Vai al contenuto

Nietzsche

Utente
  • Numero contenuti

    36
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

5 Neutrale

Su Nietzsche

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna

Visite recenti

833 visite nel profilo
  1. Nietzsche

    Bottega editoriale

    Intervengo per sottolineare che il direttore di Bottega editoriale mi ha inviato una mail di chiarimento. Sostiene che la mia richiesta di preventivo non sia mai loro giunta, disguidi della posta elettronica, e che quindi non si aspettava tanto livore da parte mia. Chiedo venia per l'acidità del mio tono nei post precedenti. Del resto, si è trattato di un incidente.
  2. Nietzsche

    Sul Romanzo

    ecco, anche qui, io ragionerei così. premetto che non pagherei mai un centesimo di editing e servizi vari ma, per ipotesi: se ti pago una sfracca di soldi per l'editing, che tu mi prometta, garantisca, giuri e spergiuri che mi troverai una CE, a me non interessa nulla. io esigo le prove provate che tu stia contattando le CE e che queste ti stiano rispondendo; mi devi altresì garantire che io possa leggere ogni risposta che le suddette CE ti inviino. mi invii un contratto, un documento firmato in cui prendi questo impegno. e questo ovviamente prima che io ti versi i soldi dell'editing.
  3. Nietzsche

    Sul Romanzo

    Qualche tempo fa, da ingenua, ho inviato in lettura free il mio manoscritto a questa agenzia. Ora la Provvidenza mi ha fatto conoscere WD e molto è cambiato nella mia testa. Sto leggendo tutti (sì, tutti) i topic di agenzie letterarie, dalla prima all'ultima pagina, fino all'ultimo commento e, da dilettante quale sono, vorrei fare una riflessione che spero sarà di aiuto anche ad altri. Se una agenzia NON dichiara 1)quali autori\titoli ha fatto pubblicare 2)con quali CE lavora (e non parlo di possederne l'indirizzo email, al quale tutti possiamo con agilità avere accesso) a mio modesto avviso non è seria ma soprattutto non vale la pena di inviarle la propria opera. mi pare che spesso, a quanto ho letto, CE e agenzie siano nebulosi, oscuri nei loro siti internet o risposte email, salvo poi giustificare, giustificare, giustificare con perifrasi e vari rivoltamenti di frittata, quando invece, come scrisse Schopenhauer, la chiarezza è l'onestà del filosofo (e dell'agente e dell'editore, etc.).
  4. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    io mi riferivo a CE free, non a pagamento. un editore è un imprenditore, lavora per guadagnare, quindi giustamente si rivolge a opere che ritiene vendibili al pubblico, sperando che sia il più vasto possibile. non gliene faccio una colpa, né capisco perché qualcuno dovrebbe. se poi ho scritto un mattone per me stesso, certo, tanto vale autopubblicarmi e, magari, non vendere mezza copia. l'importante è che della non fruibilità e, di conseguenza, non vendibilità del mio testo, io sia consapevole, che io sia abbastanza intellettualmente onesto da riconoscerlo. ma questo, mi rendo conto, è ot e concerne i motivi e i fini per cui ciascuno scrive.
  5. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    Quelli non sono self, sono scribacchini pubblicati con una EAP. Un vero self si fa editare e cura la sua pubblicazione. Lascia stare quel ciarpame, assieme al ciarpame pubblicato da editori che l'hanno "valutato e giudicato pubblicabile" MA VENDIBILE. Sempre ciarpame è. non ho capito perchè chiamare ciarpare un'opera giudicata pubblicabile ma vendibile. se vende, tanto, molto meglio. e che un editore tenga d'occhio ciò che ritiene vendibile è sacrosanto. io la penso così. non ho afferrato il concetto da te espresso.
  6. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    vabbeh che un professionista abbia letto, editato, valutato positivamente e pubblicato il tuo libro ha molto più valore del self. questo mi sembra lapalissiano. purtroppo non mi sento molto portata per operazioni di marketing, sennò avrei studiato economia invece che filosofia, e conterei molto sulla promozione fatta dall'editore. anche perchè sennò la sua funzione sarebbe davvero riduttiva. se fai l'editore, devi promuovere chi pubblichi. altrimenti scavi la fossa all'autore e, in primis, a te stesso. io la vedo così.
  7. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    per quel che mi riguarda la mancanza di promozione è \ sarebbe la cosa peggiore in assoluto, visto che sono convinta che un libro mediocre molto pubblicizzato venderà più di un ottimo libro poco pubblicizzato. in pratica a me interessa (quasi) solo la promozione. e a quanto ho capito la fanno in pochissimi, leggi: solo le big.
  8. Nietzsche

    Quarup Editrice

    nessun aggiornamento in merito a questa CE?
  9. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    perfetto, avete dissipato il mio dubbio riguardo al cartaceo spedito a medie\piccole CE: non si fa! che poi, anche per le big, ci penserò su, ma al massimo lo manderò a 4\5, non di più. per ora ho spedito via mail a una cinquantina di CE (tanto il mio romanzo è il cosiddetto mainstream di 200 pagine), ne mando ancora un pò. poi passo alle agenzie letterarie serie. infine partecipo a qualche concorso. solo allora manderò il cartaceo alle big.
  10. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    quindi sperling&kupfer, adelphi, piemme, sellerio (per dire le prime big trovate che vogliono solo cartaceo) non le hai considerate? questo perché reputi che prendano in considerazione solo manoscritti segnalati da agenzie?
  11. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    in particolare vi chiedo: siete, o siete stati, disposti a inviare un gran numero di cartecei alle CE? a me la stampa più spedizione verrebbe a costare un bel pò, quindi mi chiedo se ne vale la pena. per ora pensavo di mandare il cartaceo solo alle big che lo richiedono. voi?
  12. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    credo di averne letto un paio di pagine. ero a casa di qualcuno, sono andata in bagno e l ho trovato lì. vabbeh, già rabbrividisco al pensiero di gente che legge mentre è seduto sulla tazza, comunque.... orribile, nel senso di scritto davvero, davvero male. ed è cosi che ha venduto milioni? mandando copie e copie a giornalisti e opinionisti? mah, potrei pure pensare di farlo, davvero, se solo sapessi gli indirizzi di tali signori. quella tizia come li conosceva? non so, esistono liste di tutti in italia?!
  13. Nietzsche

    Bottega editoriale

    E fin qui è bastato far girare il correttore ortografico di word, senza nemmeno bisogno di sfogliare il testo. Bella fatica! Nietzsche, a te, invece, una bacchettata sulle mani per aver mandato in giro il testo senza prima aver sottoposto il tuo romanzo al controllo ortografico automatico! purtroppo il mio pc è posseduto dal demonio. corregge, non corregge, non salva, non recupera file vecchi. si lo so, a natale me ne faccio regalare uno nuovo. la correzione è durata una vita proprio per questo: rifare e rifare le stesse cose perché alla fine non le salvava. si vede che a loro ho mandato un file indemoniato. poco male, visti i soggetti. per le CE ho rieditato il tutto altre 3 volte.
  14. Nietzsche

    Bottega editoriale

    no no, queste cose le so. come ho già detto altrove, non pagherò mai una lira per farmi pubblicare, né un euro né altra valuta!!! mi è sembrato grottesco che dopo aver proposto l'editing non abbiano più risposto. ma che è? si tirano pure la zappa sui piedi?
  15. Nietzsche

    A quante CE avete inviato?

    si ma anche le agenzie spesso sono tranelli. sto leggendo ora i topic a loro dedicati e c'è da piangere. per come la vedo io, se ti mando un'opera e la ritieni valida, il tuo ruolo consiste nel cercarmi un editore AGGRATIS! Non so se pubblicherò mai, ma se lo facessi vorrei farlo gratuitamente, per merito dell'opera, non del mio portafogli. l'altro problema è che essere pubblicata senza venire distribuita non mi interessa. tanto meno il self publishing. poi magari uno viene pubblicato (ed è già ottimo sapere che una CE quanto meno ha prodotto e editato la tua opera gratis) e ben distribuito ma non vende una mazza. allora quelli sono altri problemi. in generale credo che la pubblicità sia tutto. vedi le 50 sfumature (nere rosse etc), che non ho letto ma che so esser state stroncate dalla critica. perché hanno venduto così tanto? secondo me la qualità oggi, per il mercato dell'utente medio, non conta poi molto. conta solo la pubblicità. se vedo il libro in tv, su youtube, al supermercato, beh quel libro venderà, di qualunque cavolata parli. allora la domanda diventa un'altra: chi e perché può fare tanta pubblicità a un libro? ecco perché non credo nel self: al di là della schiera di amici in fb e reali, dove e a chi potrei farmi conoscere? dai, da 4 gatti.
×