Vai al contenuto

Calvinator2

Scrittore
  • Numero contenuti

    63
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

27 Piacevole

Su Calvinator2

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 29/06/1994

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo

Visite recenti

771 visite nel profilo
  1. Calvinator2

    La Caccia del Falco Vol.1

    Grazie Zaza! Sì è uscito anche il volume 2 e ora sto scrivendo il terzo
  2. Calvinator2

    Wattpad: opinioni ed esperienze

    fai self se vuoi avere un minimo di riscontri utili
  3. Calvinator2

    Wattpad: opinioni ed esperienze

    quella italiana è stata pubblicata perché è molto fortunata, come diceva una vecchia conoscenza del fantasy italico! comunque se sperate di essere conosciuti tramite wattpad state freschi, o scrivete fanfic o buona notte e manco quelle, perché ce ne sono talmente tante. C'è di buono che con quelle arrivate a 1k di voti come niente, grazie al brazz. Senza contare che tutti i concorsi sono organizzati da persone veramente brutte, io ero nella giuria di quello più importante (in Italia) e nei gruppi whatsapp gli altri giudici chiamavano gli utenti ritardati e cose del genere. Se volete farvi giudicare da gente simile auguri.
  4. Calvinator2

    Crowdfunding. Che ne pensate?

    io ho un'amica che è arrivata alla pubblicazione tramite appunto raccolta di fondi precedente, con uno degli editori forse più conosciuti del campo (non so se posso dirlo). Secondo me è un'impresa improba comunque, nel senso lei ce l'ha fatta (non so come) da assoluta esordiente a piazzare 300 copie 1 anno prima che il romanzo fosse poi effettivamente pronto, cioè fate conto che la campagna si è conclusa a maggio dell'anno scorso (ha dovuto fare tutto lei, loro non ti aiutano con la promozione), e poi il libro esce dopodomani. Cioè quanti di quei 300 lettori si ricorderanno che esce il romanzo? 1 anno è passato, mamma mia. Secondo me è una strada che non porta da molte parti, o mentre aspetti ti butti su altri progetti o stai fresco, ogni volta 1-2 anni per far uscire un romanzo la gente si scorda.
  5. Calvinator2

    Yuri (Capitolo 14)

    mi è piaciuto un botto, non vedo l'ora di leggere il resto
  6. Calvinator2

    Dieci

    Ciao Zaza! Non so se ti ricordi di me! È passata una vita! molto carina la poesia
  7. Calvinator2

    Promozione ebook gratis

    io ho fatto una promozione gratis a inizio marzo mi sembra con il vol 1 e ho fatto 5 donwload, quando l'avevo fatto a dicembre ero arrivato a 150, per dire che sì probabilmente da marzo è cambiato qualcosa
  8. Calvinator2

    Transizioni (Figure Retoriche)

    grandissimo, c'era davvero bisogno di un thread simile. Ben scritto e molto chiaro, complimenti
  9. Calvinator2

    Il dilettantismo che nuoce al sistema

    è come dice @JPK Dike, il paragone col calcio è azzeccato, nell'editoria girano i miliardi dai. Meglio se non parlo a riguardo. Per forza che la qualità è bassa. Di corsi di scrittura realmente buoni ce ne sono un paio in tutta la nazione (forse), la maggior parte servono solo ad arricchire chi li organizza e non insegnano niente. Dovrebbero farsi appunto una "cantera" puntare fin da piccoli su giovani promettenti e seguirli nel percorso di crescita, invece il business plan delle CE è prendere roba che fa tante views su Wattpad, buttarlo sul mercato senza fare editing così si risparmia. O magari roba che fa il botto su Amazon. Tanto l'opera è conosciuta e qualcosa venderà, l'autore è contento che può fregiarsi di avere una CE e la CE è contenta che si fa soldi quasi aggratis. Il management cieco è il male dell'editoria italiana, non gli autori. Poi ci si lamenta che l'editoria è in crisi, ma per forza. Che poi anche il discorso che hanno pubblicato il meno peggio di ciò che hanno ricevuto apre ampie discussioni: io solleverei anche il tema ehm... fortuna, che certi autori hanno nell'uscire con grandi CE con dei libri indecenti. In sintesi: il problema è alla base, nelle scuole non insegnano a scrivere decentemente, i corsi di scrittura sono improntati unicamente al guadagno; ovvio che se uno non si sbatte a studiarsi i manuali in inglese non impara mai e la qualità ristagna. Poi ovvio che magari ci sono autori che fanno cose non proprio intelligenti, ma quello fa parte del gioco, e questo genere di persona c'è in ogni categoria.
  10. Calvinator2

    Chi legge gli esordienti?

    Chissà perché questa cosa la ritengono sempre quelli che sono loro stessi scrittori o comunque dell’ambiente. Se in giro dici che ti sei pubblicato self o con pincopallo editore credete che cambi qualcosa? Le cose cambiano solo con Mondadori, Feltrinelli e le altre grandi. Poi che per te sarebbe l’ultima spiaggia ok, ma c’è chi sceglie il self per i suoi pro, e se fatto bene ti assicuro che c’è un lavoro dietro gigantesco. Poi io lavoro a stretto contatto con gli editori e vi assicuro che il loro giudizio non è assolutamente infallibile o insindacabile, anzi. Poi se volete continuare a credere che siano degli semidei onniscienti fate pure, meno concorrenza nel self. @JPK Dike a quanto pare credo anche io.
  11. Calvinator2

    Chi legge gli esordienti?

    infatti, le preview spesso bastano e avanzano per farsi un'idea
  12. Calvinator2

    Streetlib: è veramente ok? Ho molti dubbi!

    sull'ebook, sicuramente è come dici, ma un po' mi sono girate lo stesso! Ahahah
  13. ma è quello che appunto io cerco sempre di fare, anzi attualmente sto aiutando anche un'altra scrittrice che vuole fare self. Ma persone come me e JPK ce n'è veramente poche, almeno per quelle che ho incontrato io.
  14. Per quella che è stata la mia esperienza, non posso che essere d'accordo con te. Sicuramente il modo migliore per imparare e sbatterci la testa in prima persona, nessun mentore, nessun aiuto. Capire cosa funziona e cosa no, sperimentare, magari perderci pure soldi per la pubblicità, ma continuare ad andare avanti a scrivere e pubblicare. Poi io sono avvantaggiato che ho prodotto roba per 4 anni senza mai pubblicare niente, e mai l'avrei fatto forse se non avessi letto qui su WD i post di JPK, cosa che mi ha spinto a buttarmi nel self seriamente (non ho mandato nulla alle CE eh, li tenevo lì a prendere polvere digitale). Per fortuna ho trovato una editor che mi corregge i romanzi, quindi non li butto fuori a caso, però senza aver letto lui probabilmente non avrei pubblicato e non l'avrei conosciuta. Io, per quanto mi riguarda, ho trovato solo persone cattive in questo mondo. Ma non cattive perché mi demolivano i lavori, no, cattive perché non condividevano nulla, gli scrittori avevano paura che qualcuno gli soffiasse il pubblico e quelli del settore non davano consigli se non pagando profumatamente. Allora io mi metto e studio per conto mio. Nessuno con cui condividere idee, progetti, scambiarsi consigli. Per fortuna invece ho trovato te che, una persona con cui confrontarmi, e anche supportarsi a vicenda. Ma veramente JPK è stato una mosca bianca dopo 4/5 anni in cui frequento "l'ambiente". Comunque se non mi fossi messo in gioco io in prima persona sarei stato ancora fermo al palo.
  15. Calvinator2

    Streetlib: è veramente ok? Ho molti dubbi!

    sì ma non ha senso chiedere 40€ per modificare il file di stampa, se li investo in pubblicità mi conviene di più. Capita magari una svista, o un dettaglio della copertina che si vuole modificare dopo un tot tempo, e con loro non si può (salvo la prima volta, cosa che per altro a me non è successa: hanno chiesto da subito i 40€ anche se era la prima modifica, infatti della prima modifica gratis sono venuto a conoscenza solo dopo). 40€ sono una cifra assurda. Io con StreetLib ho buttato 6 mesi, ho avuto problemi con la stampa, con la disponibilità sui siti, con le royalities che non vedrò mai perché non raggiungo la soglia dei 30€ (e visto che non si può usufruire dei vari servizi esclusivi Amazon dubito mai di raggiungerli con il solo libro pubblicato con loro). Poi cosa strana che non ho capito, in pratica mi hanno dimezzato le royalities: avevo 0,54 da ogni copia (quindi avrei superato i 30€), e sono diventati 0,27 perché hanno applicato una ritenuta per vendere sugli store (una roba del genere, mi hanno detto per mail), peccato che così sono passato da 40€ a 20€.... cioè boh, ormai lo lascio morire lì e bona. Non che mi cambino la vita, ma sta cosa non l'ho capita. Poi per carità, l'assistenza è lenta ma gentile e competente. Ma sinceramente Amazon tutta la vita. Almeno i patti sono chiari fin da subito,
×