Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Risultati per i tag 'horror'.

  • Cerca per Tag

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per Autore

Tipo di contenuto


Il mondo dell'editoria, senza filtri.

  • Inizia qui la tua avventura nella community
    • Regolamento del Forum
    • Ingresso
    • Bacheca
  • Il mondo dell'editoria
    • Case Editrici
    • Piattaforme Print on Demand
    • Agenzie Letterarie
    • Freelance
    • Questioni legali
    • Concorsi ed Eventi esterni
    • Varie ed eventuali
  • Officina
    • Narrativa
    • Poesia
    • Contest del Writer's Dream
    • I migliori racconti del WD
    • I nostri libri
  • Documentazione
    • Scrivere
    • Leggere
  • Area Relax
    • Agorà
    • WD Club
    • Il blog del Writer's Dream

Categorie

  • Arte, cinema e fotografia
  • Azione e avventura
  • Biografie, diari, memorie
  • Fantascienza, Horror, Fantasy
  • Gialli e Thriller
  • Letteratura non di genere
  • Letteratura erotica
  • Letteratura Rosa
  • Bambini e ragazzi
  • Società e Scienze sociali
  • Storia
  • Poesia

Categorie

  • Arte, cinema e fotografia
  • Azione, avventura
  • Biografia, diari e memorie
  • Fantascienza, Horror e Fantasy
  • Gialli e Thriller
  • Letteratura Erotica
  • Letteratura Rosa
  • Letteratura non di genere
  • Bambini e Ragazzi
  • Società e Scienze sociali
  • Storia
  • Poesia

Cerca risultati in...

Cerca risultati che...


Data di creazione

  • Inizio

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Inizio

    Fine


Filtra per...

Iscritto

  • Inizio

    Fine


Gruppo


Sito personale


Skype


Facebook


Twitter


Provenienza


Interessi

Trovato 159 risultati

  1. simone volponi

    Il demone di Ninive

    Titolo: Il demone di Ninive Autore: Simone Volponi Collana: Fantasy Tales Casa editrice: Delos Digital ISBN: B07PHP9BQM Data di pubblicazione (o di uscita): 12/03/2019 Prezzo: (della versione cartacea e/o digitale): 1.99 Genere: Fantasy/Horror Pagine: 33 Quarta di copertina: Nella Roma di oggi, il giovane musicista Tomas, sfortunato sul palco come in amore, riceve dallo zio archeologo tre antiche tavole d'argilla dedicate alla dea Inanna trafugate dal tempio di Ninive. Dopo la morte misteriosa dello zio, leggendone il diario Tomas scopre come la distruzione del tempio per mano dei terroristi islamici ha risvegliato un nugolo di antichi demoni sumeri, i quali danno la caccia alle tre tavole d'argilla, fonti di potere. Hanno già inseguito e tormentato l’archeologo durante il suo pauroso ritorno a Roma, e la stessa sorte atroce sembra dover toccare a lui. La dea Inanna, che in Italia è famosa come modella con il nome di Isa Tar, si presenta da Tomas per prendere le tavolette e conduce lui e la sua amica Abbey, inglesina dalla lingua svelta, verso lo scontro con l’orribile demone Asag. Toni umoristici si mescolano all’avventura e alla magia in un racconto dal respiro moderno. Link all'acquisto: Delos Store: https://www.delosstore.it/isbn/9788825408423/ Amazon: https://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_noss?url=search-alias%3Ddigital-text&field-keywords=9788825408423&tag=fantascienzac-21 Kobo: https://store.kobobooks.com/search?Query=9788825408423 Google Play: https://play.google.com/store/search?q=9788825408423
  2. ATTENZIONE!! Romanzo Vietato ai Minori (18+) Titolo: I Quattro Fronti (Il Cerchio della Luce - Parte 1) Autore: Simone Gambineri & Aligi Pezzatini Editore: Amazon Media EU S.à r.l. (ebook) - Youcanprint (cartaceo) ASIN: B07T9N6GR4 ISBN: 9788831627719 Genere: Fantasy Tecnologico Prezzo: € 2,99 (ebook) - cartaceo (prossimamente) Formato: ebook Kindle (prossimamente anche su altri store e in formato cartaceo) Pagine: 352 Link Acquisto 1: https://www.amazon.it/dp/B07T9N6GR4 Link Acquisto 2: https://www.officinadelfantasy.com SINOSSI: Nel mondo di Saresia, la potente tecnologia fondata sui Bios rende la vita della gente tranquilla e pacifica; tuttavia ogni venticinque anni l’antico Bios ribelle Nocturnis si risveglia per distruggere con le sue Ombre tutto ciò che è stato creato. A difesa dell’umanità si erge il Cerchio della Luce, l’organizzazione che custodisce i quattro Bios, suddivisa in altrettanti Fronti. Ciascun Fronte addestra il proprio campione, denominato Incarnazione, che si unirà al Bios e al suo immenso potere. Ciascuna Incarnazione è affiancata da un Custode, che lo proteggerà anche a costo della vita. Tutto ha funzionato così per oltre mille anni; questa volta, però, i Bios si sono misteriosamente risvegliati due anni prima del tempo: il Fronte degli Elementi viene attaccato a sorpresa da androidi ribelli e la Teca che custodisce il Bios Xeras viene distrutta. Questo risveglio anticipato trova tutti impreparati, soprattutto le Incarnazioni e i Custodi, ma essi dovranno comunque partire per la loro vitale missione. Riusciranno a portarla a termine vittoriosamente, tra giochi di potere, trappole, ombre assassine ed androidi ribelli? ATTENZIONE: Il romanzo contiene scene inadatte ad un pubblico minorenne!
  3. Neura

    Incubo: Inseguimento

    Sfioro le spighe con la punta delle dita. L'oro del grano mi circonda e riempie la visuale. Mi godo la brezza leggera che agita le spighe intorno a me, mentre i raggi obliqui del sole mi scaldano il viso. Pace. Ma una nuvola oscura il sole e la temperatura cala bruscamente. Il vento si alza e scivola tra le pieghe dei miei vestiti, dove la carne è più sensibile. Un brivido sale lungo la mia schiena. Il grano si scuote e si piega quasi fino a terra. Un rumore secco rompe la quiete. Qualcosa si muove e calpesta il grano. Lo sento che avanza alle mie spalle. Ma non dovrebbe esserci nessuno qui, sono venuto da solo. Non c'è nessuno qui? Mi giro di scatto. Le spighe ondeggiano spinte dal vento, tutto è in movimento, ma nulla si muove. Niente sta calpestando il grano. Eppure quel rumore... Mi sembra di scorgere qualcosa là in fondo. Un'increspatura nera nel mare dorato. Ma cosa... è troppo lontano per distinguere cosa sia. Probabilmente un grosso masso. Sono troppo teso... Mi sto suggestionando da solo. Eppure ho la sensazione di essere osservato. No, sto vaneggiando. È meglio se torno a casa. Mi giro e sono pronto ad incamminarmi, ma lo sento di nuovo. Il grano che viene calpestato. È più vicino. Non voglio girarmi... ho paura di vedere se c'è qualcosa...sia di non vedere niente. Ancora quel rumore. Provo a muovermi...Ma mi immobilizzo subito. Questa volta era più forte. Non lo sopporto più. Devo voltarmi, e lo faccio. L'increspatura nera è più vicina. C'è qualcosa là in mezzo, non posso negarlo. Ma cosa diavolo è? Non può essere un uomo. Non sembra...un uomo. Ma una bestia sarebbe più furtiva. Sembra quasi... che voglia che lo senta arrivare. È così immobile che mi fa dubitare che sia una cosa viva. Eppure sono sicuro che prima fosse più lontano. Il grido stridulo di un uccello mi fa sobbalzare. Lo cerco in cielo con lo sguardo per un attimo e riporto subito gli occhi sull'increspatura nera. Il sangue mi si gela nelle vene. È più vicina. Quella maledetta cosa è nettamente più vicina. C'è qualcosa in quel campo, e mi sta puntando. Sembra quasi di distinguere...degli occhi. Mi sta fissando. Adesso lo sento, il suo sguardo su di me. Mi penetra la carne come un arpione e mi tormenta. Come ho fatto a dubitarne prima? Devo andarmene da qui, devo correre. Quella cosa mi vuole. Adesso lo faccio. Ora mi giro e corro. Ma se smetto di guardarla si muoverà di nuovo... No! Resta calmo! Devi riflettere. Non puoi certo rimanere qui per sempre. Anche perché la luce sta calando e se rimani al buio con quella cosa...No! Non devi pensarci! Cosa può farmi se mi prende? Basta! Non pensarci! Il sudore mi incolla i vestiti addosso. Eppure ho così freddo... Sento i muscoli paralizzati. Devo decidermi ad andare, devo... Si è mosso? Mi è sembrato che leggermente...No, non è possibile. Finché lo guardo non...ancora? Questa volta avrei giurato che... La cosa fa una scatto in avanti. Salto come una molla troppo compressa e mi lancio nella corsa. Corro come non ho mai fatto in vita mia. Il cuore mi pulsa nelle orecchie e copre ogni altro rumore. Non riesco a sentire se la cosa mi sta seguendo. Dovrei guardare. Devo girarmi e guardare. Ma non voglio vederla. Se la cosa mi prende... Dio, aiutami! Non voglio che mi prenda! Sento il suo sguardo su di me. La schiena mi formicola. È come se da un momento all'altro qualcosa potesse scattare ed afferrarmi... Adesso lo sento. Mi sta seguendo. Corre. Sembra quasi di sentire il suo respiro...No, non un respiro, un ringhio. Un basso gorgoglio orrendo. È così vicino. Devo essere più veloce, ma sono senza fiato. I polmoni mi scoppiano, ma non posso rallentare. Devo arrivare a casa, lì sarò al sicuro. Si, casa. Non posso essere così lontano. Mi sembra di correre da ore. Eppure non la vedo. C'è solo grano in questo maledetto posto. Un infinito mare di grano. Dov'è casa mia? Dio aiutami! Qualcuno mi aiuti! Non so più dov'è casa mia! Non so più dove sono! perché c'è tutto questo grano? Un'ombra nera sfreccia alla mia sinistra. No, non può essere quella cosa! Non può! Sento il suo respiro ansimante. Ringhiante. La intravedo non lontano da me. Una massa nera che si fa strada a balzi tra le spighe. Mi sta raggiungendo. Aiutatemi! Un'ombra nera mi taglia la strada. Urlo e scarto a destra, continuando a correre. Non può essere la stessa cosa. La stavo tenendo d'occhio. Sono in due! Almeno in due... Adesso li sento. Dio, ce ne sono così tanti! Sono intorno a me, forse anche davanti. Non c'è speranza. Dio, proteggimi. Non voglio morire. Non voglio soffrire! Ti prego! Non farmi soffrire! Qualcosa mi colpisce la schiena. Urlo, e cado. Non so neanche se provo dolore. Non riesco bene a percepire il corpo. E' come se non fosse nemmeno mio. La mia mente è persa nella frenesia del terrore, vorrei scappare, continuare a muovermi, ma il corpo è immobile, la faccia nella polvere, gli occhi serrati. Sento il rumore del mio respiro affannato. Un rumore orrendo mi fa stringere più forte gli occhi. Non voglio guardare. Sento i suoi passi, sempre più vicino. Un alito caldo mi sfiora il viso. È sopra di me. Buio. Nota: L'ispirazione per questo racconto, che è il primo che scrivo, è nata dalla volontà di focalizzarsi su di un'emozione (paura, in questo caso) e cercare di creare una storia in grado di “evocarla” . Ho altre idee in mente su questa scia, che spero prima o poi di sviluppare. Grazie per l'attenzione!
  4. Ormai abitavo in questo appartamento a Milano da almeno tre settimane, ero arrivato qui il quattordici di settembre nel tardo pomeriggio e partendo da Firenze di mattina presto. Ero venuto qua molto prima perché le mie intenzioni erano quelle di abituarmi subito alla solitudine e anche perché ero stufo di vivere con Lucius, mio nonno. Persino mia sorella più piccola, Laura, ormai viveva sola, a Londra, da due anni e lei ne aveva solo ventidue cioè quattro meno di me. Fino all'ultimo mio nonno aveva tentato di ostacolarmi, di impedirmi di andare all'Accademia di Brera e sopratutto di vivere a Milano. Di sicuro voi starete pensando al motivo che probabilmente poteva essere la lontananza o la difficoltà con cui Lucius avrebbe dovuto affrontare la mia assenza. Ma invece, sotto quella stupida apparenza affettiva, c'era qualcos'altro e molto più losco, ma preferisco parlarne di seguito. Ogni cosa a suo tempo. Ero venuto prima anche perché per entrare all'accademia era necessario superare un test d'ammissione che si sarebbe svolto due giorni dopo. Fortunatamente, anche se non avevo studiato le arti come si deve, a casa avevo accumulato una collezione di libri su tale argomento e ciò che avevo letto in quegli anni me le ero ricordato alla perfezione e, molte volte, ero riuscito a trasformare la teoria in pratica. Comunque ce l'avevo fatta, avevo passato quell'ostacolo e, fra i cinquanta che ebbero la stessa dose di fortuna, l'avevo superato come quinto. Non male dal momento che non avevo avuto la fortuna di poter sperimentare sempre, a parte le basi. Ora potevo entrare e sviluppare il tutto, affrontare anche la pratica e perfezionarmi al massimo che potevo, anzi andare oltre i miei stessi limiti, come dicevo sempre. Come scienziato e come visionario, sono sempre stato convinto che i limiti non esistano e se un uomo avesse il coraggio e l'ambizione di soffermarsi e di comprendere e di aprire ancor più la mente, metaforicamente parlando sarebbe come far due passi in avanti anziché uno, e raggiungere la fase finale della sua evoluzione, ovvero la metamorfosi da uomo a dio. Io, come uomo senza alcun credo religioso e senza alcun dogma politico o filosofico, confido nel genio della mente umana e nelle mie capacità di logica e ragionamento unite alla volontà di esplorare, scoprire e vedere all'infuori dell'invisibile e di coloro che seguono gli impulsi e il caso. Anche se un dio dovesse esistere, non mi piegherei ai suoi voleri, a costo di perdere la mia lucidità mentale andrei avanti e disobbedirei ai suoi comandamenti per distruggere la mia ignoranza e andare, vedere, creare qualcosa che vada oltre i limiti imposti dal dio e, alla fine, essere il nuovo Messia, un superuomo che mostra il cammino verso il nuovo mondo, verso il futuro. Senza questa esperienza, io non avrei mai potuto credere che questa mia visione si sarebbe avverata. La mattina del sei ottobre mi alzai prestissimo, verso le cinque e mezza, in tempo per vedere l'alba apparire ed espandere il suo fioco bagliore sulla città di Milano. Dopo aver rifatto il letto ed aver sistemato e pettinato la mia coda di cavallo ( si...ho i capelli lunghi), mi recai in cucina per far colazione con la mia marmellata preferita ai frutti di bosco, preparata personalmente qualche settimana prima, e la spalmai sul pane biscottato. Odio fare la colazione al bar perché non mi fido dei loro prodotti e inoltre, non per vantarmi, ma io posseggo una particolare capacità sensoriale del gusto che mi permette di capire immediatamente se un qualsiasi prodotto alimentare sia stato fatto in casa o se invece è di scarsa qualità, anche se non mi servirebbe nemmeno perché lo capirei già dal tatto e dalla vista. Quando faccio la spesa non mi piace comprare tutto ciò che è già pronto, preferisco comprare la materia prima così da poterla esaminare al mio microscopio per vedere se rispetta i parametri della sicurezza. Insieme a quella marmellata io, con la poca forza che avevo appena acquisito dal mio primo pasto, presi e spremetti cinque arance e lasciai che il succo cadesse nel bicchiere e lo bevvi senza mettere lo zucchero. Dopo essermi lavato, tornai nella mia stanza per vestirmi, non fu difficile scegliere dal momento che ho l'abitudine di lasciare i vestiti selezionati su una sedia vicino al letto, almeno così non devo restare un'infinità di tempo con la testa nell'armadio per decidermi. Indossai così la mia camicia bianca e la mia cravatta bordeaux, assieme ai miei pantaloni neri. Prima di andarmene, mi sedetti nuovamente sul letto e puntai il mio sguardo verso il comò, dove vi era una fotografia scattata venti anni fa, protetta da un sottile strato di vetro e da una cornice di mogano. Quella foto era molto importante per me, perché in essa vi era l'ultimo ricordo che avevo della mia famiglia unita, vi erano infatti mia madre Susan White, dai capelli lunghi e castani e gli occhi azzurri e sul collo quel suo profumo lavanda, mio padre Robert Mazzini, figlio di un immigrato italiano della Toscana, forte e rigido ma non abusante, mia sorella Laura che vive a Londra, e mio fratello maggiore Archibald. Era l'unico ricordo rimasto di loro ( a parte Laura, che invece mi telefonava spesso) e mi permetteva di ricordare i loro volti, i loro nomi, la mia vita prima della loro scomparsa. Non erano più in questo mondo da molto tempo, da sedici anni. Persi i miei genitori e mio fratello maggiore all'età di dieci anni, la sera del tredici aprile del 1994. Ero insieme a mia sorella a guardare la televisione quando Lucius, mio nonno, chiamò al telefono fisso di casa alle ore 23.12, risposi io e sentii dall'altro lato della cornetta un'aria deprimente e Lucius che faticava a parlare, e questo insospettii. Quando lui mi comunicò che la mia famiglia non era più tra noi, io caddi nella tristezza e nella disperazione, piangendo e abbracciando mia sorella. Successivamente, gli chiesi come fossero morti ed è proprio da lì che cominciai ad avere dei dubbi. Mio nonno mi disse che se n'erano andati perché mio padre aveva perso il controllo del veicolo finendo così, fuori dal guard rail, facendolo ribaltare, e dall'autopsia era stato confermato che mio padre aveva assunto alcol fuori dalla norma, prima di mettersi alla guida. Quando mi disse queste cose...io non gli credetti, di fatto non gli ho mai creduto. Fu da quel momento che il mio cervello venne martellato da un'infinita di domande senza risposta, chiedendomi il motivo per cui egli mi stava mentendo e questo non fece altro che incrinare di un po il nostro rapporto e sospettai fin da principio che mi stesse nascondendo qualcosa, anche perché non vi fu alcuna notizia riportata sul giornale o sui media televisivi. Anche se a quell'epoca avevo solo dieci anni, avevo già acquisito una capacità di memoria dal momento che conoscevo molto bene le abitudini di mio padre e ciò che era successo prima di quell'incidente. Ho ereditato da lui il vizio del fumo, infatti egli fumava due volte al giorno, precisamente la mattina alle 11.00 e il pomeriggio alle 17.00, due tipi di sigaro: il Montecristo, il suo preferito, al mattino e il Moro, di punta fra i toscani, di pomeriggio. Soltanto di sabato mio padre fumava anche una terza volta e di notte, con il Bolivar, molto apprezzato fra i sigari cubani tuttavia aveva una versione taroccata di quei sigari a causa del monopolio statale a Cuba ( di fatto provenivano da uno stabilimento negli Stati Uniti, a New Orleans). Questo era il suo unico vizio, quello di fumare, ma mai aveva osato toccare un bicchiere contenente qualcosa di alcolico, lui era sempre stato attento a restare lucido e, da quando un suo parente era morto per cirrosi epatica, a vent'anni, aveva smesso completamente di bere. Un'altra cosa che mi insospettii fu che mio nonno aveva menzionato una macchina che era uscita dal guard rail. Io mi chiesi di quale macchina stesse parlando, dal momento che quella di mio padre aveva subito un guasto alla freccia destra tre giorni prima a causa di un atto di vandalismo e quindi era in fase di riparazione dal meccanico, inoltre mia madre non ne aveva mai avuta una e quella di mio fratello Archibald era chiusa in garage. Inoltre scartai l'ipotesi che mio nonno gli avrebbe potuto prestare la sua, dal momento che prima abitavamo negli Stati Uniti e che mio nonno, una settimana prima era venuto in aereo da Firenze, dove viveva ormai da molto tempo. Quel giorno sarebbero dovuti andare a ritirare l'assicurazione del veicolo e avevano preso un mezzo pubblico, ricordavo a memoria questi dettagli e fin troppo bene. Perché mi aveva mentito così? Che cosa mi stava nascondendo? Credevi che io fossi così stupido da non sapere queste cose, Lucius? Centravi forse qualcosa con questo mistero irrisolto? Come mai c'era una così tale assenza di prove da navigare nel buio più completo? Queste erano le domande a cui non riuscivo proprio a dare una risposta, malgrado fossi riuscito da solo a smascherare queste patetiche bugie, e di sicuro non le disse per proteggermi da qualcosa, anzi probabilmente era in corso qualcosa di più serio dal momento che uno degli assistenti del medico ribadii che la morte non era stata provocata da uno schianto. Sette giorni dopo anche quel povero assistente venne trovato morto annegato nei pressi di un fiume. Pensai a quelle domande che mi ponevo da sempre, anche in quel momento, mentre sfiorai lentamente come una carezza, la cornice in legno e poi il vetro della fotografia, fino a quando non la staccai e osservai quel piccolo pezzo di carta, raffigurante la mia famiglia, sulla mia mano per poi dargli un fugace bacio e rimetterlo al suo posto. Alla fine serrai l'uscio dell'appartamento. Dal momento che a me non piace usare la metropolitana o altri mezzi pubblici per spostarmi, ad eccezione dei treni quando ne ho bisogno, sono propenso a camminare o usare la bicicletta e questo era di fatto uno di quei giorni. Scesi in garage e dopo averla trovata, tolsi la catenina, salii sopra e cominciai a pedalare prendendo così aria e facendo anche un po di moto addentrandomi nel quotidiano traffico cittadino che dominava già nella città. Pedalai per mezz'ora fermandomi solo per qualche secondo sul marciapiede per aggiustarmi sul viso gli occhiali, il motivo era che stavo andando controvento e, di tanto in tanto, qualche granello di polvere si posava sulle lenti. Raggiunsi e sorpassai la piazza centrale della città, dando un veloce e fugace sguardo al Duomo in stile tardo gotico che domina sulla città intera e mi affrettai a raggiungere l'Accademia, dopodiché cercai un parcheggio e, una volta trovato, inserii il codice della catenina della mia bicicletta e me ne andai sicuro di me. Vi confido che, anche se non l'avessi chiusa con quella catena, nessuno me l'avrebbe rubata. Per precauzione, infatti, una volta comprata io avevo applicato sui tubi una speciale vernice scura, la cui tonalità di colore ricordava similarmente quello della ruggine; chiunque fosse passato e avesse avuto cattive intenzioni si sarebbe fatto ingannare dalle apparenze e avrebbe pensato, come io volevo fare intendere, che fosse obsoleta e che non fosse altro che un vecchio catorcio da far rottamare e quindi di poco valore, ma in verità l'avevo comprata solo un mese fa. Prima di entrare, io mi precipitai al più vicino tabacchino per comprare un altro accendino ed ebbi la fortuna di poter comprare il numero recente del Corriere della Sera. Non ebbi tempo di leggerlo il giorno prima, ero impegnato a studiare sodo. Non mi ritengo un abitudinario ma per me è necessario dedicare un po di tempo alla lettura del Corriere, così lo posai nello zaino promettendomi che l'avrei letto dopo essere entrato in aula, in attesa dell'arrivo del professore. Entrai nell'Accademia e richiamai la mia attenzione nell'interno di essa. Vi era moltissima confusione fra nuovi arrivati, studenti più anziani e associazioni studentesche che facevano da “sindacato” per matricole e che si davano da fare per i loro stupidi e infantili programmi politici di destra o sinistra, illudendosi davvero di poterli aiutare ma ai miei occhi parve che soffrissero di un deficit dell'attenzione, oltre che una grande e sfrenata ipocrisia di sfruttatori che provocò in me di una sensazione di ribrezzo oltre che disgusto. Quelle opere d'arte che in quel momento ebbi l'occasione di vedere mi diedero un motivo per sorridere, dal momento che finalmente avevo la possibilità di far parte del mondo che, fino a qualche tempo fa, avrei solo potuto imitare e immaginare: quello artistico, la ricerca della bellezza e dell'armonia. Vi giuro che riuscii a fatica a trattenere il mio nervosismo e la mia curiosità e guardandomi attorno, potetti notare quali meraviglie artistiche vi erano per poi permettermi di sognare ad occhi aperti e immaginare di poter creare e interpretare il tutto e di creare un mondo nuovo, come fossi un dio. Creare arte, creare emozioni o anche il nulla, creare il dubbio, creare la vita e la morte, l'ordine e il soqquadro, l'equilibrio e la sua distruzione, creare il tutto...su tela. La prima lezione fu quella di pittura e riuscii a trovare l'aula, così entrai e mi sedetti al terzo posto nella terzultima fila, e già stavo per prendere il giornale per poter leggere quando, ad un tratto il professore entrò e fui costretto a rimetterlo nello zaino. Dopo essersi seduto, senza neanche salutare, egli prese il foglio delle presenze, una delle cose che odio di più al mondo, e cominciò ( come i bambini all'asilo) a fare l'appello. Tuttavia, mentre egli procedeva a ritmo di vecchio trattore di campagna, mi persi un'altra volta nei miei pensieri e, cambiando idea sul rimettere apposto il giornale, lo tirai fuori nuovamente e lo posai sulle mie ginocchia, nessuno mi guardò. Perché questa ossessione? Fra poco lo saprete. Ero così perso nei miei pensieri che non mi accorsi assolutamente che il professore mi aveva chiamato per la terza volta di fila, infatti lo fece nuovamente ma con un tono più deciso – Mazzini! - Alzai la mano e gridai – Presente! - Finalmente, non mi sentiva? - Mi inventai una scusa – No, professore, la sento benissimo. Stavo solo cercando la mia penna perché credevo di averla perduta. - - Come mai sta in terzultima fila e per di più da solo? - Che domanda. Semplicemente volevo stare da solo, ma non potetti dare una risposta simile – Perché c'è la finestra aperta. - Non disse nient'altro e, senza più un secondo da perdere, egli cominciò a introdurre in maniera sbrigativa il corso di pittura con una breve presentazione e con l'assegnazione delle prime fonti, applicai la modalità di registrazione vocale sul cellulare in modo che non potessi dimenticare una singola parola, mentre con la mano sinistra ( sono mancino) fui costretto a scrivere il mio nome su quello stupido, patetico foglio delle presenze: Alan James Mazzini.
  5. Dominik G. Cua

    Ghost hunters - Il villaggio maledetto Capitolo 1/3

    Buio improvviso, silenzio assordante. Una pioggia di sangue tingeva l'intero paesaggio di rosso cremisi e una luna di fuoco brillava nell'etere oscuro, illuminando a poco a poco ciò che, fino a un attimo prima, era stato inghiottito dalle tenebre. Ogni forma di vita aveva cessato di esistere. L'unica cosa che riusciva a scorgere in quel macabro scenario erano quattro figure poco distinte, quattro figure che, di lì a poco, avrebbero rovinato la quiete e portato disgrazia in quell'ambiente dove da sempre regnavano la pace e la tranquillità. ... Erano ormai diverse notti che Roisin faceva quel sogno, o per meglio dire, quell'incubo. Chiunque al suo posto avrebbe ignorato la cosa, classificandola come una semplice coincidenza o ancora, come spesso accade, un normalissimo sogno. Tuttavia lei sapeva bene che non era affatto un normalissimo sogno, né tanto meno una coincidenza e ciò la preoccupava considerevolmente. Roisin era una donna ormai prossima all'età avanzata e di corporatura più o meno robusta, i suoi occhi erano di un nero intenso e i suoi capelli arricciati avevano un colore che andava fra il castano e il grigiastro. A differenza delle sue coetanee non sembrava mostrare i tipici malesseri causati dall'avanzare degli anni. Inoltre aveva la capacità di fare, in determinate situazioni, dei sogni premonitori. Quella capacità era un qualcosa che aveva fin da bambina, ma nessuno ne era mai venuto a conoscenza, poiché, se mai ne avesse fatto parola, avrebbe rischiato di essere considerata un'eretica, di essere accusata di stregoneria e infine essere messa al rogo. Irlanda, anno 1450. Ai piedi del monte Carrantuohill, nella contea del Kerry, sorgeva un villaggio isolato che contava poche centinaia di abitanti. Le uniche forme di vita, inclusi gli abitanti del villaggio stesso, erano gli animali selvatici che popolavano la fitta vegetazione circostante, inoltre era molto raro che qualcuno proveniente dall'esterno andasse a visitare il posto. Il territorio era particolarmente tranquillo e la routine quotidiana sempre la solita: gli uomini si dedicavano alla caccia, alla pesca, alla coltivazione nei campi e all'allevamento del bestiame, i bambini correvano e giocavano ravvivando l'atmosfera del villaggio, mentre le donne si occupavano delle faccende domestiche e della raccolta di frutti ed erbe nel bosco, senza però allontanarsi più del dovuto. Le varie mansioni, escludendo l'allevamento e la coltivazione, avevano un certo livello di pericolosità, dunque venivano scelti gli uomini più adatti per lo svolgimento di ogni specifico compito e divisi in gruppi. Di solito le tecniche di sviluppo di tali compiti venivano tramandate di padre in figlio, generazione dopo generazione, a cominciare dalle precauzioni da prendere prima di allontanarsi dal villaggio, fino alle condizioni climatiche migliori che avrebbero consentito loro di non tornare indietro a mani vuote. I cacciatori, per esempio, si munivano di armi da caccia e di provviste, per poi addentrarsi in un bosco alle volte così fitto da impedire ai raggi solari, perfino in pieno giorno, di illuminarne adeguatamente i sentieri. Un equipaggiamento adatto favoriva il corretto andamento del lavoro, se male attrezzati invece non era difficile cadere vittime di un agguato da parte di animali feroci e passare così da cacciatori a prede. I pericoli della pesca, per quanto essa potesse sembrare una mansione innocua, risiedevano invece nel tragitto. Si doveva infatti attraversare un boschetto nel lato opposto del casale per circa cinque o dieci miglia, a seconda dei sentieri scelti, i quali variavano di continuo a causa di eventi climatici che li rendevano talvolta inagibili e pericolosi. Si arrivava così a pochi passi da una rupe profonda circa cento metri, la cui base ospitava il torrente in cui si sarebbe tenuta la pesca. Bisognava poi aggirarla prendendo dei sentieri estremamente pericolosi, dove un qualunque passo falso poteva causare loro dei gravi incidenti o, nei casi più gravi, costare la vita. Quella volta il cielo era soleggiato e totalmente sgombro da nuvole, l'aria fresca in contrasto col calore solare rendeva la temperatura gradevole e favoriva il lavoro, dunque gli uomini si prepararono e si incamminarono chi nei campi, chi nel bosco, chi al torrente. Al calare della sera, quando il sole irradiava i suoi ultimi raggi di luce, rincasavano stanchi e soddisfatti del lavoro svolto, non era raro però che qualcuno riportasse delle slogature o ferite causate da alcune disattenzioni. Sul posto non si presentavano mai problemi causati da fattori esterni, il morale era alto e tutti vivevano tranquilli e sereni, tutti tranne Roisin che, spaventata da ciò che stava per accadere, poteva solo sperare che tutto sarebbe finito per il meglio. Era un nuovo giorno. Un acuto rintocco di campane che valicava l'intera area abitata, invitava il villaggio a recarsi in chiesa. Quest'ultima, posta nella parte più sopraelevata del territorio, si presentava come un'antica struttura di grandi dimensioni, eretta nei secoli precedenti dagli avi del parroco in carica, che portarono sul posto la fede cristiana. Davanti alla chiesa si ergeva il cimitero del casale, le cui lapidi, nella parte più interna dello stesso, ospitavano un antico albero morto da decenni e mai sradicato, che rendeva il posto lugubre e sinistro; tutto ciò era infine circondato da un solido muro di pietra, congiunto da un grande cancello che separava il mondo dei vivi da quello dei morti. Innanzi all'entrata della cappella, il parroco era solito accogliere l'intera popolazione con riverenza prima di celebrare la messa. Padre Lennon, quello era il suo nome, era un uomo come gli altri e ben voluto da tutti, nessuno escluso; aveva l'abitudine di prendersi cura degli ammalati e ospitava gli orfani nella sua cappella, trattandoli come dei figli. «Qualcosa non va, figliola? È da un po’ di tempo che vi vedo preoccupata, è forse successo qualcosa? Non è da voi.» chiese Padre Lennon, vedendo Roisin più strana del solito. «Non è niente, Padre. L'età inizia a farsi sentire, tutto qui.» rispose la donna, tentando di tranquillizzarlo. «Non prendetemi in giro, cara, ci conosciamo da innumerevoli anni, capisco quando qualcosa vi turba. Parlatemene pure, sapete che potete farlo.» riprese il prete. Roisin lo guardò negli occhi ed esitò, sapeva bene che se avesse parlato dei propri sogni sarebbe stata messa al rogo. «Ultimamente faccio fatica a prendere sonno, quindi non riesco a recuperare al meglio le energie, ma starò meglio, ve lo assicuro.» concluse Roisin sorridendogli. Padre Lennon sembrò finalmente essersi convinto, quindi invitò la donna ad entrare in chiesa e la seguì. Finita la messa la gente si incamminò verso casa e il prete stava per fare altrettanto, tornando in cappella. Fu però fermato da una ragazza che iniziò a chiamarlo quasi insistentemente. «Padre, Padre!» urlava la ragazzina, mentre gli andava incontro. «Arold lo ha fatto ancora, è entrato da solo nel bosco, ho provato a fermarlo ma non mi ha dato ascolto.» «Buon Dio! Gli avrò detto centinaia di volte di non entrarci da solo, è pericoloso!» rispose il prete. «Grazie di avermi avvisato, ci penso io.» Dopo averle dato una carezza, come per ringraziarla dell'avvertimento, si incamminò nel bosco per recuperare Arold che fortunatamente non si era spinto troppo oltre. Roisin intanto, come il resto del villaggio, si incamminò verso casa con la preoccupazione in volto: quella notte aveva nuovamente avuto lo stesso incubo. La festa del villaggio era alle porte. Era un evento che si teneva ogni anno, durante il quale tutti si riunivano e banchettavano, danzavano e si divertivano; una notte di spensieratezza che permetteva a chiunque di dimenticare, almeno temporaneamente, i propri problemi. Le donne cominciavano ad organizzarsi e a prepararsi in vista di quel giorno; si sarebbe tenuto nella piazza, davanti ad una grande statua raffigurante un angelo.
  6. The_Butcher_of_Blaviken

    Sto arrivando

    Commento Premessa (metto le mani avanti ) Figlio mio, il motivo è semplice: la vendetta era necessaria, lo hanno imposto loro! Non fare quella faccia, c’è una risposta ad ogni domanda, e non pensare alle fiamme, non possono farti niente ora. Rieggis era il male in persona – Maledetto! Che tu sia maledetto! Brucia! - Era venuto dal nord con il suo grande esercito per razziare il nostro popolo, ma quello stolto del re Gnüslov gli ha dato in sposa la figlia Yngis per placare la sua sete di sangue. Io e i miei nove fratelli eravamo solo un problema, avevamo la forza di ribellarci e ci temeva. Per questo volle giustiziarci, come aveva già fatto con il re, ma Yngis si mise in mezzo supplicandolo di risparmiarci e tenerci solamente prigionieri. Egli accettò, ma non mosso dalla compassione, bensì stava architettando una morte molto più crudele e straziante. Ci incatenò a degli alberi nella Foresta del Rimpianto, proprio lì dove si aggirava di notte la Bestia – Maledetto! Sono un peccatore! Brucia! La vidi perfettamente, nella sua eleganza ripugnante. I suoi peli impregnati di sangue brillavano come delle lame, riflettendo i pochi raggi di luna che riuscivano a farsi largo tra le fronde. Il suo sguardo bieco, con quei suoi grandi occhi vermigli privi di palpebre, metteva in fuga persino il sole e il suo puzzo di morte ristagnava nell’aria. Il suo latrato si poteva sentire anche nel mondo dei morti e un’agghiacciante melodia, quasi sensuale, creata da uno stridor di catene, accompagnava ogni suo passo. La Bestia tornava famelica ogni sera per divorare uno di noi. Prima apriva le sue fauci per mostrare le sue zanne e alitare miasmi pestiferi, poi cavava gli occhi alla sua vittima, con la sua ripugnante lingua, per lasciare indelebile quei momenti nella mente del malcapitato - Brucia! Maledetto! Vendetta è fatta! - Quindi con le sue zampe unghiate graffiava, scuoiava e smembrava, facendo ben attenzione a non uccidere subito la vittima, perché altrimenti il suo sangue perdeva di gusto. Oh, se si divertiva…e con lei quel verme di Rieggis - Maledetto! Brucia! Ahahahah! La decima notte ero rimasto solo io e in cielo risplendeva una funesta luna piena. Certo! Non guardarmi così! Anche io ho provato una lacerante paura, non sono un Dio, ma prima di impazzire completamente sono arrivati loro. Mi hanno detto cosa fare. Mi hanno guidato verso la libertà. È tutto merito loro. Quando la Bestia si presentò in tutta la sua luminosa oscurità, loro mi dissero “mira alla lingua, è il suo punto debole”. Così, mentre la mostruosa creatura era intenta a ungermi il viso con la sua bava funerea, io addentai la sua lingua e strinsi forte. Mi aggrappai saldamente al suo rivestimento peloso e lei, in preda al dolore, spiccò un balzo all’indietro così vigoroso che ruppe le catene che mi tenevano prigioniero. Ero libero, un sorriso si stampò sulla mia faccia, ma loro mi ammonirono prontamente e mi ordinarono “uccidi la Bestia!”. Presi da terra un osso acuminato, che era avanzato dal banchetto della sera prima, e lo piantai nel cuore del mostro mettendo fine alla sua vita – Brucia! Maledetto! Sono un peccatore! “Mangia il cuore della Bestia! Mangialo! Ti servirà per compiere la tua vendetta”, mi dissero in coro e io ubbidì, anzi andai anche oltre facendo fare alla Bestia la fine dei miei fratelli: la divorai avidamente senza lasciare neanche un brandello di carne. Conquistata la libertà e la forza della Bestia, vissi per un po’ di tempo nascosto nella foresta, aspettando il momento giusto per attaccare il nemico. Il mio corpo cambiò, persi i miei lineamenti delicati, e la mia forza sembrava crescere ogni giorno che passava. Io ero pronto, smaniavo, volevo imbrattarmi del sangue di quel vile, Rieggis - Ahahahah! Maledetto! Brucia! - che mi credeva morto. Non si sarebbe mai aspettato un attacco proveniente dalla foresta, ma loro non volevano lasciarmi andare. Gli voltai le spalle – Sono un peccatore! - Non ce la facevo più ad aspettare. Feci breccia nelle mura della città e iniziai a dilaniare e distruggere tutto ciò che mi si parasse davanti. Riuscii a varcare le porte del castello, ma lì c’erano ad attendermi le guardie del re. Erano in troppi e io non mi ero ancora abituato del tutto al mio corpo bestiale…loro avevano ragione. Figliolo, loro hanno sempre ragione! Non contraddirli mai! Mi scacciarono dal castello, ma prima di mettermi in fuga, incrociai per un istante lo sguardo di Yngis. Capii che mi riconobbe quando la ritrovai il giorno dopo a vagare per la foresta alla mia ricerca. Yngis mi salvò una seconda vola, perché loro volevano farla finita con me dopo la mia disubbidienza, ma capirono che lei era il pezzo mancante per compiere la vendetta. Yngis portò con se nella foresta i suoi due figli, con lo scopo di farli addestrare da me in vista di un nuovo e più efficace attacco. Ma loro mi dissero che non andavano bene, erano deboli e corrotti e quindi li uccisi. Bisogna ubbidire alla loro volontà! Brucia! Ahahaha! C’era bisogno di uomo puro e forte, che mi accompagnasse in questa missione, così nascesti tu, Iltöjfin. Il resto lo conosci bene – Maledetto! Che tu sia maledetto! Brucia! - Loro ci hanno condotti fino a qui e solo grazie a loro siamo riusciti a compiere la nostra vendetta. Non essere triste per tua madre, sapeva a cosa stava andando incontro e sapeva che lo stavamo facendo per una causa più grande di noi. È il prezzo giusto da pagare! Il fuoco consumerà e divorerà il verme Rieggis, ma accarezzerà e purificherà dai suoi peccati tua madre…mia sorella Yngis. Tu, figlio mio, sei stato preziosissimo, ma rimani solo uno strumento. È per questo che ho dovuto ucciderti. La vendetta è stata compiuta, nessuno è rimasto in vita, proprio come volevano loro. Finalmente potranno andarsene e io sarò libero. Ma non aver paura figliolo, aspettami, sto arrivando. Un paio di note per i lettori 1) L’ispirazione l’ho avuta dopo aver giocato HellBlade: Senua’s Sacrifice, gioco molto particolare ambientano nell'inferno della mitologia norrena. Questa storia è proprio una reinterpretazione di un racconto della mitologia nordica. 2) Con gli incisi tipo ”– Maledetto! Che tu sia maledetto! Brucia! –“, la mia idea era di rendere per iscritto un misto tra una psicosi e la sindrome di Tourette, ma non so se ho raggiunto l’obiettivo XD. Non so neanche se ha senso la punteggiatura.
  7. WildG

    Dimmi perché lo faccio

    Commento Purtroppo ci sono 300 caratteri in più del previsto, spero non sia un grosso problema ! ---------------------------------------------------------------------- “DIMMI PERCHE’ LO FACCIO !” urlò Carl mentre stringeva la pistola nella mano sinistra e la gola di uno sconosciuto nella destra tenendolo col suo peso steso a terra. Portò poi con gesto rabbioso la canna della pistola a contatto con la fronte dell’uomo a terra, stringendola fino a far diventare bianche le nocche. “Dimmelo … ORA!” , disse avvicinandosi alla faccia dello sconosciuto che poteva vedere ora distintamente il suo volto, nonostante la penombra che celava quasi tutto nel vicolo; dimenandosi e cercando di sottrarsi inutilmente alla stretta di Carl, il malcapitato riuscì solo a pronunciare qualche parola, soffocata dalla mancanza di ossigeno: “Non lo so … ti prego lasciami …”, mentre il colorito del volto virava verso il rosso. La vista si stava annebbiando a causa della morsa con cui Carl gli serrava la gola, e il respiro si faceva sempre più affannoso; il freddo della canna della pistola che premeva sulla fronte si stava facendo insopportabile e il punto di contatto iniziava a bruciare. Carl si sollevò leggermente per permettergli di respirare e tolse la mano dalla gola; rimase accovacciato lateralmente all'uomo a terra , con il braccio sinistro penzoloni fra le gambe e la pistola che toccava il terreno. Guardò l’uomo che aveva sotto di sé che respirava avidamente tossendo ancora e ancora, mentre gli occhi si riempivano di lacrime dallo sforzo. Tentò di mettersi seduto ma le braccia non gli ressero e ricadde steso a terra; un altro tentativo e vi riuscì. Si portò una mano alla gola massaggiando delicatamente mentre cercava di respirare in modo regolare; guardò Carl con timore e rabbia dicendo: “Ma chi diavolo sei tu? Cosa vuoi da me?” . Carl lo guardò un attimo sollevando il capo , e disse: “Come ti chiami?”, con voce bassa e tremolante. “Mi … mi chiamo Adam, e se le ho fatto un torto mi dispiace, vede io …”, ma Carl lo interruppe facendo segno di stare zitto portando la canna della pistola a contatto con la bocca. Adam ora poteva vederlo bene in volto: occhiaie profonde, scure che gli segnavano il volto scavato e con la barba incolta ormai da giorni; grossi occhi celesti umidi e arrossati dal pianto. Una felpa e un paio di jeans sdruciti gli davano l’aspetto di un senzatetto drogato. “Se le ho fatto un torto mi dispiace … Non volevo”, disse Adam mentre guardava Carl con gli occhi sbarrati; il suo aspetto trasandato e il suo sguardo quasi assente gli serravano le budella in una morsa di gelida di paura. “Guardami …” disse Carl come ridestato da un sogno ad occhi aperti; “Non lo senti questo respirare affannoso?” guardandosi attorno come a cercare qualcuno nascosto nella penombra. Gli occhi di Adam si riempirono di lacrime e si rannicchiò portandosi le ginocchia al petto. “Non sento nulla … Mi dispiace …” tirando su col naso. “Se non smetterà di respirare in questo modo io impazzirò …” disse Carl guardando Adam dritto negli occhi. “Si ferma soltanto quando una vita si spegne … Ma solo per poco … Solo per poco …” A quelle parole Adam trasalì, come se gli avessero dato un calcio nelle costole. Ora era tutto chiaro; ora era tutto maledettamente chiaro. Così come era ormai evidente che non sarebbe sopravvissuto a quell’incontro notturno. Carl restò immobile a fissare Adam come a cercare di leggergli l’anima. Poi con uno scatto improvviso Carl si portò le braccia a coprire le orecchie, stringendo gli occhi ed increspando la bocca in una smorfia di sofferenza. Un sibilo acuto, violento, come un gigantesco stridio di metallo, aggredì le sue orecchie, facendolo quasi cadere stordito a terra. Adam lo guardò impietrito, senza proferire una parola. Carl gemette fino a che il sibilo cessò e guardò Adam dicendo: <<Lo hai sentito vero? VERO?>> guardandolo ora con uno sguardo supplichevole. Adam scosse velocemente la testa, con le lacrime che gli offuscavano la vista e gli facevano colare il naso. <<Io non sento nulla …>> tirò sul col naso <<Non sento nulla …>> abbassando la testa rassegnato oramai al suo destino. Carl si avvicinò ad Adam, mettendo le sue labbra vicino all'orecchio destro di lui, per non farsi sentire, quasi a condividere un segreto inconfessabile: <<Lo sento respirare nella mia testa, sempre … Giorno e notte … Perché lo faccio? Perché accetto di farlo smettere al prezzo di una luce che si spegne? Sembra finita poi ecco … Lo senti? Sta ricominciando... e io mi sto perdendo>>. Adam tremava mentre l’alito caldo di Carl colpiva ad ondate il suo orecchio, non sapendo poi cosa dire ad un uomo in preda ad una evidente follia. <<Una luce dovrà spegnersi, adesso. ADESSO …>> disse Carl afferrando violentemente la mano destra di Adam e mettendogli in mano la pistola. Gli serrò la mano intorno al calcio della pistola, gli mise l’indice sul grilletto e la puntò alla tempia, mentre Adam si dimenava nel vano tentativo di lasciare la presa. <<Una luce si spegnerà, ora… Io non posso più decidere … Fallo tu … Scegli quale luce si spegnerà adesso … E lui smetterà di ansimare nella mia testa.>> La stretta di Carl sulla mano di Adam si fece più forte. <<Dimmi perché lo faccio, oppure decidi per me, ORA!>> Carl strinse più forte la mano di Adam; il grilletto scivolò indietro ed un colpo assordante scosse il silenzio quasi lugubre della notte. Il contraccolpo violento ed inaspettato fece volare la pistola dalla mano di Adam, mentre Carl venne sbalzato all'indietro dalla forza del proiettile. <<NO!>> gridò Adam mentre vedeva Carl steso a terra, ed il sangue formare una striscia rosso, argento scuro e nera, mentre attraversava la lama di luce del piccolo lampione nel vicolo. Adam si portò le mani alla bocca, incredulo a quella scena di puro terrore. Si guardò le mani, le vide sporche del sangue di Carl; si guardò il vestito, e la giacca e la camicia erano pieni di schizzi di sangue e di terra. Iniziò a dondolare leggermente avanti e indietro, sussurrando appena: <<Morto … E’ morto … Oddio e adesso cosa faccio… La polizia, No, no, meglio di no; cosa gli dirò? Agente ho sparato ad uno sconosciuto! Oddio, chi mi crederà… Perderò tutto, tutto.>> Poi guardò la pistola a terra a poca distanza da lui; si guardò attorno circospetto. <<Forse non ha sentito nessuno, è notte.>> Si avvicinò gattonando sull'asfalto fino alla pistola e la nascose nella tasca interna della sua giacca e cercò di pulirsi dagli schizzi di sangue in faccia. Si chiuse il cappotto ed iniziò a camminare svelto. <<Casa mia è a soli 5 minuti, posso farcela… posso farcela>> ripeteva a sé stesso a bassa voce mentre il cuore gli pulsava forte fino nelle orecchie e la testa iniziava a girare. <<Ecco , sono arrivato. Dove sono? Dannate chiavi.>> Mentre rovistava in tasca, le chiavi caddero a terra e con le mani che tremavano le raccolse e riuscì ad aprire. Entrato in casa, si tolse subito i vestiti gettandoli nella spazzatura e si infilò nella doccia. Respirava profondamente cercando di calmarsi mentre l’acqua calda gli scorreva addosso. Uscito dalla doccia si mise un asciugamano intorno alla vita e si mise davanti allo specchio. <<E’ morto, ma non potevo fare nulla… quegli occhi… oddio… pazzo … sì, sì … era pazzo.>> disse a sé stesso per poi passarsi una mano sulla faccia. <<Ho bisogno di un tè per calmarmi e poi deciderò cosa fare di quella maledetta pistola.>> A piedi nudi si recò in cucina, ed accese il bollitore. Dopo pochi minuti iniziò a fischiare ad indicare che l’acqua era pronta. Il sibilo del bollitore lo fece trasalire e lo guardò con terrore aggrottando le sopracciglia. Il sibilo sembrò aumentare di intensità fino a farsi insopportabile. Adam cadde in ginocchio gridando dal dolore e tenendosi le mani alle orecchie. Poi dopo pochi ma interminabili secondi il sibilo cessò. Adam si guardò intorno ansimando come se avesse corso inseguito da un branco di cani feroci. <<Calmo, calmo>> disse a sé stesso <<E’ finita … E’ finita …>> Sentì una voce flebile provenire dalla stanza da bagno. <<Chi c’è? CHI C’E’?>> quasi urlò dirigendosi nella stanza da bagno; con la mano tremante accese la luce. Niente, nessuno. Fece un sospiro di sollievo e si avvicinò allo specchio fissandosi negli occhi. Sentì un respiro sempre più prepotente e realizzò che non era il suo. Una goccia di sudore freddo gli imperlò la fronte e le mani si fecero dannatamente fredde ed insensibili. Poi udì una voce roca, fredda e senza espressione, eppure proprio per questo terrificante: <<Finalmente sono tornato a casa>>
  8. Ciao a tutti Dopo mesi che seguo il forum, leggendo con piacere e profitto i vostri post, da cui si impara sempre qualcosa di nuovo, è arrivato il momento che ne apra uno anche io per approfittare della vostra esperienza. Sto scrivendo un romanzo ambientato a Torino, dove i protagonisti principali usano spesso termini in lingua piemontese, soprattutto quando litigano, uccidono (è un pulp splatter punk) o fanno sesso. Poiché il mio scopo è renderne agevole la lettura anche alle persone che non conoscono il piemontese, dopo aver rinunciato ad una prefazione con “piccolo glossario piemontese-italiano”, per non costringere il lettore a fare avanti ed indietro nel romanzo, mi trovo combattuto tra due alternative: scrivere in corsivo le parti in piemontese ed inserire note a piè di pagina ogni volta che compare un nuovo termine o una frase intera oppure inventare uno stratagemma per introdurre le nuove parole. La prima alternativa, che sto usando sebbene sia ancora in fase di revisione, fa quasi sembrare il mio manoscritto (solo per come è editato, non per la bravura letteraria ahimè) qualcosa del tipo “I promessi sposi” o “La divina commedia”, è funzionale, il lettore ha subito sotto l’occhio la traduzione delle parole che incontra per la prima volta, ma il romanzo sembra quasi un libro di scuola. La seconda alternativa, non ancora sperimentata, mi costringerebbe a riscrivere parti del romanzo e trovare un modo per rendere comprensibili a tutti i termini in piemontese ogni volta che compaiono per la prima volta, una cosa che temo possa appesantire la mia scrittura e renderla meno scorrevole e ridondante. Secondo voi quale soluzione sarebbe più indicata? Leggereste un romanzo caratterizzato dal uso ed abuso della lingua della regione in cui è ambientato? Vi ringrazio anticipatamente per i suggerimenti. Ciao, Alberto
  9. Dominik G. Cua

    Ghost hunters - Il villaggio maledetto

    Mi sto occupando della revisione di un mio libro, ma sono bloccato su una frase che non riesco a migliorare in alcun modo... C'è qualcuno che saprebbe aiutarmi? P.s. la frase in sé è grammaticalmente corretta, ma a mio parere suona troppo banale, vorrei migliorarne la forma. (Evidenzierò la frase in questione) Il quasi totale silenzio del posto faceva supporre che, se anche fosse effettivamente abitato da qualcuno, quel qualcuno non era lì con loro in quel momento, quindi si limitarono a dare un’occhiata in giro, così da capire per lo meno con chi avevano a che fare. Considerate le dimensioni dell’edificio, pari o addirittura superiori a quelle della chiesa del villaggio, ci sarebbe voluto un po’ per perlustrarne ogni angolo, così decisero di dividersi per accorciare i tempi. Uno in particolare si diresse verso un corridoio buio che conduceva ad una porta socchiusa, dalla quale usciva una strana luce. Raggiunse quella stanza, pensando di trovare qualcuno al suo interno, ma c’era invece qualcosa che non si sarebbe mai aspettato di vedere… «Ve... Venite qui... presto!» urlò l'uomo. Una voce stridula, tremolante, appartenente a qualcuno che sembrava essersi trovato faccia a faccia con il diavolo in persona, fece allarmare il resto del gruppo che accorse immediatamente sul posto e che, superato quell'oscuro corridoio, comprese il motivo di tanta agitazione.
  10. MatRai

    Si spengono le stelle - Matteo Raimondi

    Titolo: Si spengono le stelle Autore: Matteo Raimondi Editore: Mondadori Collana: Omnibus ISBN cartaceo: 9788804687375 ISBN ebook: 9788852086595 Data di pubblicazione: 17 aprile 2018 Prezzo: Cartonato con sovraccoperta 19.50€ | EBook 9.99€ Genere: Thriller - Horror - Storico Pagine: 460 1691. York è un’inquieta città di frontiera da poco annessa alla Colonia della Massachusetts Bay, dove la legge è esercitata secondo una rigida morale puritana. Primogenita di Mary e Robert Walcott, capo della corporazione commerciale, Susannah è tormentata da un selvaggio bisogno d’indipendenza che la rende insofferente alle autorità e la porta a rifugiarsi negli antichi insegnamenti della sua vecchia nutrice indiana, Nagi, dalla quale ha imparato a scorgere in ogni cosa la profonda armonia del cosmo. Ma proprio il forte legame con la cultura dei nativi costa a Suze l’avversione dei suoi coetanei, che la accusano di essere strana, pericolosa, e per questo la schivano. Tutti tranne uno, il fragile e misterioso Angus Stone, che appare determinato a sfidare qualunque pregiudizio pur di averla. Le cose cambiano quando Robert viene inviato a Boston per presiedere il Congresso coloniale: mentre a York le stelle della ragione cominciano a spegnersi, Rob realizza di trovarsi nel mezzo di una spietata cospirazione tesa a inasprire odio e paura verso i “selvaggi”. Il conflitto tra coloni e nativi assume così il valore di uno scontro fra bene e male che coinvolgerà proprio Susannah, ignara custode di un grande segreto. Si spengono le stelle è un thriller stupefacente sulla Nuova Inghilterra di fine Seicento, che indaga uno dei periodi più cupi della storia americana a colpi di miracolose incursioni nei temi classici della letteratura fantastica. Ne emerge una grandiosa allegoria della civiltà contemporanea, che rivela una nuova, formidabile e poliedrica voce della narrativa italiana, capace di scolpire magistralmente luoghi e personaggi, di esplorare le terre di confine tra i generi e di intrecciare passato e presente, modernità e tradizione, racconto individuale e Storia collettiva in una miscela esplosiva. Amazon IBS Mondadori Store
  11. Torba

    Il mondo oltre (1 di 3)

    *Racconto cancellato su richiesta dell'utente*
  12. Joyopi

    [Sfida 17] Klondike

    Commento Sfida a @AlexComan Genere horror, tema: giustificare la crudeltà boa: non più di tre numeri (o parole riconducibili a numeri). Klondike A quel tempo ero uno dei tanti cercatori solitari e speranzosi che erano accorsi nella regione di Yukon. A seguito della prodigiosa scoperta da parte di George Carmack, la voce di immani ricchezze nascoste in quelle terre remote e fredde era giunta molto rapidamente fino a San Francisco e così fiumane di cercatori d'oro, più o meno improvvisati, si erano riversate verso nord passando da Skagway e giungendo sulle sponde dello Yukon e del Klondike. Erano gli ultimi anni del secolo. Io ero una piccola goccia di quella corrente impetuosa. Come tutti, avevo preso base a Dawson City, un borgo di montagna che si era trasformato in una cittadina misera e spettrale nella quale carestia e disordine la facevano da padrone. Gli edifici finivano spesso in fiamme e in cenere nonostante il gelo della terra su cui poggiavano. Com'era inevitabile, infatti, in quei pochissimi anni il borgo che fino a poco prima aveva vissuto tranquillo nella sua isolazione aveva visto crescere in maniera esponenziale il numero di abitanti e avventori e di conseguenza i problemi. Nelle ore più tarde della notte, quando non erano sulle tracce dei filoni d'oro tra fiumi e montagne, i cercatori infestavano le locande e le sale da gioco che erano spuntate come pidocchi sulla pelle di un vagabondo, bettole squallide e pericolose in cui l'illegalità era un serpente strisciante, stamberghe in cui scoppiavano risse sanguinose senza soluzione di continuità e che quasi sempre lasciavano a terra cadaveri marcescenti. Più di una volta mi ci ero trovato invischiato, rimediando diverse ammaccature; in qualche occasione avevo visto salva la pelle solo per grazia di Dio. Fu in uno di questi saloon che incontrai Gary Williamson e John Bradbury, di Atlanta. Erano tra i più esperti cercatori d'oro dell'intero stato; avevano già preso parte a spedizioni fortunate sui Monti Appalachi e nelle valli di Black Hills ed erano appena giunti in Canada. Senza volerlo, mi ero trovato ancora una volta impelagato in una scazzottata che non avrebbe dovuto riguardarmi e quasi inavvertitamente, con una spinta, avevo evitato a Williamson una pugnalata nello sterno. Una volta sedata la rissa, l'uomo mi aveva ringraziato calorosamente e come ricompensa mi aveva invitato ad unirmi alla spedizione alla quale avrebbero preso parte l'indomani, con la promessa di rendermi ricco per sempre. Ovviamente accettai. Il mattino seguente ero in viaggio insieme a una mezza dozzina di uomini molto più esperti di me e che, a differenza del sottoscritto in occasione delle precedenti ricerche in solitaria, sembravano esattamente cosa fare e dove dirigersi. Risalimmo lungo il fiume Yukon e poi a nordest, attraverso le sponde dell'affluente principale, il Klondike River. Lasciammo alle nostre spalle molti gruppi di cercatori, soprattutto dalle parti di Rabbit Creek. Bradbury disse che lì si concentrava la maggior parte degli avventurieri perché in quelle zone erano avvenute le scoperte originarie, ma che proprio per questo le vene aurifere della zona erano quasi esaurite e dunque avremmo dovuto proseguire. Io seguivo il gruppo senza fare eccezione. Era palese la sicurezza di quegli uomini, in particolare di Williamson che teneva la testa. In seno avvertivo l'eccitazione per la fortuna che avevo avuto. Non feci alcuna domanda per tutto il tragitto, anche se dentro di me bruciavo dalla curiosità di sapere dove fossimo diretti. Ci fermammo solo al tramonto, nei pressi di una vallata coperta di neve e fanghiglia. Radmond, un uomo tozzo e basso dall'aria simpatica, si occupò di montare le tende assieme a Bradbury e a un altro uomo di cui non conosco il nome. Io approfittai per scambiare qualche parola con Williamson mentre appiccavamo il fuoco. Gli raccontai qualcosa di me, della città da dove venivo e delle settimane da me già trascorse in quelle terre del nord, completamente infruttuose. Lui ridacchiò. Mi parlò delle sue precedenti spedizioni, tutte molto soddisfacenti, e mi promise che avrei lasciato il Klondike carico d'oro. Proseguimmo a parlare a lungo dopo aver consumato la cena a base di fagioli e carne di cervo e nell'ascoltarlo mi rendevo sempre più conto di quanto fosse un uomo straordinariamente carismatico e saldo. Anche nell'aspetto, con un corpo robusto e sano e un volto deciso e irsuto su cui spiccavano occhi grigi di lupo, confermava le mie impressioni. Quando pensai di essere ormai del tutto degno della sua fiducia, mi decisi a chiedergli dove stessimo andando e, soprattutto, come mai sembrasse così sicuro di trovare l'oro. Williamson non disse nulla. Sembrò come se, per la prima volta da quando lo avevo conosciuto, non covasse già le parole e le cercasse da qualche parte dentro di sé. La risposta arrivò con un tono e una voce che mi fecero rabbrividire: «Io conosco il percorso dell'oro, io so vedere l'oro». Trascorse una settimana. Avevamo risalito il Porcupine River, disceso il Peael fino a Kluane Lake, l'immensa distesa di ghiaccio che da quelle parti chiamano lago, e scalato diverse catene, dove il freddo mi entrava nelle ossa. La notte che accadde la tragedia eravamo accampati ai piedi di una di esse, a poche miglia da un villaggio di aborigeni Métis, i quali sarebbero stati la mia salvezza. Quella sensazione di cieca fede e certezza nella guida di Williamson aveva cominciato a scalfirsi in ciascuno di noi per effetto della fatica e del freddo. Anche il comportamento dello stesso Williamson s'era fatto pian piano meno sicuro e razionale. Alcuni dei compagni giuravano di averlo visto in alcuni dei momenti in cui si allontanava o prima che gli altri si svegliassero, disegnare strani percorsi sulla neve. Quella notte non riuscii a dormire, ancora oggi non ne conosco il motivo. Qualsiasi cosa fosse a tenermi sveglio, so di dovergli la vita. La luna era già alta nel cielo e rischiarava la vallata che, per effetto del pallore proiettato sulle foreste, appariva un labirinto di ombre. Ero uscito dalla mia tenda. Nonostante il freddo pungente cominciai a camminare, allontanandomi dal campo, senza una meta. Covavo un senso di inquietudine. Mi diressi per un mezzo miglio a nord, verso una specie di innalzamento. Mi sedetti lì e restai per qualche tempo in ascolto della notte, fino a che un urlo ne squarciò il dolce sussurro. Quando tornai al campo quello che vidi mi fece inorridire: a terra giacevano i corpi degli uomini con i quali avevo viaggiato fin lì, il cui sangue a partire dalle loro facce dipingeva sul bianco della neve un percorso maledetto. Accanto a loro Williamson era accovacciato e sussurrava con una voce maledetta: «Oro... l'ho trovato...». Sul momento non capii. Capii il senso di quelle parole solo molto dopo, mentre a Dawson City assistevo all'impiccagione di Williamson, quando mi si figurò la seconda delle terrificanti immagini, le più spaventose che abbia mai visto e che ancora mi tormentano il sonno... L'una mi si era presentata quando avevo guardato sui volti dei cadaveri sulla montagna. Dove prima erano gli occhi, ora c'erano solo cavità vuote e buie. Williamson aveva usato il piccone. L'altra ha a che fare con il viso del pazzo... di colui che credevo pazzo, prima che la pazzia forse raggiungesse anche me. Un attimo prima che il cappio gli spezzasse il collo e lo consegnasse alla morte mi guardó dritto. I suoi occhi. Giuro che scintillavano come due pepite d'oro.
  13. simone volponi

    I bootleg del folle

    Titolo: I bootleg del folle Autore: Simone Volponi Collana: Infamia project ISBN: B07KCRKBS6 Data di pubblicazione: Novembre 2018 Prezzo: 2,99 (solo digitale) Genere: Antologia racconti horror-sci-fi Pagine: 110 Link all'acquisto: https://www.amazon.it/BOOTLEG-DEL-FOLLE-Simone-Volponi-ebook/dp/B07KCRKBS6/ref=sr_1_3?s=books&amp;ie=UTF8&amp;qid=1543176135&amp;sr=1-3 Un'antologia dei principali racconti pubblicati in varie raccolte di genere fantastico. Viaggi all'interno dell'immaginario horror e sci-fi, dal sapore pulp e con un'escursione nello steampunk. Una banda criminale romana che si ritrova a lottare per la vita mentre il Vaticano crolla; un monaco folle alle prese con una invasione zombie; liquidi rossi che causano terribili mutazioni e bombe celate nell'utero di un'innocente; il più celebre cowboy italiano calato in piena ambientazione steampunk; un uomo finito prigioniero in casa si nasconde da una bestia mostruosa; qualcuno brama nell'oscurità una pelle nuova...
  14. Ospite

    Pseudonimo Inglese

    Buongiorno a tutti, mi trovo nella posizione, come è capitato ad altri autori di questo forum, di dover pubblicare sotto pseudonimo. Non si tratta di un vezzo, ma di ragioni strettamente personali ed imprescindibili. Presa questa decisione, pur riconoscendo che si tratterebbe del famoso segreto di Pulcinella, mi domandavo: meglio sceglierne uno italiano o inglese? Credo che per alcuni generei non faccia molta differenza, visto che nella nostra letteratura abbiamo avuto vari autori di successo che hanno pubblicato gialli, thriller, romanzi rosa o storici ecc. Su altri invece ho l'impressione di pancia che da un lettore medio su generi tipo fantasy o horror sarebbe visto meglio un nome anglofono. Magari funziona anche, ovviamente in minimissima (issima!) parte, come leva marketing. Del tipo: "Boh non so chi sia questo tal Max Power (cit), ma se lo hanno tradotto proprio schifo non deve fare!" che ne pensate? Grazie, Marco
  15. Akakij Akakievic

    É dentro di me

    È dentro di me. La mamma ha detto che il mal di pancia è dovuto al fatto che mangio troppe patate fritte, io so che non è così. Lui è dentro di me. LUI abita nella mia pancia. Lo sento muoversi qualche volta, me la graffia come se volesse uscire. Urlo e mi colpisco proprio sulla bocca dello stomaco. Scoppio a piangere, voglio chiamare la mamma, la pancia mi fa troppo male, faccio fatica a respirare. Basta ! Batto i pugni sul tavolo e mi alzo, grido ma non emetto alcun suono. Il mio battito aumenta. Sento la paura scorrermi per tutto il corpo come un veleno. Ho ormai otto anni e mezzo. Un bambino come me non deve soffrire così per un mal di pancia. Non io che solo l'altra settimana ho sconfitto Gurba-il-mostro-del-letto. L'avevamo chiamato così io e papà, ho dovuto tenere la luce accesa per 5 notti consecutive per evitare che il mostro mi portasse via con lui. Mamma ragazzi non potete immaginare quanto furbo fosse Gurba. Non l'ho mai visto in faccia. Vedevo solo la sua ombra, ma sapevo che era reale, almeno fino a quando mio papà non ha sparso un po' di polvere magica sotto il letto sconfiggendolo, è sempre stato un grande il mio babbo. Ma ora nemmeno lui mi capiva. Il dolore alla pancia è fortissimo, sembrava si fosse attenuato ma ora ha ricominciato più forte di prima. Vedo tutto attorno a me girare, mamma dice che succede alle persone con pochi zuccheri, oggi non ho fatto colazione ma non può essere quello, non è quello. È colpa sua, so che è colpa SUA. Abita nella mia pancia e vuole uscire. Vomito per terra. Il liquido verdastro e viscoso scivola lentamente sul tappeto. La mamma non mi sente, dov’è? È uscita? Tossisco, carta vetrata che mi lacera la gola. Basta non ne posso più. Se non vuole uscire lui lo farò uscire io. L'ho visto fare in tv un sacco di volte da quelle persone vestite di bianco, quelle che tagliano le persone e le salvano la vita. Io mi salverò la vita. Mamma tiene i coltelli in cucina. La pancia mi si stringe, ho l'impulso di vomitare ancora ma mi trattengo. Lo sento scalciare. Adesso lo posso sentire urlare. Ma ora lo faccio uscire, lo DEVO fare uscire, prendo il primo coltello dal cassetto. Quello che mamma usa per tagliare la carne e prepararmi la bistecca. Basterà un piccolo taglio sulla pancia e LUI mi lascerà stare per sempre, e magari potremo anche diventare amici, potrei mostrargli il mio esercito di soldatini, potremo fare grandi battaglie io e lui. Afferro il coltello e me lo infilo in pancia. Esce troppo sangue, il dolore aumenta, il cuore martella all'impazzata, cado a terra con un tonfo e chiudo gli occhi. "è uscito" penso. «… Timothy Finneck, ritrovato morto dissanguato dalla madre lo scorso 18 dicembre, dall’autopsia è emerso che il piccolo soffriva di coliche alla cistifelle prende forma l’ipotesi quindi di un tragico tentativo di...” Puoi cambiare canale ? Tra poco comincia la partita.
  16. dri

    Hypnos Edizioni

    Nome: Hypnos Edizioni Generi trattati: Weird Modalità di invio dei manoscritti: premio Hypnos Distribuzione: DirectBook, internet, librerie affiliate Sito: http://www.edizionihypnos.com/ Facebook:https://it-it.facebook.com/edizioni.hypnos/
  17. alenunzia

    Venator - L'Incubo dell'Inferno

    Titolo: Venator - Lincubo dell'Inferno (Prequel introduttivo al romanzo Quella Bestia di mio Padre) Autore: Nunzia Alemanno Collana: Venator Casa editrice: Self Publisher ISBN: 978-1729069219 | ASIN: B07KWX4F6F Data di pubblicazione: 24 novembre 2018 Prezzo: Ebook Gratis | Cartaceo €3,50 Genere: Paranormal thriller, Urban fantasy Pagine: 60 Link all'acquisto: Gratis su Amazon Lettura su Writer's dream Trama I cacciatori di demoni sono stati oggetto in diverse occasioni di racconti, favole, libri di genere fantastico e sono stati protagonisti del cinema horror o fantasy. A nessuno però è venuto in mente che potrebbero esistere davvero, nel nostro mondo e più vicini di quanto potremmo immaginare. L’Ordine Venatorius è la prova concreta dell’esistenza di una realtà inimmaginabile, recondita quanto lo stesso Ordine, concreta quanto l’acqua degli oceani e la luce della luna che vi si specchia. Proprio la luna, musa ispiratrice di poeti e scrittori, faro luminoso nelle notti buie, tornerà a fare da portale alla creatura più oscura dell’inferno: il Messor antithei, il servo di Satana, il predatore di anime. L’Ordine è in fermento, in attesa del suo ritorno; si organizzano per affrontarlo, per salvare quante più vite possibili. Non solo: si preparano a liberare dalla dannazione le anime delle vittime che altrimenti diverrebbero scherno e oggetto di tortura in un inferno atroce e spietato. Questo che avete tra le mani è una sorta di prequel che vi condurrà al romanzo Quella Bestia di mio Padre.
  18. alenunzia

    Quella Bestia di mio Padre

    Titolo: Quella Bestia di mio Padre Autore: Nunzia Alemanno Collana: Venator Casa editrice: Self Publisher ISBN: 978173086451 | ASIIN: B07JK5WY1W Data di pubblicazione: 1 Dicembre 2018 Prezzo: Ebook 3,99 | Cartaceo 14,90 Genere: Paranormal thriller, Urban fantasy Pagine: 282 Link all'acquisto: AMAZON Trama Niente è come sembra. Mike e Alex, padre e figlio. Un rapporto complicato. Elena, la moglie di Mike, viene trovata barbaramente assassinata nella camera da letto in cui aveva avuto un violento litigio col marito solo poche ore prima. Lo stesso Alex sorprende suo padre sulla scena del delitto, un omicidio che gli organi inquirenti avrebbero attribuito a Mike se non fosse che il corpo di Elena risultava visibilmente dilaniato da una bestia feroce. L’innocenza di Mike non convincerà mai suo figlio, soprattutto quando Alex, anni dopo, scoprirà che suo padre aveva mentito alla polizia nonostante la sua innocenza. Perché? Cosa nasconde Mike? Sullo sfondo del litorale romano si dipana una storia che ha dell’incredibile, con radici che risalgono a molti secoli prima e che coinvolge la Santa Sede. Un Ordine segreto della Chiesa, infatti, dopo cinquecento anni di letargo, si riattiverà per dare la caccia a chi è tornato.
  19. Torba

    Il mondo oltre (3 di 3)

    *Racconto cancellato su richiesta dell'utente*
  20. Torba

    Il mondo oltre (2 di 3)

    *Racconto cancellato su richiesta dell'utente*
  21. stefia

    Nello spazio nessuno può sentirti urlare

    Commento Dall’eco dei miei passi sul pavimento di pietra capisco di trovarmi un tunnel, ed è tanto grande che, anche allargando le braccia, non riesco a toccarne le pareti. Le falcate sempre più corte, le gambe pesanti e il respiro un po’ affannoso sono la misura del tempo che ho trascorso camminando in questo luogo misterioso. So di essere in un cunicolo e di doverlo percorrere fino alla fine ma, ancora, me ne sfugge il motivo. L’oscurità è densa e vellutata al punto di apparire quasi solida: tenere gli occhi chiusi o aperti non fa nessuna differenza. Improvvisamente il pavimento, da liscio e compatto che era, diventa irregolare e rumoroso: a ogni passo qualcosa scricchiola sotto i miei piedi. Lo strato di materiale friabile aumenta rapidamente di spessore arrivandomi fino alle caviglie e rendendo la camminata più faticosa. Mi chino e afferro una manciata di quelle ‘cose’ sperando che il tatto mi aiuti a capire di che cosa si tratta. Sembrano conchiglie o chiocciole, gusci vuoti sottili che si frantumano alla minima pressione. Come mai ce ne sono così tanti? Sono forse vicino al mare? Affondo ripetutamente la mano tastando quei piccoli oggetti e improvvisamente un guscio si muove. Poi un altro, e un altro ancora. Sulle prime non me ne rendo conto, ma presto il numero di gusci in movimento è tanto numeroso da produrre un ticchettio che aumenta di intensità fino a trasformarsi in un sibilo penetrante e continuo. In breve mi ritrovo coperto da gusci brulicanti di vita, sento il leggerissimo tocco delle loro zampette e realizzo che si tratta di insetti. Migliaia, milioni, miliardi di insetti che strisciano, camminano svolazzano e mi si infilano sotto gli abiti, dentro le orecchie, in mezzo ai capelli. Urlo. Urlo così forte da far tremare il buio; talmente forte da svegliarmi. Per fortuna sono stato riportato alla realtà non dai sibili degli insetti, ma solo dagli allarmi del monitor delle funzioni vitali e della bombola d’aria in esaurimento. Frastornato e con il cuore in gola succhio un lungo sorso d’acqua, apro la bombola d’emergenza e finalmente il silenzio torna a regnare nell’ ingombrante tuta spaziale che mi avvolge. Con l’aiuto del pannello di controllo sul braccio sinistro individuo una grossa stella in lento avvicinamento: la Canterbury ha agganciato il transponder della tuta e sta venendo a recuperarmi. Spero che non mi addebitino il costo del carburante per la deviazione dalla rotta, dato che avrei fatto volentieri a meno di essere colpito da quel maledetto detrito vagante. Mi sembra di essere alla deriva da giorni, ma se le bombole non sono ancora finite vuol dire che non è passato poi così tanto tempo. In queste situazioni è importante non farsi prendere dal panico e dormire per quanto possibile per risparmiare ossigeno. Peccato che l’incubo abbia intaccato le mie già scarse riserve e che adesso dovrò centellinare l’aria rimasta per farla durare fino all’arrivo dell’astronave. Rimpiango di non aver voluto seguire le lezioni di Yoga, in Accademia. Si dice che quell’antica tecnica di meditazione, se eseguita ad alti livelli, permetta addirittura di controllare la frequenza del respiro e dei battiti cardiaci. Mi avrebbe fatto comodo in questo momento, ma faccio comunque del mio meglio chiudendo gli occhi e concentrandomi sull’ ombelico. Non so se ho meditato o se mi sono riappisolato, so solo che quando riapro gli occhi il cuore salta un battito nel vedere un grosso scarafaggio marrone che cammina sul vetro del casco. Lo osservo per un lungo istante chiedendomi da dove arrivi e come sia possibile che sia ancora vivo e alla fine mi rendo conto che, per quanto impossibile, quell’insetto è all’interno e le sue lunghe antenne ricurve arrivano quasi a sfiorarmi il viso. Urlo colpendo istintivamente il visore nel tentativo di allontanarlo, ma il gesto produce l’effetto contrario e la creatura mi sbatte sul viso. Grido disperatamente agitandomi e scuotendo la testa a destra e a sinistra, ma è tutto inutile. Sento il tocco leggero di quelle zampette sottili sul collo e poi sulla guancia e quando arriva vicino alla bocca, la chiudo temendo che ci si possa infilare dentro. Mi rendo conto che il panico sta avendo la meglio e cerco di riprendere il controllo serrando gli occhi e visualizzando immagini rilassanti, ma ottengo solo di sentire il peso di quelle zampette sottili bruciare come fuoco sulla pelle del viso. Le voci allarmate dei miei compagni, dal comunicatore, chiedono spiegazioni, ma io non posso parlare o quella bestia schifosa mi entrerà in bocca e mi divorerà dall’interno, così mi limito a mugolare penosamente. La luce lampeggiante del monitor delle funzioni vitali mi avvisa che la pressione sanguigna ha raggiunto un valore impossibile, e subito dopo sono assordato dal sibilo della bombola in esaurimento. “Devo togliere quella cosa dalla mia faccia, devo togliere quella cosa dalla mia faccia, devo togliere quella cosa dalla mia faccia….” La mente, in loop, spinta dall’urgenza di trovare una soluzione veloce, e frastornata dagli stimoli degli allarmi non mi fornisce più nessun sostegno. Le antenne dell’insetto mi solleticano l’interno di una narice e a questo punto non mi rimane che una cosa da fare. Sotto lo sguardo annichilito dei miei compagni di viaggio, armeggio goffamente e finalmente riesco a sganciare il casco dalla tuta.
  22. Edoardo Leoni

    Neve - Racconto Horror

    Immagine di copertina: (facoltativa) Titolo: Neve Autore: Edoardo Leoni Autopubblicato: Amazon ISBN: B07JR9JGJW Data di pubblicazione (o di uscita): 2018 Prezzo: edizione Kindle euro 0,99 - gratis con Kindle Unlimited Genere: Horror Pagine: 33 Quarta di copertina o estratto del libro: Un'improvvisa tormenta si abbatte sulla cittadina di Kenson, Vermont. Louis, rimasto a casa ad accudire la moglie malata, si adopera al meglio delle proprie possibilità per superare i disagi causati dalla violenta precipitazione. Non sa che, nascosto aldilà della nebbia e della bianca cortina che ha sommerso il paese, qualcosa di mostruoso è pronto a aggredirlo. Link all'acquisto: https://www.amazon.it/Neve-Edoardo-Leoni-ebook/dp/B07JR9JGJW
  23. Joyopi

    [H2018 fuori concorso] Sarà la bufera

    Commento Fuori concorso del contest di Halloween Sarà la bufera «Cristo Santo!» L'imprecazione, spezzata dall'affanno, seguì immediata al suono della porta che sbatteva e che rigettava in strada il fracasso e il gelo della bufera. Il locale, vuoto, tornò nel tepore e nella relativa quiete. Jack lo spaccalegna batté con forza i piedi sul pavimento dell'ingresso per liberare i grossi stivali dal ghiaccio. «Cristo Santissimo! Non bastava la bufera, la gente di questo maledetto posto è impazzita!» Si gettò di peso su una sedia e alitò sulle sue mani per riscaldarle. «Portami un doppio, Dave, ho urgente bisogno di legna per il camino» mi gridò. Gli versai il whisky fino all'orlo mentre riflettevo sull'ennesima singolare espressione che gli sentivo pronunciare. Jack era un brav'uomo, ma aveva tre vizi: il primo era l'alcool, il secondo le imprecazioni e il terzo le metafore a tema esclusivamente boschivo. Gli portai il bicchiere e mi poggiai al tavolo, la bottiglia nell'altra mano perché conoscevo Jack... «Che succede Jack? Chi ti ha fatto incazzare?» «Cristo, sai quanto ho impiegato per arrivare fin qui dal passo? Un'ora, manco dovessi spaccare una quercia con il pisello moscio!» Dalla cucina sentii Allan ridacchiare. «Questa è stupenda, Jack, davvero». Sorrisi anch'io. «Sì, scherzate voi, ma non è affatto normale quello che sta succedendo. Mi hanno fermato tre volte. Ci sono più poliziotti e posti di blocco che cervi schiattati dal freddo sulla provinciale. Si sono tutti rintanati in casa o corrono come pazzi per arrivarci il prima possibile». Tracannò e mi restituì il bicchiere, vuoto. «Un bastardo con la Rover quasi mi sbatteva fuori strada». Allan uscì dalla cucina e raggiunse il tavolo. Ci guardammo con espressione interrogativa. «Cristo, ma voi non sapete un cazzo! Da quanto è che siete rinchiusi in questo posto?» «Da quando apriamo al mattino presto, Jack. Nel caso non te ne fossi accorto, noi qui ci lavoriamo, mica ci veniamo a svernare come te» gli risposi mentre gli versavo altro whisky. «Va bene, va bene. Ma Cristo, dovete averne avuti pochini di clienti se nessuno vi ha detto che c'è un fottuto psicopatico in giro per la contea!» Aveva ragione. Quel giorno era stato un vero fiasco. Lo avevamo giustificato con la tormenta ma a quanto pareva c'era dell'altro. Buttò giù il whisky e ruttò. «Per tutta la contea non si parla d'altro. Hanno trovato una pozza di sangue scuro sulla neve e quelli che hanno tutta l'aria di essere pezzi di esseri umani sparsi ai bordi della carreggiata. Credo un braccio, delle dita piccolissime forse di bambino, Cristo santissimo! Addirittura si dice che ci fossero due pupille infilate come biglie nella neve, vi rendete conto?» «Cazzo!» disse Allan, «E dove sarebbe successo?» «Giù a Meanpick, qualche decina di iarde prima del piazzale dove c'è il ferramenta di Jim Tayan. Il vecchio Jim ha notato la pozza di sangue mentre andava ad aprire il negozio, si è avvicinato e... c'è quasi rimasto secco per lo spavento. La moglie a momenti annegava nel suo stesso vomito». «Porca puttana, Dave. Non è dove abiti tu?» La risposta fu il frastuono della bottiglia di whisky che andava in mille pezzi sul pavimento. «P-prova ancora, per favore. Hai fatto bene il numero, sicuro?» Allan mi fece cenno di sì col capo, sconsolato. «Niente, a casa squilla ma nessuna risposta. Il cellulare è irraggiungibile. Sarà colpa della tempesta, stai tranquillo» mi disse, ma dal tono di voce capii che non ci credeva tanto neanche lui. Boccheggiavo. Pensavo a Emily e alle bambine. «E se fosse capitato loro qualcosa di brutto?» parlavo a bassa voce, lo chiedevo a me stesso. «No, impossibile. Ma perché non rispondono a casa? Perché Emily non mi ha chiamato per avvertirmi di quello che è successo? Possibile che non si sia accorta di nulla?» Jack si alzò e mi si avvicinò. Vidi che barcollava. «Ehi, aaamico, scee ti va ti accompagno a casciaa». «Lascia perdere Jack, sei ubriaco» rispose Allan al posto mio. Poi rivolgendosi a me: «Ci penso io qui, vai a controllare che sia tutto a posto». «Grazie» risposi appena. Ero sconvolto. Non appena fui uscito ci pensò la tempesta con le sue sferzate a scuotermi. Il gelo mi entrò subito nelle ossa. Mi strinsi nel giaccone e corsi verso la moto. Salii, diedi gas e sentii la ruota slittare forte sul asfalto ghiacciato. Nella fretta avevo dimenticato di indossare il casco. La bufera mi sputava contro, il vento graffiava sul viso e stentavo a tenere gli occhi aperti. Denise. Susana. Il cuore mi batteva all'impazzata. Emily, perché non rispondi? Discesi lungo la strada principale che da Meanpick saliva su a Deille Mountain, poi distinsi in lontananza delle luci blu e ricordai quello che aveva detto Jack. Non potevo permettermi di incappare in un posto di blocco; di certo mi avrebbero fermato e rallentato, e io dovevo correre dalle mie bambine. Così spensi i fari per diventare invisibile e svoltai bruscamente tra gli alberi. Puntai verso sud. Riuscivo a malapena a tenere la moto in corsa sullo sterrato, immerso nel buio gelido della notte, eppure anche alla cieca mi districai tra le rocce e gli aceri. Conoscevo a memoria quelle montagne. Quante volte, nelle mattinate di sole, le avevo esplorate con Emily e le bambine a caccia di scoiattolini. Le mie bambine adorano gli scoiattolini. Spuntai alle spalle del piazzale che rappresentava l'ingresso di Meanpick. A un centinaio di iarde vedevo la ferramenta del vecchio Jim. La carreggiata era recintata da un nastro fino al punto in cui doveva essere avvenuto il ritrovamento. Un braccio. Due pupille. Una mano da bambino. O bambina. Rabbrividii. Due auto della polizia sorvegliavano l'area e fermavano eventuali passanti. Casa mia era proprio lì accanto. Fermai la moto e corsi in mezzo al bosco innevato per raggiungerla. Scavalcai la recinzione dal retro. Da fuori vidi che la casa all'interno era completamente al buio, così come il giardino. Aprii la porta che dava nella cantina e non appena accesi la luce, il sangue mi si raggelò. Una striscia rossa che non avevo notato nell'oscurità, sottile e irregolare, contornata da macchioline più o meno grandi dello stesso colore, si trascinava nel prato ed entrava in casa. «Emily!» gridai. «Bambine!» Sentivo il cuore infuriare su per la gola. «Dove siete?» L'urlo uscì spezzato. Nessuna risposta. Tremavo. Esitai per un istante, ero spaventato. Non sapevo se correre da loro o prepararmi a difendermi da qualcuno - o qualcosa? - di terribile. Mi decisi. Diedi un'occhiata al tavolo degli attrezzi. Afferrai l'ascia da legna e corsi dentro. Diedi una rapida occhiata a soggiorno e cucina. Trovandoli vuoti, salii scattando su per le scale che dal piano terra conducevano alla zona notte, i polmoni in fiamme. Rispensi la luce e accostai dolcemente la porta. Il respiro tornava lentamente a un ritmo regolare, i muscoli si rilassarono. Il sollievo che avevo provato nel trovare Emily e le bambine al sicuro, a letto, era stato tanto grande da suggerirmi di non svegliarle nemmeno. Scesi di nuovo di sotto, in soggiorno. Accesi la tivù. Il notiziario locale trattava del macabro ritrovamento e della reazione di tante persone che si erano barricate nelle proprie case per il terrore di incappare nell'assassino. Pensai che fosse giusto fare la stessa cosa. Serrai con cura porte e finestre; tornai in cantina per riporre l'ascia e solo allora notai che era parecchio sporca. Non me ne curai troppo. Risalii senza far rumore, entrai in camera da letto e mi distesi sul lettone accanto a Emily e alle bambine. Cercai la manina di Denise, senza però trovarla. Afferrai allora quella di Susana. Era fredda, così la coprii per bene con la trapunta. Un bacio sulla fronte di lei e poi a quella di Emily. Erano entrambe gelide. «Fa molto freddo stasera» le sussurrai all'orecchio. Sarà la bufera. «Andrà tutto bene. Non permetterò a nessuno di farvi del male, amore» e le diedi un bacio sulla bocca. «Vi amo». Gli occhi di Emily, vuoti e sanguinolenti, mi sorrisero nel buio della notte.
  24. mina99

    [H2018] Il figlio dell'uomo

    Commento “Il bambino è maledetto”, dicevano. Mary non dava ascolto alle dicerie del villaggio. Suo figlio era la creatura più pura e innocente che il mondo avesse mai visto. Un dono divino. Se solo avessero saputo della violenza subita, della sofferenza che c’era dietro, non sarebbe più stato per nessuno il figlio del maligno. Ma Mary era solo un’orfanella e il sacerdote un uomo rispettato, e se avesse raccontato che… Inoltre era un uomo misericordioso, e le aveva concesso di alloggiare nella stalla per la stagione fredda. La stalla… Era lì che aveva partorito. Urlava e piangeva e spingeva agli ordini delle levatrici. La gioia del parto avrebbe dovuto mitigare il dolore, pensava, ma il ventre bruciava come lambito da fiamme. Mary spinse più forte che poté e sentì la creatura venire alla luce. Calò il silenzio. Mary roteò gli occhi e chiese perché il bambino non piangeva. Le levatrici erano pietrificate. Sporse la testa e lo vide. Il bambino non piangeva, ma Mary sì. Il bambino sorrideva. Aveva gli occhi completamente neri e un sorriso fatto di orribili dentini bianchi. Fu così che per il villaggio Mary divenne la strega, la moglie del maligno, e la famiglia con cui era cresciuta la abbandonò. La stalla in cui ora alloggiava era arredata con un giaciglio di paglia, una mangiatoia come culla, un focolare e una cassapanca di legno. Mary passava il tempo a curare il bimbo e a pregare. Due volte al giorno una donna portava i pasti. Le rivolgeva a malapena parola e guardava con diffidenza alla strega e alla sua creatura. Mary non aveva mai sentito suo figlio piangere: se voleva attirare l’attenzione rideva. Rideva come se avesse visto la cosa più buffa al mondo, mostrando quegli orribili denti, rideva tutta notte, e non c’era modo di farlo smettere, mentre fissava qualcosa oltre la porta, nel buio dei prati che portavano al bosco. Mary non riusciva a chiudere occhio e col tempo due borse scure le scavarono il viso invecchiato troppo in fretta, dandole ancor più l’aria da strega. Attribuì alla propria stanchezza le sparizioni del pargolo. Lo lasciava nella mangiatoia e appena lo perdeva di vista lo ritrovava a terra o sulla cassapanca. Lui stava lì, come fosse naturale, e rideva. Una sera Mary si addormentò prima di cena e quando si svegliò il bambino non era più lì. Non era nella stalla. Uscì sul prato giallo, scoperta all’aria fredda e stantia. Lo vide. Il bimbo gattonava. Aveva pochi giorni, ma gattonava verso il bosco, ridendo. Mary corse. Aguzzò lo sguardo verso la selva nebbiosa: c’era un uomo lì in fondo, un uomo alto e pallido, vestito di nero e dal volto in ombra, e suo figlio andava dritto verso di lui. Mary raggelò e accelerò il passo. Il bimbo stava per arrivare dall’estraneo. Mary allungò un braccio, aveva quasi raggiunto il figlio. Lo afferrò, ma inciampò cadendo di faccia davanti allo sconosciuto e il cuore le prese a correre. Sarebbe morta, se lo sentiva. Era il maligno. Era… Alzò lo sguardo. Era un albero. Una piccola betulla dai rami spogli e ricurvi. Mary si alzò in piedi stringendo il bambino e tornò indietro. Stava arrivando la donna con la cena e Mary alzò un braccio in segno di saluto. La donna non rispose: aveva gli occhi fissi su un punto alle spalle di Mary. Scappò tra le vie del villaggio facendo segni sacri. Mary si voltò. La betulla era sparita. Tornò di corsa alla stalla. Faceva freddo ed era quasi buio, perciò ravvivò il focolare. Decise che avrebbe allattato il piccolo e poi sarebbe andata a dormire. Si sentiva sempre meno lucida e le faceva male la testa. Non volle pensare a quello che aveva visto. Suo figlio era tutto ciò che aveva. Normalmente il piccolo non dava problemi quando veniva allattato, ma quel giorno si mise a fissare Mary dritto in volto. Poppava e fissava la donna con quegli occhi neri, in un atteggiamento di ostentata sicurezza. Mary vide qualcosa di orribile in fondo ai suoi occhi ed ebbe l’istinto di allontanare il pargolo. Lui fece un verso inarticolato e morse con forza il capezzolo della donna. Mary urlò e tirò la creaturina. Tirò, tirò, tirò, ma quegli orribili denti non vollero staccarsi. Lui morse ancora: stava masticando. Il sangue zampillava e macchiava il muso della creatura. Mary impazzì dal dolore. Allungò una mano frugando a casaccio nella cassapanca e strinse il pugno su un oggetto metallico: una lametta. Il bambino diede un ultimo morso e strappò il capezzolo a sua madre. Lei strillò, sollevò l’arma e sferrò un colpo. La creatura urlò e Mary riuscì a scagliarla nella mangiatoia. Poi si accucciò nel proprio giaciglio, piangendo. Immersa in un limbo semincosciente, conosceva solo dolore bruciante al seno mutilato. La luce del focolare era quasi spenta. Suo figlio… Aveva colpito il suo stesso bambino. Era stanca, e sola, e spaventata, e l’aveva accoltellato. Ma lo amava. Era impazzita. Era un mostro. Come aveva potuto? Suo figlio… Una risata semplice e cristallina si levò dalla mangiatoia amplificandosi nella stanza e un brivido scese con lentezza lungo la schiena della donna. Si voltò e inorridì. Nella luce rossastra degli ultimi tizzoni vide l’ombra del pargolo venire verso di lei gattonando goffamente. Mary rimase inchiodata e l’urlo le si spense in gola. Non riusciva a muovere un muscolo e il neonato avanzava. Aveva la bocca sporca di sangue e un rivolo di liquido scuro gli scendeva dalla tempia sinistra all’orecchio, dove Mary l’aveva colpito. Il bimbo le si fermò accanto e sorrise, i dentini sporchi di sangue. Mary sgranò gli occhi, tremando e sudando freddo. Lui era lì, poteva sentirne l’odore e vederne il sorriso orribile, il filo di bava misto a sangue che colava dalla bocca, il muco che gli sporcava le guance, la ferita alla tempia, i primi ciuffi di capelli sudaticci, gli occhi neri. Ma non si muoveva, non sbatteva neanche le palpebre. Era ancora…? Non era reale. Se avesse chiuso gli occhi e contato fino a dieci, si disse, quando li avrebbe riaperti lo avrebbe trovato a dormire sereno nella mangiatoia. Così fece. Quando riaprì gli occhi tutto era buio, a parte i tizzoni fievoli. Sbatté le palpebre. Se l’era immaginato? Allungò cauta una mano dove un istante prima c’era suo figlio e tastò solo aria. Andava tutto bene. Si alzò. Il cielo era coperto e tutto era più nero del buio. Si sentiva sempre più debole per l’emorragia. Prese un ciocco dalla catasta e lo poggiò sui tizzoni, poi si fermò e aspettò che prendesse. «Mamma?», sussurrò una voce nell’oscurità. Si sentì le gambe molli, si portò le mani tra i capelli, spalancò gli occhi e aprì la bocca in un lamento muto. «Cosa mi hai fatto, mamma?» Crollò in ginocchio e pianse. Provò a sillabare delle scuse, ma aveva la voce rotta. Le fiamme avvilupparono il legno e Mary vide. La creatura era sopra di lei, attaccata al soffitto come uno scarafaggio. Aveva il collo spezzato e la testa rivolta verso il basso. I suoi lineamenti erano diabolici: un ghigno trionfante scavato nella pelle rugosa come una vecchia pergamena. Proruppe in una risata infantile e il suono si amplificò nella stanza. Mary urlò e la creatura attaccò. Rise e affondò i denti nel ventre della madre. Ogni tentativo di liberarsi fu inutile. Graffiò, morse, strappò, squartò, dilaniò e scavò la pancia della madre, ridendo innocente. In uno sforzo disperato Mary afferrò il bambino e lo scagliò via. Lo vide urtare contro il legno ardente, che rotolò e finì sul giaciglio di paglia. Mary usò le sue ultime energie per strisciare verso il focolare. Sentiva le interiora uscire scomposte da lei, ma non le importava. Le importava solo di suo figlio. Il corpicino stava bruciando. Allungò le mani tra le fiamme gialle, che intanto l’avevano circondata. Raccolse il corpo semicarbonizzato. Sentì la pelle gonfiarsi e staccarsi nel fuoco e urlò. Si abbandonò al rogo e pianse, abbracciando suo figlio. Era senza denti. Il fuoco crebbe e le urla fecero lo stesso. Quella notte il villaggio guardò la stalla della strega bruciare e ridursi in cenere.
  25. Lo scrittore incolore

    [H2018] Purezza

    Traccia 5 (lo psicopatico), boa: Ci dev'essere una mutilazione di qualche tipo. commento: «Ken non ha il pisellino! Non ha il pisellino!» Mi diverto un sacco con mio fratello e mia sorella. Sono un po’ più grandi di me e tutti i giochi che sono miei adesso, prima erano loro. Stiamo sempre insieme e anche quando la mamma ci chiama perché secondo lei abbiamo giocato abbastanza e dobbiamo uscire subito dalla cameretta, rimaniamo dentro e facciamo ancora più baccano, così pensa che non l’abbiamo sentita e si decide a lasciarci in pace. «Nemmeno Barbie ha la patatina! Le ho tolto le mutandine e non ce l’ha!» Giochiamo con tutto. Prendiamo i dinosauri di mio fratello e facciamo finta di essere degli esploratori che trovano un tempio antico, infestato di pterodattili. Oppure prendiamo le fatine di mia sorella e le facciamo volare da un capo all’altro della stanza, immaginando che siano delle fatine acrobate. O ancora prendiamo i superliquidator e facciamo finta che siano fucili al plutonio, con cui uccidere gli alieni cattivi. Quante risate e quanto divertimento. Vorrei davvero che non finisse mai. «Comandante Barkley, mi riceve?» Un po’ seccato, apro la trasmittente. È matematico: ogni volta che do il primo morso al mio sandwich, arriva una chiamata. «Dimmi, Parker.» «Siamo stati chiamati da una donna, signore. Abita sulla quinta e dice che i suoi figli sono rimasti chiusi in camera. Li chiama da ore e niente.» «Siamo forse l’associazione fabbri d’America, Parker?» «No, signore. Lo so. È che la donna dice di sentire odore di sangue. Piangeva mentre parlavamo al telefono. Credo che un fabbro non basti.» «Dammi l’indirizzo. Ci vediamo lì.» Segno tutto quello che mi dice il mio sottoposto e chiudo la conversazione. Parker è da poco con noi. È il più emotivo dei ragazzi e forse è il meno adatto a fare questo mestiere. Eppure c’era qualcosa nella sua voce che mi ha fatto scattare sulla poltrona dell’ufficio. Mi alzo, recupero la giacca dall’attaccapanni ed esco fuori. L’odore di sangue c’è davvero. Distinguibile già dalla porta d’ingresso. E c’è anche una donna minuta in lacrime, che mi fa strada verso la camera incriminata. Le sue parole di dolore cercano di venir fuori, fra i singhiozzi di un pianto ormai disperato. «Stanno… giocando! Si sent…ono. Ma non mi risp…ondono. Perché?» Vorrei trovare una risposta esauriente, per farla calmare, ma fino a che non entro in quella maledetta stanza, posso solo immaginare. Poi do indicazione a un Parker con il volto paonazzo e sudato di buttare giù la porta e il mio sottoposto, nonostante i movimenti incerti, al secondo tentativo riesce ad aprire un varco. Ci metto qualche istante a focalizzare. Quelli che la signora aveva preso per rumori prodotti dai figli, sono prodotti in realtà da uno soltanto. Un bambino sui dieci anni, ci rivolge uno sguardo a metà fra il sorpreso e l’infastidito. Attorno a lui ci sono giochi di vario genere, macchie di sangue di varie dimensioni, un revolver, un coltellino e un piccolo pene mozzato. Ci sono poi il cadavere di un altro bambino maschio, con il pube martoriato di fresco e quello di una bambina, a cui è toccata la stessa sorte. Entrambi presentano il foro di un proiettile al centro della fronte. «Barbie! Ken! No!» urla la donna con gli occhi strabuzzati e si getta sui corpi dei due figli. Parker ha la prontezza di bloccarla e trascinarla con forza fuori dalla stanza. Io raccolgo la pistola e il coltellino, con l’intento di mettere la situazione in sicurezza, mentre il bambino con una voce estremamente piatta mi fa: «Vi odio. Ci stavamo divertendo un mondo.» È il momento di capire, se possibile. Oswald, questo il nome dell’autore del massacro, è stato messo in isolamento. La madre, passato il momento iniziale di sordo dolore, ha voluto parlare con me. Lo ha preteso. Forse anche lei ha bisogno di dare un contorno a tutto questo. Di trovare il razionale nell’irrazionale. Siamo seduti al tavolo della cucina. Mi guarda con estrema lucidità. È lei a cominciare la conversazione. «Oswald ha una malformazione.» Di che tipo? Vorrei chiedere. Ma è ancora lei a parlare. «È nato senza organi genitali.» Ecco il razionale. Ecco la spiegazione. Deglutisco un importante groppo di saliva. Dare un contorno a tutto questo fa bene a noi e soprattutto a questa madre spezzata dalla disperazione. «Dove può aver preso la pistola e il coltello, signora? So che probabilmente non avrà una risposta per questa domanda, ma sarebbe di estremo aiuto per le indagini.» «Gliel’ho procurati io.» Non credo di aver capito bene. Ripeto nella testa ogni singola parola dell’ultima frase pronunciata dalla mia interlocutrice e proprio non viene fuori alcun nesso logico. «Vede, anche io sono nata senza genitali. Barbie, Ken e Oswald, il mio adorato Oswald, sono stati adottati. I primi due avevano riempito il mio cuore. Ma quando dopo anni di ricerche mi sono imbattuta in Oswald, ho capito di essere finalmente completa. Lui è come me. È puro. Barbie e Ken non lo erano. Erano solo un palliativo. Meritavano di morire.» Lo sguardo della donna non mi piace. Vorrei urlare per attirare l’attenzione dei miei uomini nella stanza accanto e avere il loro aiuto, ma ho paura che la reazione di chi siede al tavolo con me possa essere sconsiderata. «Perché ci ha chiamato, allora? Che senso ha?» «Sapevo che sarebbe venuta la polizia. Mi piace l’uomo in divisa, sa? Sono una donna pura, con un figlio puro. Vorrei un marito puro. Mi basterà mondare il suo corpo e avrò ciò che desidero.» Succede tutto in un attimo. La donna salta sul tavolo con un paio di movimenti caotici e furiosi e in un attimo mi è addosso. Con la mano sinistra cerco di tenerla a bada, mentre con la mano destra tento di tirar fuori la pistola. Nonostante la piccola stazza, la donna ha una forza notevole e, complice l’effetto sorpresa, sta per sopraffarmi. È lei a mettere le mani sulla pistola e a puntarla verso il mio pube. Bang! Non provo dolore dove dovrei provarlo. Eppure ha sparato. Ne sono sicuro. «Comandante Barkley, è ferito?» Benedetto Parker. È stato lui a far partire il colpo e a mettere fuori gioco la donna, ferendola a un fianco. «Sto bene, ragazzo. Sto bene.»
×