Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Risultati per i tag 'giallo'.

  • Cerca per Tag

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per Autore

Tipo di contenuto


Il mondo dell'editoria, senza filtri.

  • Inizia qui la tua avventura nella community
    • Regolamento del Forum
    • Ingresso
    • Bacheca
  • Il mondo dell'editoria
    • Case Editrici
    • Piattaforme Print on Demand
    • Agenzie Letterarie
    • Freelance
    • Questioni legali
    • Concorsi ed Eventi esterni
    • Varie ed eventuali
  • Officina
    • Narrativa
    • Poesia
    • Contest del Writer's Dream
    • I migliori racconti del WD
    • I nostri libri
  • Documentazione
    • Scrivere
    • Leggere
  • Area Relax
    • Agorà
    • WD Club
    • Il blog del Writer's Dream

Categorie

  • Arte, cinema e fotografia
  • Azione e avventura
  • Biografie, diari, memorie
  • Fantascienza, Horror, Fantasy
  • Gialli e Thriller
  • Letteratura non di genere
  • Letteratura erotica
  • Letteratura Rosa
  • Bambini e ragazzi
  • Società e Scienze sociali
  • Storia
  • Poesia

Categorie

  • Arte, cinema e fotografia
  • Azione, avventura
  • Biografia, diari e memorie
  • Fantascienza, Horror e Fantasy
  • Gialli e Thriller
  • Letteratura Erotica
  • Letteratura Rosa
  • Letteratura non di genere
  • Bambini e Ragazzi
  • Società e Scienze sociali
  • Storia
  • Poesia

Calendari

  • Presentazione in Libreria
  • Concorso Letterario
  • Corso di scrittura
  • Altro
  • Evento del Writer's Dream

Cerca risultati in...

Cerca risultati che...


Data di creazione

  • Inizio

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Inizio

    Fine


Filtra per...

Iscritto

  • Inizio

    Fine


Gruppo


Sito personale


Skype


Facebook


Twitter


Provenienza


Interessi

Trovato 128 risultati

  1. bukowsky77

    Nero Press

    Nome: Nero Press Generi: Horror e Gotico, Noir, Giallo, Thriller Modalità di invio Manoscritti: http://neropress.it/invio-manoscritti/ Distribuzione: http://neropress.it/distribuzione/ Sito web: http://neropress.it/ Facebook: https://www.facebook.com/neropress.edizioni
  2. Titolo: Il killer dei camerieri (Le inchieste di Gretije de Witt 1) Autore: Marcello Nucciarelli Collana: Gli occhi di tigre Casa editrice: Alcheringa Edizioni ISBN: 9788894897524 Data di pubblicazione (o di uscita): 26 giugno 2019 Prezzo: € 13,50 Genere: Poliziesco Pagine: 367 Quarta di copertina: Amsterdam, quartiere di Leidseplein. Qualcuno ha preso di mira i camerieri italiani. Prima che in città dilaghi la psicosi del serial killer, l’ispettore di polizia Gretije de Witt, coadiuvata dalla sua squadra, indaga per fermare l’omicida. Quasi quarantenne, in piena crisi di identità, Gretije si rende conto che dopo la fine del suo matrimonio con Richard si è dedicata solo ed esclusivamente al lavoro. Pur essendo ancora una donna piacente, lo specchio le rimanda infatti un’immagine impietosa e poco femminile di sé. Decide quindi che da quel momento in poi darà una sterzata alla sua vita, ma l'assassino non pare intenzionato a lasciargliene il tempo. Fra caffè ristretti e pizze napoletane, Gretije si immerge in un mondo di cui sa poco. Le indagini la porteranno anche in Italia, dove germoglierà la scintilla che la condurrà alla soluzione del caso e a una svolta imprevista nella sua vita sentimentale. Link all'acquisto: https://www.blomming.com/it/prodotto/19441981/il-killer-dei-camerieri-morte-a-leidseplein.html (bookshop della casa editrice). Nei prossimi giorni poi entrerà in tutti gli store. Detto fatto: IBS: https://www.ibs.it/killer-dei-camerieri-morte-a-libro-marcello-nucciarelli/e/9788894897524 Libreria Universitaria: https://www.libreriauniversitaria.it/killer-camerieri-morte-leidseplein-nucciarelli/libro/9788894897524 Mondadori: https://www.mondadoristore.it/killer-camerieri-Morte-Marcello-Nucciarelli/eai978889489752/ a seguire gli altri.
  3. Miss Ribston

    College Green

    Titolo: College Green Autore: Amina Black Casa editrice: Aporema Edizioni ISBN: 978-88-943429-3-2 Data di pubblicazione: luglio 2018 Prezzo: €13,90 cartaceo, € 3,37 digitale Genere: True Crime, Storico Pagine: 268 Disponibilità del formato: cartaceo e digitale Quarta di copertina o estratto del libro: Bristol, anno 1754. La scaltra domestica di un ricco mercante cerca di sfruttare le ambizioni politiche del padrone per migliorare a sua volta la propria condizione sociale. Si tratta di un gioco pericoloso, che la porterà a misurarsi, a rischio della vita, con intrighi, tradimenti, ricatti, amanti segreti e lettere nascoste. Ispirandosi a un fatto di cronaca realmente accaduto, l’autrice tesse con abilità i fili della trama, trasportandoci tra grandezze e miserie della provincia inglese del XVIII secolo. Link all'acquisto: Sito dell'editore Amazon IBS.it Mondadori Store laFeltrinelli Libreria Universitaria Unilibro Per gli acquisti Kindle, il link ad Amazon. Per gli acquisti e-pub, il link a IBS.
  4. Aporema Edizioni

    Maschere di Cristallo

    Titolo: MASCHERE DI CRISTALLO Autore: Terry Salvini Casa Editrice: Aporema Edizioni ISBN: 9788832144277 (cartaceo) ISBN: 9788832144376 (ebook) Data di pubblicazione: Agosto 2019 Prezzo: € 14,90 (cartaceo) € 4,49 (ebook) Genere: Romance, giallo giudiziario Pagine: 414 Link all'acquisto: Sito di Aporema Quarta di Copertina Una notte di passione getta scompiglio nella vita e nella carriera della bella Loreley, giovane avvocato di New York, alle prese con un delicato caso giudiziario dall’esito in apparenza scontato. Pur di scoprire la verità, la donna decide di vestire anche i panni di detective, intrufolandosi in un ambiente ambiguo e poco raccomandabile. Intorno alla protagonista ruotano diversi personaggi: un vecchio amore, la famiglia, gli amici, i colleghi, ma soprattutto Sonny, un pianista e compositore ancora legato al proprio passato. Alcuni di loro restano fedeli a se stessi, altri si celano dietro maschere di cristallo, che il rapido e incalzante susseguirsi degli eventi finirà con l’infrangere.
  5. Ospite

    Edizioni Della Sera

    Nome editore: Edizioni della Sera Generi pubblicati: narrativa, thriller, gialli, noir, saggi, inchieste, poesia, fantasy, comunicazione Invio Manoscritti: http://www.edizionidellasera.com/pubblica-con-edizioni-della-sera/ Distribuzione: http://www.edizionidellasera.com/distribuzione/ Sito: http://www.edizionidellasera.com/ Twitter: https://twitter.com/edizionisera Dal sito:
  6. MonsieurNoir

    Anastasia, La Donna In Nero - Cap 1. Tre di Notte

    Tuona e piove ormai da un po di ore, e la lancetta del mio orologio Tissot segna le tre di notte precise e ancora non riesco a prendere sonno, probabilmente per il fatto che io sono in grado di rimanere sveglio fino a tarda ora e perché la mia insonnia mi perseguita da una vita, tanto da rendermi un nottambulo incallito. Ci sono giorni in cui rimango sveglio per tutta la notte, per poi addormentarmi all'alba, come se fossi un vampiro. Dal momento che i miei occhi sono ancora fin troppo lucidi e la mia mente non presenta nemmeno l'un per cento di stanchezza, ho deciso di sedermi sulla sedia della mia scrivania e riflettere su quello che intendo fare per far passare il tempo, in modo che non mi accorga della sua lentezza quando ci si annoia a morte. E' ormai da mezz'ora che sono seduto su questa sedia, con la testa chinata in direzione del mio diario, posto sul vetro lucido della mia scrivania, circondato dal silenzio e sopratutto abbracciato dalla quasi totale assenza di luce che ricopre questa stanza di una camera d'affitto, situata al sesto piano di un palazzo posto in un quartiere periferico della città di Milano. Sulla mia destra, accanto al diario, vi è una tazza in cera riempita con cioccolata calda al gusto 60% fondente e una bustina di dolcificante qualora non mi piacesse la sua punta di amaro che, per me, è fondamentale. Odio tutto ciò che può risultare troppo dolce. Dall'altro lato vi è il mio lettore musicale acceso che, tramite auricolare Bluetooth, riproduce la mia playlist di canzoni preferite, quella che riproduce adesso è la celebre canzone degli Aerosmith I Don't Wanna Miss a Thing, usata colonna sonora nel film Armageddon, e vi giuro che questa è la settima volta in due ore che l'ascolto, assieme a Paranoid dei Black Sabbath che ho ascoltato per tredici volte. Ammetto che mi piace ascoltare una canzone più di una volta se mi piace davvero tanto, una mia abitudine, non ho nulla da rimproverarmi per questo, non lo considero così strano. In tutto l'appartamento ho spento tutte le luci, l'unica che invece è rimasta accesa è quella di una lampadina a limitata capacità di illuminazione, quanto basta per mostrare la pagina ingiallita e vuota del mio diario che mi accingo a riempire con inchiostro nero. Da ciò che potreste pensare mi verrebbe da dire che balenate nella vostra mente l'idea che io sia così sciocco da rovinarmi la vista, dal momento che intendo scrivere qualcosa in una semi totale assenza di illuminazione, rappresentata da una insignificante lampada dalla luce fioca. Ma la verità è che a me questa oscurità serve sul serio, affinché io possa concentrarmi al meglio; quando una situazione richiede una tale concentrazione e una riflessione profonda io preferisco meditare al buio, con il conforto di una cioccolata, della musica nelle orecchie, oppure rilassandomi con il mio sigaro Montecristo e le sue colonne di fumo che, dal bordo escono per salire e volteggiare lentamente nella stanza, fino a dissolversi. E' importante che ci sia l'oscurità affinché io possa anche sciogliere, distruggere, rimuovere ogni mio pensiero inutile o qualche rumore che ho accumulato durante la giornata, in modo che io possa scrivere fluidamente e senza perdermi in inutili e patetici giri di parole. Voglio ricordare punto per punto e senza tralasciare nulla questa parte della mia storia, la parte a me più cara poiché essa modifica la mia noiosa routine, cambia alcune delle mie percezioni e soprattutto trasforma in maniera stupefacente e allo stesso tempo complicata la mia esistenza. Ora la mia concentrazione è altissima e sono rilassato a tal punto che posso anche cominciare, con la mano sinistra afferro la mia Dupont, la mia penna stilografica appartenuta a mio padre, e sollevo la tazza di cioccolata e la bevo. Dopodiché inizio a scrivere sulle pagine ingiallite dal tempo: La mia vita si susseguiva in una noiosissima routine da quando io avevo lasciato le facoltà di Anatomia e Biologia. Ogni giorno pareva uguale all'altro e non vi era alcuno stimolo che potesse rendere più interessante il tutto, fino a quando non arrivo il sesto giorno del mese di ottobre dell'anno 2009, due giorni dopo il mio ventiseiesimo compleanno. Dopo che io avevo volontariamente deciso di abbandonare le facoltà scientifiche avevo finalmente l'opportunità di poter iniziare a costruire il mio cammino verso il mio sogno segreto: diventare un'artista. Era ed è il mio obiettivo, ma ero l'unico che era riuscito a scoprirlo dal momento che chi avevo accanto non mi aveva mai capiva. Avevano sempre visto in me, per i miei progressi in campo scientifico, un futuro scienziato, un predestinato in quel campo e, anche se io avevo dato molte volte la prova che non si sbagliavano, io non volevo rincorrere questo destino. L'arte mi affascinava e desideravo tanto dipingere, era la mia passione fin da quando ero nato e finalmente avevo occasione di sfruttare questo mio lato nascosto. Il giorno in cui potetti cominciare a pensare al mio futuro da pittore fu proprio il sesto giorno del mese di ottobre del 2009, ovvero il primo giorno all'Accademia di Belle Arti di Brera. Potevo dare inizio alla mia visione, alla mia ribellione contro un destino già scritto, alla mia intenzione di suscitare e seguire nuove emozioni e tener fede alla mia volontà. Mi dicevano che io stavo inutilmente sprecando opportunità, una persona con un'attenta percezione delle cose e della realtà avrebbe pensato ciò e mi avrebbe rimproverato dal momento che fare fortuna con le belle arti equivale ad una percentuale dell'otto per cento, al giorno d'oggi. Malgrado mi ritenga tale, io ero davvero stufo di seguire i dettami della mia famiglia ( dal momento che i miei genitori erano medici), volevo tracciare un'altra via ed essere indipendente e quella era la mia grande occasione. Tuttavia non mi aspettavo che tutto sarebbe cominciato da lì, da quello stupido desiderio di cambiare la mia vita e scacciare quella routine noiosa. Io, che avevo immaginato tutto come un inizio e uno svolgimento normale, non mi sarei mai aspettato che in un anno e tre mesi la mia mente avrebbe potuto scoprire cose che andassero al di fuori delle parole "ragione" o "limiti". Ciò che io potetti sperimentare e vedere fu qualcosa di inaspettato, di complicato ma allo stesso tempo travolgente e stucchevole, e ancora adesso io sono desideroso di sapere di più e andare oltre i miei stessi limiti fino ad arrivare alla mia completezza, al desiderio supremo dell'umanità: superare il concetto di umano per diventare qualcosa di più. Non lo so se ci sono già riuscito, starà alla fine della vita scoprirlo. Inizierò proprio parlando di quel giorno in cui venne quella svolta che stavo cercando, ma prima voglio godermi le prime luci dell'alba.
  7. TempoPerso

    I Benefattori - Parte 3

    Commento Noah non deluse le aspettative di Esmeralda, mangiando tutto quello che gli venne servito nel piatto per ben due volte. «Devi avere una gran fame, dopo quello che hai patito» disse Lilian. Lui annuì, ma rifiutò la terza porzione. «Non voglio esagerare. Anzi, mi piacerebbe guardarmi un po’ intorno, quando sono arrivato ero più morto che vivo» Lilian fece per rispondere, ma Natalia fu più veloce. «Posso farti da guida. Vieni» Senza attendere una conferma dall’uomo, la ragazza si alzò e lo prese per mano, invitandolo a uscire. Perplesso, Noah si convinse a seguirla quando incrociò lo sguardo incoraggiante di Esmeralda. La notte argentina era rinfrescante e i due si ritrovarono a passeggiare in un villaggio che, a un primo sguardo, sarebbe sembrato abbandonato: la Comunità si ritirava al calare del sole, per riposare e per pregare. «Da dove vieni?» Una domanda secca, con il tono di chi doveva averla ponderata da tempo. Noah osservò la ragazza dai capelli neri, chiedendosi dove volesse andare a parare. «Sono nato negli Stati Uniti. Li hai mai visitati?» Natalia scosse il capo. «Sono nata qui e non ne sono mai uscita» L’uomo deglutì alla prospettiva di trascorrere una vita intera in quel luogo. Presto, gli fu facile immaginare cosa volesse da lui quella ragazza. Non sbagliò la sua previsione. «Te ne andrai quando starai meglio?» «Credo di sì. Non appartengo a questo posto. Cercherò soccorso e ripartirò per la mia strada, ci sono abituato. Sai, io viaggio molto» Lei non aveva lo sguardo rapito che Noah si sarebbe aspettato da una quindicenne che non conosca il mondo. Al contrario, quelle parole sembrarono acuire la determinazione che le si leggeva negli occhi. «Portaci con te» L’uomo finse uno sguardo sorpreso. «Perchè me lo chiedi? Non potete andarvene quando volete?» «E dove andremmo? Non abbiamo nulla senza la Comunità. Forse io e Lily potremmo cavarcela da sole, ma Mamma no” «Nemmeno io ho molto, è per questo che sono finito qui. Viaggio sempre da solo e con poche cose, non riuscirei a badare ad altre tre persone» «Potremmo aiutarti. E poi, tu piaci a Mamma, saremmo come una vera famiglia…» A Noah non sfuggì la nota implorante nell’ultima frase di Natalia. Con voce più bassa, chiese: «Dov’è tuo padre?» Lei chinò il capo e non rispose, confermando i sospetti dell’uomo. «Natalia… io capisco i tuoi desideri, ma non posso aiutarti. Vorrei spiegarti il perché, ma…» «No! Tu non puoi capire! Nessuno può capire! Sei uguale a tutti gli altri! Padre Manuel aveva ragione, non dovevo fidarmi di uno straniero!» E così dicendo, Natalia corse via, lasciando Noah senza parole e con un peso sul cuore che si faceva sempre più greve… - Passò un giorno. I lavori per l’arrivo dei Benefattori erano quasi ultimati. Noah aveva deciso di dare una mano agli abitanti del luogo, cercando di stringere amicizia e fare alcune domande. Purtroppo, come Natalia gli aveva già fatto intuire, quelle persone lo avevano accolto, nutrito e ospitato… ma non erano pronte a concedergli la loro fiducia. Padre Manuel doveva avere fatto un ottimo lavoro nell’instillare in loro la diffidenza in tutto ciò che era estraneo alla Comunità. Eccezion fatta per questi misteriosi Benefattori: nonostante la loro riluttanza, gli abitanti erano talmente eccitati all’idea di incontrare costoro che si erano lasciati sfuggire ben più di un commento in presenza di Noah. L’uomo aveva così appreso che i Benefattori erano uomini che visitavano regolarmente la Comunità, all’incirca una volta ogni tre mesi. Le descrizioni erano molto vaghe, ma tutti concordavano nel definirli uomini ricchi e generosi, inviati da Dio per aiutare i meno fortunati. In effetti, l’entità delle donazioni che la Comunità riceveva da loro aveva dell’incredibile: il generatore che garantiva l’energia elettrica al villaggio era dovuto a loro e così anche la disponibilità di acqua corrente. Il villaggio dava sempre una festa per riceverli, durante la quale questi Benefattori distribuivano doni ai presenti e in particolar modo alle ragazze. Alcune avevano perfino l’onore di visitare le camere riservate a questi visitatori così munifici. Ciò che sorprese Noah fu scoprire che una Comunità così puritana, quasi bigotta, accettasse così serenamente questa usanza. I pochi con i quali era riuscito a parlarne sembravano credere davvero che nulla di sconveniente potesse accadere a quelle ragazze in tali occasioni: era semplicemente inconcepibile l’idea di affiancare i Benefattori a qualsiasi pensiero o atto impuro. “Insomma, li venerano come dei santi” pensò amareggiato Noah tra sé e sé. Non era un uomo di fede, ma quello che accadeva in quel luogo lo preoccupava sempre di più. Con questi pensieri per la mente, Noah fece ritorno alla casa dove era ospitato. Le sue condizioni fisiche erano migliorate rapidamente e ormai era questione di massimo due giorni prima che fosse nuovamente pronto per viaggiare. Non aveva molto tempo. Quando entrò nella sua stanza, si assicurò di chiudere la finestra, dopodichè cercò il suo cellulare là dove lo aveva nascosto con cura. Non lo trovò. Atterrito, l’uomo gettò in aria cuscino, lenzuola e perfino materasso alla disperata ricerca dell’oggetto, ma fu tutto inutile. Sembrava scomparso. «Cerchi questo?» Noah si voltò di scatto. Appoggiata allo stipite della porta c’era Lilian, che teneva in mano il suo cellulare.
  8. Fraudolente

    Sulla spiaggia d'autunno

    Autunno 2010 Dopo un viaggio, tremendo e durato più di un anno, attraverso Etiopia, Sudan e Libia, erano sbarcati a Lampedusa su di una carretta sgangherata e stracolma di umanità sofferente e di ogni etnia. Yemane e Futsum avevano spiegato all’improvvisato traduttore di essere minori in fuga dal servizio militare obbligatorio in Eritrea. Affidati al centro di accoglienza di un paesino della Calabria, erano evasi dall’infermeria. Sì, perché la meta non era l’Italia, ma i parenti in Norvegia. Secchi come pertiche, denutriti e allampanati, a piedi di notte o nascosti sui treni, avevano risalito lo stivale, sopravvivendo con l’elemosina della povera gente e dei rifiuti nei bidoni dell’immondizia. Scesi alla stazione di Riccione, col buio avevano raggiunto l’arenile, dove una fitta nebbia li aveva protetti. Gli zaini sulle spalle, con il pane, qualche felpa pesante e le bottiglie di plastica con l’acqua, camminavano di buona lena. Le luci erano deboli e lontane, la spiaggia deserta, e il mare placido sciabordava sulla battigia. Emersero dall’oscurità. Correvano, ma in silenzio, all’apparenza arabi, quasi sicuramente magrebini. Dio mio, anche qui? I due ragazzi istintivamente si scansarono per lasciarli passare, in tutto più o meno una decina… L’ultimo, un cicciottello che arrancava ansimando, trovò il fiato per avvisarli in italiano: «Scappa, scappa!» Non capirono, non se l’aspettavano, e furono presi di sorpresa. A nulla valsero le grida disperate e le braccia alzate in segno di resa: i poliziotti non andarono per il sottile e, a scanso di equivoci, infierirono con i manganelli. Li trascinarono in manette per caricarli nel furgone azzurro sul lungomare.
  9. Fraudolente

    Il titolo "porno"

    Mi manca giusto (solo…) un centinaio di pagine per ultimare il nuovo romanzo. Si tratta di un giallo che si svolge in epoche diverse, con una trama abbastanza intricata e che lascia il lettore nel dubbio tra due ipotetiche soluzioni. Onde non farmi editare dallo staff, non posso citare il titolo: mi piace moltissimo, è una minisinossi, incuriosisce e “spiccherebbe” in libreria, ma… Ecco, si potrebbe equivocare con il titolo di un porno, e anche la copertina che avrei in mente, tutt’altro che pudica, sarebbe più o meno sulla stessa lunghezza d’onda. E il mio romanzo non è un porno. L’alternativa è il solito titolo da giallo normalissimo, appropriato ma non altrettanto “particolare”. Come fareste? Potrei lasciare la decisione all’editore, ma la tentazione a favore del “titolaccio” è forte…
  10. M.Writ

    Italialegge.it

    Sito: https://www.italialegge.it/ Per informazioni e contatti: https://www.italialegge.it/index.php/contact-us-2/ Il nuovo portale dedicato al mondo della letteratura, principalmente italiana, di genere thriller, noir e gialli – Con articoli, recensioni, segnalazioni di libri, consigli di scrittura creativa, biografie, focus su premi letterari, notizie riguardanti produzioni cinematografiche e serie televisive tratte da libri. E molto altro ancora… Il blog si propone anche di ricercare collaborazioni con altri appassionati di libri thriller, gialli e noir e di tutto il panorama letterario e cinematrografico legato a tali generi. Naturalmente ogni contatto richiederà una previa valutazione, perciò - mi raccomando - partecipate alle discussioni e non esitate a contattarci: troverete tutte le informazioni sul sito. Di seguito il link del nostro ultimo articolo: https://www.italialegge.it/index.php/2019/04/08/non-sono-un-assassino-il-best-seller-di-francesco-caringella-ora-anche-film-di-andrea-zaccariello/ Non mi resta che salutarvi con il nostro slogan: sentiti libero di leggere e di scoprire!
  11. Marcello

    Il killer dei camerieri a Morciano di Romagna

    Fino a
    Il commissario Gretije de Witt torna per raccontarvi di quando era ancora una semplice ispettrice e capitò in Romagna per la prima volta, in cerca di indizi per risolvere il caso del "killer dei camerieri". Iniziò tutto lì, tra Cattolica e Gabicce Mare e lei ve ne parlerà, assieme a me e a Stefano... Presentazione all'esterno sul palco alle 20,15 e poi dalle 21 firma-copie in libreria e chiacchiere con Gretije e l'autore.
  12. Marcello

    Il killer dei camerieri al Covo del Lovo

    Fino a
    Completamente riscritta, torna la prima avventura di Gretije de Witt, esaurita da anni. Presenterò il romanzo assieme all'amico Maurizio Gioiello, autore di "Adriatika"; possibilità per chi lo desidera di degustare l'aperitivo rustico dell'amico Spino. Vi aspetto.
  13. Writer's Dream Staff

    Salani Editore

    Nome: Salani editore Sito: https://www.salani.it/ Catalogo: https://www.salani.it/catalogo Distribuzione: non specificata Invio manoscritti: segreteria-letteraria@salani.it (nei contatti non è specificato: https://www.salani.it/contatti) Facebook: https://www.facebook.com/AdrianoSalaniEditore/
  14. pietroc67

    Runa Editrice

    Nome: Runa editrice Genere: Noir, Giallo, Avventura, Narrativa, Saggistica Invio manoscritti: non specificato (contatti: http://www.runaeditrice.it/index.php/contatti.html) Sito web: http://www.runaeditrice.it/ Distribuzione: http://www.runaeditrice.it/index.php/promozione.html Facebook: https://www.facebook.com/runaeditrice
  15. Gigi

    Happy Hour Edizioni

    Nome: Happy Hour Edizioni Catalogo: https://happyhouredizioni.wordpress.com/catalogo/ Modalità di invio dei manoscritti: non pervenuto. Distribuzione: https://happyhouredizioni.wordpress.com/distribuzione/ Sito: https://happyhouredizioni.wordpress.com/ Facebook: https://www.facebook.com/Happy-Hour-Edizioni-861028550661357/
  16. Fraudolente

    Giallo storico e disordine cronologico

    Due opzioni: 1) la trama gestita in ordine rigorosamente cronologico; 2) la trama gestita facendo riferimento a oggi e citando le “scoperte” secondo l’ordine in cui vengono fatte. Sembra una stupidaggine ma, in un giallo, la scelta può sconvolgere la narrazione. Un esempio? Il lettore, e non il protagonista, è onnisciente. Per intenderci: Hercule Poirot (si parva licet…) ne sa meno del lettore! Sono, al momento, pieno di dubbi, ma propendo per la numero due. Anche se temo che il disordine cronologico possa disturbare il lettore. Consigli?
  17. Salve, sono un autore che autopubblica i suoi libri in esclusiva su Amazon da circa tre anni, con alterne fortune: alcuni sono andati bene (una trilogia fantathriller; per bene, naturalmente, intendo entro i limiti dell’autopubblicazione) altri ( una paio di gialli pubblicati sotto pseudonimo) decisamente meno. Dopo tutto questo tempo mi sono fatto un’idea sul lettore medio di Amazon. Amazon, a mio avviso, ha avuto il merito di avvicinare ai libri una categoria di lettori che probabilmente ne sarebbe rimasta distante e di proporre all’attenzione del pubblico una serie di autori che altrimenti avrebbero avuto difficoltà ad emergere; tuttavia, credo che sia una categoria di lettori che difficilmente ha messo piede, o lo farà mai, in una libreria o in una biblioteca. Questo giudizio, forse ingeneroso, l’ho ricavato leggendo alcuni “bestseller” di Amazon, in particolare quelli pubblicati da Amazon stessa con l’etichetta Amazon Publishing e che quindi godono di un indubbio vantaggio promozionale, se non altro perché hanno un editore. Ebbene - tranne qualche eccezione che c’è, va riconosciuto – in genere sono di una pochezza imbarazzante, e si potrebbe affermare che più sono banali e più vendono. Io ho elaborato una mia personale equazione in proposito: Amazon sta alla (buona) letteratura, così come McDonald’s sta al (buon) cibo. E’ un po’ come quelle catene di negozi cinesi che offrono tutto a 99,€ (costo medio di un libro auto pubblicato su Amazon): in genere è paccottiglia. Allora perché ci pubblico? Per farmi le ossa cercando di capire il gusto del pubblico, senza cedere i diritti ad alcuno. Non mi piace pubblicare tanto per pubblicare e se devo cedere i diritti dei miei lavori a un editore deve essere un editore “vero”, se no aspetto e intanto genero qualche profitto pubblicando in proprio. Tornando ai bestseller di Amazon (ovviamente parlo dei libri di autori che pubblicano in proprio) ricevono centinaia di recensioni (molte ma molte di più di quelle di autori famosi) quasi tutte molto positive se non entusiastiche; allora dici: “Wow! Chissà che razza di capolavoro!” e ti viene voglia di leggerli; lo fai, cercando di restare il più possibile imparziale nel giudizio, e cominci a smadonnare di brutto fin dall’inizio, chiedendoti: ma come c…o si fa? E non una volta, spesso. Al contrario, ogni volta che provi a pubblicare qualcosa di un po’ meno banale e che richiede un maggior sforzo di comprensione sono critiche feroci. Io ad esempio ho pubblicato un giallo (tra l'altro con pseudonimo) chiaramente ispirato al Pasticciacccio di Gadda, in cui faccio largo uso dei dialetti ma solo nei dialoghi e non nell’esposizione (cosa che fa mirabilmente Camilleri, ad esempio) e subito una lettrice si è infuriata dicendo che un libro destinato a tutti (magari!) non può assolutamente avere dialoghi scritti in dialetto. Vai a sapere perché. In altre parole, a sentire la tizia, dovevo pubblicare il libro con i sottotitoli o abolire del tutto i dialetti, che tra l’altro, come potete immaginare, mi sono costati parecchia fatica, visto che ce ne sono almeno quattro. Alla tipa non andavano già i dialetti perché la distraevano dalla lettura, sosteneva; in poche parole, perché la sottoponevano a uno sforzo di comprensione probabilmente imprevisto e che non era disposta a sostenere. Questo per dirvi. È di oggi la conferma che noi italiani leggiamo sempre meno (sono in calo anche i libri per l’infanzia che negli ultimi anni erano gli unici con il segno più davanti) e siamo un popolo di analfabeti di ritorno, o analfabeti funzionali, con notevoli difficoltà a comprendere ciò che leggiamo. In un quadro simile, mi chiedo, ha senso proporre lavori per quanto possibile originali (e badate bene! sto parlando di romanzi di genere, non di saggi filosofici), o non è il caso di fare il compitino per il lettore zoppicante? (spesso zoppicano anche gli autori, va detto, me compreso). E mi domando ancora, quelli che vendono tanto è perché si sono adeguati al gusto e alle (scarse) capacità intellettive del pubblico di riferimento (insomma, detto in termini scorrettissimi, sanno di scrivere per degli ignoranti), o vendono perché sono come loro? E' sempre il solito dilemma: E' nato prima l'uovo o la gallina? Immagino che la risposta possa essere: dipende se vuoi andare sul sicuro e vendere, o vuoi proporre qualcosa di più originale e impegnativo, a tuo rischio e pericolo. Nel secondo caso, temo che Amazon non sia il luogo più adatto, occorre trovarsi un editore. Mi auguro che non sia un argomento già trattato altrove, nel qual caso mi scuso. Grazie.
  18. Fino a
    L’Associazione culturale e teatrale “Luce dell’Arte” di Roma indice il Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia 1^ Edizione, in onore del rag. Giovanni Leone, un“uomo di grande spessore culturale”, ricco di una rara nobiltà d’animo, distintosi per l’impegno e l’ardore messi nel suo lavoro di impiegato postale, ma soprattutto per la forte sete di conoscenza che l’ha portato a studiare sempre libri di svariate discipline, costruendosi in casa un’enorme biblioteca, ed il senso di sacrificio, amore per la famiglia che l’ha accompagnato fin da giovanissimo, dandogli la forza di vincere ogni battaglia esistenziale. Ecco perché abbiamo voluto sottolineare il tema “I valori della famiglia”, ritenendolo il motore principale di questo uomo che ha lasciato tanto interiormente a chi ha avuto la fortuna di conoscerlo o averlo vicino. Il premio è suddiviso in Tre sezioni ed è aperto ad autori italiani e stranieri. Età minima autori per partecipare 18 anni; età massima nessun limite. Sezione A) Poesia a tema Libero: si può partecipare con poesie edite o inedite in lingua italiana o vernacolo con traduzione che trattino qualsiasi tematica. Il numero massimo di opere da inviare è di tre. Sono ammessi anche libri editi di poesia o e-book e raccolte poetiche inedite. Nessun limite di lunghezza per gli elaborati. N.B. E’ possibile inviare illustrazione o dipinto di propria creazione con annessa breve poesia o piccola raccolta poetica, in questo caso allegare copia opera artistica in formato jpeg 13 x18. Sezione B) Narrativa e Teatro a tema “I valori della famiglia”: si può partecipare con racconti, romanzi e testi teatrali editi o inediti con tema “I valori della famiglia”, in larga misura opere che trattino qualsiasi situazione e sentimento legato alla famiglia. Nel genere testi teatrali precisiamo che oltre a commedie e tragedie, sono ammessi per la partecipazione monologhi, corti teatrali e brevi sceneggiature. Il numero massimo di opere da inviare è di tre. Si possono inviare anche e-book. Nessun limite di lunghezza per gli elaborati. N.B. E’ possibile inviare illustrazione o dipinto di propria creazione con annesso racconto breve o monologo, in questo caso allegare copia opera artistica in formato jpeg 13 x18. Sez. C) Narrativa e Teatro a tema Libero: si può partecipare con racconti, romanzi e testi teatrali editi o inediti che trattino qualsiasi tematica. Nel genere testi teatrali precisiamo che oltre a commedie e tragedie, sono ammessi per la partecipazione monologhi, corti teatrali e brevi sceneggiature. Il numero massimo di opere da inviare è di tre. Si possono inviare anche e-book. Nessun limite di lunghezza per gli elaborati. N.B. E’ possibile inviare illustrazione o dipinto di propria creazione con annesso racconto breve o monologo, in questo caso allegare copia opera artistica in formato jpeg 13 x18. Premi per i Primi Quattro classificati, Premio Assoluto della Critica, Premio Miglior Giovane Autore, Menzioni Speciali, Segnalazioni di Merito e Diplomi d’Onore. Prevista quota di partecipazione base di 10 euro. Scadenza bando il 10/07/2017. Per richiesta di bando completo, contattare il Presidente dell'associazione, la dr.ssa Carmela Gabriele, al seguente indirizzo e-mail: associazionelucedellarte@live.it. Recapito telefonico Ass. Luce dell'Arte: 3481184968. Il sito da visitare è: www.lucedellarte.altervista.org Pagina Facebook Ass: Associazione culturale e teatrale Luce dell’Arte Pagina Facebook Premio: Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” Pagina Google Premio: Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone”- I valori della famiglia
  19. maximod

    Todaro Editore

    Nome: Todaro editore Generi valutati: libri illustrati, giallo, noir, spy-story, romanzi di ambientazione storica, fantastico,itinerari di viaggio, cucina, fantascienza, storia Invio manoscritti: http://www.todaroeditore.com/contatti/ Distribuzione: http://www.todaroeditore.com/distributori/ Sito: http://www.todaroeditore.com/ Facebook: https://www.facebook.com/todaro.editore
  20. Antipodes Casa Editrice

    Antipodes a "Una Marina di libri 2019"

    Fino a
    Antipodes a "Una Marina di libri 2019" Antipodes partecipa alla decima edizione de "Una Marina di libri 2019"!! Festival del libro Orto botanico dell'Università di Palermo 6-9 giugno 2019 6 giugno: ore 18 - 24 (INGRESSO GRATUITO) 7 giugno: ore 10 - 14 e 16.30 - 24 8 giugno: ore 10 - 14 e 16.30 - 24 9 giugno: ore 10 - 24
  21. Toy

    Edizioni Della Goccia

    [Non accetta altri manoscritti fino a primavera 2017] Nome: EDIZIONI DELLA GOCCIA Generi trattati: narrativa non di genere, giallo, thriller Modalità di invio dei manoscritti: per posta elettronica Distribuzione: satellitelibri e goodbook Sito web: http://www.edizionidellagoccia.it/ Dopo due libri pubblicati in self, ho recentemente pubblicato un romanzo con questa CE e posso testimoniare che è free.
  22. Luca Morandi - Aratak

    La Ruota Edizioni

    Nome: La Ruota Edizioni Generi trattati: Romanzi di narrativa; Fantasy; Horror; Antologie; Sillogi poetiche; Narrativa per l'infanzia Modalità di invio dei manoscritti: per email a proposte@laruotaedizioni.it Distribuzione: Directbook Sito: http://www.laruotaedizioni.it/ Facebook: https://www.facebook.com/laruotaedizioni/
  23. Ospite

    Argento Vivo Edizioni

    Nome: Argento Vivo Edizioni Generi trattati: / Modalità di invio dei manoscritti: http://www.argentovivoedizioni.it/#manoscritti Distribuzione: per il momento ci autodistribuiamo Sito web: www.argentovivoedizioni.it Facebook:https://www.facebook.com/argentovivoedizioni/ Instagram:https://www.instagram.com/argentovivoedizioni/ Twitter:https://twitter.com/ArgentoVivoEdiz Youtube:https://www.youtube.com/channel/UCy2PmAKXUJKVkZo5VdAAUDw Ciao a tutti! Sono il legale rappresentante di Argento Vivo Edizioni. La nostra è una casa editrice neonata (gennaio 2017, abbiamo il sito da pochi giorni) e... particolare: si affianca infatti a un'Academy che ha lo scopo di formare i talenti di domani attraverso corsi di scrittura creativa e giornalismo rivolti a giovani e a giovanissimi. I nostri corsi sono gratuiti e finalizzati all'esordio editoriale degli studenti dell'Academy, che seguiamo fino alla pubblicazione del loro primo romanzo o saggio. Pubblicazione a cura e a spese del marchio Argento Vivo Edizioni: siamo al 100% NO EAP, o "free" come dite su questo forum. Per informazioni sui corsi o di carattere generale potete scriverci a questo indirizzo: info@argentovivoedizioni.it. Cercheremo comunque di essere presenti sul forum per rispondere alle vostre eventuali domande. Grazie per l'attenzione e buon proseguimento.
  24. ilmandala***

    Il Mandala del Baku - Marco Melis

    Titolo: Il Mandala del Baku Autore: Marco Melis Autopubblicato: Youcanprint ISBN: versione cartacea 978-8827831373; versione ebook 9788827834930 Data di pubblicazione (o di uscita): 12 giugno 2018 Prezzo: versione cartacea 12,75 €; versione digitale 5,99 € Pagine: 192 Quarta di copertina o estratto del libro: Andrea Reju è un poliziotto della scientifica. Durante l'analisi di una scena del crimine comprende improvvisamente che qualcosa al di là della materia vuole comunicare con lui. Inizia un percorso di risveglio interiore che lo porterà a viaggiare in cerca di risposte. L'esoterica Torino, la misteriosa Milano, i boschi dell'Emilia Romagna e la magica Sardegna saranno gli scenari a sfondo di incredibili incontri con carismatici personaggi. Da un contattista a uno sciamano, da una sensitiva a un rabdomante, queste saranno solo alcune delle figure che condurranno Andrea verso il suo personale mandala del baku. Link all'acquisto: https://www.amazon.it/mandala-del-baku-Marco-Melis/dp/8827831371/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1558169717&sr=8-1-fkmrnull
  25. Ngannafoddi

    Aipsa Edizioni

    Nome: Aipsa Edizioni Sito: http://www.aipsa.com/ Catalogo: http://www.aipsa.com/catalogo-aipsa-edizioni Modalità di invio dei manoscritti: http://www.aipsa.com/spazio-autori Distribuzione: http://www.aipsa.com/distributori Facebook: https://www.facebook.com/aipsaedizionicagliari/ Con sede a Cagliari, membro dell’AES, pubblica prevalentemente sulla Sardegna, mostrando le diverse sfaccettature del patrimonio culturale dell’Isola (storia, memorialistica, poesia, narrativa, letteratura per ragazzi, cinema, giallistica, musica e lingua sarda), nonché aspetti e fenomeni della società dell’oggi. Particolarmente curati nella veste grafica, i volumi presentano un prezzo di copertina contenuto e sono rivolti ad un vasto pubblico.
×