aspettato misure di sicurezza migliori per proteggere il proprio pascolo. Meglio così, ci sarà più facile agire» «Quando?», disse l’uomo al terminale con un evidente tono eccitato. «Oh, non dovrai attendere a lungo, mio fedele amico. Lascia che il nostro eroe affronti i suoi mostri, noi ci limiteremo ad approfittare dell’occasione che ci ha gentilmente offerto»
  9. Joanna

    Edizioni Il Ciliegio

    Nome: Il Ciliegio Editore Generi: Narrativa, Saggistica, Noir e Gialli, Fantasy e Fantascienza, bambini e ragazzi, spiritualità e benessere Modalità invio manoscritti: http://www.edizioniilciliegio.com/pagina/manoscritti-2691.html Distribuzione: http://www.edizioniilciliegio.com/distribuzione.html Sito web: http://www.edizioniilciliegio.com/ Facebook: https://www.facebook.com/edizioniilciliegio Aggiornamento a luglio 2017 (dal loro sito): Segnaliamo che i piani editoriali del 2018 e 2019 sono completi. Qualsiasi proposta di pubblicazione sarà relativa al 2020.
  10. Miss Ribston

    College Green

    Titolo: College Green Autore: Amina Black Casa editrice: Aporema Edizioni ISBN: 978-88-943429-3-2 Data di pubblicazione: luglio 2018 Prezzo: €13,90 cartaceo, € 3,37 digitale Genere: True Crime, Storico Pagine: 268 Disponibilità del formato: cartaceo e digitale Quarta di copertina o estratto del libro: Bristol, anno 1754. La scaltra domestica di un ricco mercante cerca di sfruttare le ambizioni politiche del padrone per migliorare a sua volta la propria condizione sociale. Si tratta di un gioco pericoloso, che la porterà a misurarsi, a rischio della vita, con intrighi, tradimenti, ricatti, amanti segreti e lettere nascoste. Ispirandosi a un fatto di cronaca realmente accaduto, l’autrice tesse con abilità i fili della trama, trasportandoci tra grandezze e miserie della provincia inglese del XVIII secolo. Link all'acquisto: Sito dell'editore Amazon IBS.it Mondadori Store laFeltrinelli Libreria Universitaria Unilibro Per gli acquisti Kindle, il link ad Amazon. Per gli acquisti e-pub, il link a IBS.
  11. TempoPerso

    I Benefattori - Parte 1

    Commento Le campane risuonarono alle prime luci dell’alba, annunciando una nuova giornata di lavoro e di preghiera per la Comunità. Quel luogo non aveva un altro nome per i suoi abitanti e d’altronde non ne aveva alcun bisogno: gli uomini e le donne che entravano nella Comunità decidevano consapevolmente di abbandonare le loro vite peccaminose per abbracciare una nuova, umile esistenza alla ricerca del perdono del Signore. In effetti, l’umiltà non mancava in quel piccolo villaggio sperduto nella pampa argentina. Le modeste case di mattoni, erette con il sudore della fronte degli abitanti, ricevevano la corrente elettrica solo grazie a un generatore che, di certo, doveva avere visto giorni migliori. Tra le abitazioni però spiccava, in altezza e non solo, la chiesa locale: un edificio in pietra bianca dall’aspetto più solido degli altri, capace di trasmettere una sensazione di sicurezza tanto fisica quanto spirituale. Al fianco della chiesa si ergeva la torre campanaria, i cui molti gradini venivano regolarmente percorsi da Padre Manuel ogni mattina per annunciare la lieta novella al suo gregge. L’uomo, vestito con un semplice abito talare, aveva l’aspetto di chi non aveva sempre seguito il cammino di Dio: un aspetto ancora giovanile a dispetto dei quasi cinquant’anni raggiunti, i capelli neri come la fresca notte argentina e quello sguardo nel quale molte donne si erano perdute in passato. Ma ne era bastata una, una di troppo, a spingerlo a prendere i voti e a porsi alla guida della Comunità, nella speranza che almeno laggiù il demone della lussuria non lo avrebbe trovato. Troppo tardi Padre Manuel aveva imparato che non poteva fuggire da qualcosa che dimorava dentro di lui. - Le due sorelle erano già sveglie quando le campane iniziarono a richiamare i fedeli. Erano entrambe sedute sul tetto di casa, osservando la placida pianura al di là delle mura che cingevano la Comunità. «Dovremmo andare adesso, altrimenti Mamma si arrabbierà» disse Lilian, la maggiore delle due. Assomigliava molto alla madre: capelli biondo cenere, intriganti occhi grigi e un fisico che stava iniziando a sbocciare alle soglie della maggiore età. Eppure, lei aveva un modo di porsi più maturo di quanto avrebbe suggerito il suo aspetto, forse una conseguenza degli anni trascorsi a prendersi cura della sorella più piccola, Natalia. Solo un paio di anni di vita separavano le due ragazze, eppure ben poche persone avrebbero potuto riconoscerle come sorelle: Natalia aveva lunghi capelli neri e, di contrasto, gli occhi verdi come la pianura che ora stava osservando, sognando una vita al di là del muro. «Oppure potremmo prendere Mamma con noi e andarcene da qui», rispose la ragazza più giovane. Aveva un tono di voce assente, di chi sogna a occhi aperti pur di non affrontare la dura realtà. «Ancora con questa storia. Questa è la nostra casa, Natalia. Non potremmo andare da nessun’altra parte e lo sai» «A meno che uno dei Benefattori non si decida finalmente a prenderti con sé… e noi potremmo seguirti» Lilian scosse il capo. I Benefattori di cui parlava Natalia erano uomini che occasionalmente facevano visita alla Comunità, portando regali per i bambini, omaggi per le ragazze e aiuti al villaggio. Come suggeriva il nome con il quale erano conosciuti, il loro sostegno economico era fondamentale per la sopravvivenza della Comunità e il loro arrivo era sempre accolto con una grande festa, l’unica concessa al di fuori di quelle religiose. Naturalmente, non era un segreto che anche i generosi Benefattori avessero le loro preferenze e Lilian era una di loro: quando le ragazze ricevevano un vestito nuovo, a lei veniva donato anche un mazzo di fiori. Quando si aprivano le danze, la ragazza non doveva mai attendere molto prima che uno di loro, sempre lo stesso, la invitasse a ballare. Dal canto suo, Lilian preferiva non pensarci troppo. Apprezzava le attenzioni di quell’uomo, ma non la gelosia delle altre giovani donne della Comunità. «Se avesse voluto portarmi con sè lo avrebbe già fatto. Quindi vatti a preparare, siamo in ritardo!» Natalia sbuffò, con quell’espressione che la faceva sembrare più bambina di quanto non fosse davvero. «Va bene, ma stai calma. Non sta per finire il mondo…» Poi, le campane suonarono il segnale di allarme. - Quando le due sorelle arrivarono al cancello d’ingresso del villaggio, gli abitanti della Comunità si erano già riuniti. La folla impediva alle ragazze di vedere cosa stesse accadendo, ma riuscirono comunque a sentire la voce di Padre Manuel. «Vede, buon uomo, questa non è una località turistica. Siamo gente semplice e timorata di Dio, non desideriamo altro che essere lasciati in pace» La voce che gli rispose era anch’essa maschile, ma appartenente a un uomo più giovane. «Le credo, Padre. Ma come può vedere dalle mie misere condizioni, non sono certo un turista. Mi ritrovavo a percorrere la pampa quando il mio cavallo mi ha disarcionato ed è fuggito. Mi sono smarrito, ho camminato per giorni sotto il sole senza trovare uno straccio di riparo. Non voglio arrecare disturbo… ma mi serve aiuto, la supplico» La Comunità era caduta nel silenzio più totale. Gli unici visitatori che il villaggio riceveva erano i Benefattori e neppure loro si fermavano per più di un paio di giorni. Al contrario, quell’uomo era evidentemente in condizioni disperate e avrebbe avuto bisogno di assistenza per giorni. Ma per una qualche misteriosa ragione, Padre Manuel sembrava esitante nel concedere la dovuta carità cristiana. Nessuno degli abitanti della Comunità gradiva gli stranieri, ma a tutti sembrava assurdo abbandonare un uomo al suo destino. Dal canto suo, Padre Manuel sentì gli sguardi della gente su di lui. Sapeva cosa si stavano chiedendo e, se avesse esitato ancora, qualcuno avrebbe potuto dare voce al proprio pensiero. Rovinando tutto. Il parroco dovette reprimere un sospiro prima di rispondere. «La nostra Comunità accoglie con gioia tutti i bisognosi, buon uomo. Se sarà pronto ad accettare le nostre regole di pacifica… e riservata… convivenza, qui troverà sempre una porta aperta, un pasto caldo e un letto dove riposare» La voce di una donna anziana si levò dalla folla. Dal suo tono, doveva nutrire più di un sospetto sul nuovo arrivato e non pareva preoccuparsi di nasconderlo. «A tal riguardo, Padre… dove dormirà lo straniero?» L’espressione del prete si accigliò ulteriormente. La Comunità non voleva ospiti e, pertanto, non era attrezzata per riceverne. I Benefattori avevano le loro stanze, ma era impensabile che vi accedesse qualcun altro. «Ecco, naturalmente potremmo…» «Può dormire da noi» Il silenzio cadde su tutti i presenti come un macigno quando Natalia parlò. Nessuno si voltò a guardarla, ma la ragazza insistette con ostinazione. «Io posso dormire con mia sorella e lasciare il mio letto allo straniero. E’ questo che farebbe Gesù, vero?” Le labbra di alcuni dei presenti fremettero e per ottimi motivi: la ragione per la quale Lilian e Natalia, pur se sorelle, erano di aspetto così diverso era nota a tutti nella piccola e puritana Comunità. La madre delle due ragazze era una peccatrice che più di una volta aveva ceduto agli impulsi della carne, finendo per dare alla luce bambine con padri diversi. Un uomo sotto il suo tetto avrebbe potuto rievocare pensieri… e atti… impuri. Tuttavia, nessuno aprì bocca: quello era un argomento di cui tutti mormoravano solo a bassa voce.
  12. Fino a
    Giorno 30 marzo 2019, presso la Libreria Feltrinelli Point di Messina, alle ore 18.00, presentazione del romanzo di Gianandrea Parisi, "Cristallo Imperfetto", un giallo, con venature thriller, horror e fantascienza, edito dalla Argento Vivo Edizioni. Interverranno il presidente dell'Ordine degli avvocati di Messina, Vincenzo Ciraolo e la giornalista della Gazzetta del Sud, Marianna Barone.
  13. dfense

    Edizioni il viandante

    Nome: Edizioni il viandante Generi trattati: Narrativa, narrativa per bambini, saggistica, poesia, gialli. Modalità di invio dei manoscritti: tramite form https://www.edizioniilviandante.it/invio-manoscritti/ Distribuzione: Libri&co.* Sito: https://www.edizioniilviandante.it Facebook: https://www.facebook.com/viandante12/
  14. dfense

    21 Editore

    Nome: 21 Editore Generi trattati: Quattro, le collane descritte nella prima pagina del sito. Modalità di invio dei manoscritti: via mail - autori@21editore.it Distribuzione: non specificata Sito: http://www.21editore.it/ Facebook: https://www.facebook.com/21editore/
  15. sandra777

    CRIMINI D'AMARE

    Fino a
    IL FESTIVAL LECCEINGIALLO organizza il Premio Letterario CRIMINI D'AMARE PRIMA EDIZIONE 2019-2020 REGOLAMENTO Art. 1 Il Comitato del FESTIVAL LECCEINGIALLO, allo scopo di promuovere e divulgare la scrittura creativa e favorire la condivisione di esperienze letterarie, organizza la prima edizione del Premio Letterario CRIMINI D'AMARE per romanzi e racconti a tema libero di genere giallo / thriller / noir. Art.2 L'iscrizione al Premio è aperta agli autori di qualsiasi nazionalità, che abbiano compiuto la maggiore età al momento dell’iscrizione del bando e che presentino opere scritte in lingua italiana. Non sono ammesse opere che inneggino alla violenza, al razzismo o a qualsiasi riferimento che possa turbare la sensibilità delle persone. Art. 3 Il concorso prevede due sezioni: SEZIONE A Romanzi editi pubblicati in edizione cartacea a partire dal gennaio 2018 (provvisti di codice ISBN). SEZIONE B Racconti inediti con una lunghezza massima di 40.000 battute (spazi inclusi). Art.4 Le opere in gara per entrambe le sezioni dovranno pervenire entro il 31/12/2019 (fa fede il timbro postale o la ricevuta del corriere), con le seguenti modalità: SEZIONE A Invio 3 copie del volume mezzo posta o corriere (le spese di spedizione sono a carico dei partecipanti) all'indirizzo: Festival Lecceingiallo, via dei Palumbo 12, 73100 Lecce. In alternativa è possibile invio di una copia digitale (PDF o e-pub) all'indirizzo e-mail lecceingiallo@gmail.com. All'opera dovrà essere allegata una breve scheda di presentazione dell'autore, contenente recapiti utili in caso di qualificazione e la fonte da cui si è appresa la notizia del Premio . SEZIONE B Invio copia digitale per e-mail all'indirizzo leggeingiallo@gmail.com con le seguenti specifiche: formato docx o .pdf, carattere Arial, corpo 12, interlinea 1,5. Nel corpo della mail dovranno essere inseriti: - breve presentazione dell'autore - indirizzo e numero di cellulare - fonte da cui si è appresa la pubblicazione del bando. Art.5 Ogni partecipante potrà presentare una sola opera per entrambe le sezioni. Le opere idoneamente pervenute saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile dal Comitato del FESTIVAL LECCEINGIALLO comprendente personalità del mondo letterario. Le opere inviate non verranno restituite. Art.6 Nel mese di aprile 2020 il Comitato renderà noti i finalisti di ciascuna categoria. La premiazione dei vincitori avverrà nella serata conclusiva del FESTIVAL LECCEINGIALLO che si terrà a Lecce nel mese di maggio 2020. Art.7 Ai vincitori saranno conferiti i seguenti premi: SEZIONE A Primo classificato - Attestato di merito e riconoscimento creato da un artista del territorio salentino. Il vincitore è tenuto a prendere parte alla cerimonia di premiazione. Secondo classificato - Attestato di merito e omaggio legato al territorio salentino. Terzo classificato - Attestato di merito e omaggio legato al territorio salentino. SEZIONE B Primo classificato - Attestato di merito e omaggio legato al territorio salentino. Secondo e terzo classificato - Attestato di merito Inoltre i primi 10 racconti finalisti saranno pubblicati a titolo gratuito in una raccolta antologica edito dalla casa editrice I Quaderni del Bardo di Stefano Donno. Le modalità di pubblicazione saranno definite a discrezione esclusiva dell'editore. Art. 8 La partecipazione al concorso implica automaticamente: - l’accettazione integrale del presente regolamento, senza alcuna condizione o riserva. - l'assunzione in prima persona del partecipante di ogni responsabilità in ordine all'opera inviata, dichiarando di averla realizzata legittimamente, e di poterne disporre in assoluta libertà; - l’espressa autorizzazione al Comitato, nonché i suoi diretti delegati, a trattare i dati personali trasmessi ai sensi del Regolamento EU 679/2016 (GDPR) e successive modifiche, anche ai fini dell'inserimento in banche dati gestite dalle persone suddette; - autorizzazione in caso di premiazione a pubblicare il proprio nominativo su quotidiani, riviste culturali, siti web, etc. - la concessione del libero uso da parte del Premio per l’inserimento in antologia edita da I Quaderni del Bardo.. Partecipando al concorso lo scrittore manleva inoltre il Comitato da qualsivoglia responsabilità e conseguenza pregiudizievole derivante da domande e/o pretese azioni formulate e avanzate in qualsiasi forma, modo e tempo per quanto riguarda contenuto e titolo dell'opera. La mancanza di una sola delle condizioni che regolano la validità dell’iscrizione determina l’automatica esclusione dal concorso letterario senza obbligo di comunicazione alcuna da parte del Comitato del FESTIVAL LEGGEINGIALLO. Per qualsiasi controversia o contestazione vigono le leggi, i regolamenti e le consuetudini in materia ed è competente il foro di Lecce. Per ulteriori informazioni scrivere a lecceingiallo@gmail.com
  16. Wolf Graham

    Black Wolf Edition & Publishing Ltd.

    Nome: Black Wolf Edition & Publishing Ltd. Generi trattati: Tutti e sono sempre valutati Modalità di invio dei manoscritti: https://www.blackwolfedition.com/ Distribuzione: INGRAM Sito: https://www.blackwolfedition.com/ Facebook: https://www.facebook.com/people/BlackWolf-Edition-Publishing/100010216301416
  17. dfense

    Edizioni Eventualmente

    Nome: Edizioni Eventualmente Generi trattati: dal sito: "Edizioni EventualMente® seleziona opere letterarie inedite di poesia, noir, gialli, racconti, cucina, romanzi, narrativa, storia, arte e storia locale, etc". Modalità di invio dei manoscritti: http://www.edizionieventualmente.it/NuoviTalenti.html Distribuzione: http://www.edizionieventualmente.it/Distribuzione.html Sito: http://www.edizionieventualmente.it Facebook: https://www.facebook.com/edizioni.eventualmente
  18. mandarino

    Mamma Editori

    Nome: Mamma editori Generi valutati: Fantasy contemporaneo, urban fantasy, paranormal romance, thriller, gialli, crime novel, youn adult, Invio manoscritti: http://www.ophiere.it/index.php/chi-siamo/come-inviare-il-mio-manoscritto Distribuzione: Vari, http://www.mammaedit...ges/Distrib.htm Sito: http://www.mammaeditori.it/ Nota dello Staff La pubblicazione effettiva avviene senza contributo; la casa editrice è stata però inserita in doppio binario in seguito all'introduzione del criterio secondo il quale l'accesso alla selezione avviene solo tramite gettone d'iscrizione. Specifichiamo quindi che Mamma Editori non chiede contributi per la pubblicazione effettiva, ma seleziona manoscritti solo tramite gettone a pagamento (che serve a dimostrare la motivazione dell'aspirante). ------------------------------------------------------------------------- Post originale di apertura topic: Oltre a varie collane di saggi, ne hanno una chiamata A cena con il vampiro, ovviamente dedicata al gothic nelle sue varie declinazioni, e accettano anche gialli e thriller. Hanno una politica sui generis: gli aspiranti devono iscriversi al forum e pubblicare il testo un capitolo alla volta, fin quasi alla metà, sottoponendosi al giudizio del gruppo di lettura-scrittura. Un po' quello che si fa qui, insomma. Chi propone un testo viene letto e legge a sua volta. A chi interessa provare con questa casa editrice, consiglio di scrivere una mail all'editore: ti rispondono in una giornata.
  19. TempoPerso

    I Benefattori - Parte 3

    Commento Noah non deluse le aspettative di Esmeralda, mangiando tutto quello che gli venne servito nel piatto per ben due volte. «Devi avere una gran fame, dopo quello che hai patito» disse Lilian. Lui annuì, ma rifiutò la terza porzione. «Non voglio esagerare. Anzi, mi piacerebbe guardarmi un po’ intorno, quando sono arrivato ero più morto che vivo» Lilian fece per rispondere, ma Natalia fu più veloce. «Posso farti da guida. Vieni» Senza attendere una conferma dall’uomo, la ragazza si alzò e lo prese per mano, invitandolo a uscire. Perplesso, Noah si convinse a seguirla quando incrociò lo sguardo incoraggiante di Esmeralda. La notte argentina era rinfrescante e i due si ritrovarono a passeggiare in un villaggio che, a un primo sguardo, sarebbe sembrato abbandonato: la Comunità si ritirava al calare del sole, per riposare e per pregare. «Da dove vieni?» Una domanda secca, con il tono di chi doveva averla ponderata da tempo. Noah osservò la ragazza dai capelli neri, chiedendosi dove volesse andare a parare. «Sono nato negli Stati Uniti. Li hai mai visitati?» Natalia scosse il capo. «Sono nata qui e non ne sono mai uscita» L’uomo deglutì alla prospettiva di trascorrere una vita intera in quel luogo. Presto, gli fu facile immaginare cosa volesse da lui quella ragazza. Non sbagliò la sua previsione. «Te ne andrai quando starai meglio?» «Credo di sì. Non appartengo a questo posto. Cercherò soccorso e ripartirò per la mia strada, ci sono abituato. Sai, io viaggio molto» Lei non aveva lo sguardo rapito che Noah si sarebbe aspettato da una quindicenne che non conosca il mondo. Al contrario, quelle parole sembrarono acuire la determinazione che le si leggeva negli occhi. «Portaci con te» L’uomo finse uno sguardo sorpreso. «Perchè me lo chiedi? Non potete andarvene quando volete?» «E dove andremmo? Non abbiamo nulla senza la Comunità. Forse io e Lily potremmo cavarcela da sole, ma Mamma no” «Nemmeno io ho molto, è per questo che sono finito qui. Viaggio sempre da solo e con poche cose, non riuscirei a badare ad altre tre persone» «Potremmo aiutarti. E poi, tu piaci a Mamma, saremmo come una vera famiglia…» A Noah non sfuggì la nota implorante nell’ultima frase di Natalia. Con voce più bassa, chiese: «Dov’è tuo padre?» Lei chinò il capo e non rispose, confermando i sospetti dell’uomo. «Natalia… io capisco i tuoi desideri, ma non posso aiutarti. Vorrei spiegarti il perché, ma…» «No! Tu non puoi capire! Nessuno può capire! Sei uguale a tutti gli altri! Padre Manuel aveva ragione, non dovevo fidarmi di uno straniero!» E così dicendo, Natalia corse via, lasciando Noah senza parole e con un peso sul cuore che si faceva sempre più greve… - Passò un giorno. I lavori per l’arrivo dei Benefattori erano quasi ultimati. Noah aveva deciso di dare una mano agli abitanti del luogo, cercando di stringere amicizia e fare alcune domande. Purtroppo, come Natalia gli aveva già fatto intuire, quelle persone lo avevano accolto, nutrito e ospitato… ma non erano pronte a concedergli la loro fiducia. Padre Manuel doveva avere fatto un ottimo lavoro nell’instillare in loro la diffidenza in tutto ciò che era estraneo alla Comunità. Eccezion fatta per questi misteriosi Benefattori: nonostante la loro riluttanza, gli abitanti erano talmente eccitati all’idea di incontrare costoro che si erano lasciati sfuggire ben più di un commento in presenza di Noah. L’uomo aveva così appreso che i Benefattori erano uomini che visitavano regolarmente la Comunità, all’incirca una volta ogni tre mesi. Le descrizioni erano molto vaghe, ma tutti concordavano nel definirli uomini ricchi e generosi, inviati da Dio per aiutare i meno fortunati. In effetti, l’entità delle donazioni che la Comunità riceveva da loro aveva dell’incredibile: il generatore che garantiva l’energia elettrica al villaggio era dovuto a loro e così anche la disponibilità di acqua corrente. Il villaggio dava sempre una festa per riceverli, durante la quale questi Benefattori distribuivano doni ai presenti e in particolar modo alle ragazze. Alcune avevano perfino l’onore di visitare le camere riservate a questi visitatori così munifici. Ciò che sorprese Noah fu scoprire che una Comunità così puritana, quasi bigotta, accettasse così serenamente questa usanza. I pochi con i quali era riuscito a parlarne sembravano credere davvero che nulla di sconveniente potesse accadere a quelle ragazze in tali occasioni: era semplicemente inconcepibile l’idea di affiancare i Benefattori a qualsiasi pensiero o atto impuro. “Insomma, li venerano come dei santi” pensò amareggiato Noah tra sé e sé. Non era un uomo di fede, ma quello che accadeva in quel luogo lo preoccupava sempre di più. Con questi pensieri per la mente, Noah fece ritorno alla casa dove era ospitato. Le sue condizioni fisiche erano migliorate rapidamente e ormai era questione di massimo due giorni prima che fosse nuovamente pronto per viaggiare. Non aveva molto tempo. Quando entrò nella sua stanza, si assicurò di chiudere la finestra, dopodichè cercò il suo cellulare là dove lo aveva nascosto con cura. Non lo trovò. Atterrito, l’uomo gettò in aria cuscino, lenzuola e perfino materasso alla disperata ricerca dell’oggetto, ma fu tutto inutile. Sembrava scomparso. «Cerchi questo?» Noah si voltò di scatto. Appoggiata allo stipite della porta c’era Lilian, che teneva in mano il suo cellulare.
  20. Riccardo Bertoldi

    New-Book Edizioni

    Nome: New Book Edizioni Generi valutati: thriller, giallo, rosa, storico, per ragazzi. Invio manoscritti: http://www.new-bookedizioni.it/contatti.php Distribuzione: librerie fiduciarie, Amazon, IBS e altri store on-line Sito: http://www.new-bookedizioni.it/ Facebook: https://www.facebook.com/New-Book-Edizioni-389523121122968/
  21. Jair Ohmsford

    Diamond Editrice

    Nome: Diamond Editrice Generi valutati: narrativa, racconti, erotico, storia, gialli Invio Manoscritti: http://www.diamondeditrice.com/?page_id=1137 Distribuzione: circuiti Feltrinelli e Centri Euronics Andreoli Spa Sito: http://www.diamondeditrice.com Facebook: https://www.facebook.com/pages/Diamond-Editrice/257433537753539?fref=ts La pubblicazione è gratuita, ma è richiesto l'acquisto di un romanzo dal loro catalogo.
  22. Inchiostronoir

    Le sfaccettature di Parigi

    Incontro, discussione e dibattito sui vari aspetti della città di Parigi basandosi sulla lettura del romanzo "Il Maestro dei morti" di Yannick Roch, sarà presente l'autore
  23. Marcello

    La pista portoghese – Marcello Nucciarelli

    Titolo: La pista portoghese Autore: Marcello Nucciarelli Collana: Gli occhi di tigre Casa editrice: Alcheringa Edizioni ISBN: 9788894897043 Data di pubblicazione (o di uscita): 20 giugno 2017 Prezzo: € 13,50 Genere: Poliziesco Pagine: 458 Quarta di copertina: Esiste un filo che collega l'assassinio di un politico lontano dalla scena pubblica da anni a quello di un deejay radiofonico molto discusso? E i presunti suicidi di due personaggi di spicco della comunità hanno qualcosa a che vedere con quegli omicidi? Al rientro in servizio dopo un anno di congedo a causa di una forte depressione, Gretije de Witt si trova di fronte questi dubbi angosciosi. Ma prima deve fare chiarezza con se stessa: è ancora in grado di condurre una squadra, dopo la malattia che l'ha messa a così dura prova? Il nuovo comandante, un arrogante presuntuoso più interessato all'immagine pubblica che a risolvere i casi, sembra volerle mettere i bastoni tra le ruote anziché agevolarla. Mai come questa volta Gretije avrà bisogno di tutte le persone che le sono accanto per venire a capo di un'inchiesta dai contorni inquietanti, che la farà inferocire ma le offrirà in cambio la possibilità quasi insperata di riallacciare i rapporti con il padre e la sua nuova famiglia. Link all'acquisto: sul sito dell'editore http://www.blomming.com/mm/alcheringaedizioni/items/la-pista-portoghese. IBS Amazon Libreria Universitaria Libro. Co e via via tutti gli altri distributori
  24. Nyrit

    Crow - capitolo 2 (1/2)

    Commento Crow aveva deciso di alzarsi presto per arrivare in ufficio prima del solito dato che si sarebbe prospettata una giornata molto fitta. Erano le otto meno un quarto quando si era messo alla scrivania e aveva iniziato a lavorare. Cercò informazioni sulle pagine gialle ma dopo diverso tempo di ricerche incrociate abbandonò il computer. Prese la cornetta del telefono fisso e chiamò Jared per darle il numero di cellulare e scoprirne l'intestatario. Esitò a digitare, era sicuro di aver sentito il suo orgoglio spezzarsi. La donna sembrò sorpresa di sentire la voce di Crow e si apprestò a segnare il numero in fondo alla lunga lista che le era stata affidata. «Certo signor Crow, mi dia 24 ore e raccoglierò tutte le informazioni possibili». Allora l’investigatore aggiornò la cartella e infilò il tutto nella sua valigetta. Sulla scrivania tra le pile di fogli e documenti vari era apparecchiato un misero pranzo. Un contenitore in plastica ricolmo di riso con piselli, verza e pancetta. Alla destra della scatolina erano riposte con cura tovagliolo e posate, mentre alla sinistra una mela Royal e una bottiglietta d'acqua frizzante. Mangiò con calma, a mente vuota, finì e sistemò tutto. Scese le scale in fretta e passando davanti alla caffetteria esitò, alla fine entrò e si prese il suo solito caffè. Erano ancora le due meno cinque e aveva davanti tutta la giornata. Sollevò lo sguardo dalla tazzina quasi vuota ed ebbe un dejavou, un ragazzo con un cespuglio di capelli rossi si dirigeva verso di lui più sicuro di sé di quanto ricordasse, si stropicciò gli occhi e la figura era ancorà lì, sempre più vicina. «Buongiorno signor Crow! Ho pensato di farle visita per sapere come procedevano le indagini e se mai io potessi esserle d'aiuto» Disse allegro. «Buon giorno ragazzo, le indagini procedono, oggi andrò a fare visita ai tuoi genitori tra le altre cose.» Rispose finendo il caffè. «Giusto giusto! La posso accompagnare se vuole, conosco molto bene la strada, è un po’ impervia ma con me alla guida arriveremo in un batter d’occhio!» Sentenziò il ragazzo facendosi spazio tra i commensali e uscendo dal bar. Crow lo seguì, pensando tra sé se convenisse portarsi dietro il ragazzo, sicuramente sarebbe stato comodo per raggiungere il posto e inoltre avrebbe messo a proprio agio i genitori che sarebbero stati più predisposti a rispondere a delle domande. Così si incamminarono insieme. Crow si sorprese di come Tommi sembrasse allegro e pieno di vita malgrado la sorella fosse scomparsa. Tommi rallentò il passo notando che Crow era rimasto indietro, sospirò, non vedeva l'ora di iniziare le indagini, prima iniziava e più intensamente si impegnava e prima la avrebbero trovata. Si voltò a guardare il suo compagno, il viso era contratto in una strana smorfia, il sole invadeva il pallore del suo viso e i suoi occhi poco abituati ad una luce così intensa erano stretti tra le guance e le sopracciglia. Dovettero prendere diversi autobus e fare un lungo pezzo a piedi ma arrivarono solo un’ora dopo. Una villetta a due piani, simile alle altre nella zona, si stagliava di fronte a loro, circondata da un giardino fiorito. Fu Tommi a bussare alla porta «Mamma ciao! Lui è l’investigatore che sta indagando sulla scomparsa di Lucy, è venuto a fare delle domande» Una donna ricurva stava immobile sulla soglia, udite le parole del figlio fece entrare i due ospiti con fare impacciato «Certo entrate, prego signore si accomodi faccia come se fosse a casa sua. Mia figlia la mia povera piccola, la deve ritrovare!» la sua voce mutò da cordiale a spezzata da sussulti, come se stesse per piangere. Il figlio la tranquillizzo e in quel momento dalle scale scese un uomo magro e alto che raggiunse la moglie e strinse la mano a Crow presentandosi come Paul. La donna si alzò e andò a preparare del tè, quando tornò in cucina l'ospite prese la parola «Salve e scusate l'intrusione così presto» notando l'uomo che indossava ancora la camicia da notte « Sono il detective Crow e sto lavorando al caso di vostra figlia, sono qui per farvi qualche domanda che possa aiutarmi nell'intento di trovarla, intanto parlatemi di lei, della sua routine» Tommi prese la parola «Lucy studia medicina alla Falcos, è molto brava perché riesce a studiare e andare bene, ad uscire con gli amici, e a lavorare. È socievole e si fa sempre molti amici» intervenne la donna «Si è tanto una cara ragazza! La routine aveva detto giusto? Allora per quanto io riesca a capire dalle telefonate che le faccio va alle lezioni, o a lavoro a seconda degli orari dei corsi. Poi studia il pomeriggio e la sera esce con gli amici o con il fidanzato» «Vi ha raccontato o vi siete accorti di qualcosa di strano riguardo al suo ambiente lavorativo?» Chiese Crow quando la donna ebbe finito. «No anzi ne parlava sempre bene, delle amiche e del fatto che Jacob lavora lì vicino, sa si vedevano durante le pause ogni tanto» «Cosa potete dirmi del rapporto con Jacob?» la donna assunse un’espressione seria e rispose «Jacob è un ragazzo molto carino, eravamo tutti molto felici quando ce l'ha presentato come il suo ragazzo, circa tre mesi fa. Andavano molto d’accordo, me ne parlava sempre molto bene, non hanno mai litigato e ha iniziato a venire anche agli incontri di famiglia pensi un po’! Un tesoro di ragazzo, ma l'ultima volta non l'ha portato con se qui a casa, ho pensato avessero bisticciato ma la mia Lucy non sembrava per niente preoccupata o triste e quando le ho chiesto il motivo ha evitato la domanda così non ho voluto insistere.» a quel punto continuò il marito «Sa studia legge e lavora in un bar in centro ho subito pensato che era un buon partito per Lucy, poi è affidabile e la tratta sempre molto bene.» Crow aveva scribacchiato qualcosa su un foglio, alzò la testa e disse « Bene, quindi nulla che facesse credere ad un'imminente rottura. Sapete chi altri frequentava la ragazza, amici di vecchia data o nuovi?» Rispose la donna «So che andava molto d’accordo con le sue colleghe, mi pare Victoria e Anna se non sbaglio, forse erano Vicky e Hann, e anche gli amici di Jacob! Ci usciva spesso, si si.» «E sa se ha litigato con qualcuno, o se tra loro vi erano particolari antipatie?» «No non ricordo nulla del genere, mi spiace» «Avete notato qualcosa di diverso ultimamente?» Tommi disse «Usciva molto più spesso con gli amici di Jacob, molte sere faceva tardi e si lamentava la mattina dopo.» Crow richiuse la sua cartella e si alzò in piedi dicendo «Con questo ho finito, nel caso ricordiate qualcos'altro non esitate a chiamarmi» e porse il suo biglietto da visita. Uscì dalla casa deluso, non aveva scoperto niente di significativo, Tommi trotterellava al suo fianco e lo guardava con aria di attesa, non sapeva come dirgli che avrebbe voluto accompagnarlo anche ai prossimi interrogatori e aspettava di sentire se Crow ne accennasse. Questi aveva la mente immersa nel caso e senza pensarci disse «La prossima è la casa di Jacob, muoviti ragazzo» Proseguì in silenzio fino alla metro quando si accorse di aver invitato Tommi a venire con lui, si girò a guardarlo, il giovane si guardava intorno concentrato. Aveva fatto bene a portarlo con se, era la cosa giusta da fare? Non lo sapeva ma la sua presenza non gli dispiaceva.
  25. DoCo

    Carmignani Editrice

    Nome: Carmignani Editrice Generi trattati: Infanzia, narrativa, poesia, saggistica, scrivere donna, profondo giallo, progetto puslar, progetto doc Modalità di invio manoscritti: http://eshop.carmignanieditrice.it/epages/63777.sf/it_IT/?ObjectPath=/Shops/63777/Categories/Invia_un_manoscritto Distribuzione: non specificata Sito web: http://eshop.carmignanieditrice.it/ Facebook: https://www.facebook.com/carmiganieditrice/?fref=ts Ho scritto per avere informazioni a riguardo specificando se pubblicano sotto contributo o meno. Nessuna risposta per il momento. Passo la palla a voi esperti in materia.
×