Vai al contenuto
  • CANZONETTA NAMMURATELLA


    Domenico De Ferraro

    I

    CANZONETTA NAMMURATELLA

     

     

    Quante volte mi son  detto,  me ne voglio ire da qui  , andare dove  mi pare,  sentirmi vivo   , addò si può  sentire  ò viento n’faccia , dove crescono le canzone  miezzo all’evere addirosa  , lontano  da stò  casino , dove  l’ammore me porta , mane e mano come quando ero  piccirillo , sopra  a una giostra con tanti cavaluccio. E ti vorrei  vasà  mattina e sera , sotto a un capriciore , coppo ò lietto , sentirti  vicino ò core mio , come l’onne dello mare , vorrei   perdermi  in questi sogni  di  passioni .  Quante volte,  mi son  detto,  me ne voglio ire  da qui  , andare dove  posso conoscere  una femmina  capace che  se sceta all’intrasatte di notte ,  si trucca ,  si  fa bella , chiù bella , come tanto tempo fa , mi da nu vaso azzuccuso sopra la guancia.  

     

    Ma la morte , l’incomprensione,  la resistenza alla  forza dello destino , hanno  messo un  bastone mezzo allo senso  delle parole  mie , le quale  scuntrose e scetavaiasse mi hanno voltato la faccia  . Me voglio scurda ò cielo di chesta terra  , mi voglio scurdà  tutto ò  male che  ha  rovinato  a vita  mia  . Canto in  mezzo alla vita   cammino come si fosse muorto.  Chesta   ammore  se pigliato

     l’ anima  mia ,  se messo adderete a me , ma portato paradiso,  ma fatto conoscere  tanti  santi , ma io  ora come faccio a me scurdà  degli occhi tuoi , dei  baci  tuoi ,  come me faccio a scurdà  tutte quello che ho  passato . Come quella volta che  tornai dalla guerra ferito  dallo  fuoco nemico ,  dentro  mille triste  canzone , son tornato per starti  vicino .  Ed ora ammore mio ,  canta  assieme a me questa canzone  appuncundruta ,  scinne con me funno all’anima  dello munno ,  vicino allo   sciato  delle  parole ,   scetate .

     

    Nun voglio chiù sapere,  notizie,  d’amici e parente , nun voglio chiù sentire  il freddo dall’ossa che mi ricetta , ne lo  scuorno dello scrivere n’ata lettera  e n’ata canzona .  Piglia , sciato anima  mia ,  figlia  delle   mie arie    , lucenti   tra le stelle , mezzo allo cielo a sera. Nun voglio sape chiù niente e chiù niente me rimane.  Eri accussi bella  mi ha  pugnalato alle spalle,  ti  se messo con un altro  secco e luongo , mi ha  lassato solo,  miezzo una strada n’fosa ad aspettare che passasse l’autobus. Ed io m’incammino con lo core  mano , dentro una  passione ,  rassignato.  Io ero stato sincero con te , avevo venduta  l’anima  mia , allo diavolo che tiene lo banco  a mezzo cannone , mi sono lasciato andare  dentro chesta sciorta,  dentro a  chesta morte.

     

    Ma quante è  bella , Napule mia , quando fa  l’ammore che ti fa santo , poeta  e signore . Sento l’addore de maccarune uscire dai bassi   , tra le braccia delle femmene , che te  la danno  per  pochi  euro . Napule è tutto nu suonno,  nu vicolo lungo che me pare nu finisce mai.  Come è bella Napoli non l’aggio mai visto accussi come stasera ,  silenziosa,   dentro una passione,  solitaria  come l’onne dello mare che bagnano la  spiaggia di Mergellina ,  bagnano  le coste  illuminate,  mentre  le navi  al porto ballano  sopra l’onne dello mare  , mi sembrano  briache  come  me , vagabondo sotto stò cielo , sotto le stelle, a piedi  verso il largo  dello Castiello.

     


    Libro Collegato: Capitolo Precedente: Capitolo Successivo:


    Feedback utente

    Commenti raccomandati

    Non ci sono commenti da visualizzare.



    Per favore accedi per lasciare un commento

    Potrai inserire un commento dopo aver effettuato l'accesso.



    Accedi Ora

×