Vai al contenuto

T.Chiara

Lettore
  • Numero contenuti

    55
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

4 Neutrale

4 Seguaci

Su T.Chiara

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 3 dicembre

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Betelgeuse
  • Interessi
    Lettura, scrittura, modellazione con paste polimeriche e tutto ciò che ha come ingrediente di base la fantasia e la creatività.

Visite recenti

1.339 visite nel profilo
  1. T.Chiara

    Di ritorno dal nulla!

    Grazie a tutti quanti!
  2. T.Chiara

    [N2017 - F] E profesor

    Capisco, quindi il personaggio lo hai concepito proprio così, non ha vere motivazioni è solo... lamentoso. Interessante! Grazie per la tua risposta, a presto!
  3. T.Chiara

    La sera giusta

    Allora complimenti, obbiettivo centrato: la purezza dell'odio trasuda da ogni frase. Sono identici
  4. T.Chiara

    [N2017 - F] E profesor

    Da ex barista, operaia edile ed elettricista posso dirti che in effetti, soprattutto nell'edilizia, per la fatica e il logorìo a cui si è sottoposti quei mille euro sono davvero quattro soldi. Detto questo, passiamo al racconto. Non è sicuramente il mio genere ma secondo me hai descritto in maniera efficace una situazione comune un po' a tutti in poche righe: il senso di non avere e di non fare abbastanza, la frustrazione nel vedere i propri obbiettivi sempre più lontani, quasi irraggiungibili. Ho apprezzato l'idea della rapina in banca... all'inizio; dopotutto chi crede di non aver nulla da perdere è in grado di compiere qualsiasi gesto inconsulto. Solo che tutta questa difficoltà economica in una coppia dove entrambi i componenti lavorano e non hanno figli non riesco sinceramente a immaginarla. Per questo la figura di Andris mi risulta ambigua e un po' scialba. Va al bar una sera sì e una no, e il perché sta racchiuso in questa frase - e nella conferma del professore: Ecco riassunti i classici modi di fare delle persone abitudinarie - come Andris. E questo secondo me cozza un po' con l'idea del ragazzo incastrabile in qualche atto illegale - a meno che non abbia quindici anni, certo. Mh. Non possono nasconderti la mia perplessità. Mi torna un po' difficile immaginare una persona adel genere che improvvisamente, senza aver perduto il lavoro, la donna, la casa o più semplicemente senza avere una vera situazione di disagio, decide di punto in bianco di partecipare a una rapina. Andris a parte (che come avrai capito non è che mi abbia colpito particolarmente), il racconto risulta piacevole da leggere e la figura del professore è ben costruita e credibile! Dai, in conclusione... sicuramente leggerò con piacere gli altri tuoi lavori!
  5. T.Chiara

    [N2017 - F - Fuori Concorso] Tipi strani, gli scrittori

    Completamente d'accordo. Non vorrei andare off topic, ma... quanto è brava?! Le descrizioni dei corpi, della reazione dei tessuti a diversi agenti ambientali... mi sembrava quasi di sentirne l'odore!
  6. T.Chiara

    [N2017 - F - Fuori Concorso] Tipi strani, gli scrittori

    "Stecchiti: le vite curiose dei cadaveri". Ricordo perfettamente il mio disgusto misto a curiosità nel leggere quel libricino dalla copertina decisamente meno esplicita del contenuto. La dissezione, i corpi donati alla scienza, i livelli di decomposizione... incredibile. Lo conservo ancora, e adesso mi è tornata voglia di rileggerlo (colpa tua)! Ora, per quanto riguarda il tuo racconto, la parte che ho apprezzato di più si tratta indubbiamente del finale: l'autocitazione mi ha strappato un sorriso. Le parti da approfondire ti sono già state segnalate, quindi posso solo dirti che il racconto è leggero, scorrevole, non stanca e anzi incuriosisce. Spero davvero di leggere la versione editata!
  7. T.Chiara

    La sera giusta

    Buonasera Flavio, ho davvero pochissimi suggerimenti, il racconto è ben scritto, coinvolgente e soprattutto lo stile narrativo che hai utilizzato non solo funziona, ma anzi avvicina il lettore al protagonista sul piano empatico. Ovvero: si parla di uno psicopatico stile Light Yagami*, cioè lucido ed egocentrico, ma con un pizzico di vittimismo in più. Chi mai potrebbe provare simpatia o anche solo tifare per lui? Ma ovviamente noi tutti! E questo credo sia perché in qualche modo lo hai reso reale. Lui è reale, l'incipit è una bomba e soprattutto non ho trovato "frasi a caso": anzi, in poco hai raccontato tanto, e questo è un talento mica da poco. L'unica cosa, visto il livello del racconto, avrei sicuramente gradito che Diego, Ale, Bobo e Giulia fossero appena appena più delineati. Grazie per aver postato questo racconto, mi hai alleggerito un po' la giornata! A presto! *Protagonista del fenomenale manga Death Note
  8. T.Chiara

    Di ritorno dal nulla!

    Grazie mille per il link! Una rinfrescata non fa mai male! A presto.
  9. T.Chiara

    Di ritorno dal nulla!

    Buona sera a tutti, Alcuni di voi mi conoscono poichè nel 2015, una volta conosciuto il forum, per un certo periodo ne sono diventata assidua frequentatrice. Comunque, per chi non ha presente chi io sia, piacere di nuovo: mi chiamo Tania Chiara, e ho appena raggiunto la soglia degli "enta". Dopo quasi due anni di pausa dalla scrittura ho deciso di ripresentarmi e ricominciare da capo. Cosa ho fatto in questo lasso di tempo? Prima di tutto ho scritto, cose personali e totalmente prive di logica; poi come Miss Annie Wilkes insegna, mi sono ributtata sulla lettura di racconti e soprattutto dei miei libri preferiti. Beh, che dire, se volete qualche info in più... cercate sul forum la mia vecchia presentazione! A presto!
  10. Io sono in quarta posizione (Patty)! Complimenti a Bango!
  11. T.Chiara

    Mezzogiorno d'inchiostro nr. 62

    Sono passata di corsa giusto per complimentarmi con tutti i partecipanti e in particolare con Mari ed Ink per la vittoria stra-meritata!!! Un bacione, al prossimo MI!
  12. T.Chiara

    Mezzogiorno d'inchiostro nr. 62

    Ok. È stata dura, ma ecco i miei tre voti: 1) “Asereje”, di Ink. L’idea è originale, e il racconto in se mi ha fatto veramente sorridere. 2) "Jenny è pazza", di _Mari_ Che dire, perfetto: racconto ben costruito, ben scritto e con un personaggio caratterizzato alla perfezione. 3) “Perché esisti”, di Niko. L'ultimo voto è stato quello che mi ha creato più difficoltà, perché avrei voluto votare a pari merito Niko e Matt... alla fine, ho preferito premiare il racconto di Niko perché, nel complesso, l'ho trovato molto intenso.
  13. T.Chiara

    [MI62] Luce d'ombra

    Ottimo racconto, mi è piaciuto soprattutto il finale, per nulla banale o scontato. A parte la questione nome (David/ Davide) non ho nulla da segnalarti, anzi! Il racconto è scorrevole e piacevole da leggere, malgrado la tematica delicata. Complimenti, a rileggerti!
  14. T.Chiara

    [MI62] Poster

    Curioso, è il primo scritto del MI che leggo con il testo della canzone amalgamato al racconto. Come scelta stilistica non l'ho apprezzata molto, perché mi ha reso la lettura un po' più lenta. Ma è proprio una questione di gusti. Infatti, la seconda parte del racconto, in cui entra in scena la ragazza, l'ho trovata molto bella e ben costruita! In generale, ho trovato il tuo scritto comunque piacevole Complimenti!
×