Vai al contenuto

RitaM

Lettore
  • Numero contenuti

    123
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di RitaM

  1. RitaM

    Plesio Editore

    @AnnLis , se vuoi incontrarli a una fiera possi già dirti che questo weekend sono al Treviso Comic Book Festival (non so se ti è comodo, ma tanto per segnalartelo ). Altrimenti una delle prossime mete sicure è il Pisa Book Festival il 10, 11, e 12 Novembre, mentre a Dicembre sono a Più Libri, Più Liberi a Roma.
  2. RitaM

    Einaudi

    @Mathiel, nope, sorry. Come non avessi mai scritto.
  3. RitaM

    Einaudi

    @Mathiel ciao. Guarda ho controllato il mio vecchio invio (risalente a 2 anni fa), e non mi era arrivata alcuna risposta di avvenuta ricezione. Non so se le cose sono cambiate nel frattempo.
  4. Una guerriera, un topo che vuole diventare un mago, uno scultore, un re dei draghi, una mente geniale che sprofonda nella follia. Sono i protagonisti di una storia lunga mille anni, che plasmerà il destino di Oma, mondo a lungo dominato dai draghi, portati però sull’orlo dell’estinzione da una malattia che li ha resi sterili. Quando i draghi scopriranno che esistono donne in grado di generare figli con loro, le dershing, non tutti accetteranno il cambiamento. Sarà l’inizio di una nuova specie… o l’inizio della fine?
  5. RitaM

    Dershing - Gli ultimi draghi

    Un link alle recensioni raccolte fin'ora su Goodreads
  6. RitaM

    Tutto per un drago di legno

    La vita del topolino Surri è segnata da una piccola malformazione. È nato con una codina corta e storta. Ciò lo rende goffo e timido, mentre i suoi coetanei si prendono gioco di lui. Al raduno del clan muscu, incontra Scresah, un adolescente sbruffone e sfrontato, con il quale rivaleggerà per recuperare un talismano in grado di guarirlo. La loro impresa sfocerà in una girandola di eventi che porteranno lo scompiglio al raduno, durante il quale Surri scoprirà il suo coraggio, e che essere diversi non è poi tanto male.
  7. RitaM

    Tutto per un drago di legno

    Volevo aggiungere un link alle belle recensioni su Goodreads
  8. RitaM

    Dershing - Gli ultimi draghi

    Questo fine settimana ci troveremo al Teramo Comix, e domenica terremo una presentazione di Dershing sul palco http://www.teramocomix.it
  9. RitaM

    Le figure dei libri

    Uno dei blog di approfondimento più belli che ho conosciuto è "Le figure dei libri" di Anna Castagnoli, illustratrice, autrice e critica letteraria internazionale. Non fa recensioni ma cura moltissimo il mondo del libro illustrato e dell'editoria per ragazzi, fa spesso resoconti dettagliati di fiere importanti come la Children's Books Fair di bologna e le fiere di Francoforte e di Montreuil. Anche se si rivolge principalmente agli illustratori, nei suoi post si trovano spesso anche preziosi spunti letterali. http://www.lefiguredeilibri.com/
  10. RitaM

    [Illustratrice, Grafica, Fumettista] Isabella Manara

    Bellissima gallery! Ti ho messa tra i Watch
  11. Terra. Un futuro non molto lontano. La EnerFed Corporation collauda un nuovo reattore in grado di produrre energia illimitata, ma il sogno di un mondo migliore si trasforma in una tragedia. Peter non riesce a scappare in tempo: un’esplosione, il nulla. Peter non è morto: è in un luogo chiamato Corown, e viene prescelto dalla Spada dai Sette Occhi per diventare il Darkwing, un guerriero investito di un potere terribile e oscuro che rischia di consumarlo. Riuscirà a servirsene per salvare coloro che ama?
  12. Nuovo Link di acquisto per l'edizione Redux: https://www.amazon.it/spada-dai-sette-occhi-Darkwing/dp/8894813932/ref=sr_1_2?s=books&ie=UTF8&qid=1488639183&sr=1-2
  13. Le armate di Greyven, guidate dal fanatico Vonatar, si abbattono senza pietà sull'Euras. Mentre i Solar scendono in battaglia sotto la guida dei Grandi Maestri, Peter è costretto ancora una volta a fare appello ai poteri della Spada dai Sette Occhi per affrontare il suo nemico più mortale. Ma questa volta il prezzo della vittoria potrebbe essere troppo alto da pagare.
  14. Nuovo Link di acquisto su Amazon per l'edizione Redux: https://www.amazon.it/Larmata-degli-scheletri-Darkwing-2/dp/8894813940/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1488639005&sr=1-1
  15. Uniti resistiamo. Divisi cadiamo. Peter ha perso tutto. I suoi compagni, la libertà, perfino la speranza. Non gli resta che una cosa: la vendetta. I suoi demoni riaffiorano durante lo scontro risolutivo tra i Solar e Greyven. Dovrà affrontarli o esserne sopraffatto, ma è una battaglia che nessun uomo può vincere… Non da solo.
  16. RitaM

    Darkwing 3 - La freccia d'oro

    Disponibile anche la ministoria a fumetti "L'assedio" https://www.amazon.it/Lassedio-Darkwing-special-Davide-Cencini/dp/8892627341/ref=pd_sbs_14_4?_encoding=UTF8&psc=1&refRID=DBVXG85HX3HSEEFYMAC8
  17. RitaM

    Dershing - Gli ultimi draghi

    Anche Ibs https://www.ibs.it/ultimi-draghi-dershing-libro-davide-cencini-rita-micozzi/e/9788898585519
  18. Una guerriera, un topo che vuole diventare un mago, uno scultore, un re dei draghi, una mente geniale che sprofonda nella follia. Sono i protagonisti di una storia lunga mille anni, che plasmerà il destino di Oma, mondo a lungo dominato dai draghi, portati però sull’orlo dell’estinzione da una malattia che li ha resi sterili. Quando i draghi scopriranno che esistono donne in grado di generare figli con loro, le dershing, non tutti accetteranno il cambiamento. Sarà l’inizio di una nuova specie… o l’inizio della fine?
  19. RitaM

    Plesio Editore

    Bene bene, dato che ormai è anche partita la prevendita, posso anche io annunciare l'uscita con Plesio del romanzo scritto per così dire a quattro mani con mio marito Davide, di cui ho curato illustrazioni e copertina. Più precisamente il lancio sarà questo weekend al Mantova Comics & Games. Penso sia inutile ribadire quanto Plesio sia un editore free a tutti gli effetti, contratto onesto, trasparente e senza cavilli, totalmente bendisposti alla trattativa. Vorrei quindi soffermarmi sugli aspetti che veramente mi hanno colpito del loro lavoro. Primo su tutti, l'editing più attento e curato che abbiamo ricevuto da diversi anni. Non una limitata correzione di bozze ne una violenta serie di censure e tagli, ma un vero confronto sulle parti meno coerenti o troppo poco spiegate. Una revisione grammaticale minuziosa che in alcuni casi ci ha perfino convinto a rivedere con occhi diversi anche i nostri testi e tuttavia lasciandoci una certa libertà artistica su parti che magari ci piacevano anche solo per la loro musicalità. Secondo, ci siamo sentiti dall'inizio alla fine seguiti e compresi su tutto, dall'elaborazione della copertina al posizionamento delle illustrazioni (per il quale di solito sono una vera fissata, fino a diventare insopportabile) e perfino in piccoli dettagli grafici confezionati ad hoc. Inutile dire che grazie a questa cura il risultato finale è stato a nostro parere il migliore che potevamo sperare per questo progetto che ne aveva passate di cotte e di crude. Terzo ma non ultimo, un rapporto professionale e umano che ci ha davvero fatto sentire tra persone competenti e comunque amichevoli. Che dire, non vediamo l'ora di proseguire l'avventura con loro e di affrontare insieme anche la fase delle fiere e degli eventi, che sono il vero campo di battaglia. Almeno stavolta nella lotta sapremo di non essere soli. In ultimis, so che in molti vorrebbero sapere quando riapriranno le valutazioni dei manoscritti. Purtroppo non ho chiesto e non vi so dire, ma di certo vi posso garantire che per curare un testo quanto è stato curato il nostro, ci vuole tempo, e tanto. Per darvi un'idea, il manoscritto è stato finito di scrivere alla fine del 2013. In valutazione a Plesio dovrebbe essere arrivato tra fine 2015 e inizio 2016 circa. Tutto quello che c'è stato nel mezzo è stato puro perfezionamento. Da quello che ho sentito anche con altri colleghi autori, ogni loro libro attraversa lo stesso iter. Per cui è facilmente deducibile che la priorità di questo editore sia mettere sul mercato prodotti eccellenti, non più prodotti possibile nel minor tempo possibile. Il che, a mio parere, è una cosa rara e preziosa nell'attuale mercato librario.
  20. Ciao a tutti, spero di essere nella sezione adatta, volevo sapere le vostre opinioni in merito a questo caso che è saltato fuori su Facebook di recente. http://www.lindiependente.it/lartista-scopri-un-suo-quadro-sulla-copertina-un-libro-della-fazi/ In sintesi (ma vi consiglio comunque di leggere l'articolo per i dettagli e i risvolti) la Fazi avrebbe pubblicato un libro ad Ottobre usando come copertina il dipinto di un noto artista californiano, ma senza chiedergli il permesso di utilizzarla e senza offrirgli un compenso neanche in royalties, ma solo citando il suo nome. Ora pare che stiano intavolando una trattativa, ma questo solo molto dopo che l'autore del quadro si accorgesse che avevano usato la sua opera, e solo dopo una marea di proteste su internet. Ora, io sono molto di parte, per cui sarà meglio che non replichi ulteriormente...(senza contare che in questo periodo internet mi è nemica e non posso stare quasi mai online), ma mi farebbe piacere avere anche il punto di vista di più persone. Il tema è tanto scottante quanto, purtroppo, tristemente comune. Il fatto che sia una casa editrice nota come la Fazi a essere coinvolta lo ingrossa parecchio. Come la pensate? Come credete che andrà a finire? Se siete curiosi, allego anche il sito dell'artista. Westerberg Fine Art
  21. Grazie Marcello. In teoria, chi lavora in questo campo dovrebbe tener conto di queste cose.
  22. Si, dunque è la versione che ho letto anch'io. Ti preciso che personalmente ho fatto attenzione a scrivere anche l'inizio del post senza mettere al rogo nessuno: non mi pare di essermi fatta scappare pareri personali, e sono consapevole di non aver diritto di insultare essendo all'oscuro del grosso della faccenda come tutti. Se hai voglia e tempo di scorrere i commenti noterai anche che io non ne ho fatti e non sono andata nemmeno a insultare direttamente la casa editrice. Comunque ho voluto chiedere l'opinione di altri, perché di casi come questo, soltanto magari con protagonisti meno famosi, ce ne sono stati parecchi in passato. Io stessa tanti anni fa ho saputo da un'amica oltreoceano che un tipo a una fiera stava vendendo delle stampe di miei disegni a mia insaputa, e non ho potuto fare nulla; mia unica consolazione è stata quando ho saputo che poi il tipo ha smesso perché era stato scoperto, ma intanto to i soldi con i miei disegni se li era fatti. E io non sono un'artista quotata. Tornando alla Fazi, con tutte le versioni vere o false che possono dare, e per quanto a noi non ci sia dato sapere dove sia la verità c'è un fattore grave che non è stato considerato: e se quella particolare opera che loro hanno scelto come copertina fosse stata già comprata da qualcuno a fini commerciali, prima? Immagina che sarebbe successo se per dire, fosse stata acquistata da un magazine per un articolo di qualunque tipo, poi uscisse il libro con la stessa immagine. L'equivoco minimo che si verrebbe a creare sarebbe che chiunque compri il magazine di primo acchito crederebbe che all'interno ci sia un articolo sul libro appena uscito con la stessa copertina, quando invece non è così. Questo crea, a livello commerciale, un effetto domino devastante: ci rimette il magazine, perché la gente crede di essere stata vittima di pubblicità ingannevole, crea confusione, ci rimette lo scrittore che non ha colpa alcuna, ci rimette il pittore perché le sue immagini se si svendono si svalutano. Quando si usa un'immagine presa da internet senza chiedere al proprietario per lo meno il permesso di usarla, può succedere questo è anche molto peggio. Difatti, ha scatenato una polemica. Al di là di come andrà a finire per la Fazi, di positivo a parer mio, c'è che questa storia ha finalmente puntato i riflettori su una faccenda che aveva bisogno di essere riconosciuta come seria da molto tempo. Forse la prossima volta che qualcuno vorrà farsi una copertina con una bella immagine trovata nel web, per quanto vada di fretta, si sentirà in dovere di chiedere almeno il permesso a chi quell'immagine l'ha creata.
  23. @Niko a che versione ti riferisci? Io sono rimasta al fatto che stavano intavolando trattative solo dopo il fatto, e che non avevano mai detto di non voler pagare l'artista, ma che avevano avuto problemi e ritardi a causa delle ferie (che solo così già mi lascia perplessa, perché se il libro è uscito a Ottobre e l'artista se n'è accorto a Dicembre, non mi tornano i tempi.) Per caso hanno detto più di recente che c'era stato già un accordo verbale con l'artista già da prima?
  24. RitaM

    Tutto per un drago di legno

    Posso finalmente postare tutte e quattro le illustrazioni interneche ho realizzato per questo libro! Spero vi piacciano
  25. RitaM

    Apertura di una casa editrice

    La sede legale di una casa editrice può essere anche casa propria. Probabilmente io neo-editore aprirei una sede apposta solo in caso di un numero consistente di collaboratori interni,o se avessi una stamperia tutta mia.
×