Vai al contenuto

M.T.

Sostenitore
  • Numero contenuti

    2.727
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    2

M.T. ha vinto il 14 agosto 2018

M.T. ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

733 Magnifico

Su M.T.

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    https://www.lestradedeimondi.com

Visite recenti

2.705 visite nel profilo
  1. M.T.

    L'inizio della Caduta

    Se si vuole, si può leggere l'anteprima.
  2. Terra. Era dell’Economia. Il denaro domina incontrastato, incontrollato. Gli uomini sono considerati oggetti da usare, da sfruttare. Sempre più diritti sono persi, sacrificati in nome del guadagno, della produttività. I ricchi diventano sempre più ricchi. Imprenditori e politici hanno sempre più potere. Lavoratori e gente comune sono sempre più schiacciati. Una storia che si ripete giorno dopo giorno. Rassegnazione e costernazione sono i sentimenti che dominano il cuore delle persone; stati d’animo che sono divenuti regola, ritenuti inevitabili ma che non hanno più nulla di normale, perché quello che sta facendo l’economia è troppo distorto per poter appartenere solo all’uomo: è qualcosa che sa di soprannaturale, dove il denaro è diventato un dio. O qualcosa di molto peggio. In un clima di morti bianche, perdita di lavoro, scioperi, lotte per mantenere diritti e dignità, iniziano i tempi della Caduta dell’uomo. Ma inizia anche la resistenza di chi vuole salvare l’umanità dalla follia e dalla sua distruzione. Dedicato alle vittime sul lavoro, a chi subisce soprusi, a chi non si piega al volere dei soldi, a chi si sente sconfitto dagli eventi e dalla vita.
  3. M.T.

    L'Ultimo Baluardo

    Ti ringrazio, Danilo. Quella che ho postato qui è una delle prime versioni di quello che è il capitolo iniziale di un romanzo (vedere le tag sotto al racconto) appartenente a una serie fantastica/dispotica/post apocalittica che ho scritto.
  4. M.T.

    Buongiorno a tutti.

    Ciao e benvenuto!
  5. M.T.

    L'inizio della Caduta

    Ha degli elementi del fantastico, anche del fantasy, se si vuole, guardando l'interezza della serie cui appartiene. Male che è «una presenza inoppugnabile» nella vita dell’uomo. «I libri di storia sono il desolante catalogo di quanto la nostra esistenza in questo mondo sia stata un’avventura spesso fallimentare. C’è un male misterioso, che sicuramente non è opera di Dio, ma che penetra silenzioso tra le pieghe della storia. In qualche momento pare prendere il sopravvento: in certi giorni la sua presenza sembra perfino più nitida di quella della misericordia di Dio». Questo è parte del discorso fatto da Papa Francesco sulla preghiera Padre Nostro, soffermandosi soprattutto sul passo Liberaci dal male. La domanda che subito viene da porsi è che cosa sia il male. Si può dire, in un certo qual modo, che il male è come la creatura in It di Stephen King. Riprendo un articolo che avevo scritto tempo fa su questo romanzo. It è un mostro che uccide adulti e bambini, che compare nelle varie epoche periodicamente con le sembianze di un clown. Chi ben conosce la figura del clown sa che non è l’individuo divertente, comico, che fa ridere: il clown è qualcosa d’inquietante, che incarna la follia, l’irrazionalità, tutto ciò che non ha senso e gli istinti più primordiali. It non è solo un mostro sotto le sembianze di clown, è un mostro particolare: è un mutaforma, capace di assumere le sembianze di ciò che fa più paura alla persona che ha davanti. Per alcuni può essere una mummia, un licantropo, un vampiro, il mostro di Frankenstein, un lebbroso; per altri può essere addirittura una persona cara che però li terrorizza. Fermarsi a questo sarebbe riduttivo, perché It è ancora più di questo: è un’entità aliena giunta sulla Terra quando il mondo era giovane, quando ancora non c’era l’uomo. Un’entità antichissima come la Tartaruga, la sua nemesi; solo chi ha creato entrambe è più antico. Essendo giunto sulla Terra, It ha assunto una forma fisica (e pertanto deve sottostare alle leggi del mondo in cui abita, avendo in questo modo un punto debole e potendo così essere sconfitto), ma la verità è che forse il vero io di It non ha una forma, ma è una luce che non fa luce, è una luce che oscura, capace di distruggere la mente di chi ha la sfortuna di vederla nella sua vera essenza. King è stato molto bravo nel dare molti volti a It, nel rendere sfaccettata questa creatura, e non si è fermato a questi aspetti: con It è riuscito a incarnare una realtà della vita ormai molto diffusa e che ben viene descritta dal seguente brano. Derry è IT. Mi capite?…Dovunque andiamo…quando IT ci assalirà, la gente non vedrà, non sentirà, non saprà. Vi rendete conto che è così? (1) King mostra come la cittadina di Derry sia un’estensione di It, come si sia talmente radicato in essa da condizionare le persone e farle divenire alleate, complici. It ha trovato terreno fertile in quegli individui dove la cattiveria, lo scarso equilibrio mentale, la malvagità erano fiorenti e le ha usate come strumenti portatori di violenza e morte. In Derry ci sono state vere e proprie stragi, delitti efferati, ma sono passati come se niente fosse, nell’indifferenza più totale, dove la gente ha chiuso gli occhi o si è voltata dall’altra parte per non vedere. Da parte di molti cittadini c’è stata una condiscendenza non da poco, per la quale sono stati anche ripagati, avendo avuto fortuna nei propri affari e una certa ricchezza: è stato un po’ come vendere la propria anima al diavolo. Se ci si pensa, King sta dicendo ai lettori che It è sempre esistito perché It in realtà non è il mostro venuto da lontano, dallo spazio profondo, ma è una mentalità umana, è quella che se ne frega delle conseguenze di certe azioni, quella che l’importante è poter vivere tranquilli, che finché capita agli altri va tutto bene. È il menefreghismo delle persone che per non avere guai passano oltre a chi è in difficoltà. È l’egoismo che permette che il male dilaghi, che fa pensare solo ai propri interessi, a guardare solo al proprio giardino, disinteressandosi di tutto il resto, anche se questo può portare alla rovina dell’intero paese. Se si osserva, questa è una parte della realtà che viviamo, nel piccolo come nel grande. La gente passa oltre a chi è in difficoltà perché non vuole guai, non vuole pensieri. Le multinazionali, i governi, pensano solo al loro interesse, poco importa se questo porterà a disastri che rovineranno l’ambiente, se faranno sorgere conflitti. IT esiste ed è sempre esistito. E continuerà a esistere finché persisterà una certa mentalità umana. Un male che è sempre esistito. Una mentalità che può colpire chiunque, dove… anche le persone di buon cuore possono indurirsi e smarrirsi… Anche un animo gentile può divenire arido come un deserto, dimenticando cosa significa essere umano…Specie se si fa sopraffare dalla paura (2). Un male che spesso si associa a Satana, demoni e spiriti maligni. I più, li reputano soltanto personaggi dei miti o simboli da usare in psicologia, ma sono più reali di quanto si possa credere e, anche se non si riescono a vedere, gli effetti del loro modo di agire sono sotto gli occhi di tutti. I demoni sono creazioni nate da mentalità e modi di vivere traviati dell’uomo. (2) Un male che è come un’ombra, un pezzo delle tenebre del mondo, un frammento d’oscurità che ha preso forma e si muove sulla terra (2). Tanti si scandalizzano quando accadono eventi violenti, ma non ci si deve meravigliare, dato che è qualcosa che si verifica da tempo. Così tanto che ci si è fatta l’abitudine. E questo è un male, perché non è normale accettare la violenza, la sopraffazione, il vivere senza dignità. Ormai questa è la regola in cui vivono le società. Ma un giorno, se l’uomo lo vorrà, tutto questo cambierà e ci sarà giustizia. (2) 1.IT. Stephen King. Sperling&Kupfer Economica 2009. Pag.1085 2. L’inizio della Caduta.
  6. M.T.

    Partita iva per lavoro autonomo.

    Mi sembra che sia così, da quanto ho letto in passato.
  7. M.T.

    L'inizio della Caduta

    Di L'inizio della Caduta occorre fare una precisazione: si tratta del terzo volume in ordine di pubblicazione della serie I Tempi della Caduta, ma non lo è in ordine cronologico, come dovrebbe far intuire il titolo. I fatti narrati mostrano che cosa ha dato il via ai Tempi di cui ho narrato in L’Ultimo Potere e L’Ultimo Demone; quindi, niente scenari apocalittici, niente mondo futuro, ma quello presente. Non per questo il quadro è più roseo: la realtà spesso non lo è. Anche in L’inizio della Caduta si parlerà di sopravvivenza, ma in maniera differente: non sarà solo quella del corpo, ma anche quella della dignità. Una cosa per niente strana nell’Era dell’Economia, dato che si sacrifica tutto per il denaro. Di quest’opera ne parlo da tempo nel mio sito, ma è uscita da poco: come mai? Perché c’era qualcosa che non mi rendeva soddisfatto di quanto narrato, e non per lo stile, ma perché c’erano elementi cui non avevo pensato. L’Ultimo Potere e L’Ultimo Demone mi avevano permesso di capire perché la prima stesura realizzata nel 2008 non mi aveva soddisfatto del tutto; l’anno scorso invece, riflettendo se potevo ampliare il lavoro svolto, mi ha permesso di sviluppare parti della storia che rendono il quadro più approfondito e che meglio fa da introduzione alle vicende future già narrate. Quindi non solo sono andato più in profondità nei personaggi già presenti nelle altre stesure realizzate, ma ho avuto modo di farne comparire degli altri (a parte Masha, tutti gli altri sono già stati incontrati nelle opere che hanno preceduto L’inizio della Caduta). Il quadro della serie I Tempi della Caduta è dunque concluso? Ho ancora una storia da raccontare, ma questa è una faccenda che andrà affrontata in altre occasioni; adesso, è tempo di lasciare spazio all’inizio.
  8. M.T.

    Partita iva per lavoro autonomo.

    Nel caso di Streetlib, è lei a occuparsi della ritenuta d'acconto. Riporto la parte interessata: La ritenuta d’acconto Per i self-publisher residenti in Italia, sul guadagno netto è da applicarsi la Ritenuta d’Acconto, che è pari: al 20% sul 75% del guadagno (non il 100%) per gli autori con più di 35 anni o che hanno 35 anni compiuti al 20% sul 60% del guadagno per gli autori che non hanno ancora compiuto 35 anni StreetLib esegue il conteggio in automatico e versa la ritenuta come previsto dalla normativa, gli autori non devono preoccuparsi di nulla. (il link del tesato completo è questo)
  9. M.T.

    L'inizio della Caduta

    Più che fantascienza, è un fantastico impegnato; elementi di sci-fi in quest'opera non ce ne sono. C'era qualcosa di essi nelle due opere che in ordine di pubblicazione l'hanno preceduto (ma che sono dopo in ordine cronologico), ma non in maniera marcata. Si può parlare di distopia, di denuncia di certi aspetti della società (le morti bianche, il sacrificare tutto per i soldi) e il degrado degli esseri umani (due sono i vizi che più ho mostrato in L'inizio della Caduta e l'influenza che hanno sugli uomini). Se si vuole, si può leggere l'anteprima. Grazie!
  10. M.T.

    Ciao a tutti!

    Succede anche a me (direi che sono quasi l'unico che legge, il che è anche peggio di leggere fantasy) Di Sanderson ho letto tutto quello tradotto in Italia (ho letto anche dei suoi racconti non ancora arrivati da noi. Giuramento è un volume splendido: realizzato davvero molto bene
  11. M.T.

    Saluti a tutti

    Ciao e benvenuto!
  12. M.T.

    Buongiorno sognatori!

    Ciao e benvenuta! Allora con Sanderson ci vai a nozze Bene
  13. M.T.

    Ciao cavalli!

    Ciao e benvenuto!
  14. M.T.

    Ciao a tutti!

    Ciao e benvenuta! molto bene Ho appena iniziato Giuramento di Brandon Sanderson (per farti capire che sei arrivata nel posto giusto )
  15. M.T.

    L'inizio della Caduta

    Titolo: L’inizio della Caduta Autore: Mirco Tondi Data di pubblicazione: 11 maggio 2019 Genere: thriller paranormale Editore: autopubblicato con Streetlib Prezzo: 2.99 E ISBN: 9788834108215 ASIN: B07RQFR1G8 Formato: e-book Pagine: 265 Link d'acquisto. Amazon GPlay ITunes Kobo Quarta di copertina. Terra. Era dell’Economia. Il denaro domina incontrastato, incontrollato. Gli uomini sono considerati oggetti da usare, da sfruttare. Sempre più diritti sono persi, sacrificati in nome del guadagno, della produttività. I ricchi diventano sempre più ricchi. Imprenditori e politici hanno sempre più potere. Lavoratori e gente comune sono sempre più schiacciati. Una storia che si ripete giorno dopo giorno. Rassegnazione e costernazione sono i sentimenti che dominano il cuore delle persone; stati d’animo che sono divenuti regola, ritenuti inevitabili ma che non hanno più nulla di normale, perché quello che sta facendo l’economia è troppo distorto per poter appartenere solo all’uomo: è qualcosa che sa di soprannaturale, dove il denaro è diventato un dio. O qualcosa di molto peggio. In un clima di morti bianche, perdita di lavoro, scioperi, lotte per mantenere diritti e dignità, iniziano i tempi della Caduta dell’uomo. Ma inizia anche la resistenza di chi vuole salvare l’umanità dalla follia e dalla sua distruzione. Dedicato alle vittime sul lavoro, a chi subisce soprusi, a chi non si piega al volere dei soldi, a chi si sente sconfitto dagli eventi e dalla vita.
×