Vai al contenuto

zacmail

Scrittore
  • Numero contenuti

    10
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

4 Neutrale

1 Seguace

Su zacmail

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 23/08/1965

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Bellusco -MB-
  1. zacmail

    Laura Capone Editore

    Ricapitato su questo forum che non frequento da un po', sono finito sulla pagina dedicata al mio editore preferito. Non ho mai pubblicato con loro in maniera esclusiva, ma ho vinto diverse volte le varie edizioni del concorso e dunque sono presente in molte antologie. Confermo il pagamento di una minima quota d'iscrizione per la partecipazione al premio, (5 euro per i racconti e fiabe, sempre 5 euro per 5 poesie e mi pare 20 per i libri). Ho partecipato gratuitamente a molti eventi, premiazioni, presentazioni, tutti in maniera gratuita e avendo conosciuto molti autori ho la certezza che nessuno di questi abbia pagato nulla dal momento in cui ha passato la selezione. In un mondo dove gli equivoci sono all'ordine del giorno è doveroso spendere una parola di apprezzamento per una casa editrice seria e onesta come penso che sia questa.
  2. zacmail

    "Se io fossi un animale..."

    Laura, le fiabe sono disponibili sul sito e le stiamo commentando. Hanno partecipato alcuni dei tuoi autori? Ciao, io sono uno degli amici di Laura, gli altri non so. Noterai lo stesso nome e la stessa foto sui due forum. Mi è sembrato di capire che tu sia Mrs. Crowe? o mi sbaglio. Ciao
  3. zacmail

    "Se io fossi un animale..."

    Si, infatti, come ho scritto. Vlad chiarirà meglio tra un paio d'ore perché in questo momento era fuori. L'importante è che non si faccia del lavoro per niente, che poi se fosse lavoro chi se ne frega, il problema è che è molto di più. E' un pezzetto di noi che scriviamo, quindi se io ho creato una fiaba, bella o brutta che sia, ci ho messo la mia anima, come penso tutti. Se poi non la si può utilizzare per comprensibili motivi legati al particolare contesto, non la posso cambiare. Perlomeno farei molta fatica. Meglio saperlo prima quello che è lecito e che non lo è. Ciao
  4. zacmail

    "Se io fossi un animale..."

    Ragazze, ho richiesto a Vlad un chiarimento, perché mi sembra alquanto strano che non si possa parlare di un genitore, parlando di abbandono. Capisco dover fare attenzione a non svilire la figura del genitore, visto che stiamo parlando di bambini abbandonati dai genitori non volontariamente, ma ignorare totalmente la figura del genitore come si fa? Da chi altro potrebbe essere abbandonato un bambino, o un cucciolo? Dal branco Ok, per alcuni animali, ma dobbiamo scrivere 40 storie, tutti animali abbandonati dal branco è monotono. Comunque Vlad risponderà tra un paio d'ore, poi posterò qui il chiarimento. Se ci sono vincoli e limitazioni meglio saperlo.
  5. zacmail

    "Se io fossi un animale..."

    Ciao Mi sto preoccupando, dove è scritto che non si può inserire la figura di un adulto? Il protagonista è l'animale, ma perchè non hai potuto utilizzare la mamma del cucciolo? Ci sono altre note operative di cui tenere conto oltre a quelle che ho io? 1) Il protagonista deve essere l'animale di riferimento del disegno; 2) Le azioni che compirà nella storia devono contribuire al rafforzamento dell'autostima; 3) Lo svolgimento della storia deve avere un esplicito richiamo alla attività di gruppo, alla cooperazione; 4) L'esito della storia deve mirare al superamento del trauma dell'abbandono.
  6. zacmail

    "Se io fossi un animale..."

    Ho già ringraziato Laura Capone per la fiducia. Non ho ancora visto il bando, lo guarderò presto, ma intanto posso confermarvi che ho intenzione di partecipare. Mi farò vivo a breve alla mail che mi è stata comunicata. Grazie. Alfio
  7. Beh, non so se sono stato utile a qualcuno, di sicuro si vede che amo scrivere.
  8. Vorrei rispondere anche io con la mia esperienza personale. Io ho vinto altri concorsi alcuni con dei soldi in premio. Di solito chi vince dei soldi partecipa alle premiazioni e li ritira, per i premi fisici (un cellulare, un televisore, ecc..) diventa un po' più difficile se, e molti lo fanno, il diritto al premio viene perso in caso di mancata partecipazione alla premiazione. In altri concorsi si "vince" il diritto alla pubblicazione dell'opera, (con obbligo di acquisto minimo di poche copie anzichè le 100-150 normalmente richieste dall'editoria a pagamento.) nel caso di Laura Capone Editore, e sicuramente anche di qualche altro editore, non si vince niente di materiale fatta eccezione per una targa inviata anche per posta ai soli vincitori della sezione libri (e mi pare dei libri in omaggio). Tutti gli altri autori di Poesie, Racconti, ecc.... selezionati come vincitori, vengono pubblicati in due raccolte (vendute agli autori a prezzo scontato, ma senza nessun obbligo di acquisto) Chi ha la fortuna o la bravura di aver scritto un bel libro e di essere risultato vincitore ha una proposta di contratto editoriale (non ne conosco i termini perchè non sono tra i fortunati o bravi), e vedrà pubblicato il suo libro senza oneri e, vi assicuro, con uno sforzo di promozione sul territorio nazionale che ho visto ben poche volte in realtà così piccole. Per quanto riguarda gli altri vincitori, dal momento della comunicazione della vittoria, e dell'invio dell'attestato, comincia un periodo di soddisfazione personale molto gratificante perchè la casa editrice organizza molte presentazioni sul territorio nazionale dove vengono invitati sia i vincitori dell'ultima edizione che di quelle precedenti, per parlare delle loro opere davanti ai presenti (spesso istituzioni locali, giornalisti, e molti altri autori.) Tra l'altro la casa editrice cerca di scegliere delle sedi prestigiose per gli eventi in modo da dargli visibilità e ulteriore gratificazione per i partecipanti. Io personalmente da autore di un racconto vincitore quest'anno sono stato a Venezia e Roma, ma c'erano anche eventi a Napoli, in cittadine dell'abruzzo e del lazio, ecc.., e ne sono previsti di nuovi in futuro. A me e a tutti gli altri viene dato lo spazio necessario per le nostre esigenze e forse è proprio quello che cerca chi scrive. Oltre alla soddisfazione di vedere comunque il proprio nome sulla copertina di un libro, sia pure antologia, stampato per puro merito. Per me poi è stata anche un occasione per fare qualche viaggetto e soprattutto ho conosciuto un sacco di persone con le quali ho in comune una passione ed un sogno, e con alcune di loro sono diventati rapporti di stima sincera (magari amicizia è un po' troppo, ma solo per il poco tempo passato insieme, non certo per l'intensità.) Dubito che anche la vincitrice di quest'anno della sezione libri, con il contratto, abbia cambiato la sua vita come se avesse vinto al superenalotto, ma se escludiamo i soldi, ritengo che tutti noi vincitori, di qualsiasi sezione, ci siamo sentiti e ci sentiamo ancora come se avessimo davvero quel biglietto vincente in mano. Concludo ringraziando Laura Capone, la persona non l'editore, e le sue collaboratrici, e consiglio vivamente la partecipazione al concorso a tutti coloro che amano davvero questo mondo, perchè tutto quanto ho scritto sopra è di gran lunga superiore a qualsiasi premio materiale, è il premio per eccelleza dello scrittore.
  9. Sono stato presente sia all'evento di Venezia che a questo ultimo di Roma, in qualità di vincitore, insieme ad altri colleghi, della sezione racconti pubblicati nell'antologia. Ho avuto modo di conoscere personalmente Laura Capone insieme alle sue collaboratrici sedute al tavolo dei relatori. Ho conosciuto con piacere la stessa Carlotta qui sopra ed altri colleghi autori, oltre ad avere rivisto con il medesimo piacere alcune persone conosciute due mesi fa a Venezia. Non posso fare altro che ribadire una volta di più il clima di sincera "amicizia" tra persone che non si conoscevano fino a pochi minuti prima. Certo, non l'amicizia consolidata da anni di vita vissuta insieme, ma quel misto di ammirazione, stima, rispetto che si provano immediatamente quando si interagisce con persone di cui si coglie la sincerità, l'entusiasmo e la passione per quello che stanno facendo. In questo caso la passione è quella per la letteratura e la poesia, l'entusiasmo è quello che spinge ognuno di noi a raccontare le proprie emozioni e a raccontarsi, il rispetto è quello che non è mai mancato nei confronti di chiunque, pur con le inevitabili preferenze di genere. Il collante di tutto ciò sono Laura Capone e suo Marito che inseguendo il loro sogno danno l'opportunità a molte persone di cercare di realizzare il proprio. Posso concludere con un fortissimo ringraziamento a tutte le persone presenti e anche ad alcune assenti, che considero già amici, e con un arrivederci ai prossimi eventi in giro per l'Italia, fin dove riusciamo ad arrivare, e con una minaccia per Laura, rubata da un intervento su un altra discussione. Ormai ci siamo e non ti libererari di noi tanto facilmente.
  10. zacmail

    Mi presento

    Come da titolo, mi presento. Sono un giovane (dentro) scrittore di Fiabe e racconti. Sono giovane dentro perchè per l'anagrafe sono nato nel 1965 Scrivo Fiabe (con la maiuscola), perchè è il mondo in cui mi ritrovo di più, e racconti con la minuscola, perchè in questo campo devo acora trovare una mia dimensione, ma non dispero. Scrivo relativamente poco rispetto a molti altri autori, forse perchè amo talmente ognuna delle mie creazioni tanto da esserne persino geloso, tuttavia ho ottenuto diverse soddisfazioni e premi con le mie Fiabe e per questo, parafrasando lo stesso logo di Writer's Dream, posso affermare che per me scrivere è stato ed è principalmente un sogno, che vivo con molto rispetto in attesa di vedere un giorno pubblicata una mia raccolta.
×