Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Risultati per i tag 'comico'.

  • Cerca per Tag

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per Autore

Tipo di contenuto


Il mondo dell'editoria, senza filtri.

  • Inizia qui la tua avventura nella community
    • Regolamento del Forum
    • Ingresso
    • Bacheca
  • Il mondo dell'editoria
    • Case Editrici
    • Piattaforme Print on Demand
    • Agenzie Letterarie
    • Freelance
    • Questioni legali
    • Concorsi ed Eventi esterni
    • Varie ed eventuali
  • Officina
    • Narrativa
    • Poesia
    • Contest del Writer's Dream
    • I migliori racconti del WD
    • I nostri libri
  • Documentazione
    • Scrivere
    • Leggere
  • Area Relax
    • Agorà
    • WD Club
    • Il blog del Writer's Dream

Categorie

  • Arte, cinema e fotografia
  • Azione e avventura
  • Biografie, diari, memorie
  • Fantascienza, Horror, Fantasy
  • Gialli e Thriller
  • Letteratura non di genere
  • Letteratura erotica
  • Letteratura Rosa
  • Bambini e ragazzi
  • Società e Scienze sociali
  • Storia
  • Poesia

Categorie

  • Arte, cinema e fotografia
  • Azione, avventura
  • Biografia, diari e memorie
  • Fantascienza, Horror e Fantasy
  • Gialli e Thriller
  • Letteratura Erotica
  • Letteratura Rosa
  • Letteratura non di genere
  • Bambini e Ragazzi
  • Società e Scienze sociali
  • Storia
  • Poesia

Calendari

  • Presentazione in Libreria
  • Concorso Letterario
  • Corso di scrittura
  • Altro
  • Evento del Writer's Dream

Cerca risultati in...

Cerca risultati che...


Data di creazione

  • Inizio

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Inizio

    Fine


Filtra per...

Iscritto

  • Inizio

    Fine


Gruppo


Sito personale


Skype


Facebook


Twitter


Provenienza


Interessi

Trovato 71 risultati

  1. nemesis74

    Presentazione libro: La vita tragicomica

    Fino a
    Nella splendida cornice della biblioteca Villa Urbani e precisamente nella terrazza panoramica, con splendida vista su Perugia, si terrà la presentazione del libro: La vita tragicomica di Gabriele Giuliani, Augh! Edizioni. Per passare un pomeriggio estivo diverso, parlando di libri e di editoria comodamente seduti sotto un ombrellone. Ingresso libero. La biblioteca è accessibile ai disabili motori
  2. nemesis74

    La vita tragicomica - di Gabriele Giuliani

    Fino a
    Venerdì 14 giugno nella sede della storica libreria Ubik Alterocca di Terni, ci sarà la presentazione del libro "La vita tragicomica" di Gabriele Giuliani Augh!Edizioni. Una raccolta di racconti di carattere surreale/ grottesco / tragicomico. Ne parleranno con il pubblico lo scrittore Giovanni Staibano assieme all'autore. Ingresso libero Ore 17:30 Corso Tacito, 29 Terni
  3. nemesis74

    La vita tragicomica

    https://ibb.co/T2rLwp2 Titolo: La vita tragicomica Autore: Gabriele Giuliani Collana: Frecce Casa editrice: Augh!Edizioni Isbn: 9788893432504 Data di pubblicazione: 22/5/2019 Prezzo: 12,00 euro Genere: Comico - surreale Pagine: 130 Quarta di copertina: Cosa accomuna una coppia di anziani coniugi benvoluti da tutti a un uomo ossessionato dall'idea di mangiarsi un mandarino, oppure un placido pensionato che legge il proprio necrologio sul giornale a una donna timorosa dei fulmini? Li associa l’appartenere a una specie: quella della gente comune alle prese con la vita quotidiana e i suoi piccoli problemi, qui portati all'esasperazione. Di volta in volta i personaggi assumono il ruolo di sconfitti, di capri espiatori e di vinti costretti a vivere un'esistenza tragicomica; tuttavia, alcuni di loro riescono lo stesso a diventare eroi dignitosi e silenziosi che combattono le proprie battaglie nell'indifferenza del mondo, in un susseguirsi di situazioni paradossali, surreali e a volte grottesche. Link all'acquisto: https://www.ibs.it/vita-tragicomica-libro-gabriele-giuliani/e/9788893432504
  4. nemesis74

    Presentazione libro "La vita tragicomica"

    Nella futuristica e splendida cornice della biblioteca Sandro Penna di Perugia, l'autore Gabriele Giuliani presenterà il suo nuovo libro "La vita tragicomica", Augh!Edizioni, una raccolta di racconti surreale e grottesca. Al termine della presentazione firmacopie.
  5. luca c.

    La prima cosa

    Commento Tutto ebbe inizio un giorno di primavera, quando Immacolata decise di abbattere il pesco del giardino. Non avendo altre idee, lì per lì pensò di sfruttare il marito, uomo dotato di un senso di immolazione raro, e di trasformarlo in un ariete umano. – Tranquillo Fortunato, indosserai il casco.- lo rassicurò. A darle manforte si unirono felici i figli Nino e Tobia. Così dopo averlo messo in posizione, tutti e tre lo sollevarono da terra e iniziarono a farlo oscillare avanti e indietro, sempre più forte. A differenza del pesco, dopo quella testata tremenda Fortunato non fu più lo stesso. Non che avesse subìto particolari traumi cranici, ma piuttosto il suo consueto deficit neuronale si era accentuato: un letargo mentale di un pelouche, con l’aggravante della pigrizia dolosa. Più che mai disinteressato alle cose del mondo, ora ignorava proprio tutto e il suo già scarso quoziente intellettivo rasentava lo zero. Tuttavia, in seguito a quello scossone al cervello aveva ricevuto un dono, la cui importanza non era sfuggita a Immacolata: Fortunato riusciva a leggere nella mente di chi gli stava accanto. “Perché non approfittarne?” rimuginava lei da qualche tempo. Immancabilmente la domenica sera veniva dedicata al quiz televisivo “Indovina la risposta”. Nino e Tobia, sette e undici anni, erano molto più preparati del padre: “Ma papà, non sai proprio un tubo te!” gli ripetevano sempre. Fu in uno di quei momenti che Immacolata, colta dall’illuminazione, chiamò la redazione del programma per iscrivere il marito alle selezioni. - Mi raccomando Fortunato, non prendere iniziative. Alle domande che ti faranno rispondi solo con la prima cosa che riuscirai a captare dai pensieri dell’esaminatore: quella sarà la soluzione al quesito.- assicurò Immacolata. - Sì.– rispose lui, uomo di poche parole. E il provino fu un successo, Fortunato non sbagliò niente e in un caso diede la risposta anticipando la domanda. “Maldestro!” avrebbe pensato Immacolata se fosse stata presente. Fu inevitabile che tra gli addetti ai lavori iniziassero a circolare voci su quel tizio troppo perspicace. “Forse è un raccomandato che conosce già le risposte.” si mormorava. Fatto sta che la sua partecipazione al quiz fu confermata per il mese seguente. E la vigilia del grande giorno giunse rapida; nel trambusto dettato dall’eccitazione, Immacolata diede inizio alle prove generali. Fortunato sfoggiava il vestito nuovo che avrebbe indossato l’indomani per la diretta tv. Come un lingotto d’oro svuotato del suo interno, Fortunato era inutilmente bello. - Tesoro, per prima cosa l’apparenza. Spalle su, cooosì! Schiena dritta, cooosì, ok! E ora tenta un sorriso intelligente.- ordinò Immacolata. - … - Va be’, lasciamo perdere. Ora presentati. - Fai schifo!- fece lui. - Cosa? - Quello sguardo da pesce bollito! - continuò. - Ma no! Non devi leggere nella mia mente, non sono mica io il conduttore. Devi solo dire come ti chiami, cosa fai per vivere e da dove vieni. - Ahhh... ecco!: Grande Fortunato, per vivere respiro e vengo direttamente dal bagno. La giornata si trascinò avanti su quel registro e, giunta la sera, Immacolata si buttò sul letto stremata. Fortunato ronfava già alla grande. Alle sette e trenta del mattino nemmeno la radiosveglia a tutto volume riuscì a smuoverlo. Ci pensò la moglie, gettandogli una secchiata d’acqua fredda sulla faccia. – Sbrigati che sennò perdi il treno! Per chiunque sarebbe stato sfiancante viaggiare intercettando i pensieri di chi gli sedeva accanto: un anziano che malediceva la prostata, una suora presa da fantasie erotiche, un commercialista che pensava a come intascare i contributi dei clienti e una studentessa innamorata del professore di storia. Ma dopo tre ore di viaggio, quando giunse a Roma Termini, Fortunato era fresco come una rosa. Negli studi di “Indovina la risposta” fu fatto accomodare in uno stanzino assieme agli altri quattro concorrenti. Perso tra i pensieri altrui, Fortunato era sereno. Riconobbe anche il tizio ricciolino e basso che, al posto degli occhiali, portava due fondi di bottiglia incastrati in una spessa montatura marrone. Lui era Vittorio Roboante, super campione in carica da venti puntate. Quando si strinsero la mano Fortunato assorbì il pensiero di quell’uomo viscido: “Sei un idiota come tutti gli altri.”. Il sorriso tatuato sul volto di Roboante era credibile come una banconota da tre euro e venti centesimi. Dopo avere fatto conoscenza con gli altri avversari e lo staff della redazione, si passò alla sala trucco e poi finalmente arrivò l’ora dello spettacolo. Tutti presero posizione nelle rispettive postazioni: il conduttore al centro e i cinque sfidanti disposti a raggiera attorno ad esso. A Fortunato pareva un sogno: il pubblico numeroso e carico di entusiasmo, i cameramen che si spostavano su aggeggi meccanici a due metri da terra, tutte quelle luci bianche e blu, e poi la mega scritta dorata "Indovina la risposta" che si illuminava a intermittenza. “Carissimi telespettatori, meraviglioso pubblico: benvenuti a una nuova puntata di Indovina la risposta!” Applausi. “Questa sera quattro prodi concorrenti tenteranno di strappare lo scettro al nostro campionissimo Vittorio Roboante.” Altri applausi conditi da grida di esaltazione riempivano lo studio. Uno alla volta i concorrenti si presentarono. “E ora è il turno del quarto sfidante. Prego.” - Salve a tutti. Mi chiamo Grande Fortunato, sono un collaudatore di amache e vengo da Vattelapescara. Da casa intanto, tra montagne di popcorn e amuleti, Nino, Tobia e Immacolata erano incollati alla tv. Il primo ostacolo era stato superato e tutti e tre, all’unisono, tirarono un sospiro di sollievo. Ma subito un dubbio atroce si impossessò di Immacolata. Come mai era stata così sprovveduta? Il marito era troppo distante dal presentatore per poterne intercettare il pensiero. Fortunato però a tutto ciò non aveva fatto neppure caso. La sorte lo aveva assegnato nella postazione adiacente a quella campione in carica: fu a lui che carpì le soluzioni esatte. Di pari passo con un crescendo di esultanza da casa, Fortunato fece fuori tutti gli avversari, campione compreso. Era arrivato al quiz finale, e si stava per giocare duecentomila euro. Come da prassi, in quel frangente il campione sedeva di fronte al conduttore Carlo Conta che, in via eccezionale, fece accomodare accanto sé lo sconfitto di lusso Roboante, il re spodestato da un trono fino ad allora indiscusso. Le domande previste erano dieci, e per vincere il montepremi bisognava rispondere a tutte in modo corretto. Immacolata non aveva più unghie, il marito snocciolò le prime nove risposte con nonchalance e in tempo record. I bambini erano ai piedi della tv. “Signore e signori, incredibile. Siamo di fronte a un fenomeno inaspettato. Niente di meglio per sostituire il vecchio campione.” A quelle parole Roboante fece un gesto di stizza. “Silenzio in studio, prego. E ora, per duecentomila euro: come si chiama colui che ha appena acquisito la maggioranza delle quote della nostra rete? Un minuto di tempo a partire da ora.Via!” Il primo piano di Fortunato fu eloquente. Di colpo divenne pallido e madido di sudore. Le mascelle serrate. Immacolata giunse le mani in preghiera e i figli si tapparono le orecchie. Per la prima volta in quella sera, Fortunato aveva intercettato due pensieri differenti e non sapeva a chi attribuirli: quale era di Conta e quale invece di Roboante? "Ancora dieci secondi!" - La risposta è Stronzo! - provò Fortunato. Pochi secondi di silenzio e poi lo studio divenne una bolgia: fischi, insulti e lanci di fazzoletti contro Fortunato. Carlo Conta perse l’abbronzatura. Immacolata stramazzò al suolo. Nino e Tobia erano piegati in due dalle risate. Fortunato fu citato in giudizio per danno d’immagine, rischiando una multa di centinaia di migliaia di euro, nonché la perdita della casa. - Bene, stavolta il casco non serve. - disse Immacolata, e tutti e tre iniziarono a fare oscillare Fortunato avanti e indietro, sempre più forte.
  6. gecosulmuro

    Dimenticare i nomi dei personaggi

    Vi è capitato di dimenticare i nomi dei personaggi del racconto che state scrivendo? A me è successo di dimenticare perfino il nome del protagonista! In genere mantengo un foglio elettronico con liste di luoghi e persone.
  7. Poeta Zaza

    [MI 124] Per scaldare il motore

    commento d'altrui testo Traccia di mezzanotte: la strada e le sue forme Per scaldare il motore Anni 90 La signora Palmira, vedova di un capitano di lungo corso, quella mattina si era dedicata a dipingere, con quattro tubetti a tempera, un girasole, due margheritine e un papavero, per mimetizzare tre schegge nelle piastrelle della cucina. L’arte applicata al bricolage domestico. Un’emanazione della gentilezza che copre i difetti. Analogamente, la settimana prima aveva nascosto la vecchia crepa della parete in salotto con un bell’arcobaleno: soltanto di quattro colori ma efficace il giusto. Il figlio Giorgio, che viveva con lei, quel giorno a mezzogiorno aveva messo l’acqua sul fuoco per gli spaghetti, in attesa della madre, ma era stato chiamato al portone da un conoscente che chiedeva un’informazione. Aveva lasciato un biglietto, “no sale in acqua” ed era sceso per accompagnare il tizio a destinazione. Una volta tornato, la madre aveva servito gli spaghetti, scipiti. La signora Palmira aveva deplorato la mentalità maschile che trasponeva “no sale in acqua” o “sì sale in acqua” volendo dire, nell’ordine, “mettilo tu” e “l’ho già messo io”. Una donna avrebbe scritto “acqua già salata” o “acqua da salare”. “Tu non puoi ordinarmi di non mettere il sale e poi spiegarmi che volevi dire di metterlo!” Il figlio: “Ma potevi assaggiarli! E poi io non avevo mica messo il punto esclamativo!” Occhi levati al cielo e scuotimento di teste, ma null’altro, fra il tonno e i fagiolini: aveva prevalso la comprensione e la tolleranza, come sempre. Quel pomeriggio, la signora Palmira aveva giocato a carte con le tre vicine di pianerottolo (il torneo mensile di burraco del terzo piano) mentre Giorgio, visto il tempo brutto, da ghiaccio sulla strada, non era andato al solito bar a giocare a biliardo con gli amici, ma aveva guardato il calcio alla televisione. Le quattro donne, in passato e per anni, avevano mantenuto cortesi ma formali rapporti di vicinato, finché un Giorgio ragazzino, scambiando un sabato sera gli zerbini davanti ai loro usci, le aveva costrette a parlarsi di qualcosa di diverso dal tempo e, col farle ridere del suo scherzo, le aveva avvicinate, sino a farle diventare amiche. Adesso è sera. Palmira rigoverna in cucina e dice: “Sai, Giorgio, l’amministratore ci ha dato ragione con la Clelia. Sul regolamento del condominio è stabilito che non si possono fare immissioni moleste a danno del vicinato, per cui siamo tranquilli, e lei se ne farà una ragione, Però… è anziana, non ci sta tanto con la testa, prima o poi dovresti scusarti…” “Sì, mamma.” La faccenda riguardava l’uso bisettimanale della signora Clelia, del quarto piano, di stendere le lenzuola per il lungo, oscurando in tal modo la luce diurna e la visuale a Giorgio ed alla mamma, giù al terzo piano.Erano state inutili le gentili proteste della signora Palmira al riguardo, finché un giorno Giorgio si era soffiato il naso nel lembo estremo del lenzuolo, e il fastidio era finito, ma la Clelia non li salutava più. La domenica sera, come d’abitudine, non guardano la televisione. Entrambi apprezzano la qualità del tempo passato a chiacchierare insieme o il piacere di un libro che Giorgio legge ad alta voce mentre lei cuce. Se il figlio, vent’anni prima, aveva sperato di trovare una donna in gamba e piena di spirito come la madre, ora sapeva trattarsi di un’impresa quasi impossibile. Inoltre, era basso, esile e bruttino, con la voce in falsetto, e da ragazzo era stato canzonato d’abitudine. La sua fortuna era di possedere un buon carattere e di essere ottimista per natura, di animo buono, semplice, nonché di non avere colleghi sul lavoro. Palmira termina di rammendare una gonna. “Vado a dormire, ricordati di scaldare il motore alla macchina, un giro di almeno un quarto d’ora, son due giorni che non la usi e potresti avere problemi domani con l’accensione… È il tuo primo giorno con le nuove mansioni, sarebbe brutto arrivassi in ritardo… buonanotte caro…” La signora Palmira è fiera del figlio, promosso capo-servizio dopo quindici anni di lavoro nella Ditta di contabilità Rossi & Figlio, ma solo perché quest’ultimo si era preso un anno sabbatico per andare in Australia da un amico allevatore e Giorgio aveva accettato il carico doppio di lavoro per poche lire in più. Giorgio indossa il pigiama di lana coi bruchi (non buchi, bruchi) e i calzerotti di lana. Mentre si lava i denti, gli sovviene della macchina fredda. “Accidenti!” dice, mordendosi la lingua. Non ha voglia di cambiarsi. Come fare? È quasi mezzanotte, ha fatto tardi a guardare una delle cassette di Stanlio e Ollio che da sempre lo rilassano, e ne ha avuto bisogno in vista dell’importante prova sul lavoro l’indomani. Idea! Dalla scarpiera recupera gli zoccoli della madre, dall’attaccapanni la pelliccia rosa di lei, più calda del suo loden, il di lei basco in tinta e, così bardato, raggiunge il portone. Nessuno lo vedrà. La sua vecchia Fiat “tramonto” (così ne definisce il colore la madre) è posteggiata proprio lì davanti. Di originario colore arancione, questo si è via via sbiadito e adesso è segnata di striscio da “righe d’espressione” sulle fiancate anteriori; questi segni sono stati mimetizzati dall’arte di Palmira, coi contorni di due nuvole sghembe sulle portiere anteriori del guidatore e del passeggero, così fungendo egregiamente da segnaposto per gli strambi occupanti. In quel mentre arriva un taxi, attrezzato con le catene, e accosta al marciapiede poco più in là. Ne scende il signor Zeni, l’inquilino del sesto piano, di ritorno con la moglie da un viaggio in Cina, con in mano una valigia e un piccolo bagaglio coi souvenir, tra cui un vaso Ming debitamente autenticato, che aveva tenuto in braccio per tutto il viaggio aereo e che, chissà come, aveva superato le dogane senza problemi. Si accorge del vicino. Dalla sorpresa, apre le mani e i bagagli cadono al suolo, il più piccolo con un rumore sospetto: “Ma allora è vero… speriamo che sia falso” , pensa l’ex preside riferendosi alla fattura del vaso Ming e alle stupide chiacchiere di vicinato su Giorgio, e non necessariamente in quest’ordine… Giorgio non si accorge nemmeno del freddo, si affretta a salire in macchina senza salutare, ancorché impedito dagli zoccoli, sperando utopisticamente di non essere stato riconosciuto, senza pensare che la sua auto lo identifica chiaramente. (“E che c^^zo… la sfiga… ma non era a Shanghai, a milioni di chilometri fino a ieri e doveva trovarsi qui, alle ventitrè e cinquantadue, contemporaneamente a me, puntuale come la morte?! C^^zo-mi^^hia-sfiga…”) Grato per i finestrini appannati, finge comunque di parlare concitatamente al cellulare (che non ha), girato verso la strada, per non incrociare gli occhi dei vicini che di certo stanno entrando nel portone a lato, mentre si sforza di far partire il motore e di accendere il riscaldamento, e ci mette un bel po’. Dopo il nevischio dei giorni precedenti, la temperatura in giornata è scesa di parecchi gradi e sull'asfalto si è formato uno strato di ghiaccio. Il sale sarebbe stato sparso all’alba del giorno dopo. “No sale sulla strada” si dice lui amaro, tra il sarcastico e lo stizzito… Mette la freccia, con l’intenzione di portare l’auto a fare il giro di tre isolati per scaldare il motore. La carreggiata scende con un leggero dislivello, ma da subito, anche se in prima, si trova in difficoltà a mantenere l’auto sotto controllo. Fortuna che non c’è traffico. Frena, un po’ impedito dagli zoccoli, ma è peggio, slitta e acquista velocità. Spaventato, sterza bruscamente a sinistra, finendo in un vialetto in discesa dove la velocità raddoppia, infine divelle una recinzione fragile di legno e la sua corsa, fortunatamente non mortale, finisce contro un albero del giardino della peggior ciarliera e pettegola del paese e del di lei marito, finto sordo per legittima difesa. Questo il racconto della giornata pre-carriera di Giorgio, e del suo termine di gran carriera lungo una stradina, culminato con lui, fasciato di rosa, tra le nuvole materne della sua sfasciata Fiat tramonto.
  8. Poeta Zaza

    [MI 123] La fotocopia

    commento a Floriana Traccia di mezzogiorno V.M. 14 La fotocopia Si costrinse ad aprire gli occhi. Li richiuse subito dopo, promettendosi di non aprirli mai più; quello spettacolo andava oltre la sua soglia di sopportazione. Ma poco dopo li riaprì: non doveva esagerarne la portata; era pur sempre un’immagine, dopotutto; e lei non era una donnetta sprovveduta. Però, era la goccia che faceva traboccare il vaso colmo. Raimonda lasciò posarsi sulla scrivania, come se scottasse, l'oggetto del reato e poi, armata di alcool e straccio, si diresse verso il luogo del misfatto, dove troneggiava l’organo riproduttore (di fotocopie) da disinfettare nel piano d’appoggio e nel coperchio (lato interno). L’organo originale che vi era stato riprodotto non l’avrebbe avvicinato…mai! “Deve aver usato quella sedia, inginocchiandosi” pensò. “Hai messo l’ingrandimento a duecento?” guatò caustica al collega che si avvicinava circospetto. “No, a grandezza naturale, vuoi controllare?” la pronta risposta di lui. “Dileguati”: l’esclamazione, assieme all’espressione di malevolenza dipinta sul viso di Raimonda, fece sì che Mario si precipitasse nella relativa sicurezza dell’ufficio, senza peraltro esimersi dall’esclamare: “Allora hai apprezzato…”. Ci voleva una severa lezione, tipo polvere di toner nel colluttorio del collega! Eppure, lei sapeva instaurare normali rapporti amichevoli e cordiali con chi la conosceva. Restando nel campo del lavoro, ad esempio, nella precedente esperienza con il collega Valerio, più anziano di lei di quindici anni, si era instaurata una vera amicizia, estesa alle rispettive famiglie, che tuttora si frequentavano. Spirito poetico, lui le diceva che la vedeva come una ventata d’aria fresca: “Valerio ama il tennis, la moglie e sei figli, nonché l’aria pura e chi le assomigli.” Fra loro potevano parlare di tutto, senza pregiudizi. Come quella volta in cui l’argomento era il parto e lui sosteneva che il momento in cui la donna soffriva di più fosse il momento della nascita del bimbo, mentre lei ribatteva che no, fosse il momento della dilatazione massima del collo dell’utero. Poi, al momento delle spinte, il peggio era passato. Lei sapeva: era mamma. Lui ribatteva: “So di cosa parlo. Io c’ero a cinque parti su sei dei miei figli!” Ma, anche se la esasperava come riescono a fare gli uomini,quando non riesci a farli recedere da una loro convinzione (sbagliata) radicata, era bello lavorarci insieme. “Tutti i mali non vengono per nuocere” pontificava lui… “Non tutti i mali vengono per nuocere” lo correggeva lei. E dibattevano a lungo. Ma stavolta era venuta per nuocere e basta, quella fotocopia! Così Raimonda meditava, pulendo forsennatamente, su come potesse fermare definitivamente la vessazione amatoria del collega, fino a quel giorno di amichevole e non sgradita compagnia. Mario, ad esempio, scriveva le lettere ai clienti, e intanto le rileggeva a bassa voce, rimarcando con voce più alta le parole destinate solo a lei: - Gentile signora Stiamo rinnovando le nostre offerte straordinarie per la nostra affezionata clientela. - Vi invitiamo a presentarvi presso e nostri uffici … - Vi aspettiamo, dal lunedì al venerdì. Orario… - Restiamo a vostra disposizione Sul biglietto infilato nei confetti del matrimonio del cugino Raimondo con Maria, lui aveva corretto la vocale finale dei due nomi in Raimonda e Mario. “La data cambiala tu” le aveva detto. Lei aveva tirato una riga sopra quella stampata e aveva scritto: “Mai”. Lei gli aveva fatto capire chiaramente di finirla, e che, anche qualora fosse stata libera, lui non era il suo tipo, macché, lui dribblava dicendo che "scherzava seriamente". Mario alternava battute da caserma e doppi sensi pesanti a piacevoli momenti di cameratismo. “Tu mi turbi”: il ritornello di lui. “Tu disturbi”: il ritornello di lei in risposta. Le era simpatico come collega, in quanto spiritoso e servizievole, accollandosi, come faceva spesso, i lavori di archivio e di catalogazione, ed era cortese e disponibile. Raimonda, dal canto suo, faceva in modo che tutte le giovani e belle clienti venissero servite da Mario, ma non era abbastanza per indurlo a smettere con le sue imbarazzanti attenzioni. Non era stalking, no, perché era gentile e non invasivo, di solito, ma lei questa volta era a disagio, eccome! Non aveva mai assunto pose o atteggiamenti provocanti che giustificassero tale ardire; era una donna spiritosa e disinvolta ma seria (e seriamente sposata), oltretutto. Ci voleva una lezione dura, sì, ci stava di far conoscere il misfatto alla direttrice, donna di mezza età, casa e Chiesa, mai sposata e, nei confronti di tutti, gentile e garbata, sempre con la soluzione pronta e logica per ogni problema. Tornò nell’ufficio che divideva col collega, raccolse platealmente la fotocopia e andò a bussare alla Direzione, lasciando dietro di sé un Mario preoccupato e incredulo, nonché la vocina che sempre dice di non fare la spia. “Guardi questo, prego” disse seria Raimonda, allungando il foglio alla sua dirigente. La signora Rossi ci buttò uno sguardo e subito alzò gli occhi, sorridendo tranquillamente: “Ma cara, non mi devi giustificare ogni fotocopia sbagliata come questa; abbiamo i conteggi di un uso di massima e un tot di sprechi ci stanno, non ti preoccupare." “Fai così: usalo dietro”, aggiunse e concluse la bonaria, innocente signora, a mo' di congedo. La bocca tremante si sforzò di piegarsi in un sorriso educato e Raimonda uscì. “E allora?” le chiese Mario, allarmato dalla sua strana espressione. “Mi ha mandato a prenderlo in quel posto” si disse e gli rispose col pensiero, seduta alla sua scrivania, davanti all’imbarazzante collega, ora seriamente preoccupato. E poi Raimonda si contorse, le spalle scosse da una convulsa, attutita, ma poi irrefrenabile, liberatoria risata.
  9. Venerdì al Pub black Cat di Bologna (Via zaragozza 83/d), presentazione del libro "Un caso difficile" di Simone Mascardi, edito da Lfa editore. Presentatore di eccezzione Gianluca Morozzi! Venerdì 5 aprile il Black Cat si tinge ancora più di nero! Alle ore 20,30 verrà presentato il libro UN CASO DIFFICILE, una parodia del genere noir ambientata nella città turrita. Detective sgangherati, gangster e femme fatale si muovono (e spesso cadono) tra la Bologna e Casalecchio, alla ricerca di un irriverente totem indiano. La serata sarà organizzata da un team d'eccezione: l'autore Simone Mascardi ci racconterà qualcosa della sua opera, presentato dall'esperto Gianluca Morozzi, mentre il sapiente barista Marino Doland saprà ispirare i vostri gusti alcoolici. E per l'occasione copie del libro scontate! Si possono chiamare noir, thriller, gialli, e sono anni che invadono le nostre librerie, ci emozionano, ci spaventano, ci fanno rimanere incollati alla sedia finché il caso non viene risolto dall'eroe o eroina di turno. Ma cosa succederebbe se il protagonista fosse un detective privato che sembra uscito da un romanzo di Chandler, un uomo chiamato Flip Barrow, anacronistico nel modo di vestire, pasticcione e allucinato, che sembra vivere in un mondo inventato da lui? La storia di Un caso difficile parte da questi presupposti per offrire una parodia del genere noir, ma è anche un libro comico dove situazioni assurde e divertentissime si susseguono una con l'altra, mentre l'investigazione procede in una Bologna caotica e perfetta come sfondo per sparatorie e inseguimenti. Il motore dell'azione è un classico caso da detective. Al novellino e imbranato Jacob Stein, la voce narrante del libro, viene affidato un compito che potrebbe portare alla sua agenzia investigativa (sull'orlo della rovina economica) un mucchio di soldi. Il vecchio signor Barussi-Moncaglia, uno degli uomini più ricchi della città, lo incarica infatti di investigare la fuga da casa della “giovane” figlia (ultrasessantenne), sedotta da un uomo più giovane e convinta a darsi alla macchia, e di ritrovare un prezioso cimelio familiare, orribile a vedersi ma con gran valore sentimentale, che la figlia, nella sua “fuga d'amore” ha trafugato dalla collezione del padre. Quello che Jacob Stein non sa e che non solo dovrà convivere con il suo “socio forzato”, Flip Barrow, che senza che nessuno glielo chieda prende Jacob sotto la sua ala protettrice per insegnarli “a essere un vero uomo”, ma anche che almeno due organizzazioni criminali sono interessate alla signorina Barussi-Moncaglia e al cimelio, e non avranno esitazioni a sparare per avere ciò che vogliono. Fra una sparatoria e una fuga (più fughe che sparatorie), i due protagonisti dovranno setacciare la città, alla ricerca di indizi per ritrovare la giovane (più o meno). Ad aiutarli entreranno in gioco vari personaggi, soprattutto il lunatico Victor Spencer, ex- marine con problemi a distinguere la realtà dalla fantasia, e la bella e misteriosa Nadia. Ma nemici spietati- come l'enigmatico Marchisi, elegante ed efferato, che sembra sempre conoscere le loro mosse, o Richard Vicente, capo psicopatico e violento di una gang di criminaS
  10. Titian

    È meglio la trama seria o la trama comica?

    Ciao a tutti. Mentre scrivevo la fuga iniziale del protagonista del mio nuovo romanzo, visto che sarebbe pure il seguito di un'idea vecchia... (non sto qui a parlarne perché altrimenti andrei per le lunghe), ho scritto una frase da far dire al protagonista in maniera quasi comica. Da questo punto di vista, mi è venuto un dubbio talmente grande da rovinarmi l'intero romanzo. Il dubbio nasce dal fatto che il protagonista del romanzo (Già detto in un'altra discussione) ha il potere del fuoco. Quindi, ho dedotto che non sopporta l'acqua. Mi sono immaginato il protagonista che sputa l'acqua mentre sta al bar e dice alla protagonista che non la vuole perché è fredda. Allora inizia a ridere con lei, ma la protagonista principale è una poliziotta. Siccome la trama è questa: Un uomo fa un sogno premonitore in cui un uomo (un caro amico di un demone, lui ancora non lo sa) muore. Allora fa l'incontro di due poliziotti tra cui la protagonista dove lui è sospettato di omicidio. Lui si ribella minacciandoli con una pistola per via di una faccenda del suo passato, ma per colpa di un mal di testa improvviso, viene arrestato e portato via. Riesce a parlare con il demone che gli restituisce i poteri e così il protagonista è costretto a fuggire per capire perché è sospettato di omicidio e cosa c'entra il suo amico demone con l'uomo morto. Da qui in poi deve scoprire cosa si cela dietro. Stavo pensando di metterci anche dell'autoironia con inseguimenti, altrimenti l'alternativa era quella del protagonista che conosce la poliziotta in cui si scoprono pian piano i loro segreti e a causa di qualche indagine si uniscono per investigare sempre con uno o due inseguimenti di quelli comici. Purtroppo, non capisco quale trama sia la migliore ovvero fare qualcosa simile alla "Cani sciolti" oppure fare qualcosa alla "Faster". Adesso sono a un punto cieco. Se avete qualche consiglio al riguardo, vorrei averlo. Così almeno saprò muovermi. Grazie per le risposte.
  11. Buonasera a tutti, spero che qualcuno di voi mi possa aiutare a trovare la giusta casa editrice per le opere che ho scritto. Avrei bisogno di una casa editrice seria, non a pagamento, che legga e valuti 4 opere diverse. Ovviamente, per ciascuna opera vorrei che in base alle vostre esperienze mi consigliate una lista di case editrici che potenzialmente abbraccino la linea editoriale adatta al mio libro. 1 - Il primo libro si chiama MyndiBop, ed è un romanzo fantasy autobiografico, che parla essenzialmente di una storia sentimentale vissuta da un paziente affetto da disturbo bipolare. Che case editrici potrebbero fare al caso mio? (Va detto che purtroppo per me l'ho già pubblicato con la BookSprint, che sebbene abbia trattato la mia opera con cortesia e gentilezza, è sempre una casa editrice che non investe particolarmente sui propri autori, ed è una specie di self-publishing, con le dovute differenze. Il problema è che la versione che ho pubblicato non è stata corretta bene dal sottoscritto, ed ora che l'ho aggiustata, prima di aggiornarla vorrebbero che acquistassi tutte le copie in magazzino, con una spesa moderatamente lauta. Valuterei quindi, visto che ho sempre io il copyright d'autore la possibilità di ripubblicarlo con un'altra Vera casa editrice.) 2 - Altri due libri sono essenzialmente una raccolta di racconti fiabeschi, alcuni di loro più simili a lunghe poesie romanzate in prosa. Una è proprio una raccolta di fiabe diverse, chiamata Past Imperfect. I temi sono soprattutto legati alla nostalgia per l'infanzia e per quel mondo di sogni inespresso e rimasto sigillato e irrealizzato nella vita adulta. L'altro libro si chiama Farina di Stelle - Affen 87, ed è anch'esso una raccolta di fiabe, ma in un unico tema: le stelle. A ciascuna stella presa in esame è dedicata una fiaba: la fiaba di quella stella. Ho raggruppato Past Imperfect e Farina di Stelle in un unico consiglio editoriale, visto che si somigliano come tipologia di opera. Che case editrici mi consigliereste per questi due libri? 3 - L'ultimo libro è invece una raccolta di racconti o composizioni letterarie del genere umoristico, di tipo nonsense, assurdo e paradossale, chiamato Flusso di Ciliegie. Per intenderci simile ai libri di Frassica, come Il Libro di Sani Gesualdi. Ma credo sia anche più assurdo di quello. Mi viene ovviamente in mente la Longanesi, ma per adesso non hanno ancora risposto ad un racconto scelto che ho inviato. Che alternative editoriali consigliereste? Vi ringrazio anticipatamente perché brancolo davvero nel buio e non mi so orientare nella giungla dell'editoria. Se c'è un portale online dove si possono pubblicare alcuni brani vi prego di consigliarmelo. Perché naturalmente sarei felice di condividere i miei scritti con voi o comunque con altre persone. Aspetto d'altra parte dei consigli editoriali per ciascuna delle tre tipologie che vi ho elencato. Preferirei che fossero case editrici che intanto non cestinino a priori l'opera di un esordiente, che valorizzino l'autore e che siano in grado di pubblicizzare e diffondere almeno un minimo. Grazie ancora in anticipo. Tullietto.
  12. stefia

    Santi Numi

    Commento «Cos’è, una nuova ginnastica?» Lara scavalca le gambe della coinquilina prona a terra e, chiudendosi la porta della camera alle spalle, si dirige all’angolo cottura per l’indispensabile caffè del mattino. «No, stavo solo cercando di vedere se... non importa» risponde la donna rimettendosi in piedi. «Senti, Paola, non vorrei affrontare ancora la questione “piatti non lavati”…» «Eppure lo farai, vero? Sì, sì, poi li lavo. Sarà tutto in ordine per quando tornerai.» risponde Paola affettando sottili spicchi di mela che lascia cadere in un piattino. Cercando di non schizzasi, Lara recupera e sciacqua una tazzina dal lavello ancora pieno delle stoviglie della sera precedente e si prepara un espresso. L’aroma tostato che si spande in umide volute fumose le infonde un po’ di buon umore e così , sgranocchiando un biscotto, rivolge la sua attenzione alla donna nella stanza con lei. «Perché la tagli così sottile, quella mela?» «Per il Nume Tutelare.» «Ah. Questa è nuova. Ti sei già stancata degli Hare Krishna? Non è neanche un anno che ti ci sei affiliata.» «Bella battuta.» ridacchia Paola. «E Tu? Come mai così elegante?» «Ti piace?» domanda Lara togliendo un invisibile pelucco dalla gonna nera lunga fino al ginocchio. «Sembri molto professionale, anche se quel tacco dodici mi sembra un po’ eccessivo. Hai un colloquio?» «Sì, alle nove. È una grossa ditta in centro. Essere assunta sarebbe una svolta e potrei finalmente apportare tanti cambiamenti alla mia vita.» Paola smette di tagliare la mela e si volta a guardarla. «Il primo dei quali sarebbe il mio trasloco, vero?» Lara si stringe nelle spalle con un mezzo sorriso. «Quando hai accettato lo sapevi che si trattava una situazione temporanea. Attenta, ti è caduta una fettina di mela vicino al frigorifero.» «Sì lo so» risponde mentre, con il piede, la spinge in prossimità della fessura tra il grosso elettrodomestico e il pavimento. «Te l’ho detto che è per il Nume tutelare, no?» «Lungi da me criticare le credenze religiose di chicchessia, ma se la spingi sotto al frigo, dopo dobbiamo spostarlo per toglierla o marcirà e puzzerà.» La donna si avvicina per raccogliere il pezzetto di mela, quando qualcosa lo afferra facendolo sparire nell’ombra. Lara, gridando per la sorpresa, fa un salto all’indietro e perde l’equilibrio rompendo di netto un tacco. «Ma no!» grida sfilandosi la scarpa per controllare il danno. «Ma guarda qua, porca miseria. È un disastro. E adesso come faccio?» «Te l’avevo detto che non sono scarpe da lavoro: ti saresti uccisa cercando di camminare sui sanpietrini.» «Piantala di fare la scema, Paola. Questo è un guaio grosso! E poi si può sapere cosa c’è sotto al frigo?» «Credo che Polly abbia portato dentro un toporagno.» risponde Paola, scuotendo noncurante le spalle. «Un toporagno? E cosa diavolo è un toporagno?» grida innervosita. «Non lo sai?» domanda Paola lasciando cadere a terra un altro pezzettino di mela. «A parte che mi auguro che non sia un incrocio OGM delle due bestie che più mi fanno schifo al mondo, no, non lo so cos’è un toporagno e ti assicuro che vivevo benissimo senza saperlo. Gradirei però sapere come ci è finito, sotto al mio frigo.» «Te l’ho detto: deve averlo portato Polly, anche se, quando stanotte l’ho fatta rientrare dalla finestra, non mi è sembrato che avesse qualcosa in bocca. Comunque non ti preoccupare: non è un incrocio OGM, come dici tu. Somiglia a un topo ma non è proprio un topo. Ha il naso più lungo e si nutre di insetti.» «E tu gli stai dando pezzi di mela perché….?» «Sarà spaventato e affamato, povera bestia: ha passato tutta notte in questo ambiente ostile senza mangiare e bere. Al momento non ho niente di più adatto per lui, dato che sono vegetariana, stranamente, però sembra apprezzare; hai visto?» risponde Paola con un sorriso quando anche il secondo pezzetto di mela viene trascinato sotto al frigorifero. Lara, incredula, osserva la scena a bocca aperta e con le scarpe in mano. «Ma cosa ridi?» grida alla coinquilina. «Tu stai nutrendo un topo in casa mia e io ho un colloquio tra 40 minuti e sono senza scarpe. Acchiappa quella bestia prima del mio ritorno o tu e Polly leverete le tende.» «Comprerò una trappola: è piccolo e veloce e non riuscirò mai a prenderlo da sola. Non è che mi daresti una mano?» «Assolutamente no! Per evitare il traffico mattutino devo essere fuori di qui al massimo tra dieci minuti e devo ancora risolvere il problema delle scarpe. Fatti aiutare da Polly, piuttosto. Dove si è cacciata quella bestiaccia?» «È da un po’ che non la vedo, ma intanto perché non infili la scopa sotto al frigo e la agiti un po’? Così lo spaventi e quando esce lo catturo con questa lattina vuota.» «Se pensi che io mi stenda a terra con l’abito nuovo, sei completamente fuori di testa. Io vado in camera a cercare delle scarpe per il mio colloquio e tu pensa a sbarazzarti di quella bestia. Tuo il gatto, tuo il topo.» Lara torna in camera, si richiude rapidamente la porta alle spalle e si precipita alla scarpiera. Una rapida analisi del parco calzature le permette di optare per un più morigerato tacco sette che aveva quasi dimenticato di avere. Quando siede sul letto per indossare le scarpe, però, un odore fastidioso le aggredisce le narici. Non sembra aria viziata; è un odore più penetrante che non capisce da dove provenga. La porta vibra, scossa da un colpo e una minuscola figurina scura sguscia dentro la camera oscurando per un attimo la luce che filtra dalla fessura. «Non sono riuscita a fermarlo, Lara, è entrato in camera tua» la voce di Paola, dall’altra parte, annuncia l’ovvio mentre la donna, con un urlo, salta in piedi sul letto con tutte le scarpe. «Cosa fai ancora lì fuori? Vieni dentro a prendere quella bestiaccia.» Mentre Paola entra in camera, dall’ombra sopra l’armadio, una figura smilza si lascia cadere a terra con grazia felina e si infila sotto al letto per stanare la preda. «Polly!» grida Lara «Ecco dov’era finita. Quante volte devo dirti che devi tenerla fuori dalla mia camera?» «E piantala! Sarà entrata quando sei venuta a fare colazione, no?» «È tardissimo, devo andare al colloquio e sono bloccata qui in camera, ostaggio di un topo.» «Non fare la lagna, che non ti fa niente; vai pure al lavoro tranquilla che qui ci pensiamo noi.» Mentre Paola, pancia a terra, scandaglia con una torcia lo spazio sotto al letto per individuare l’intruso, la grossa gatta decide che per una volta può lasciare il divertimento della caccia alla sua padrona e sale sul letto lanciando a Lara un’occhiata di sfida. La donna si scosta dalla grossa gatta temendo di trovarsi gli abiti ricoperti di pelo e chiede, innervosita: «Allora, l’hai preso?». «Macchè: chissà dove si è nascosto. Io vado a comprare la trappola; tu vai al colloquio o farai tardi.» «Diavolo, è tardi davvero: mi beccherò tutto il traffico mattutino. Accidenti a te, Polly.» La gatta risponde sbadigliando e acciambellandosi sul letto. Lara afferra la giacca ripiegata sulla poltroncina, la borsetta posata a terra e si ferma. «Ma cos’è?» «Cos’è cosa?» domanda Paola tornando in cucina. «Il manico è bagnato e…. ma è pipì.» grida «La tua stupida gatta ha fatto pipì sulla mia borsa di pelle nuova!» «Forse ha sentito l’odore di un altro animale e ha voluto marcare il territorio, però le femmine di solito non lo fanno; mi sembra strano.» «Ah, ti sembra strano? Annusa qua. Ho la borsetta che puzza di pipì e sono in ritardo per il colloquio più importante della mia vita. Al diavolo te e la gatta. E adesso come faccio? Non ho altre borse che si abbinino al vestito.» «Dai qui che te la pulisco con una spugnetta» dice Paola allungando la mano per prendere la borsa. «Stai scherzando, spero. È in pelle scamosciata e la tua gatta ci ha pisciato sopra. Guarda, si vede l’alone umido. Cosa vuoi fare con una spugnetta? Ormai l’ha assorbito; non posso mica andare in giro spandendo miasmi puzzolenti.» «Spruzzaci sopra un po’ di profumo, allora, così mascheri l’odore» «Perfetto. Così avrò una borsetta che puzza di Chanel n.5 andato a male. Piantala di dire idiozie. Certe volte mi chiedo se ‘ci sei o ci fai’.» «Oh però anche te, a volte sei capa tosta. Ti ho dato mille soluzioni e non te ne va bene una. Arrangiati, allora.» «E certo che mi arrangio! Non posso fare altro se non arrangiarmi da sola, come sempre. Maledetto il giorno che ti ho fatto entrare nella mia vita.» le grida tornando in camera a passo di carica. Apre l’armadio facendo sbattere le ante e butta sul letto le borsette in modo da avere una visione d’insieme della situazione. Una di queste colpisce la gatta addormentata, prima di cadere a terra. «E tu vattene, stupida gatta! È tutta colpa tua, lo sai?» Lara recupera anche la borsetta dal pavimento ed osserva la varietà di accessori tra cui scegliere. «Sono le otto e mezza!» grida Paola dal soggiorno. «Io esco, ci vediamo stasera.» «Sì, sì, e quando torni comincia pure a impacchettare la tua roba: per la fine della settimana voglio te e la tua gatta fuori dai piedi.» «Ne parliamo stasera, quando ti sarai calmata.» risponde Paola uscendo di casa. «C’è poco da calmarsi» borbotta Lara tra sé, una volta rimasta sola. «È proprio vero che la necessità crea strani compagni di letto. Guarda qui, sono tutta sudata, stropicciata e in disordine. Va bene, dai, prendiamo questa e andiamo.» La gatta, infastidita dal trambusto, osserva Lara prendere la grossa borsa scura che l’aveva colpita e travasarvi alla rinfusa documenti e oggetti dalla vecchia borsetta. Ad operazione finita la gatta scende dal letto e le si struscia sulle gambe. «Vattene! Ci manca solo che mi smagli le calze e mi riempi di peli.» Come se volesse stiracchiarsi, la gatta si rizza sulle zampe posteriori e allunga quelle anteriori, artigli sfoderati, verso la borsetta che la donna porta al fianco. «Vattene, Polly! Vuoi rovinare anche questa? Ce l’hai con me, oggi? Cosa ti ho fatto di male? Se arrivo tardi è un macello: l’intervistatrice è uno squalo che non ammette imperfezioni e anche un curriculum di tutto rispetto, spesso, non basta. Vai, via e lasciami stare, accidenti a te.» La gatta tenta un’ultima volta di allungarsi per afferrare il toporagno che ha visto spuntare per un istante dall’interno della borsetta, ma Lara l’allontana, chiude la zip della borsa ed esce di casa. Peccato, però: Polly avrebbe giocato volentieri con l’umana ad acchiappare il topo, ma lei, egoisticamente, se l’è portato via per giocarci da sola.
  13. Fabio Castrignano

    C'è ancora da sorridere

    Titolo: C’è ancora da sorridere – Pillole di battute e considerazioni sull’attualità Autore: Fabio Castrignano ISBN: 9788829510962 Autopubblicazione: Streetlib Data di pubblicazione (o di uscita): ottobre 2018 Prezzo (vers. cartacea): € 14.99 Genere: Umorismo, satira Pagine: 200 Quarta di copertina: "In una società dove tutto passa veloce, diventa difficile riflettere su quello che succede intorno a noi; in questo contesto, riderci sopra può aiutare ad affrontare i momenti difficili, ma può anche essere utile per pensare ed elaborare su quanto accaduto. Questo libro vuole essere una raccolta di tanti di questi momenti di riflessione coniugati in chiave satirica, che spesso è il miglior linguaggio con cui esprimere a pieno le sfaccettature e le contraddizioni del mondo in cui viviamo. Probabilmente la raccolta di battute più completa dopo la Costituzione!" Blog: https://angoloacuto.blog Link all'acquisto: Streetlib, IBS, Amazon.
  14. CaraCara

    Romanzo FantaSì

    Link a Romanzo FantaSì Lo aggiorno mediamente ogni sabato, ogni post è un capitolo o un frammento dello stesso che porta avanti una storia, ho inserito anche un articolo sulla narrativa anche se, tendenzialmente, questo genere di post saranno molto limitati
  15. https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40253-come-gli-uccelli-parte-2/?do=findComment&comment=711597 Quarta e ultima parte di questo horror scandinavo per stomaci forti in 30.000 caratteri. Link alle parti precedenti: - prima parte - seconda parte - terza parte *** Chiudo la zip ed entro nella stuga, lento. Il pavimento scricchiola, l'ingresso dà su una grande cucina. C'è puzzo di casa vecchia, tappezzeria a fiori, ci sono piatti e posate. Un grande tavolo di legno scuro, in mezzo. La luce è bassa, le sedie spaiate. Nel centro del tavolo, la spaghettiera. Ylva e la madre chiacchierano, sedute, ridono. Non capisco nulla, di quello che dicono. Suzanne mi nota. «Hej», fa, con un gran sorriso. La guardo in faccia, annuisco tra me e me. Ora le faccio vedere io a quella, penso. «Ehi», rispondo sedendomi al tavolo, accanto alla mia fidanzata. Non la guardo: mi fisso sulla spaghettiera e cerco di non pensare a null'altro. Per Ylva, mi dico, per Ylva, svuotando il recipiente a mestolate. Le donne si sono già servite - alla maniera svedese, paese in cui non si aspetta necessariamente l'arrivo dei commensali per iniziare il pasto. È una fortuna: la mia parte stava sotto, là dove c'è meno salsa. «Oh!», fa Suzanne, «Aspetta Andrea, qui sotto poco ketchup, io mescolato male... Aspetta aggiungo pochino.» «Sì», rispondo io spingendo avanti il piatto. Il ketchup esce dalla bottiglia scoreggiando, casca a formare orrendi cordoni rossi sulla mia pasta. «Ecco qui», fa la donna con un largo sorriso sincero. «Grazie.» Devo buttarmi subito, mi dico. Ingoiare tutto prima che il mio cervello capisca davvero quello che sto facendo. Pianto la forchetta nel piatto e tiro su un pezzettone di massa rossastra e informe. Non sembra nemmeno più pasta: quelli che un tempo erano spaghetti si sono uniti assieme durante la lunghissima cottura, le ore di riposo e il riscaldamento finale, saldandosi in una specie di osceno puré. Me lo ficco in bocca: ingoiare e basta, mi dico, questo è il mio obiettivo. Dalla forchetta alla gola, senza sfiorare altro: fortunatamente il cibo è talmente stracotto che non c'è bisogno di masticare. Una, due, tre forchettate vanno giù, una dopo l'altra. Mi sono dimenticato di respirare, mi manca il fiato, appoggio la forchetta sul tavolo. La mia bocca è tutta impastata col gusto acre del condimento; la mia lingua trova un pezzo di spaghetto, tra i denti e la gengiva, e per un attimo mi sento perduto: come un malefico verme inacidito, quell'inconfondibile rimasuglio di pasta col ketchup fa salire un formicolio familiare, in fondo alla gola. I conati sono lì dietro, sento, stanno per partire. Ylva e Suzanne non parlano più, da quando ho iniziato a mangiare. Mi osservano perplesse, in silenzio, ma non me ne curo, mi concentro sull'obiettivo: tenere dentro quello che ho buttato giù, evitare di vomitare. Stringo le mani forte attorno alle posate, inspiro, espiro, cerco di pensare a mamma. Il formicolio aumenta, all'improvviso mi sento perduto. «Un po' d'acqua?», chiede Ylva porgendomi il bicchiere. Non rispondo nemmeno, lo afferro e bevo, trangugio tutto. Quando sento finalmente che riesco a controllarmi, ricomincio a mangiare. Per Ylva, mi dico, per Ylva. Una, due, tre forchettate. Le conto, mentre vanno giù. Quattro, cinque, sei. Mi fermo a riprendere fiato. Sette, otto, nove forchettate. Veloce, sempre più veloce. Il piatto si sta svuotando, noto. Ancora uno sforzo... Per Ylva, per Ylva! Dieci, undici, dodici: dritto in bocca e giù nello stomaco. Alla fine allontano il piatto e lascio cascare la forchetta sul tavolo, quasi ipnotizzato dal recipiente vuoto: ce l'ho fatta? Davvero? Non riesco a crederci. «Ah beh!», fa Suzanne, tutta contenta, «Allora Ylva proprio ragione che tu ti piace pasta con ketchup!» Mi volto verso Ylva ma la sua sedia è vuota, mi sorprende dal lato opposto: arriva portando una monumentale zuppiera con coperchio, la posa in mezzo al tavolo, torna a sedersi accanto a me. «Mamma», dice, «ho una cosa da annunciarti: quando torniamo a Torino, io e Andrea andiamo a vivere assieme.» Io mi volto a guardarla. «Eh?» Lei mi prende la mano, intreccia le dita con le mie. «Andrea», inizia, «Ti devo dire una cosa: lo so quanto la pasta col ketchup ti fa schifo e...» Io la guardo, confuso. «...e per questo ho chiesto a mamma di cucinartela. Le ho detto che era il tuo piatto preferito!» Posa la mano sul coperchio della zuppiera, si ferma per una pausa a effetto; poi lo alza, liberando nell'aria un celestiale profumo di carne col sugo. «...e che lo stufato di alce al vino rosso e funghi finferli poteva tenerlo in frigo per domani», conclude con un sorriso entusiasta, che sembra andarle da un orecchio all'altro. «Nämen... Ylva!», fa Suzanne, incredula nel sentire le parole della figlia. Io la osservo a bocca aperta. «Che... cosa?!», dico a fatica. «Era tutta una prova!», risponde lei entusiasta. «Per me è importante sapere quanto ci tieni a me, prima di fare un passo grande come quello di prendere casa assieme!» Io non so che rispondere. «Ma... Ma... Ma...», balbetto. Tutto, ho ingoiato, per lei. Ho rotto e calpestato le mie convinzioni più profonde, per lei; ho rischiato di vomitare in faccia a sua madre. L'ho fatto, per lei. Non si fa, così! «...Ma io sono una persona, cazzo!», urlo alzandomi in piedi e battendomi una mano sul petto. Ylva quasi casca all'indietro. «Oddio, Andrea», dice, persa, aggrappandosi al tavolo. Le punto un dito in faccia, cerco di dirle qualcosa di orribile ma la furia che provo è troppa, per essere espressa a parole. Eppure la rabbia uno sfogo lo esige, e fermarla è assolutamente, totalmente impossibile: accecato dal furore afferro la zuppiera e la rovescio su Ylva, la cui testa, come in un folle e insensato teatro slapstick per bambini, viene letteralmente inghiottita dall'enorme recipiente. «Herregud!», urla Suzanne con occhi allucinati. Io barcollo all'indietro, sbatto contro il frigorifero facendo cascare un magnete, guardo come ipnotizzato la mia fidanzata con la testa nella zuppiera - osceno copricapo in porcellana che le nasconde la testa intera. Si alza in piedi, muove il capo, le braccia, sembra confusa, emette strani suoni, fa cascare la sedia, forse non capisce. Io inspiro, espiro attraverso narici tremanti. Suzanne, in piedi accanto alla finestra, si aggrappa alla tenda. La noto solo con la visione periferica, evito di spostare gli occhi su di lei. Meno cose vedo, in quella stanza, meglio è. Perché so che, qualunque cosa veda, non la dimenticherò mai. Quando Ylva si toglie il recipiente di dosso, alzandolo per i manici e sfilandolo a fatica, il grosso dello stufato di alce le casca in testa come un'enorme cagata di mucca. Dopo, la ragazza che conoscevo non c'è più. Ylva non è più bionda, la sua pelle non è più chiara, i suoi vestiti sono irriconoscibili: al posto della mia fidanzata c'è un grottesco mostro di sugo marrone, pezzi di carne e funghi finferli. Solo, in mezzo a quell'orrore, due occhi azzurri mi fissano con un'espressione che non riesco a sopportare: troppe emozioni mescolate, ci sono, là dentro. Ylva me l'ha fatta grossa; io gliel'ho fatta grossa. «A... Andrea?», dice. Lascio la stuga indietreggiando nell'ombra, scendo al pontile, afferro cellulare e portafogli tra i denti, mi tuffo nel mare e mi allontano da quell'isola maledetta nuotando disperato verso la terraferma ormai nera - anche in Svezia, evidentemente, prima o poi la notte arriva. Scappo da Snarö, da Ylva, da Suzanne, da quel pasto d'inferno e soprattutto, prima di tutto, dai fantasmi di quello che ho fatto. Bracciata dopo bracciata, a denti stretti, cercando di non pensare a nulla. Ogni tanto, nella vita, due persone normali vanno fuori di testa e si fanno cose dalle quali non si può più tornare indietro. Cosa succederà, ora, non lo so proprio. *** Nota a fondo pagina: Per chi fosse interessato, la zuppiera in testa a Ylva è un occhiolino a Emil, personaggio di Astrid Lindgren, il quale, in una famosissima scena, infila, appunto, la testa in una zuppiera per poi rimanerci incastrato. Visti gli interessi teatral-letterari di Ylva, mi pareva giusto che subisse una punizione "in tema" per le sue azioni. Grazie per la lettura!
  16. gmela

    La pasta col ketchup [3/4]

    https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40266-in-ricordo-dei-futuri-capelli-perduti-13/?do=findComment&comment=711155 Link alla prima parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40249-la-pasta-col-ketchup-14/ Link alla seconda parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40261-la-pasta-col-ketchup-24/ *** * Quando arriviamo al capolinea sono le nove e mezza e il sole sta per tramontare, ci colpisce di taglio negli occhi mentre scendiamo lungo il sentierino che porta al pontile. Ylva è di buon umore, si mette a correre. «Mamma!», urla forte, saltando su e giù e sbracciandosi come una pazza. A trecento metri di distanza, dall'altra parte del mare, sua madre, sagomina rossa ai piedi del bosco, alza un braccio in aria. «Ylva!», la sua voce arriva da lontano. Io mi sistemo accanto alla mia fidanzata, alzo anch'io una mano in un gesto di saluto. Vorrei partecipare al suo entusiasmo, ma è davvero difficile, se penso alle cose terribili che ho promesso di fare. Sul bus non riuscivo proprio a far conversazione e alla fine abbiamo passato il tempo giocando a Travel Cluedo. «Vi kommer!», grida Ylva, aprendo il lucchetto a combinazione che attacca la barca a un palo - mi ha spiegato, una volta, che anche in un posto disabitato come questo potrebbe sempre passare un ladro di natanti con la barca grande. Saliamo a bordo: lei davanti, io dietro. Raccoglie due lunghi remi da terra. «Fai tu o faccio io?», chiede. «Come vuoi», rispondo. «Varsågod», conclude lei porgendomi i remi. Vuol dire "prego". Partiamo, lasciamo la terraferma procedendo sull'acqua scura verso l'isola di Snarö, in compagnia dell'ombra smisurata che lasciamo sul mare calmo. I remi entrano in acqua con un "plop, plop" regolare, altri rumori non si sentono. Davanti a me ci sono gli zaini e il cactus che ho portato in regalo a Suzanne dall'Italia. Ylva, appassionata di canzoncine per bambini, canticchia uno dei suoi classici appollaiata di sbieco sulla prua: «Hej-oh, hej-oh-oh», fa, con voce profonda, «...härliga liv på böljan blå...» La conosco - è l'inno dei pirati, la canzone che le gira sempre in testa: di solito mi piace, sentirla cantare, ma ora sono troppo impegnato a cercare di andare dritto. Terminiamo la traversata, Ylva salta sul pontile, madre e figlia si abbracciano mentre io mi distraggo un attimo e vado alla deriva. Mi tirano indietro con la corda, chiudono la barca col lucchetto. Suzanne si fa avanti, «Andrea!», dice venendomi incontro a braccia aperte, tendendomi una mano per aiutarmi a sbarcare, «Benvenuto a Snarö!» «Grazie», rispondo io, porgendole il mio cactus-regalo. Si vede che la donna sprizza felicità da ogni poro, ha un sorriso enorme. Dal vivo sembra la versione più vecchia e più brutta di sua figlia. Ci carichiamo gli zaini in spalla e ci incamminiamo su per un sentiero piuttosto largo, quasi una stradina. In mezzo a me e Ylva, Suzanne ci passa un braccio attorno alla vita. «Ah, come sono contenta che sei qui!», mi dice. «Ylva sempre parla di tu. Andrea qui Andrea lì... Oh Andrea, io tanto tanto contenta!» «Anch'io», rispondo, anche se non posso evitare di pensare a ciò che quelle mani, che ora mi toccano, hanno cucinato. «Ehi mamma guarda che ci sono anch'io eh!», fa Ylva. «Ja men jag vet, älskling», ribatte sua madre baciandola sul collo; Ylva lancia un urletto scappando all'indietro, le viene la pelle d'oca, le due ridono e scherzano in una lingua di cui non capisco niente. Io metto semplicemente un piede davanti all'altro, salgo lungo il sentiero con gli occhi per terra. La stuga è in cima a una collinetta: una casetta vecchia, rosso vinaccia; un tavolo blu e quattro sedie di legno sono abbandonate distrattamente in mezzo al giardino, dove l'erba avrebbe bisogno di una sforbiciata. Ci sono un melo e un pero, lamponi e ortiche che crescono assieme, ai bordi del prato, cespugli di uva spina, un'enorme quercia alla quale è appeso un asse di legno a fare da altalena. Ylva butta lo zaino a terra, si siede sull'asse con un «Ah!» soddisfatto e finisce la bottiglia di Gatorade che abbiamo condiviso sul bus. «Ohi,» dice Suzanne, «che tardi! Voi sicuro avete tanta fame. Ylva, mostra toilette a Andrea, prima che fa buio, io vado veloce a scaldare pasta con ketchup.» Appoggio i bagagli al muro, guardo la donna sparire in casa. Alle mie spalle Ylva dondola avanti e indietro, piano, il sole ormai se ne è andato. Tutto è più silenzioso, senza Suzanne. So che dovrei dire qualcosa ma non ci riesco: è troppo difficile, specialmente col rumore di pentole che proviene ora dall'interno della stuga. «Questo è un posto molto speciale per me sai, Andrea?», dice Ylva piano, «Tanti ricordi...» «È bello», rispondo, ed è vero: non sto mentendo, si vede che c'è qualcosa di speciale in questo luogo, ha un fascino quasi irreale. In altri momenti sarei sicuramente stregato dalla sua bellezza selvatica, ma la verità è che ora non riesco a pensarci. Di sicuro Ylva lo capisce - non sono affatto un attore bravo come lei - ma per fortuna non infierisce, rispetta il mio stato d'animo e modera il suo entusiasmo per aggiustarlo al mio umore. È una qualità piuttosto rara, credo, tra le ragazze, e le sono infinitamente grato per questo. Salta giù dalla sua altalena. «Dai, ti faccio vedere l'isola», dice. Mi porta dietro alla casa: c'è la pompa dell'acqua, la rimessa per la legna da ardere e uno stanzino in legno con un buco a forma di cuore sulla porta. È il cesso. «Per lavarsi si scende al mare», spiega, poi apre la porta dello stanzino: dentro c'è un buco che dà su un enorme barile semisotterrato, un rotolo di carta igienica sull'asse in legno dipinto, al muro foglie d'alloro secche e un vecchio albero genealogico della casa reale svedese a fare atmosfera. Ylva infila una pala in un secchio e tira su una palata di polvere bianca. «Se hai bisogno di pisciare falla nei cespugli; se devi cagare, quando hai finito, butta la calce nel buco.» «Ok.» Poi mi prende per mano. «Vieni,» dice, «voglio mostrarti una cosa.» La seguo, ci inoltriamo nel bosco. Lei si china a raccogliere qualcosa, io calpesto un fungo velenoso. «Lingon», spiega, passandomi una piantina dalla quale pendono grappoli di bacche rosse. Ne assaggio una, è aspra e amarognola. Ci facciamo strada in mezzo agli alberi, non so come faccia Ylva a orientarsi. Dopo un po' ci sono rocce, saliamo, ci aiutiamo con le mani. In cima c'è muschio, il vento soffia e si vede tutta l'isola: un cerchio allungato su un lato, in mezzo al mare - forse quattrocento metri di diametro, nulla più. A nord c'è la stuga di Ylva, a sud-est e sud-ovest altre due casette. «Ecco, questa è Snarö», dice Ylva, allargando le braccia a croce coi capelli nel vento. «E quelle case laggiù?», chiedo io. «Sono i vicini. Ma uno sta vendendo casa, l'altro ha un tumore. Ci siamo solo noi.» Io non rispondo, guardo verso l'orizzonte. Se da un lato la terraferma è vicina, dall'altro c'è solo mare. E la Finlandia, suppongo, qualche centinaio di chilometri più ad est. Ylva guarda le nuvole, in alto. «Il tempo sta cambiando», dice piano. Una campana lontana si mette a suonare. «Don... Don... Don...» Pausa. «Don... Don... Don...» È l'unico rumore nell'aria e sembra provenire da un altro mondo, mette ansia. «Cos'è?», chiedo. «La cena è pronta», risponde Ylva, puntando il braccio verso la stuga. Piccola sagoma scura in piedi davanti a casa, Suzanne agita su e giù una catena, facendo suonare una pesante campana che pende da un gancio sul muro. Ripartiamo in silenzio, non c'è più nulla da dire. Quando arriviamo alla stuga blocco Ylva per la spalla. «Vado a pisciare e arrivo», le dico sulla soglia, guardandola negli occhi. Lei annuisce, entra in casa lanciandomi un ultimo sguardo difficile da interpretare. Forse è empatia, forse altro, non so. Mentre la faccio nei cespugli penso a quello che sto per mangiare e non mi pare vero. Mi fa male la pancia, non so se avrò la forza di andare fino in fondo a questa storia, avrei voglia di andarmene da qui: ora che sta iniziando seriamente a scurire, sembra quasi ci sia qualcosa di sbagliato, nell'aria - un dramma sospeso, come se stesse per succedere qualcosa di terribile. Poi penso a Ylva. Oh, Ylva... Devo farlo, mi dico, devo. Per lei. Mi ha portato fin qui, non posso deluderla. Anche se non ce lo diciamo mai, la verità è che la amo. Devo.
  17. gmela

    La pasta col ketchup [2/4]

    https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40254-il-fratellino-di-orchidea-capitolo-ii-parte-12/?do=findComment&comment=710780 Link alla prima parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40249-la-pasta-col-ketchup-14/ *** La pasta col ketchup è argomento spinoso, tra noi. A Ylva il buon cibo piace, quando la porto al paese divora tutto ciò che mamma cucina con un appetito invidiabile. Ma tardi la sera, nel suo appartamentino studentesco in condivisione, una, due, magari tre volte a settimana, mangia la pasta col ketchup. Pasta stracotta, dritta dal pentolino. Spaghetti collosi, attaccati assieme, bolliti troppo a lungo, in troppo poca acqua, con troppo poco sale. Apre la porta del frigo e spruzza il ketchup su quella schifezza, si siede davanti al computer, accende Netflix e mangia, tirando su tutto col forchettone grande. Taglia la pasta a pezzettoni e se li ficca in bocca, uno dopo l'altro. Come una donna malata, non riesce a trattenersi. Come una persona che sembra normale, ma che nasconde un vizio; come il padre di famiglia che, tardi la sera, esce per andare dalla vecchia prostituta obesa che batte giù vicino alla stazione: è brutta, è grassa, è piena di malattie e ha una voce orribile, ma gli dà quel nonsoché marcio e dolciastro a cui non riesce a rinunciare. Abbiamo provato a parlarne, io e Ylva, ma non è mai andata a finir bene. «Ma come fai a mangiare quella roba?», le chiedo esasperato ogni tanto. Sono una persona impulsiva, a volte non riesco proprio a trattenermi. Coi piedi sul tavolo, Ylva mi risponde con la bocca piena, alza la forchetta in aria con gesto di sfida. «Non rompere! Se ti fa schifo levati!» Io mi allontano, vado in un'altra stanza. Mi sdraio sul letto e guardo nervosamente il cellulare finché Ylva non ha finito. Non riesco a concentrarmi, apro Wikipedia e navigo a casaccio. Quando lei arriva sulla porta, con una macchiolina rossa al lato della bocca, ha l'espressione seria, quasi di sfida, di chi sa di aver fatto qualcosa di brutto e malato, qualcosa che disapprovo ma sulla quale non ammette discussioni. Facciamo l'amore, ma c'è tensione. Evitiamo l'argomento. Sappiamo, entrambi. Facciamo finta di nulla. Fino alla prossima volta. Ora, qui sull'autobus rosso che si muove tranquillo in mezzo alla campagna, Ylva mi guarda con gli stessi occhi seri, la stessa espressione di sfida. Non parla, così tocca a me farlo. «In che senso...», chiedo lento. «Cos'è che ha fatto... tua mamma?» Ylva allarga le braccia. «Ha fatto la pasta col ketchup, Andrea. Tutto qui.» «Ma io non la voglio!», rispondo d'istinto. Si vede che Ylva non apprezza, stringe la bocca. Mi affretto a spiegarmi. «Scusa davvero, Ylva, ma guarda che non è un problema se tua mamma ha fatto la pasta col ketchup! Non ho bisogno di mangiare, seriamente. Non ho mica tanta fame. Håkan arriva domani, no?» Ylva annuisce lentamente. «E allora se tua mamma oggi non ha nient'altro da mangiare sull'isola non fa niente! Abbiamo i biscotti... e... e... Posso mangiare quel pane là, quel coso secco che mangiate voi, come si chiama? Il cacchebrod!» «Knäckebröd.» «Eh, quell'affare ce l'ha tua mamma, no? Ma guarda che anche se non ce l'ha non fa mica niente, eh! Mica muoio di fame per un giorno a digiuno!» Ylva incrocia le braccia, sento la tempesta che si prepara. Lei, così dolce, sa essere dura, a volte. Mi sento mancare. «Per piacere Ylva, inventa una scusa...», dico con voce lacrimevole. Stringo gli occhi. «Non ce la faccio, davvero!» «...Fa troppo schifo», mormoro piano, guardandola con occhi imploranti. Lei non si muove. «Dille che sono malato...» «...qualcosa...» «...per piacere...» «Hai finito?», chiede Ylva. Capisco che mi devo spiegare meglio, o saranno guai. Nascondo la testa tra le mani, mi chino in avanti per mostrarle quanto sono contrito. «Ylva lo so che tua mamma è gentilissima, e di sicuro si è impegnata al massimo e ha fatto il meglio che ha potuto e poverina è intrappolata su un'isola senza niente di niente, e che vuoi che faccia in fondo, povera donna? Ma ho paura di vomitare, davvero! Quando sento l'odore di quella roba che ti cucini tu mi vengono proprio su i conati, capisci? Sento la gola che pizzica, giù in fondo, e me ne devo andare.» «Pfff», fa lei. «È proprio una cosa fisiologica!», le spiego in fretta, in preda al panico, «L'odore di quell'affare zuccheroso sulla pasta appiccicata assieme...» Scuoto la testa, non riesco nemmeno a descriverlo. «...Non ce la faccio», concludo con una lacrimuccia di disperazione che mi scende giù dal lato dell'occhio. Ho un'idea, scatto entusiasta in avanti. «Ylva, Ylva, dì a tua mamma di non condirla per me, la pasta la mangio in bianco! Ok? In bianco va benissimo! Anche senza olio, senza burro, senza formaggio, senza niente di niente va benissimo!» Ylva scuote la testa lenta. «L'ha già condita», dice semplicemente. «Ma come l'ha già condita?», chiedo sconvolto. «Siamo ancora lontanissimi, non avrà mica già cucinato tutto, no? No?» Gli occhi di Ylva mi dicono che è così. «Cioè, la mangiamo pure fredda, la pasta?!» Lei mi fa una smorfietta di scherno. «La riscalda quando arriviamo, no?», risponde con una vocina sarcastica. «Al microonde?» Ylva sbuffa. «La rimette nella pentola, accende il fuoco e ce la scalda», spiega mimando irritata ogni gesto. Non ce la faccio più a sostenere lo sguardo della mia fidanzata, mi volto verso il vetro. La Svezia continua a scorrere fuori dal finestrino, come se nulla fosse. Come si fa? Come si fa? Ylva prende il cellulare in mano. «Ok», dice. Mi volto. «Che fai?» Lei sospira. «Che vuoi che faccia Andrea? Chiamo mamma.» Le poso una mano sul polso, la costringo ad abbassare il telefono. Lei si sistema un ciuffo di capelli ribelle dietro l'orecchio, mi guarda. «Ylva, sta andando tutto troppo veloce, non capisco più niente!» «Mmmhhh», fa lei sarcastica, irritata e poco convinta. Io mi mordo il labbro. Non posso fare lo stronzo con sua madre, la prima volta che la vedo; d'altro canto non posso mangiare la pasta col ketchup. Purtroppo sono due cose assolutamente incompatibili: mi viene da piangere. Ylva mi guarda seria. «Lascia che ti spieghi io come stanno le cose, Andrea: quando si va a casa d'altri bisogna fare dei piccoli sacrifici, non si può avere sempre tutto come lo si vuole, giusto? Giusto o no?» Io non riesco proprio a risponderle. «Mia mamma è su un'isola, sola, senza barca. Håkan ha la borrelia e la febbre alta, il motore non parte, il meccanico è in ferie. La gente ha problemi ogni tanto, Andrea, problemi veri. Mamma è tutta eccitata e contenta perché mi rivede dopo sei mesi e perché ti incontra per la prima volta. Si sente una merda perché non ti ha potuto cucinare nulla di ché. Aveva solo pasta e ketchup sull'isola, ha fatto del suo meglio per preparare comunque qualcosa, per te. Ha telefonato e mi ha chiesto, tutta inquieta, se andava bene lo stesso. E le ho detto di sì, di non preoccuparsi, poveraccia.» Osservo la mia fidanzata sconsolato. «Ora, se tu vuoi non c'é nessun problema, le telefono e le dico che no, che in realtà la pasta col ketchup alla finfine non va bene, che non è evidentemente un piatto all'altezza del nostro ospite. Sappi che non accetterà mai di lasciarti a digiuno. Così, quando arriviamo, lei prende la barca, rema, torna a riva, si fa mezz'ora di bus fino a Norrtälje, mezz'ora al ritorno, torna a mezzanotte, poi ti prepara quello che preferisci. Salmone? Puré? Risotto ai funghi? Cosa gradiresti mangiare stasera, eh? Eh?» Ylva allarga le braccia. «E con questo ho detto tutto, poi fai pure come vuoi», annuncia infine, aprendo Online Risiko sul cellulare. Io mi giro contro il vetro e mi metto a piagnucolare in silenzio.
  18. gmela

    La pasta col ketchup [1/4]

    https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40140-la-rabbia-capitolo-1/?do=findComment&comment=710549 In onore di Halloween, ecco qui la prima parte di un horror scandinavo per stomaci forti (detto ironicamente, ma solo fino a un certo punto) - 30.000 caratteri in tutto *** E così, dopo averne sentito tanto parlare, sono in Svezia! Questo penso, guardando scorrere il paesaggio attraverso il finestrino dell'autobus, mentre procediamo lenti lungo una stretta e sinuosa stradina di campagna. Ylva, accanto a me, è al telefono con la madre, e ovviamente non capisco un cavolo di quello che dice. Non che me ne curi: da quando ho messo i piedi a terra, nel piccolo aeroporto di Skavsta, questo paese non smette di stupirmi. Tutto è uguale, identico, a come la mia fidanzata me l'ha descritto: ci sono i boschi - le gigantesche foreste di conifere delle fiabe nordiche; ci sono i laghi che luccicano al sole e le penisole labirintiche che si insinuano tortuose tra le centinaia - migliaia - di isolette che punteggiano questo angolo di costa sul mar Baltico; ci sono i cartelli "pericolo alci" a bordo strada, le casette rosse in mezzo ai prati, il cielo immenso, le nuvolette bianche e le bandiere gialloazzurre che sventolano decise nell'aria luminosa dell'estate. Gli autobus camminano tranquilli, portando la gente verso le case di campagna - stugor, le chiama Ylva - dove tutti, a quanto pare, passano l'estate. Famiglie numerose, bimbetti piccoli su enormi passeggini: biondi, tutti o quasi. Thermos di caffè, banane, canne da pesca, torte panna e fragola, odore di cannella. Ci sono le "A" col pallino, sui cartelli stradali: proprio come all'Ikea. È un mondo alieno, rispetto a quello che conosco. Eppure, qui sono: Andrea, ventidue anni, studente fuori sede al Politecnico di Torino, nato e cresciuto in un paesino del basso Piemonte senza infamia né lode. Con fidanzata svedese: Ylva, appunto, in Italia per l'Erasmus. Bellina, simpatica. Bionda, ovviamente. Sveglia - anche troppo, a volte - sempre entusiasta. Appassionata di giochi da tavolo e di recitazione, due cose delle quali, prima di conoscerla, sapevo ben poco. In Svezia faceva parte di una troupe teatrale che mette in scena spettacoli per bambini ispirati ai libri di Astrid Lindgren; il suo ruolo preferito - ama spiegarmi: la piratessa sanguinaria in "Pippi Calzelunghe contro i pirati". Tra alti e bassi, le cose vanno piuttosto bene tra noi: siamo diversi, ma siamo compatibili. Io la porto al cinema, lei a passeggiare in angoli di città dove non avrei mai messo piede: alla Falchera, periferia profonda, un sabato mattina, per uno spettacolo teatrale del quale ha sentito parlare bene - penso che mi romperò le balle, e invece poi mi diverto. Io la sfido a vecchi videogiochi Nintendo, lei mi porta a pescare al lago di Meugliano. Prendiamo una trota, torniamo a casa col pesce in mano, sul tram tutti ci guardano storto; la cuciniamo assieme, poi mi distrugge a Monopoli e la batto a Scarabeo: a quest'ultimo vinco sempre - fino a prova contraria, l'italiano lo conosco meglio di lei - ma Ylva tiene conto dei punti. «Ahah, prima o poi ti acchiappo!», annuncia soddisfatta, vedendo che il mio margine di vittoria si assottiglia al filo dei mesi. Un giorno mi sveglio: «Andiamo al mare!», dice lei. Corriamo alla stazione del Lingotto, tre ore dopo siamo in Liguria. Ci tuffiamo, la notte torniamo a casa con l'ultimo treno e ci addormentiamo sul vagone ascoltando canzoni italiane anni novanta al cellulare. Ogni tanto litighiamo, ma quella non è certo una storiella senza futuro - né per me, né per lei: teniamo l'uno all'altra e ci supportiamo a vicenda. Quando Ylva ha traslocato, l'ho aiutata io ad attraversare la città con i mobili in spalla; quando il mio gatto è morto, Ylva c'era. Preso dall'entusiasmo, dopo che Martin è tornato ad Amburgo le ho chiesto se volesse trasferirsi da me, ma subito me ne sono pentito. Ha storto la bocca, distolto lo sguardo: non era pronta. Pazienza, mi sono detto: non c'è fretta. Prima o poi, magari. In realtà a breve Oğuz tornerà ad Ankara, e un posto per lei, a casa mia, ci sarebbe di nuovo... Ma ora non voglio pensarci, preferisco godermi la vacanza. Viaggiare con Ylva è divertente; per il momento ce la siamo cavata bene e non abbiamo ancora bisticciato, nonostante diversi problemi organizzativi: il convivente di sua mamma avrebbe dovuto incontrarci all'aeroporto ma è stato punto da una zecca e si è preso una brutta malattia - inconveniente tipico in Svezia, spiega Ylva. Ha dovuto lasciare la minuscola isoletta sulla quale si trova la stuga di famiglia e andare dal dottore, in città, dove è stato però bloccato da un guasto meccanico alla barca. Dopo ore di bus, quindi, io e Ylva dovremo raggiungere l'isoletta di Snarö in barca a remi. Onestamente mi sembra una cosa piuttosto stramba, ma Ylva ne parla come se fosse il piano più normale del mondo. A me, italiano in un mondo esotico, non resta che credere in lei e godermi quel viaggio. Le stranezze mi sono sempre piaciute, in fondo; anzi, probabilmente questo è ciò che più mi ha attirato verso Ylva, quando l'ho incontrata la prima volta, giocando a briscola a casa di amici comuni. Gli altri vedevano in lei il fascino della ragazza scandinava, sognavano la conquista della bella straniera per vantarsi con gli amici; io ci ho visto, più che altro, la possibilità di conoscere un nuovo mondo e una nuova cultura. Per questo, credo, alla fine ha scelto di stare con me, nonostante non sia certo un modello di bellezza, o di cool, all'italiana: le ho parlato come si parla a una persona normale, e a forza di parlare - sorpresa sopresa - abbiamo scoperto che ci piacciamo. A volte, suppongo, succede. Intreccio le dita con le sue, mi sento gasatissimo. Penso a Max, Alex e tutti gli altri, in spiaggia a Riccione in mezzo a migliaia di persone praticamente uguali a loro. Di sicuro parlano della Juve, dell'abbonamento Sky. Io, invece, sto per raggiungere una casa di campagna in barca a remi. Su un'isola, dove ci sono solo tre casette di legno, dove l'acqua si pompa - a mano - da un pozzo e la cacca si fa in un barile. Questa sera Max e Alex mangeranno la solita pizza; io, invece, chissà quali nuove esperienze vivrò! Appoggio la testa sulla spalla di Ylva e guardo fuori, lei mi passa distrattamente la mano nei capelli. Gliela prendo, la bacio e la rimetto dov'era: sono praticamente in paradiso. Quando Ylva finisce la conversazione, schiocca le dita davanti ai miei occhi. «Mmhh?», faccio io, ancora assorto nei miei pensieri. «Allora, ti piace la Svezia?», chiede lei, vagamente divertita. «Sembri in trance.» «Guarda,» rispondo, «com'è in inverno non lo so, ma d'estate qui è fighissimo! Cioè, mi spieghi chi te l'ha fatto fare a te, di andare a studiare a Torino?» Lei fa una risatina. «Senti Andrea,» dice poi, seria. «hai capito questa storia che mamma è sola sull'isola?» Io annuisco. A sua madre, Suzanne, ho già parlato brevemente su Skype, per cui non mi sento particolarmente impaurito dall'idea di incontrarla per la prima volta: sembrava una signora alla buona, anche lei parlava italiano. Malino, ma lo parlava. «Sì?», faccio io. «...E quindi ha qualche problema di organizzazione. Per la cena.» Io scaccio le sue ansie con un gesto «Ah, non preoccuparti per quello!» «Andrea,» taglia corto Ylva, «mi spiace ma mamma ha fatto la pasta col ketchup.» Sbianco, mi alzo sul sedile. «Eh?», esclamo. Ylva storce la bocca, la mia reazione evidentemente la irrita. Non l'ho fatto apposta, mi è scappato. La pasta col ketchup è argomento spinoso, tra noi.
  19. stefia

    L'amore ai tempi dell'internet

    Commento 1 Commento2 «Dai, su racconta, Gina.» «Cosa ti devo raccontare?» «Ma di quell’internet lì, quello a cui parli. Cosa ti ha detto di nuovo?» Una panchina del parco, esposta in pieno sole, è il posto perfetto per fare due chiacchiere in un pomeriggio d’ottobre. Le due vecchie amiche, sedute vicine, sono state educate in modo da pensare che fosse “riprovevole” rimanere con le mani in mano e così le chiacchiere accompagnano un incessante e automatico movimento delle mani: Paola sferruzza l’ennesimo maglione per il nipote e Gina sta completando un lavoro all’uncinetto. «Ma non parlo con l’internet, Paola» ride la donna «lo uso per parlare con altre persone come fai te col telefono.» «Va bene, va bene, non stare a fare la pignola. E chi è che hai chiamato con l’internet?» «Non ho chiamato nessuno: sono andata su una chat dove ci sono tante persone e ho parlato un po’ con uno e un po’ con l’altro.» «Una chat? E cos’è una chat!» «È come una piazza. Fai finta che sono andata in piazza Garibaldi il giorno del mercato e ho chiacchierato un po’ con tutti.» «E con chi hai parlato, in piazza Garibaldi? C’era l’Alice? Mi deve ancora ridare la teglia che le ho prestato, quella là! Le hai detto della mia teglia, all’Alice?» «Ma cosa c’entra l’Alice. è solo un esempio. Nella chat non c’era l’Alice ma tante persone di tutt’Italia. Ultimamente, però, parlo soprattutto con Ugo.» Paola annuisce lentamente, in silenzio, fissando l’amica da sopra gli occhiali. «Ugo chi?» Indaga. «Non lo so. Uno.» «Ma è uno di Borghetto?» «Ma non lo so, Paola, non me l’ha mica detto. E poi Ugo potrebbe anche essere un nome finto.» La donna abbandona i ferri in grembo e fissa l’amica. «Ugo è un bagolone? Tu parli coi bagoloni?» «Ma mi ascolti o no? Ti ho detto che non lo conosco. In chat usiamo tutti dei nomi finti per non farci riconoscere. Io, ad esempio, ho detto che mi chiamo Deborah. Con l’acca. Così si pensano che sono una sofisticata, una di città.» Paola rimugina l’informazione e ritorna al suo lavoro esalando un «Mah!» perplesso. «E comunque, Ugo, mi sembra una brava persona. Ha due figli e due nipoti grandi, tutti maschi. Era dirigente d’azienda e adesso vive bene con una buona pensione.» «E tu ci credi?» «Perché dovrebbe contare delle storie? Cosa ci guadagna a imbrogliarmi?» «Ah io non lo so: ma non c’è mica da fidarsi di uno che non ti dice neanche il suo vero nome.» «Ma è normale, te l’ho detto. Facciamo tutti così. Te non lo capisci, l’internet, Paola.» «No, no ci hai ragione, non capisco proprio. Non ha mica senso questa roba qua. Il mio Evaristo, buonanima, non mi ha mai mentito sul suo nome.» L’amica ridacchia «Cos’altro ti ha raccontato questo Ugo?» «Sua moglie è morta tanti anni fa e non si è mai risposato.» «E te l’ha detto quanti anni ha?» «Non lo so ma credo che siamo più o meno coetanei» «Ci stai facendo un pensiero su questo qui eh? Vuoi tradire il povero Egidio?» «Ma se il mio Egidio, buon’anima, è morto dieci anni fa.» «Tradisci la sua memoria. Io non lo tradisco il mio Evaristo.» «Guarda che il prete, quando ci ha sposato, ha detto “finché morte non vi separi”.» «Vabbé, vabbé. Comunque, se proprio dovete farlo, prima, almeno, sposatevi in chiesa.» «Ma te sei matta. Nessuno sta parlando di sposarsi. Stiamo solo chattando.» «Cos’è che fate? È così che si dice, adesso? » domanda saettando occhiate intorno, a verificare che nessun orecchio indiscreto abbia sentito.«L’hai confessato al prete?» Chiede poi, sottovoce. «Ma cosa hai capito? È il linguaggio moderno. Io e te adesso stiamo chiacchierando, ma se lo facciamo sull’internet, allora stiamo chattando.» «Ma pensa te. Va bene, chatta ma fatti sposare in chiesa così ognuno tiene la sua pensione e le sue cose, i figli non litigano per l’eredità e davanti a Dio non siete in peccato.» «E va bene» cede la donna «ci sposeremo in chiesa.» «Ah l’avete già deciso, allora? E Quando?» «Ma come, quando? Ti ho detto che stiamo solo chiacchierando. Sei tu che continui a parlare di matrimonio.» Gina termina il lavoro, ne controlla la fattura, lo ripone con cura nella borsa e si appresta a cominciarne uno nuovo. «Guarda che quel centrino lì è troppo piccolo. Non ci sta niente, sopra.» «È una bomboniera. Sto facendo le bomboniere per la Laura che si sposa il mese prossimo.» «Si sposa in chiesa?» «Ma sì, in chiesa.» sbuffa Gina «Accidenti che beghina che sei.» «Non è che io sono beghina: è Lui che ci guarda» risponde indicando il cielo con un dito ossuto. Osserva l’amica e aggiunge sottovoce: «E ti vede anche attraverso l’internet, stai attenta … E quindi non si sa nient’altro di questo signore qua, questo Ugo?» «Abita nel nord Italia, in una città vicino a un lago.» «Allora non è di qui, di Borghetto? Secondo me ti ha contato una balla e stai chattando con Giovanni, il macellaio.» «Giovanni? e perché proprio Giovanni?» «Perché il corriere gli ha consegnato un pacco il mese scorso e l’ho sentito parlare del nuovo computer che stava aspettando. E poi guarda che mi sono accorta che quando andiamo a fare la spesa lui ti da sempre la carne fresca presa dal frigo e non quella del banco.» «Ma piantala di dire sciocchezze. Giovanni ha quarant’anni. Figurati se perde tempo dietro a me.» «A te questo Ugo ti piace, eh?» «è proprio gentile: quando ci troviamo in chat mi manda sempre dei fiori. Sono fiori finti, roba elettronica, ma sono disegnati bene e prima di andare a dormire mi manda il disegno di una faccina col bacino della buona notte. Ha studiato da avvocato, legge molto e scrive proprio bene.» Gina ridacchia, avvicina la testa all’amica e, abbassando il tono della voce, si confida: «Ieri sera mi ha detto che era geloso di Morfeo perché mi avrebbe tenuto tra le braccia tutta la notte.» L’amica si agita e, infilzando nervosamente l’aria con un ferro da maglia, grida: «E adesso chi è ‘sto Morfeo? Ci hai una tresca con due uomini? Ah se lo sapesse il povero Egidio! Ti sei confessata con Don Sergio?» «Ma cosa dici? Morfeo è il dio del sonno. Ma non ci sei andata a scuola?» «Ma cosa vuoi che sappia io chi è Morfeo! Sei te che tiri in ballo tutti questi uomini dai nomi finti.» «Ugo ha detto anche che da quando è in pensione ha viaggiato poco, ma che gli piacerebbe ricominciare in compagnia della persona giusta.» «A te è sempre piaciuto viaggiare.» «Eh già. Con Egidio abbiamo visto tanti posti, ma poi la malattia…» sospira crollando il capo. «Mi sa che hai trovato un buon partito, Gina: ha i soldi, sta bene di salute e vuole viaggiare.» «Stai cambiando idea? E il povero Evaristo?» «Chi muore giace, e chi vive si dà pace. Dicevano così, i miei vecchi.» Continuano a lavorare in silenzio finché una giovane donna, flessuosa come un giunco e con lunghi capelli biondi le raggiunge con passo leggero e, dopo essersi seduta in mezzo a loro, le bacia sulle guance. «Ciao, nonna, ciao Paola.» «Ma chi è questa bella ragazza?» «È mia nipote, la figlia della Luigia» dice Gina accarezzandole il viso. «Dì un po’, ma ce l’hai il ragazzo?» domanda Paola stringendole le mani. «Guarda che lei è la Laura e si sposa il mese prossimo. Le sto facendo le bomboniere.» le ricorda l’amica agitandole il lavoro all’uncinetto davanti al naso. «C’è mio nipote, il Filippo che non ha l’amorosa» continua Paola, imperterrita. «È un bravo ragazzo, eh? Ci ha un buon lavoro, ha studiato e non ha grilli per la testa.» Laura annuisce fingendo interesse mentre sua nonna cerca di distrarre l’amica. «Paola, smettila: la Laura è promessa!» «Ma taci, te! Cosa vuoi saperne! Non è ancora sposata, no? Può sempre cambiare idea. Non fa mica peccato, se cambia idea.» L’anziana toglie dalla borsetta un voluminoso portafogli e ne estrae la fototessera gualcita di un quindicenne grassoccio e brufoloso. «La foto è un po’ vecchia, adesso Filippo va per i trenta, ma è ancora bello così» afferma allungando il talloncino alla ragazza, che lo guarda con un sorriso. «Sì, è carino, si vede che è una brava persona.» dice restituendolo all’anziana. «Ti piace, eh? Te lo presento. Vieni a casa mia che te lo faccio conoscere.» «E smettila, Paola.» Gina le schiaffeggia una mano. «Te l’ho detto che è promessa. Laura, falle vedere l’anello» ordina alla nipote. «Filippo se ne troverà un'altra!» Davanti all’ostentazione dell’anello l’anziana si arrende e, dopo aver riposto con cura il cimelio, riprende in silenzio il suo lavoro a maglia. «Nonna, ma tu come stai? Va tutto bene?» «Ma sì tesoro, grazie. I preparativi a che punto sono?» «Vanno avanti. È faticoso organizzare tutto, ma oggi Ugo viene a prendermi e andiamo insieme a scegliere i fiori.» «Ugo. Ma guarda te che coincidenza. Anche il tuo si chiama Ugo.» esclama Paola con un sorriso. «In che senso?» Chiede Laura. «Chi è che si chiama Ugo?» «Il galante di tua nonna» risponde Paola guardando l’amica da sopra gli occhiali. «Nonna!» Esclama Laura con un sorriso «hai il galante?» «Ma stai zitta, te!» risponde innervosita Gina, lanciando un’occhiataccia all’amica. «Non ho nessun galante, io. È solo una persona che ho conosciuto.» «E dove l’hai conosciuto? Al circolo?» «Magari! No, no, tua nonna l’ha conosciuto sull’internet. E poi non sa neanche se Ugo è il suo vero nome. Sull’internet sono tutti dei bagoloni come tua nonna che si fa chiamare Debora. Con l’acca.» «Ma è vero, nonna? Chatti con degli sconosciuti?» «Faccio solo nuove conoscenze. Al circolo sono tutti vecchi rimbambiti come lei» dice indicando l’amica. «Ha parlato quella giovane» risponde, piccata, l’altra. «Stai attenta nonna, mi raccomando. Non è sicuro chattare con sconosciuti.» «Tesoro non ti preoccupare. Cosa vuoi che mi succeda? Lo faccio solo per passare un po’ il tempo. Abbiamo tanti interessi in comune.» «Lavora l’uncinetto anche lui?» ride l’amica. «Siamo due persone anziane, amiamo leggere e viaggiare. Parliamo di libri e dei posti che abbiamo visitato.» spiega Gina, ignorandola. «Bene, sono contenta che tu abbia compagnia ma stai attenta, mi raccomando.» «Ma sì, ma sì! Guarda: ho quasi finito le tue bomboniere. Me ne mancano solo una ventina.» aprì la borsa per farle ammirare il prodotto del suo lavoro. «Grazie nonna. Sei un tesoro. Domani vado a provare l’abito. Ti passo a prendere?» «Ma certo cara. Non mancherei per niente al mondo.» «Ah finalmente! Guarda, nonna, sta arrivando Ugo.» Un giovanotto allampanato, intento a chiacchierare con un signore anziano che cammina al suo fianco, la saluta con un sorriso. «Chi è quel tipo con Ugo?» domanda Paola strizzando gli occhi dietro le spesse lenti «Non è di qui.» «è suo nonno. La famiglia di Ugo è originaria di Lecco e lui vive ancora là. è arrivato stamattina e si fermerà fino al matrimonio, ovviamente.» I due uomini arrivano vicino alla panchina e, con la galanteria dei tempi andati, l’anziano stringe la mano alle due donne con un inchino appena accennato. «Piacere, Ugo» si presenta. «Un altro? Ma quanti Ugo ci sono a questo mondo? Finiscono tutti qua?» sbotta Paola. «Mi scusi?» domanda l’anziano sbattendo le palpebre confuso. «Non le badi. È solo una vecchia rimbambita.» spiega Gina. «Lei, per caso, è mica amico del Morfeo?» indaga ancora Paola. L’uomo si raddrizza, la fissa attentamente e poi le chiede: «Deborah?» Gina si porta le mani al viso a bocca aperta e Paola è talmente sbigottita che non riesce nemmeno a rispondere. «Che sta succedendo?» chiede il ragazzo di Laura, frastornato. «Pare che tuo nonno sia il galante di mia nonna.» risponde la giovane, ridendo. «Non è il mio galante» «Non è la mio galante» rispondo in coro i due anziani; poi si guardano e si sorridono. «Allora sei tu Deborah» dice lui alitando l’ultima vocale. «Veramente mi chiamo Gina» risponde lei arrossendo. «È molto più bello di Debora.» commenta lui. Rimangono a fissarsi negli occhi fino a che Paola, spazientita, sbotta: «Voi due, finitela di comportarvi da piccioncini che non ci avete più l’età’.» «A dire il vero, abbiamo appena cominciato» risponde l’anziano porgendo il braccio a Gina per aiutarla ad alzarsi. «Vorrei offrirti un mazzo di fiori veri, freschi e inebrianti come te. Me lo permetti?» Gina, confusa ed emozionata, non riesce nemmeno a spiccicare parola, ma annuisce vigorosamente, infila l’uncinetto e la matassa di cotone nella borsa, alla rinfusa e si alza sorreggendosi al braccio dell’uomo. «Ci vediamo, Paola.» dice distrattamente all’amica, con lo sguardo ancora perso negli occhi di lui. L’eterogeneo gruppetto si allontana verso l’uscita del parco e Paola, rimasta sola, afferra il telefonino con i bottoni grossi che ha nella borsetta, e digita un numero. «Pronto? Filippo? Ma te lo sai come si fa ad andare sull’internet?»
  20. Ambra...

    Butterfly

    Nome: Butterfly Edizioni Generi trattati: romanzi d’amore (no erotici), romanzi contemporanei, romantic suspense, chick lit, umoristici e drammatici, young adult, new adult, thriller Modalità di invio manoscritti: https://butterflyedizioni.wordpress.com/about/ Distribuzione: https://butterflyedizioni.wordpress.com/distribuzione/ Sito: https://butterflyedizioni.wordpress.com/ Facebook: https://it-it.facebook.com/edizionibutterfly/ Dal sito: Accettiamo Opere di non oltre 650.000 battute spazi compresi. TEMPI DI VALUTAZIONE: da 1 a 4 mesi circa, rispondiamo anche in caso di esito negativo. La pubblicazione è gratuita e l’autore è sostenuto realmente nella promozione del proprio libro! I libri più amati dai lettori avranno anche la possibilità di finire all'estero. ------------------------------------------------------------------------- Esperienze con questa casa editrice? Mi pare che propongano l'ebook e il cartaceo solo dopo la vendita di un certo numero di copie..
  21. Torba

    Polmoni

    [Rimosso su richiesta dell'autore]
  22. https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40058-il-criminale-66/?do=findComment&comment=706757 Settima e ultima parte (da leggere con la precedente, c'è un dialogo spezzato nel mezzo) Link alla prima parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40004-strawberry-point-17/ Link alla seconda parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40014-strawberry-point-27/ Link alla terza parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40026-strawberry-point-37/ Link alla quarta parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40044-strawberry-point-47/ Link alla quinta parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40052-strawberry-point-57/ Link alla sesta parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40063-strawberry-point-67/ *** «Giri l'America, eh?», fa lei. Jimmy annuisce. «Sì, senza entrare nei dettagli, diciamo che a casa le cose andavano male, ma proprio male male... Stavo andando fuori di testa, in quel posto.» Wendy annuisce, seria. «E così hai lasciato tutto e te ne sei andato?» «Sì.» «È stata dura, prendere la decisione?» Jimmy sospira. «Un giorno ho fatto un incubo stranissimo, in cui scoprivo di essere il protagonista di un libro scritto da un pazzo psicopatico.» Wendy ride. «Ah!» «Poi mi sono svegliato nel cuore della notte e sono uscito nei campi. Abbiamo una fattoria.» «Ok...» «Mi sono seduto in mezzo alle pannocchie e mi sono messo a pensare.» Jimmy beve un sorso di cioccolata. «Era proprio un sogno strano,» spiega, «vivissimo... Per un attimo, ho quasi pensato fosse vero.» Wendy annuisce. «Quando tutto va male,» dice, lanciando un'occhiata verso il soffitto, «mi sa che è normale pensare che c'è qualcuno, lassù, che ce l'ha con te.» «Già», fa Jimmy, «Suppongo sia proprio così.» Wendy scuote la testa. «E poi cos'è successo?» «E poi mi son detto: "Jimmy, ragazzo mio, hai diciassette anni e la tua vita è uno scherzo... Ridicolo per ridicolo, tanto vale buttarsi, no?"» Wendy appoggia l'indice contro la superficie del tavolo. «Capisco cosa intendi.» Jimmy alza le spalle. «E poi niente, sono partito, così com'ero, a piedi nudi. Ho iniziato a camminare, dritto davanti a me, senza nemmeno guardarmi indietro. Ho camminato tutta la notte, ho attraversato due contee. Ero sicuro che sarei morto, sicuro sicuro. All'alba sono arrivato all'interstatale e mi sono seduto sul bordo della strada a guardare le macchine.» «E poi?», chiede Wendy, osservando il ragazzo con quei suoi occhioni da topolino sveglio. Jimmy scuote la testa. «E poi, invece di investirmi mi hanno offerto un passaggio. Ho accettato, anche se ero sicuro che mi avrebbero portato da qualche parte per derubarmi, o violentarmi, o farmi chissà che altro. E invece...» «E invece?» «...E invece ho scoperto che, una volta lasciato Crapton, il mondo non è poi così perdutamente malato. È un anno che giro: ho incontrato diverse personacce, ma anche moltissima gente per bene», conclude Jimmy. Scuote la testa: «Non so che cavolo c'era, nell'aria di quel posto...» Si beve un bel sorso di cioccolata. «Tu piuttosto?», chiede a Wendy. «Come te la passi, a Strawberry Point, Iowa?» «Pfff...», fa lei. «Mamma è scappata a Las Vegas col primo californiano che è passato di qui - un tizio che si era perso per strada - papà passa tutto il giorno in mutande a inveire contro la TV e io mi spacco la schiena dalla mattina alla sera in questo diner di merda, per quattro dollari l'ora più mance, sperando contro ogni logica che un giorno riesca magicamente a mettere assieme abbastanza soldi per andarmene da qui...» «...il che è praticamente matematicamente impossibile», aggiunge, «Dulcis in fundo: sono allergica alle fragole, ne basta una piccola a coprirmi di orticaria.» «Ohi», fa Jimmy mordendosi il labbro. «Salute», conclude Wendy alzando la tazza di cioccolata in alto, come in un brindisi, per poi bersene una bella golata. In quel momento alla radio parte un'intensa intro di piano. Wendy abbatte la mano su quella di Jimmy. «Hey, la conosci questa canzone, sì?», chiede con occhi luccicanti. «Sì,» risponde Jimmy, «papà l'ascoltava sempre.» La ragazza si alza in fretta e aumenta il volume. «Just a small town girl... Livin' in a lonely world...», canta, accompagnando la radio con la sua voce squillante, un po' stonata forse, ma piena di passione. Jimmy si unisce a lei, strappandole un sorriso: «...She took the midnight train...», concludono entrambi, cantando all'unisono, «...going anywhere...», e scoppiano a ridere. «Mannaggia Jimmy, io e te si dovrebbe scappare a Broadway... Guarda che diventiamo famosi!» Jimmy ride, la faccia tra le mani: «Seh, come no?», fa, divertito. «Wendy, abbassa quella robaccia!», grida Frank forte, dal suo tavolo in fondo, «Stanno per estrarre i numeri in TV e non sento un cazzo.» Wendy sbuffa: «Ok, ok...», risponde, poco amichevole, riabbassando il volume. «...rompicoglioni», aggiunge sottovoce tornando a sedersi di fronte a Jimmy. «Quant'è odioso, quant'è odioooso...», si sfoga a bassa voce, «Muovesse un po' il culo, invece di pensare sempre alle sue lotterie! C'è questo jackpot incredibile alla lotteria dei Midwest Megamillions, è da un mese che non pensa ad altro. Questo posto sta andando in malora e tocca fare tutto a me.» Jimmy le risponde con una smorfietta di compatimento e Wendy si beve un altro bel sorso di cioccolata. Poi si mette a filosofeggiare: «Guarda, ti concedo che questa canzone è solo rock merdoso anni ottanta, e che va bene al massimo come colonna sonora in un film hollywoodiano di quarta serie, come sfondo musicale per due giovinastri rimbambiti che scappano di casa correndo via mano nella mano, ma...» Jimmy la invita a concludere: «Ma?» «...Ma in realtà mi fa tanto venir voglia di andarmene. Vorrei avere lo stesso coraggio che hai avuto tu: lasciare tutto e via, senza un dollaro in tasca. Partire senza pensarci su: una nuova vita. Ciao Frank, ciao papà...» «Ciao fragole...», aggiunge Jimmy. «Esatto!», risponde Wendy, battendo il pugno sul tavolo. «Ciao trailer di terza mano in cui ho avuto il dispiacere di crescere... Ciao Strawberry High... Ciao Kimberley, stronzetta insopportabile che da quando hai fatto la reginetta al ballo dell'homecoming non ti degni neanche più di salutare...» «Ciao Kimberley», concorda Jimmy con aria grave. Bevono entrambi; poi Jimmy guarda fuori, e, per un secondo, gli sembra quasi che il fragolone in vetroresina stia cercando di dirgli qualcosa. «Ehi,» chiede, posando gli occhi su Wendy, «li vendono ancora i biglietti dei Megamillions?» «Mmmhhh...», risponde lei, passandosi la mano sul mento, «Credo proprio di sì, da quanto ne so si possono fare fino all'ultimo, basta che siano registrati al computer prima dell'estrazione. Perché?» Jimmy alza le spalle. «Boh, oggi mi sento ottimista!», fa con un sorriso, alzandosi in piedi e finendo in fretta la sua cioccolata. Wendy ride. «Ma sì dai, proviamo!», dice, alzandosi e buttando giù anche lei i resti della bevanda. Lancia un'occhiata all'orologio: «Mi sa che dobbiamo correre però. Li vendono alla stazione di servizio, giù all'ingresso del paese.» «E se vinciamo?», chiede Jimmy. «Partiamo!» «Mmmhhh... E se perdiamo?» «Partiamo lo stesso!», fa lei, stringendo i pugni eccitata. Jimmy abbatte la tazza vuota sul tavolo. «Dai!», dice. «Wendy, i cinque minuti sono finiti», annuncia Frank dal fondo della sala, asciutto, morsicando l'ennesima ciambella. «Tempo di tornare al pavimento», aggiunge, con la bocca piena, «Forza.» Jimmy lo indica col pollice. «E con quello come facciamo?» «Con quello?», fa Wendy, con aria decisa, rimboccandosi le maniche della blusa. «Adesso ti faccio vedere io, come facciamo con quello», dice, andando dritta verso il moccio, «Ti faccio vedere io!» Come una minuta lanciatrice del peso, si carica il recipiente dell'acqua sporca sulla spalla, prende la rincorsa e lo rovescia in testa all'uomo, facendolo cascare - bagnato come un pulcino - a gambe all'aria sul pavimento. «Oddio...», blatera lui confuso, rotolandosi a occhi chiusi in mezzo a un lago di acqua grigiastra. «Addio Frank!», gli urla Wendy gioiosa, buttandogli in faccia il grembiule, «Trovati un'altra schiava, stronzo maledetto!» Poi Jimmy si carica lo zaino in spalla, Wendy alza il volume della radio al massimo, e i due si mettono a correre a perdifiato giù per Commercial Street, tenendosi per mano, accompagnati dalle parole dei Journey, arrivati all'ultimo ritornello: Don't stop believin'... Hold on to the feelin'... Yeah... Streetlights... people... Oh oh oh... Don't stop believin'... Hold on...
  23. gmela

    Strawberry Point [6/7]

    https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/39840-la-lavastoviglie/?do=findComment&comment=706446 Sesta parte. Nota: questa parte può essere quasi considerata uno spinoff della storia principale, aspettatevi cambi di tono. Altra nota: questa parte costituisce un tutt'uno con la successiva, con tanto di dialogo spezzato nel mezzo. Link alla prima parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40004-strawberry-point-17/ Link alla seconda parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40014-strawberry-point-27/ Link alla terza parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40026-strawberry-point-37/ Link alla quarta parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40044-strawberry-point-47/ Link alla quinta parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40052-strawberry-point-57/ *** "Vita di Jimmy", capitolo 43 Il gigantesco autotreno Peterbilt a diciotto ruote si muove lento lungo Commercial Street, con il lungo muso nero che luccica al sole e l'enorme silo d'acciaio ancorato sul rimorchio. Ai lati della cabina un'aquila, un alligatore e due bandiere a stelle e strisce: "Spirit of Louisiana", dice la scritta aerografata sul cofano. «Eccoci qui», annuncia Burt, il vecchio camionista con i grandi baffi bianchi e l'inconfondibile accento Cajun dell'Acadiana, dal vago carattere francese. Indica con la testa la gigantesca fragola di vetroresina, che fa mostra di sé in cima a un palo, davanti a un basso edificio beige che funge sia da municipio che da sede della polizia cittadina. «Quindici piedi,» spiega, «la fragola più grande del mondo. Costruita nel sessantasette per attirare i turisti, giocando sul nome della città. Sono i soldati della US Army che l'hanno chiamata così: quando sono arrivati qui, nel 1841, sulle colline dei dintorni c'erano grandi distese di fragole selvatiche.» «Ah, speriamo di trovarne ancora qualcuna!», fa il ragazzo con una risata divertita, mentre il camion va a fermarsi sul bordo della strada, occupando, tra gli sbuffi e i cigolii dei freni pneumatici, una fila intera di cinque parcheggi per automobili. Uomo dalla memoria incredibile, collezionista incorreggibile di curiosità, Burt ha intrattenuto il ragazzo durante l'interminabile viaggio verso nord - mille miglia e cinque stati - con centinaia di storielle e dettagli di ogni tipo su tutti i minuscoli centri ai bordi della strada. È stato un viaggio molto piacevole, per entrambi. Ora che è finito, i due si stringono la mano: «Grazie Burt. Grazie del passaggio. È stato un piacere conoscerti, davvero.» «Anche per me, Jimmy, anche per me...» L'uomo punta l'indice verso il Frank's diner, ristorantino rivestito in acciaio sul lato opposto della strada, proprio di fronte alla fragola. Lui la città la conosce bene: in tre mesi, è il terzo silo per il granturco che trasporta fin qui dalla fabbrica dei silo di Baton Rouge. «Ah, quello è il diner di cui ti parlavo,» spiega, «la meatloaf col puré è ottima davvero, non puoi trovare di meglio in tutta la contea.» «Buona fortuna!», dice Jimmy saltando giù con lo zaino dall'immenso autotreno, il cui motore, ora che è fermo, sembra quasi fare le fusa. «Anche a te!», risponde il camionista con un gesto di saluto; poi riparte, facendo rombare il motore e lanciando in aria due nuvole gemelle di fumo nero. Jimmy lo osserva affrontare la difficile curva a sinistra su West Mission Street, ai limiti delle capacità di sterzo del mostro, poi si guarda attorno. Non c'è nessuno in giro, la città sonnecchia: Strawberry Point, Iowa - milleduecento abitanti circondati dalle fattorie - Una tappa in più in cui fermarsi, nel suo viaggio attraverso l'America. Per qualche ora o qualche mese: si vedrà. * Nel diner ci sono solamente una cameriera curva, che strofina lo straccio per terra, e un grassone seduto al tavolo in fondo, con caffè, copia del New York Post, telecomando e pila di ciambelle. Sul bancone, tra la soda fountain e una pubblicità vintage della Coca Cola, una grossa, vecchia radio passa classic rock: «95-KGGO,» spiega l'annunciatrice, prima di lanciare More than a feeling dei Boston, «da quarant'anni, il miglior rock.» Jimmy si siede. Dall'altro lato della strada, la fragola in vetroresina sembra quasi sorridergli attraverso la vetrata. «Wendy...», chiama l'uomo dal fondo della stanza, bevendo una golata di caffè. «Eh?», fa la ragazza, alzando la testa dal suo pavimento. «...Cliente», dice lui. La cameriera si guarda attorno. «Oh!», fa, poi sgambetta veloce verso Jimmy. Lui l'accoglie con un sorriso. «Ciao.» «Ciao, che ti posso portare?», chiede lei. Ha i capelli rossastri, le orecchie a sventola e una simpatica faccia da topolino. «Una cioccolata calda, grazie.» «Ok! Con la panna?», fa la ragazza, «Qualcos'altro?» Jimmy annuisce. «La panna la prendo volentieri. Nient'altro.» Wendy va in cucina e Jimmy apre sul tavolo la sua gigantesca mappa Rand McNally degli Stati Uniti continentali: robusta e fatta per durare, ma ormai lisa e consumata. Quel paesino del Midwest ricorda tanto Crapton, eppure Jimmy nota, quasi sorpreso, che è sereno. È passato un anno ormai, da quando è partito da casa: un anno di peregrinazioni attraverso l'America, alla scoperta del mondo, delle persone e soprattutto di sé stesso. Ha fatto davvero di tutto, in quest'anno: spazzino nell'Idaho, passeggiacani nell'Arkansas, muratore nel Vermont, comparsa, ad Albuquerque, New Mexico, per una nota serie TV. Vicino a Philadelphia, in Pennsylvania, ha ridipinto la facciata di una chiesetta metodista, condividendo tutto, per un mese, con una comunità di neri che l'ha accolto come un figlio. E se all'inizio del suo viaggio temeva tutti, appariva goffo, insicuro e impacciato, col tempo ha imparato a rilassarsi un pochino. Con ogni tappa ha guadagnato un po' di confidenza in sé stesso, e capito qualcosa di nuovo su come funziona il mondo: come rapportarsi agli altri, come giudicare il carattere di una persona. Ora, si vedrà, pensa Jimmy: in tasca ha venti dollari e cinquanta cent, dopo la cioccolata si metterà alla ricerca di un lavoretto. Se non troverà nulla, pensa ora, ripartirà per il vicino Wisconsin: ha sentito dire che sono sempre alla ricerca di taglialegna, lassù, e che non c'è, in realtà, bisogno di essere muscolosi. Wendy esce dalla cucina con due tazze di cioccolata fumante. «Posso farti compagnia?», chiede a Jimmy. «Certo!», fa lui, ripiegando la sua carta. «Frank, mi prendo cinque minuti di pausa», dice forte la ragazza. L'uomo sta pucciando una ciambella nel caffè. «Che siano cinque, eh! E per quanto riguarda quella cioccolata, non ti aspetterai, spero proprio, che te la paghi io!» Wendy fa rotolare gli occhi in uno sguardo esasperato. «La pago io, la pago io...», risponde con malcelata irritazione. Poi abbassa la voce: «...grassone odioso», aggiunge sottovoce tra sé e sé. Jimmy le fa un sorrisetto, Wendy si siede di fronte a lui. «Scusa, ma qui in paese facce nuove non se ne vedono mai. Per una volta che capita qualcuno che viene da fuori, due chiacchiere non me le perdo di sicuro. Di dove sei?» Jimmy sospira. «Crapton, Nebraska.» Wendy scoppia a ridere. «Crapton?», chiede, incredula, «Ma che nome di merda è?» Scuote la testa. «Mai sentito.» «Buon per te», ribatte Jimmy amaro, bevendosi una golata di cioccolata. È ottima. «Mannaggia, buona questa cioccolata!», dice, ammirato. «Buona, eh?», fa Wendy, tutta fiera, «Ricetta di mia nonna, lei sì che ci sapeva fare!» «... E doppio cacao,» aggiunge sussurrando le parole e alzando per un secondo il dito medio contro il padrone del diner, «alla facciazza di quell'avarastro infame.» Poi scuote la testa. «Che fai da queste parti? Sei venuto a vedere la famosissima fragola in vetroresina che il mondo intero ci invidia?» Jimmy ride. «No», spiega, «Sto girando l'America, passando da lavoretto a lavoretto. In Alabama ho conosciuto questo camionista, un tizio simpaticissimo, diretto a una fattoria in costruzione a qualche miglio da qui. Il nome della città mi ha colpito: Strawberry Point. Allora gli ho chiesto un passaggio, ed eccomi qui.»
  24. gmela

    Strawberry Point [1/7]

    https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/39757-l’amore-a-natale-prologo/?do=findComment&comment=705139 Prima parte di un racconto in 40.000 caratteri circa, stramberia ironica multigenere soprannaturale e inclassificabile sul mondo della scrittura (mindfuck). *** Lasciate che mi presenti, amici: mi chiamo Tristano Tristone e sono uno scrittore. Sì, lo so cosa state pensando: “che nome del cavolo”, se siete educati, come me; “che nome del ca**o”, altrimenti. Da piccolo chiedevo ai miei perché mai mi avessero dato un nome così simile al mio cognome: «Mah, piaceva alla nonna...», rispondevano evasivi. In realtà non ho mai capito come avessero potuto fare una scelta del genere. Colpa di mio padre, di certo - mamma non si sarebbe sognata di scegliere il nome per me, l'unico, adorato, figlio di papà - ma lo perdono, pover'uomo: in fondo è stato lui, lui farmacista dilettante e genio dell'imprenditoria, a mettere a punto, nel settantatre, la famosa formula della pomata Tristone che tante gioie mi avrebbe poi regalato. Ebbene sì, cari amici, sto proprio parlando di lei, la miracolosa crema per la cura delle emorroidi, leader mondiale del settore, due milioni di tubetti l’anno venduti in quarantanove paesi diversi. Povero papà, lui che dal devastante ictus dell’ottantotto vive in sedia a rotelle con la testa tutta piegata a sinistra. Costretto a passarmi la proprietà e la presidenza dell’azienda, ora conduce la sua esistenza di larva passando dal letto alla TV, con, come unico svago, l'occasionale sosta in bagno. La mia vita non potrebbe andare meglio, invece. Senza voler esagerare, posso dire di aver avuto tutte le fortune: bellezza e intelligenza sopra alla media, ottima salute; soldi, tanti ovviamente, e, da due anni a questa parte, una moglie bellissima - i maligni dicono che mi abbia sposato solo per il denaro, ma all'invidia e alle cattiverie degli altri non presto certo attenzione. È lei che si occupa di tutto, in azienda: a me le emorroidi onestamente fanno senso, e preferisco starci ben lontano. Angela, invece, nonostante il fisico da modella e la spensieratezza dei vent'anni, non ha problemi a passare giornate intere davanti ai libri contabili, a contattare i fornitori, a preparare il materiale per le presentazioni. Tutto nell’ombra, ovviamente, visto che il presidente, quello che firma le carte e che sorride nella pubblicità TV, sono io. E così, mentre Angela è in ufficio, io passo le mie giornate dedicandomi ai miei hobby preferiti: il giardinaggio e la scrittura. Sono cinque anni che lavoro al mio primo romanzo, Vita di Jimmy, di cui ho già scritto quarantun capitoli. Mamma dice che è bellissimo, e un grande gruppo editoriale, di cui per ovvie ragioni non posso fare il nome, ha già espresso interesse per la sua pubblicazione: sarà un best seller, mi assicura il mio editor, che mi visita ogni settimana per sollecitarmi a finirlo. Vita di Jimmy parla di James Earl Robertson, Jimmy appunto, un adolescente del Midwest degli Stati Uniti che vive in una fattoria andata in malora a Crapton, cittadina fittizia del Nebraska meridionale nota per i suoi bulli e i suoi tornado, assieme alla sua famiglia di casi umani: il padre alcolizzato, la madre ritardata, il nonno stupratore, la nonna violenta, le zie prostitute, gli zii appena usciti di galera e una vasta gamma di fratelli, sorelle e cugini devastati dalla povertà, dalla droga, dalla violenza e dalle tare ereditarie dovute a una promiscuità senza limiti. Vita di Jimmy, cinquanta capitoli e due milioni di caratteri, vuole mostrare la crudeltà della vita in tutte le sue forme. Jimmy è buono, buonissimo. Non farebbe mai male a nessuno, eppure la quantità di sofferenze che gli vengono inflitte è a dir poco terribile: i bulli lo picchiano, i parenti lo stuprano, le ragazze gli sputano addosso, i vicini lo prendono a sassate; anche i tornado, favoriti dalla conformazione del terreno, puntano sempre dritti verso la misera fattoria dei Robertson. È un’opera dura, tragica ma necessaria, in questo mondo dove tutto sembra sempre andare di male in peggio: non lo dico solo io, lo dice anche il mio editor.
  25. gmela

    Strawberry Point [5/7]

    https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40013-il-criminale-46/?do=findComment&comment=706037 Quinta parte (nota: questa - breve - parte costituisce uno spezzone unico con la precedente - tra le due c'è un discorso spezzato nel mezzo) Link alla prima parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40004-strawberry-point-17/ Link alla seconda parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40014-strawberry-point-27/ Link alla terza parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40026-strawberry-point-37/ Link alla quarta parte: https://www.writersdream.org/forum/forums/topic/40044-strawberry-point-47/ *** «Oddio!», urlo barcollando all'indietro. Lui stringe il mio computer, non capisco più niente: «Ridammi quell'affare, mostro maledetto!», urlo accecato dall'orrore, buttandomi addosso a Motta. Ma lui è più veloce di me: con forza sovrumana mi dà una computerata in faccia e mi manda a gambe all'aria contro la mia serra, che crolla scoppiando in mille pezzettini. Tento di rialzarmi ma lui mi schiaccia a terra con un piede. «Maledetto!», sibilo, «prenditi tutto ma non Vita di Jimmy... Quella è l'unica copia, bastardo!» «Mi spiace Tristano», dice lui grave. «Hai avuto la tua occasione per redimerti: incontrare Jimmy sarebbe potuto essere il punto di svolta della tua vita, e invece ti sei mostrato solo essere quel pazzo psicopatico torturatore che tutti sospettavamo tu fossi.» «Torturatore un cazzo...», sibilo tra i denti. «Vita di Jimmy serve a mostrare quanto è corrotto il mondo... Quanto siamo cattivi... È arte, cretino, non tortura... Tsé, ma che vuoi capirne, tu?» «Sì, sì, arte... Ti ho dato una possibilità, ma hai scelto di assumere il ruolo del cattivo, in questa storia: ora, la logica della narrazione non lascia spazio che per una sola cosa.» Io tento di divincolarmi. «La vendetta», dice lui grave, stringendo il pugno davanti ai miei occhi. «In quanto a Vita di Jimmy,» aggiunge, facendo roteare il mio portatile sulle dita, come il più grande fidget spinner del mondo, «lo finisco io.» Il sangue mi si gela nelle vene: «Non ti permettere, maledetto!», gli urlo, agitandomi disperato sotto alla sua scarpa. «Jimmy è mio, mio soltanto!», grido, battendomi una mano forte sul petto, «Ridammi quel computer, pezzo di merda!» Tento di liberarmi in tutti i modi ma lui mi preme a terra; raschio la gola e gli sputo, ma lui piega la gravità e il catarro mi si spiaccica in faccia. «Questo è un incubo!», urlo disperato, gli occhi coperti di espettorato, «Un incubo! Un incubo! Un incubo! Vattene viiiia maledetto, vattene viiiiiiiia!» «Addio Tristano», dice lui, alzando il piede e voltandosi. Mi dà le spalle, è ora o mai più: afferro una roncola tra i detriti della serra e gli salto addosso. Mi blocco a mezz'aria, casco a terra con le mani sull'ano: un bruciore infinito mi dilania lo sfintere. «Aaaaahhhhh... Cosa mi hai fatto?», grido contorcendomi a terra come un verme in agonia. «Emorroidi strozzate croniche», spiega lui, senza voltarsi, «Incurabili.» «Abituati», aggiunge, poi sparisce in una nuvoletta di vapore azzurrognolo. Solo nel giardino distrutto, rimango un attimo ad ansimare a denti stretti, cercando di imparare almeno un pochino a tollerare questo nuovo, straziante dolore. Poi mi trascino a quattro zampe sull'erba, raggiungo il garage. «Angela...», chiamo a bassa voce, tendendo una mano tremante verso l'ingresso. Davanti c'è la Volvo grigia del mio editor. Tendo le orecchie stringendo le natiche, ci sono voci dentro: «Oddio facciamo veloce però eh! Se l'idiota ci becca son cazzi amari, eh!...Sì sì, toglile via, toglile via veloce che ho voglia!», dice Angela ansimando forte - rumore inconfondibile di una donna che copula. Allora mi accascio a terra e scoppio in un pianto disperato: che ne sarà di me?
×