Vai al contenuto

birrificio

Scrittore
  • Numero contenuti

    47
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di birrificio

  1. birrificio

    Cercasi esordienti, grazie

    Scusate per la fretta. *inviai *avvincente
  2. birrificio

    Cercasi esordienti, grazie

    Buongiorno a tutti voi. Al salone del libro incontrai Sarah e su sua richiesta le invia tramite mail il primo capitolo del mio romanzo in fase di stesura. Il giorno seguente mi disse tutta entusiasta di voler leggere i capitoli pronti e completi. Secondo invio sempre tramite mail. Dopo una mia sollecitazione mi scrisse assicurandomi che avrebbe letto dandomi un suo parere anche i capitoli successivi al primo. Nel frattempo il primo capitolo era diventato non più così tremendamente avvicente. A oggi il silenzio totale su tutto il mio invio. La cosa meravigliosa di tutto questo è una sola: altri stanno apprezzando il mio scritto.
  3. birrificio

    Cercasi esordienti, grazie

    Buona sera Sarah, ci siamo conosciuti al salone il venerdì 15. Mi aveva richiesto il primo capitolo del romanzo e la mattina dopo incontrandomi mi ha chiesto gli altri 3 capitoli in quanto il primo le era piaciuto molto. Vorrei sapere se ricorda e a che punto è con la lettura . Ero con la barba lei aspettava un adonna ricorda?. Cordiali saluti Voglio precisare che gli altri tre capitoli sono stati da me inviati intorno al 18 maggio
  4. birrificio

    Cercasi esordienti, grazie

    Buona sera Sarah, ci siamo conosciuti al salone il venerdì 15. Mi aveva richiesto il primo capitolo del romanzo e la mattina dopo incontrandomi mi ha chiesto gli altri 3 capitoli in quanto il primo le era piaciuto molto. Vorrei sapere se ricorda e a che punto è con la lettura . Ero con la barba lei aspettava un adonna ricorda?. Cordiali saluti
  5. birrificio

    Le nostre esperienze editoriali

    Grazie della tua risposta. Il libro è un romanzo ambientato al centro Italia a metà anni '80
  6. birrificio

    Le nostre esperienze editoriali

    Dando per scontato che tutte vogliano il tuo libro suppongo. Grazie Cristian, in effetti io intendo dire che certo ho un romanzo, non so se piacerà oppure no, su quali case editrici puntare. Ecco.
  7. birrificio

    La città illuminata

    La piazza principale della città, ricordava in quella prima sera di festeggiamenti, i treni affollati di gente pigiata e schiacciata come sardine, che dalle grandi città del nord partivano nei mesi estivi verso i paesi del sud Italia. Le bancarelle multicolore la facevano da padrone, e sui banchi si trovava tutto: dolciumi, giocattoli moderni e antichi, perfino i bottoni neri di ricambio del golfino che le nonne per mesi e mesi senza alcun risultato cercavano per i negozi di merceria. Ondate di mamme con figli, e figli con padri, erano presenti al grande evento. Pochi minuti ancora, per l’esattezza dodici, e poi il via allo spettacolo atteso per un anno intero: i fuochi d’artificio. Alle ventuno e cinquanta minuti era ormai l’impazienza dei più piccoli a scandirne il lento conto alla rovescia. Tutto procedeva come da programma, anche la musica diffusa da grandi casse acustiche, riportava alla mente , balli e melodie da carnevale Brasiliano. Vista dall’alto del campanile, la piazza era un’onda gigante che muoveva la testa ora da un lato ora dall’altro, ma ordinatamente, nonostante le circa mille persone presenti. Ventuno e cinquantasette, solo tre i minuti allo spettacolo di colori e suoni. Il bronzo delle campane iniziò a vibrare proprio in quel momento, e a darne maggior visibilità, le telecamere di una televisione locale, impegnata a inquadrare visi, mani, scarpe, occhi dei presenti, mentre i suoi microfoni catturavano le voci con le risate piene e serene. Pronto anche il collegamento con il TG regionale. Indimenticabile per chi riuscì ad assistervi, il tentativo un po’ goffo del giornalista inviato dalla sede, di sistemarsi il colletto della camicia prima dell’accendersi della luce per la diretta. Il conto alla rovescia era iniziato. Ventuno e cinquantotto: Una telecamera inquadrò in un passaggio veloce, un borsone scuro, forse blu, situato al fianco della gamba di una statua posta a quaranta metri dal campanile. Ventuno e cinquantanove: Molti da casa seguivano la diretta e quel borsone solo in quell’angolo, suscitò un groppo in gola forte quanto improvviso, seguito da uno sguardo di terrore e impotenza. In seguito si venne a sapere che in diversi telefonarono alla sede della televisione e alle forze di sicurezza, anche se il tutto poi fu inutile. Ventuno, cinquantanove e venti secondi : Le telecamere tornarono sul borsone, inquadrando la mano di un uomo che con un movimento veloce lo prese con sè, andando verso il banchetto di comando dei fuochi d’artificio. Dieci secondi dopo lo stesso uomo aprì la lampo del borsone, ora chiaramente di colore blu, tirando fuori dal suo interno dei cavi elettrici . Uno di colore rosso e uno di colore nero. Il tutto ormai era seguito attimo dopo attimo da una delle telecamere, mentre il giornalista aveva dato il via alla diretta. Ventuno, cinquantanove e cinquanta secondi : Prima il filo rosso e poi il filo nero, vennero collegati alla centralina, vicino all’interruttore di accensione. Ventidue esatte : il botto fu tremendo; un boato seguito da un’onda d’urto, che mandò in frantumi le vetrate in stile gotico del museo e divelse tutti i tombini posti nel raggio di seicento metri. Poche le auto coinvolte, non più di cinque, in quanto zona pedonale a traffico limitato, il museo non aveva visitatori al suo interno. Restò chiuso per la festa dei fuochi. Ventidue esatte: nella piazza, luci rumori e fumo, mandarono in visibilio tutti i bambini presenti. La gioia si moltiplicò, coinvolgendo i tutti i presenti, in un lungo applauso all’uomo che aveva come ogni anno alla stessa ora premuto l’interruttore per attivare la spoletta ed innescare la deflagrazione. Solo la mattina successiva, attraverso i giornali e i telegiornali tutti vennero a sapere dell’esplosione all’interno del museo di scienze.
  8. birrificio

    Le nostre esperienze editoriali

    Buongiorno a tutti, inizio col chiedere eventuali scuse se ho sbagliato il luogo dove inserire il mio post. Siate magnanimi in tal senso. Vengo al dunque: vorrei chiedere secondo i membri del Writer's Dream, le dieci dodici case editrici free con le quali loro andrebbero anche a piedi a firmare un contratto di edizione. Indipendentemente se passando o meno da un agente o agenzia letteraria. Vi ringrazio per il vostro tempo che dedicherete alla risposta. Ancora scusate se ho toppato il luogo del mio post. Bellissima giornata a tutti.
  9. birrificio

    Saluto

    Buona sera a tutti voi del forum. Dopo molto tempo passato a osservare e scrutare gli stati d'animo degli iscritti ho deciso di iscrivermi, non fosse altro per un motivo di ringraziamento a tutti coloro che con interventi e post mi hanno aiutato a comprendere un pò del mondo dell'editoria. Ho pubblicato una silloge di poesie e ora mi appresto a valutare case editrici che possano soddisfare alcuni requisiti. Un abbraccio a tutti e sempre disponibile per ogni evenienza. birri detto (birrificio)
  10. birrificio

    Saluto

    A tutti voi un grazie per l'accoglienza.
  11. birrificio

    Saluto

    Ciao Joy, si inviato mia silloge ad alcune case editrici. Preso elenco dalla sezione free. Grazie!
  12. birrificio

    Sillabe di Sale Editore

    Mi piace questo intervento del "boss", sinonimo di attenzione e coinvolgimento. Se sarà che lavoreremo insieme posso dire sarà un piacere per me. Grazie Piero Partiti
  13. birrificio

    Sillabe di Sale Editore

    Grazie Edhel per la tua precisazione. Non ho motivo di dubitare quello che duci e questo credimi mi rende felice. Semmai arriverà la possibilità di pubblicare con questa casa editrice sicuramente ogni aspetto sarà chiarito. Ancora grazie.
  14. birrificio

    Saluto

    Grazie per la calorosa accoglienza. Un abbraccio a tutti
  15. birrificio

    Sillabe di Sale Editore

    Bella sera a voi tutti. Vorrei dare un mio contributo, sperando essendo ala prima di non fare molti errori di procedura. Dunque, anche io ho contattato la casa editrice " Sillabe di Sale", inviando una mia silloge poetica. La risposta è giunta a breve giro di tempo e molto cordiale con alcune richieste tipo: se l'autore accetta modifiche al lavoro si procede con la valutazione che comunque avverrà in 120-150 giorni. Perfetto, solo un piccolo particolare mi ha lasciato perplesso: leggendo sul loro sito nel contratto scaricabile viene evidenziato ( almeno che io abbia sbagliato nel leggere) come oltre la prima presentazione del libro, qualora l'autore volesse effettuare presentazioni è tenuto a pagare spese di locandina e di spostamento di un rappresentante della casa editrice... viaggio, vitto, alloggio. Resto in attesa di correzioni a mio sbaglio o di spiegazioni da chi preposto. Grazie per la vostra gentilezza.
×