Vai al contenuto

Alexmusic

Sostenitore
  • Numero contenuti

    1.519
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    4

Alexmusic ha vinto il 9 luglio 2016

Alexmusic ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

952 Magnifico

Su Alexmusic

  • Rank
    Aporematicos
  • Compleanno 3 ottobre

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Italia - Provincia di Varese
  • Interessi
    Lettura, scrittura, musica, politica, sociologia, psicologia, tennis (praticante), scacchi (idem), cucina, fai da te (...E non fate battute!).

Visite recenti

4.280 visite nel profilo
  1. Alexmusic

    Sibrium

    E, per tutti quelli che su facebook non ci vanno neanche se li ammazzi, ecco la recensione più recente su amazon.
  2. Alexmusic

    Sibrium

    Volevo segnalarvi questa interessante recensione su facebook.
  3. Alexmusic

    Le case editrici pagano le royalties?

    Tutto è possibile, perché siamo in Italia, dove fregare il prossimo è l'undicesimo comandamento, anzi il primo per parecchie persone; molti detestano i politici, non perché non facciano bene il proprio mestiere, ma solo perché, tranne qualche eccezione, riescono a rubare impunemente, cosa che ai comuni mortali, di norma, è preclusa. Esaurita questa doverosa premessa sociologica, barare sui rendiconti per la maggior parte degli editori sarebbe piuttosto semplice, visto che gli autori non hanno modo di controllare le vendite effettive. Quindi il rapporto di fiducia tra autore ed editore è fondamentale. C'è da dire, tuttavia, che si tratterebbe di un ben misero furto, perché la media degli esordienti difficilmente supera le 200 copie vendute, nel giro di tre anni. Di conseguenza, stabilendo un prezzo di 13 euro a copia, con delle royalties al 8% , parliamo di 208 euro, che divise appunto per i tre anni, fanno circa 69 euro all'anno: vale la pena di sporcarsi le mani per una somma del genere? Se poi pensiamo che nel computo delle 200 copie rientrano in buona parte quelle vendute direttamente dall'autore, che le ha acquistate con un sconto sostanzioso, ma sulle quali ha rinunciato alle royalties, le cifre in questione vanno più che dimezzate. Piuttosto sono al corrente di editori che hanno barato "al contrario", dicendo all'autore che aveva venduto di più di quando avesse effettivamente fatto, pur di continuare a tenerlo sotto contratto: in pratica quasi "si vergognavano" di confessare al povero scrittore che aveva venduto poco o niente e ci hanno rimesso di tasca loro qualche decina di euro pur di farlo contento. Per quanto concerne la nostra casa editrice, mia e di altri soci intento, essendo organizzata sotto forma di cooperativa, è trasparente sotto ogni punto di vista. Noi sappiamo esattamente in ogni momento dov'è finita ogni singola copia di ogni singolo autore: distributori, librerie, siti di vendita on line, clienti privati, omaggi... tutto viene registrato con cura. Alle fiere, alle rassegne, alle presentazioni siamo tra i pochi, spesso gli unici, che rilasciano regolare ricevuta fiscale.
  4. Alexmusic

    Sibrium

    Padroneggio i mezzi informatici meglio di tanti altri che hanno parecchi anni in meno di me. Eppure ho sempre nutrito una certa diffidenza nei confronti degli ebook, e non ne ho mai fatto mistero anche in altre discussioni qui nel forum. Alla fine però il mio amico e socio editoriale @Alorigo, spalleggiato anche da altri colleghi all'interno della nostra CE, mi ha convinto a convertirmi. E oggi sono qui a cospargermi il capo di ceneri, perché è proprio grazie a questa "conversione", che Sibrium, a quasi quattro anni di distanza dalla prima pubblicazione e a due dalla seconda, mi ha regalato delle soddisfazioni che non mi sarei mai aspettato, rimanendo per diversi mesi nelle primissime posizioni delle classifiche "Ebook fantasy storico", "Fantascienza su storia alternativa" e "Fantasy storico" di Amazon. Ora, a essere sinceri, non pensavo di aver scritto un "fantasy storico", e non so neanche dirvi come il mio romanzo sia stato inserito in quelle strane classifiche, ma alla fine poco importa. Ciò che conta è che le vendite siano andate davvero bene, soprattutto tenendo conto che l'ebook è quasi sempre stato venduto a prezzo pieno (€ 4,99) o con il 30% di sconto; solo nel mese di maggio è stato messo in promozione a € 2,99. Sempre grazie al formato elettronico ho ricevuto diverse recensioni con "acquisto verificato", la maggior parte molto positive: diciamo che non sono mai sceso sotto le tre stelle, su un totale di cinque; di quelle più critiche farò tesoro nell'ultimare, e poi correggere, il mio nuovo romanzo, ambientato negli stessi luoghi, ma trecento anni dopo.
  5. Alexmusic

    L'inviato di Cesare di Andrea Oliverio

    Cos'è? Una minaccia da un centurione a un altro centurione? Mi ricorda qualcosa... In ogni caso sono lieto di aver avuto la possibilità di collaborare con Andrea alla revisione finale del suo romanzo. Grazie a lui la pattuglia degli scrittori di genere storico del WD si arricchisce di un valido elemento.
  6. Alexmusic

    Il titolo "porno"

    Cosa dirti, caro @Fraudolente , una volta nella serie "Scrubs" un medico diceva che se da Internet togliessero il porno rimarrebbero solo due siti, uno dei quali si chiamerebbe "Ridateci il porno!"... L'altro rimasto sarebbe il WD, immagino. In ogni caso mettiti una mano sulla coscienza, l'altra non ti dico dove, e decidi come meglio credi. Da editore io ti pubblicherei a occhi chiusi, anzi bene aperti (dipende dall'immagine), perché se qualcuno è così fesso da comprare il libro perché pensa di trovarsi in mano chissà quali sconcezze, senza neanche dare un'occhiata alla quarta di copertina, beh.. peggio per lui e meglio per le vendite; se invece non lo compra perché, da bravo snob moralista, è schifato dalla copertina o dal titolo, peggio per lui lo stesso: ho già espresso a chiare lettere in un'altra discussione, attirandomi anche parecchi critiche, cosa penso di chi si ferma alle apparenze, nella vita o nella letteratura.
  7. Alexmusic

    Caporali e LibreOffice

    Mi spiace contraddirti, @dyskolos , ma sul mio portatile (Hp appena acquistato) il tuo sistema non funziona, né sul foglio di scrittura di Libre Office (aggiornato di recente), né tanto meno qui nel WD.
  8. Alexmusic

    Caporali e LibreOffice

    Pensate un po', sono arrivato su questa pagina non cercandola direttamente nel forum, ma attraverso i motori di ricerca. Anch'io, per risparmiare tempo, con Open Office prima e con Libre Office dopo, ho sempre inserito, al posto dei caporali, le classiche freccette ( < per aprire e > per chiudere,) per poi sostituire il tutto con un bel "trova e sostituisci" (ctrl+H), con il quale alla fine inserivo appunto le virgolette basse. Ho provato a eseguire la procedura suggerita da @Ishimura e deve dire che, anche se un po' laboriosa, alla fine ha funzionato. Lo ringrazio con oltre cinque anni di ritardo, per avermi insegnato questo sistema.
  9. Alexmusic

    Una frase che non mi torna

    Faccio un uso quasi smodato di proposizioni subordinate, divertendomi a incastrarle in tutti i modi, prima di raggiungere il risultato voluto; ma talvolta è meglio aprirsi a soluzioni più semplici, per snellire il tutto. Esempio: "Vide le fiamme: ne aveva combinata un'altra delle sue!" Ovvio che in questo caso il punto di vista deve essere sul piromane, o la piromane, di turno (dato che si parla di fiamme ) La frase acquista in immediatezza e mi dà inoltre l'opportunità di ricordare come i due punti sembrino ormai spariti dalla penna dei giovani scrittori. Sull'esempio relativo alla scuola, lascerei perdere il banco e mi focalizzerei sulla sedia. Esempio "In classe la sedia accanto a lei era sempre vuota." Così non si parla di solitudine, la si mostra.
  10. L'ho sempre detto e lo ribadisco: quest'uomo è un genio! Al punto tale che gli faccio pubblicamente, in diretta, proprio qui sul WD, la proposta di pubblicare in un libro i suoi migliori post. Tornando alla discussione, quoto in pieno l'intervento di @Riccardo e Tempesta Edit. Esiste sempre un nesso diretto tra il numero di presentazioni, o la partecipazione a fiere ed eventi, e le vendite di un libro. Certo, a volte a una presentazione assistono decine di persone e si vendono parecchi volumi. Altre volte invece assistono quattro gatti, nessuno compra nulla e magari l'autore si deprime: sbagliatissimo, perché la perseveranza è da sempre il segreto di ogni successo. Mi è capitato di presentare un autore di un certo peso, con alle spalle un buon numero di pubblicazioni con importanti editori, nell'ambito di un festival librario organizzato in pompa magna da due Comuni di grandi dimensioni: c'erano in tutto una dozzina di persone, più della metà delle quali portate dal sottoscritto. L'autore avrebbe potuto aversene a male; invece si è comportato da vero professionista, ha risposto in modo gentile alle domande, mie e dei pochi presenti, e alla fine ci abbiamo pure scherzato e bevuto sopra. E a proposito di editori, mi ha raccontato della sua esperienza, al limite del paradossale, con una grande CE, che preferisco non citare, facendomi capire che a volta basta l'avvicendamento di un direttore editoriale, per mandare in vacca il lavoro di mesi. Se vale per uno come lui, figuriamoci per noi comuni mortali... P.S. Ora il suo libro è tra i sei finalisti del premio Bancarella 2019.
  11. Alcuni utenti scrivono post senza neanche rileggerli, spargono virgole a casaccio, usano il congiuntivo ad minchiam e poi si domandano come mai gli editori rifiutano i loro manoscritti? Ma di cosa stiamo parlando?
  12. Alexmusic

    Promozione ebook gratis

    Risposta chiara e univoca: NO, non ne vale la pena. Il lavoro merita rispetto e va pagato sempre e comunque, magari poco, ma va pagato. Chi scarica il tuo libro gratis difficilmente lo leggerà: si limiterà a collezionarlo. E se anche un giorno decidesse di darci un'occhiata, lo farà con scarsa convinzione e di sicuro lo metterà in fondo alla lista di quelli che intende leggere. Se non hai tu, per primo, rispetto della fatica che ci hai messo nello scrivere, il lettore ne avrà ancor meno. E' accettabile fare promozione a un e-book, per un periodo limitato, a 0,99 centesimi; ma scendere oltre questa miserrima soglia è davvero un insulto a se stessi. Poi, per carità, ognuno è libero di fare quello che vuole del proprio romanzo; ma ricordatevi che voi per primi, quando da clienti vi avvicinate a un prodotto, siete diffidenti nei confronti di quelli che costano troppo poco e addirittura sospettosi verso tutto ciò che vi si offre "gratis": per i libri vale lo stesso discorso.
  13. Alexmusic

    Pseudo case editrici

    Sottoscrivo. Ma non arrendiamoci.
  14. Alexmusic

    Alessandro da Varese

    Benvenuto nel forum da un "coprovinciale"
×