Vai al contenuto

Mily

Utente
  • Numero contenuti

    26
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutrale

Su Mily

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 13/06/1970

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Acqui Terme
  • Interessi
    leggo, scrivo, adoro gli animali e da poco ho scoperto che mi piace anche cucinare.....

Visite recenti

1.462 visite nel profilo
  1. Mily

    Richieste cancellazioni Racconti, Poesie o Storie

    buonasera, vorrei chiedere la cancellazione dei miei racconti e poesie senza nessuna eccezione...anticipatamente grazie :-)
  2. Mily

    Rimani con me

    Ciao Matt, eccomi di nuovo a commentare una delle tue poesie. Premetto che io non so scrivere poesie in generale e poesie d'amore in particolare...ma mi piace leggerle e questa lo è nella semplicità dei suoi versi e nella profondità del suo contenuto. Insieme per sempre, insieme fino alla fine...quanti l'hanno detto? quanti lo hanno fatto? Mi piace anche la versione di Nice...rimane il fatto che chi legge può immedesimarsi in un sentimento universale espresso con chiarezza, semplicità e delicatezza. A presto rileggerti...
  3. Mily

    La fiera delle illusioni

    ciao Francys, mi fermo a commentare la tua poesia anche se non l'ho capita. Forse mi è piaciuta proprio per questo...è un susseguirsi di immagini rappresentate in parole e in questo periodo, amo questo modo di rappresentare le emozioni. non so per quale strana associazione, mi ha ricordato Alice nel paese delle meraviglie, quella bambina dai capelli biondi in bilico tra il mondo reale e il mondo fantastico; mi ha fatto pensare alla moltitudine di carte da gioco e alla ostinata regina cattiva. vi ho scorto anche il Cappellaio matto che sorride all'attonita bambina porgendole un sogno... mi lascia una sensazione amara, in fondo, alcune volte, non è amara anche la realtà? ciao a presto rileggerti
  4. Mily

    Expo 2015

    Expo non m interessa e non lo condivido ma non rinuncerei per niente al mondo a un raduno del mitico WD!
  5. Mily

    I sospesi

    buongiorno Autophobia, buongiorno Alexmusic...questa mattina ho letto il tuo commento e quasi a proseguire un discorso già iniziato, dico anche la mia ( ho avuto il dubbio di esulare dal contesto e se, così fosse, mi scuso anticipatamente). Tutti abbiamo sentimenti poetici, chi più chi meno. Sono pochi, tuttavia, pochissimi quelli che davvero riescono a esprimerli in modo tale da renderli universali e farli così arrivare nell'anima di chi legge, seguendo strade per le quali un "navigatore" non è ancora stato inventato. così dici, Alex, e in linea di massima condivo questo pensiero. quello che non condivido è che la metrica sia l'unico mezzo per arrivare a quella percezione oggettiva e universale del bello, tanto auspicata. Ritengo che la bellezza di alcuni contenuti e sentimenti poetici possa essere anche di chi non ha la cultura classica di taluni e affermando ciò, non penso certo ai miei scritti... Ho il privilegio di lavorare con i giovani e di poter stimolare il loro potenziale creativo, se non credessi in loro e nel loro modo di esprimersi, non potrei farlo! non insegno nulla, il mio compito non è quello ma posso affermare che la bellezza, la profonda semplicità di quello che scrivono, emoziona e coinvolge più di alcuni scritti tecnicamente perfetti. con questo non intendo mettere in discussione niente e nessuno...ricerco il Bello come chiunque altro e applaudo quando lo scorgo nell'Arte. Non vedo geni poetici al momento però non escludo di poterne vedere in futuro senza preclusione di generi o di stili. Non mi sento detentore di nessuna Verità e nessuna Verità accolgo come Assoluta...mi pongo in condizione di ascolto della creatività certa che la sua potenza possa arrivare anche dal basso, dal reietto, da chi con umiltà, prenderà in mano la penna e scriverà quelle righe in grado di unire due modi di vedere e sentire la Poesia. Sono un'idealista...parti pure da questo presupposto e forse meglio comprenderai questo insolito commento. buona giornata e a presto rileggerti...
  6. Mily

    L'ombra

    Ciao Francesco, non mi convince la scena ricreata ma non sono brava a proporre alternative. ho l'impressione che l'utilizzo delle parentesi tolga forza a un verso che la merita ( di sicuro tu le hai utilizzate per scelta e non per caso) e quel termine " ghermiscono" non è di mio gradimento seppure molto preciso ad indicare l'azione ti ripeto:è solo una questione di gusto personale che niente toglie a Ombra...
  7. Mily

    L'ombra

    ciao Francesco, di questa tua poesia mi piace il modo in cui racconti la quotidianità. quella luna che con occhi di strega benevola tutto osserva seguendo in modo particolare l'ombra oscura che si nasconde e che avanza indisturbata nella notte ...di chi è quell'ombra che attira a se' l'ignaro avventuriero? ognuno di noi trova la risposta... ho detto che mi piace il modo in cui racconti la quotidianità ma certo non solo quello; la tua poesia affronta con delicatezza un contenuto brutale, la sua bellezza è in questo contrasto. mi lascia un po' insoddisfatta il finale, ma solo per una questione di gusto personale. ciao, a presto rileggerti
  8. Mily

    I sospesi

    Buongiorno Autophobia... ho letto più volte la tua poesia la iniziale sensazione di inquietudine, non si è smorzata ma è notevolmente aumentata. E' la prima volta che ti leggo e di sicuro hai dimestichezza con la scrittura dato che riesci così bene ad esprimere contenuti tanto complessi. Rimane la sensazione di angoscia senza via di uscita...di sicuro una poesia di non facile lettura al di là delle opinioni personali sul contenuto. buona giornata
  9. Mily

    Poi il vuoto

    Eccomi, Matt a commentare una poesia che, come ti ho già detto, affronta un tema che mi turba e che ritengo estremamente delicato. Come si può parlare o scrivere che dir si voglia, del momento che precede la Morte? Non c'è momento più intimo, più sconosciuto, insondabile. Occorre avere molta sensibilità, maturità, capacità empatica per non scivolare nei cliché di ciò che è stato molte volte narrato correndo magari anche il rischio di urtare la sensibilità di chi è passato attraverso questa terribile esperienza ed è sopravvissuto. Detto questo, la tua poesia mi è piaciuta. Il tragico protagonista è ben delineato: la sua rabbia, il desiderio di vendetta, quel "E l’uscio si richiude" come un "è tutto passato, ricominciamo come se nulla fosse", un folle tentativo che si schianta contro le lacrime di lei. e con la follia omicida continua la storia che termina con la proclamazione del vuoto che è l'estrema difesa a tanto dolore. Forse l'unica possibile. a presto rileggerti, poeta!
  10. Mily

    Auguri Sigismondo

  11. Mily

    E cosa nel cuore

    ciao Iris ho letto più volte la tua poesia e ho anche riflettuto se fosse o meno il caso di esprimere il mio pensiero in merito. Ho deciso di farlo perché il solo fatto che me lo sia chiesto, è già una risposta per me. Non discuto lo stile usato che ritengo una scelta personale e ben vengano tutte le espressioni che si ritengono adatte ad esprimere la propria creatività. Mi soffermerò sul contenuto che è più difficile da metabolizzare. Riesco a farlo solo se se lo inquadro in un set cinematografico come sapientemente e brillantemente, ha fatto chi mi ha preceduto. e questo perché ritengo incauto e pericoloso affrontare il momento che precede la morte. Solo chi lo vive può parlarne( se sopravvive, ovvio). Il resto sono interpretazioni ( da qui mi sta bene la scena di un film). Un altro punto che mi colpisce è la delineazione del personaggio: il killer non conosce pena, non trema, non soffre perché non entra in rapporto empatico con la sua vittima( se lo facesse, se sentisse l'altrui sofferenza, non ucciderebbe) al contrario gode della sofferenza che procura traendone, in alcuni casi, un eccitamento sessuale. in questa accezione nel cuore non ha nulla se non la sua psicopatologia! Chi invece uccide in preda alla rabbia conosce solo il senso di colpa, il pentimento come retaggio di una coscienza morale ormai in disuso. passiamo alla vittima: nella realtà chi ha visto la morte con gli occhi al di là del terrore del momento, ha dei pensieri che urlano, che si devono separare dai propri cari, ha la tenacia dell'istinto di sopravvivenza e i lividi della lotta. sono andata oltre la tua poesia, perdonami... ripeto: è solo un mio pensiero che esprimo solo perché il testo mi ha colpito al di là di ogni disquisizione in merito allo stile e quant'altro. A rileggerti e complimenti per il coraggio che hai dimostrato ad affrontare un tema così delicato e per averlo sostenuto...
  12. Mily

    Anima(ta)Mente

    Ed eccomi qui a rileggere la tua poesia e ad assaporarne la malinconica bellezza. Sai che non parlerò di metrica, altri più competenti di me l'hanno fatto. Ora credo di comprendere anche altro... Il dolore di una perdita, il ricordo e l'accettazione di ciò che è stato. Mi piacciono in modo particolare questi versi: Ho pianto sangue e infine ti ho salvata. Ora più non langue l'Anima esasperata dalla mia, aggrappata a un'omelia della follia. Mi è poco chiaro il riferimento alla follia ( sai che è una mia vecchia amica) ma lascio libera la mia interpretazione fino a quando non vorrai offrirmi la tua. Un abbraccio Marinella
  13. Mily

    Mi presento

    Benvenuto Francesco...se dovessi mai imbatterti in qualcosa di mio, tieni a portata di mano il Malox :-)
  14. Mily

    Il Fiore Morente

    Buongiorno Arcadia, definire Fiore Morente "bella" sarebbe alquante riduttivo quindi non lo farò.Il mio intervento non sarà quindi volto a elogiare te o la poesia quanto piuttosto a rendere merito al misterioso U.d.T. per averla ispirata. Chissà che il senso della sua presenza sia stato proprio questo? Buona giornata...
  15. Mily

    Spleen liquido

    Tra tutte le poesie di sicuro è la più inquietante. A tratti mi ha angosciata ma la delicatezza delle immagini e la pacatezza dei toni da te usati mi fanno riflettere su quanto sia necessaria una grande maturità personale e artistica per affrontare Lei:la Morte. Non ho questa maturità,io sto ancora urlando alla vita e mi dibatterei tra tenebre e Vuoto cercando di squarciare quel manto nero... Si,credo che sia una questione di maturità,di crescita personale,di accettazione di quello che ci fa più paura.
×