Vai al contenuto
  • LA CANZONE DI CARULINA


    Domenico De Ferraro

     

    LA CANZONE DI CARULINA

     

    Carulina siente , siente   stà canzone,  sale  chiano , chiano con la vita  e la morte  con tante  paure  cuorpo ,  si muove dentro l’anima   , nelle mie  parole , corre , scenne , saglie , credo  si  sia   messo in testa  di  fare   la  sciantosa.  Se tolto lo sottanino  ,  ride mi piglia in giro. E sono dentro le pieghe  di questa realtà ,  sono ad un passo dall’ afferrare chesta passione sulagna  in  una terra  che splenne  ancora sotto il  sole . Le strade sono deserte  la gente se chiusa  dentro casa , con la sua storia.  

    Ed  io  ricordo  quello  juorno che vidi  a carolina  fare la spesa  mezzo ò mercato , era nu juorno di ottobre , freddo e piovoso   , udivo  in me il  canto delle pacchiane  , salire lento con tutte le  sue paure.   Mille note malinconiche , mi facevano chiagnere all’ombra della ragione ,  come  fossi  un  ragno fellone  che inforca gli occhiali e cerca la mosca  caduta dentro al  suo bicchiere . Io  andavo  ,  rassegnato tra mille versi  in chesta vita mia , ad un  certo punto    non sapevo   chiù  niente,  cosa era  l’ammore , chi era    carulina .  Languida e sensuale  , io me  la  sognavo  di notte , solo ,  dentro  al letto ,  nelle mie fantasie  ,  solo in  questo canto  di morte,  in compagnia  dell’ammore e  di mille malaparole .  La gente   ballava   e la signora ,  lanciava  l’acqua da sopra la finestra , mentre ò cane  ballava  assieme a noi.  Ed io oggi , sono ancora vivo , lo sono tutti ed  andiamo incontro  ad una guarigione  che  sorge  e  piglia  sciato,  assetato di tante passioni.

     

    Ammore è malattia  , fuoco doce che allumma e coce , coce sempre chiù come fosse nu lumino acceso davanti una madonna  . In quell’  immagine,  io mi perdo e  canto  sotto ò musso dei santi . E sono un angelo,  nu solice che s’annasconne  nell’oscurità. In questo concerto , un coro di voci,   ,  una musica  m’ accompagna  triste , sempre chiù triste in questa strana  disperazione  . E non  ci sta nisciuno che m’aspetta ,  mi dice  :  forza .   Io vado  su e giù , come se  fossi  un secchio ,  io vengo tirato da vascio allo pozzo  , con  tutte le mie canzoni , in  vari  ritornelli . Io sono  questa vita , vicino  alla pelle  di carolina che ride e la dà  solo a chi dice ella . Ed io aspetto , aspetto l’ora bona , possa divenire  l’innamorato suo .  Core ,  ingrato ti  sei  stregniuto  , hai  cangiato  la  nostra sciorta , ti sei  lavata la faccia  sporca di terra. Come tanto tempo fa   mi riporti  in  cielo , ed io  cerco una via d’uscita da tanto male.

     

    Carolina è   l’ammore   si  fa  ammirare   da tutti quanti , la gente  la segue ,  spera   , poi compreso il male  , rassegnata si fa  il  segno della croce . E nel giorno della santa pasqua  io mi sono  messo  una  nuova idea  in testa  e sono andato in  paradiso , là  mi so fatto  un  litro di vino , insieme a  san Vincenzo e san Pietro.   Tutte le canzoni , tengono nu core ,  sono come  rose   senza  spine,  fatte  ad immagine dello scorrere del tempo e se mi passa  chesta freva ,andrò con  tutti quanti a cantare  chesta canzone a carolina . Ma tu  core , core mio , perché ti sei  appucundruto , sotto una croce ,  miezzo alle mane dell’ammore   ed ora mi sento  morire  come fosse  un martire   e  mentre canto  ,sento  la voce di  carolina , la  quale , la vedo , correre e ridere , ancora nuda nei mie versi , verso un'altra storia ed un'altra canzone.    

     

     


    Libro Collegato: Capitolo Precedente: Capitolo Successivo:


    Feedback utente

    Commenti raccomandati

    Non ci sono commenti da visualizzare.



    Per favore accedi per lasciare un commento

    Potrai inserire un commento dopo aver effettuato l'accesso.



    Accedi Ora

×