Vai al contenuto

Alessandro Furlano

Scrittore
  • Numero contenuti

    783
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    5

Alessandro Furlano ha vinto il 2 luglio 2016

Alessandro Furlano ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

588 Magnifico

5 Seguaci

Su Alessandro Furlano

  • Rank
    ex Pennywise
  • Compleanno 28 giugno

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Asti
  • Interessi
    Everything but the rest

Visite recenti

3.352 visite nel profilo
  1. Il Giorno Prima di Morire

    Qui aggiorno poco, per non tediare. Ma, posto che l'ebook è online ovunque e il cartaceo disponibile come sempre su Amazon in POD, ho messo anche il cappellino del Distributore. Mi sono fatto mandare dalla CE uno scatolone di copie e ora il romanzo è disponibile anche nelle librerie della mia zona, l'astigiano. Sulla mia pagina Facebook i dettagli per chi è della zona (e ho scoperto tramite pm che ci siamo!)
  2. [Valutatore Professionale - Correttore Bozze] Alessandro Furlano

    Terminata una lunga scheda di valutazione per un noto dreamer (con cui il dibattito è ancora vivo e interessante) e una di volontariato per Extravergine d'Autore, che ha richiesto un conclave di ben tre valutatori per dare infine il prestigioso marchio. Dopo un po' di letture di svago, sono di nuovo disponibile (anche perché voglia di scrivere saltami addosso proprio...) Ricordo una cosa importante: la scheda di valutazione o, meglio ancora, la ben più approfondita analisi analitico critica, non è solo fondamentale per i testi inediti, ma (e qui l'esperienza fatta con Extravergine sui romanzi già sul mercato me lo ha insegnato) anche per quelli già auto pubblicati, anche perché con la maggior parte delle piattaforme con cui possiate avere pubblicato, basta una mail per inserire negli store una nuova revisione del vostro testo corretto (per la rubrica "forse non tutti sanno che..."). Tutto ciò in teoria non varrebbe invece con chi ha pubblicato con CE, perché dovrebbero pensarci loro. Ma sappiamo come spesso vanno le cose, vero? Quindi vale anche per alcune di loro. Dettagli come sempre in privato e qui: www.alessandrofurlano.it
  3. Premio letterario Energheia XXIV edizione [04/06/2018]

    Ho visto che su youtube esistono i cortometraggi della sezione sceneggiature dei vincitori delle scorse edizioni e questa è una bella cosa. Non ho capito ai vincitori delle sezioni racconti cosa spetti. I dieci finalisti verranno pubblicati sul sito e in un'antologia che verrà loro inviata (e vabbe'), ma il vincitore assoluto? Una pacca sulla spalla, un "bravo!" gridato dalla giuria in coro? Non è chiaro dal bando. E non è chiaro nemmeno se, come spesso accade, sia necessario essere presenti alla cerimonia. No perché Matera è bella, ma mi risulta un po' fuori mano. Peccato perché mi pare un bel concorso, l'anno scorso c'era una giuria di tutto rispetto.
  4. Il racconto nel cassetto [31/1/18]

    Io ho partecipato l'anno scorso. Ho avuto modo di parlare con alcuni vincitori delle passate edizioni: i premi sono veri, la serata di gala e tutto quanto pure. Poi come vadano le vendite dopo non lo so, ma 3000 euro con le vendite non le farò in tutta la vita, quindi il mio obiettivo era il concorso e basta.
  5. Genesis Publishing

    @monica marm ti riporto la mia esperienza. Per la copertina ti fanno alcune proposte descrittive, dimostrando peraltro di avere letto molto bene il manoscritto, inerenti alla storia che hai scritto. Quando scegli l'episodio, il passo, l'immagine che vorresti vedere rappresentata tra le varie proposte (o che hai proposto tu), ti mandano una bozza di copertina. Tu puoi dare l'approvazione o chiedere delle modifiche, fino a che si raggiunge l'accordo. Chiaramente se hai già un'immagine che dia l'idea di cosa intendi puoi mandarla o inviare un link. Per esempio a me la bozza piaceva, ma ho chiesto che l'immagine venisse incorniciata all'interno di una foto polaroid (per ragioni legate alla storia) e così me l'hanno rielaborata ed è nata la copertina definitiva.
  6. Watson Edizioni

    Lo so e capisco il tuo punto di vista. Ma qui sul WD la definizione di CE free (e che io approvo al 100%) prevede: selezione, valutazione, approvazione, firma del contratto, editing approfondito gratuito sempre e infine promozione. Se manca uno di questi componenti la CE rimane free, ma è scarsa. Non esiste, per me, il concetto di "lavoro già pronto per la pubblicazione così come ci è stato inviato", pure Umberto Eco veniva editato prima di pubblicare. Se uno dei passi sopra citati, come appunto l'editing, pur rimanendo facoltativo viene fatto solo a pagamento, la CE è a doppio binario. Se nel contratto è previsto obbligatoriamente il pagamento dell'editing o l'acquisto di copie allora la CE è a pagamento. E' solo questione di definizioni e qui le definizioni sono quelle. Il fatto che la maggior parte dei vostri autori pubblichi assolutamente gratis perché sceglie di non pagare l'editing, non rientra nella definizione di CE free. I servizi editoriali a pagamento sono una bella attività (io stesso li fornisco), ma sono un'altra cosa (per chi si autopubblica, per chi vuole avere un lavoro "pulito" già prima di inviarlo alle CE, per chi lo fornisce come servizio alle CE stesse eccetera). Una CE li deve fornire agli autori che intende pubblicare sempre e gratuitamente, per essere free. Se per farli chiede un pagamento, nessuno scandalo e nessun reato, ma rientra nella categoria "doppio binario". E' chiaro che siamo nell'ambito delle opinioni personali, quindi credo che non sia più molto utile prolungare il discorso. Ognuno di noi ha ampiamente spiegato il proprio legittimo punto di vista
  7. Watson Edizioni

    Mi spiace che finisca così. Con Ivan siamo in contatto anche su Facebook e abbiamo scambiato opinioni via pm anche qui. Però abbiamo una visione troppo diversa del concetto di CE free e non ne verremo mai a capo. Peccato.
  8. Watson Edizioni

    Per me è così e sempre lo sarà. Credo che sia così anche per il regolamento redatto dallo staff, ma si esprimeranno loro.
  9. Gds Edizioni

    2,40? Non so proprio fare affari io...
  10. Leone Editore

    Gli scrittori hanno pregiudizi, anzi post giudizi, contro l'EAP. I librai perché dovrebbero? Se paghi l'espositore ti espongono.
  11. Delos Digital

    Data la più volte sbandierata totale assenza di promozione la tua domanda è posta correttametne. IO HO venduto le copie, non molte, ma tutte da solo. Quando arriverò ai numeri da te citati ti farò un fischio.
  12. Pubblicare con Pseudonimo

    Chiaramente condivido i post della pagina, anche perché il profilo ha il triplo dei contatti, e poi pubblico "cose" come da un profilo qualunque. Diciamo che essendo il mio "lato oscuro", come lo definisco anche nella biografia, quello che scrive horror, quello che non ha tra i contatti parenti eccetera, lo utilizzo quando mi vengono dei post un po' più cattivelli rispetto al mio profilo reale. Tutti abbiamo un lato oscuro. Io con quello mi esprimo.
  13. Pubblicare con Pseudonimo

    Non puoi interagire nei gruppi come pagina. L'unico modo se hai uno pseudonimo (o nome d'arte se preferisci) è crearti un profilo anche con quel nome e utilizzare quello nei vari gruppi tematici. Io per esempio, che come te non ho motivo di nascondere la mia vera identità, su entrambi i profili ho aggiunto nell'apposito campo "soprannome" l'altro nome. La pagina che ho creato riporta entrambi i nomi, quello vero con cui pubblico thriller con una CE e lo pseudonimo con cui pubblico horror con un'altra. Sembra complicato ma è l'unico modo.
  14. Nero Press

    Per esempio che le mie non essendo depositate alle SIAE non ho nulla da comunicare
  15. Edizioni e/o

    Nel loro post su facebook sulla questione c'è un mio commento che dubito abbiano gradito.
×