Vai al contenuto

sefora

Sostenitore
  • Numero contenuti

    4.964
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    12

sefora ha vinto il 12 giugno 2015

sefora ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

1.106 Più unico che raro

Su sefora

  • Rank
    NonnaH
  • Compleanno 21 giugno

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Lazio
  • Interessi
    filosofia, vela, politica, gialli.
    Il mio primo libro è qui: http://www.autodafe-edizioni.com/catalogo/104-mal-di-mare, trascuro un po' di antologie, il secondo - Devi orzare, Baal"- è stato appena pubblicato da Lettere animate https://www.amazon.it/dp/B06XWZXGDL

Visite recenti

14.098 visite nel profilo
  1. Forse 🤔, ma devono esserci motivazioni precise a sostegno dell'inadempienza.
  2. sefora

    Scrittopoli 2019 – Off topic

    Fu molto divertente! La veste credo di averla ancora, al momento non ho modo/tempo di cercarla. Magari capiterà un'altra occasione
  3. sefora

    Riviste che pubblicano inediti di esordienti

    Dopo una lunga interruzione ha ripreso vita il progetto Babele con Speciale estate, scaricabile gratis. http://www.progettobabele.it/toplink/download.php Contiene 21 racconti, compreso uno dei miei: Il divino Sobek a pag.54
  4. sefora

    Compleanni nel WD

    Con il caldo che fa, non mi è venuto in mente di controllare la sua età... In ritardissimo, un augurio affettuoso!
  5. La dicotomia non è mica inevitabile, anzi...! Originalità e verosimiglianza possono (devono se il testo è buono!) convivere nella narrazione. Come già detto, la scrittura è sempre finzione anche quando narra cose "vere", e nella realtà possono verificarsi eventi che apparirebbero inverosimili in una narrazione. Se si prova per es. (lo consiglio) a trascrivere tal quale un dialogo registrato, l'effetto è inevitabilmente falso. Bene partire dal reale, ma occorre "narrativizzarlo". E torno un attimo sulla macchina pigra, la citazione di Eco per cui il lettore deve fare la sua parte perché il testo si metta in moto. Nel senso che deve possedere una certa dose di curiosità, padronanza linguistica ecc. per leggerlo con interesse e trarne "vantaggio". Non tutti i libri vanno bene per tutti, s'intende , e l'autore tende a rivolgersi al suo lettore "modello". Opportuno, consiglia ancora Eco, che esso sia abbastanza flessibile da coinvolgere un buon numero di lettori "empirici". Il che potrà avvenire se la fabula avrà un intreccio ben fatto, se richiamerà gli archetipi e via teorizzando. Come da manuali e corsi di scrittura... Ma spesso una buona storia riesce a camminare quasi da sola e i personaggi prendono per mano l'autore conducendolo lungo strade diverse da quelle previste. È molto bello!
  6. Mi sembra sia sottinteso in vari post, ma vale forse la pena di citarlo in modo esplicito: tra lettore e autore viene stipulato il famoso patto narrativo. Il primo accetta di sospendere l'incredulità ed "entrare" nella storia, il secondo non deve commettere errori (di intreccio, verosimiglianza, ritmo ecc.) tali da indurlo a interromperlo. Vale, con qualche distinguo, anche per le altre forme di narrazione. Il testo rimane in definitiva quell'arcinota macchina pigra che tocca al lettore mettere in movimento: con le ovvie differenze di approccio, retroterra, sensibilità...
  7. sefora

    Blocco dello scrittore e insicurezze

    Oltre al dizionario (bene, aiuta a variare l'aggettivazione ecc.), si ha quasi sempre bisogno di di supporti vari per verifiche e ambientazione . Condivisibile il metodo, con le ovvie variazioni soggettive. Rivedere il lavoro della giornata, tagliare quanto possibile, non rileggere tutto in continuazione (meglio suddividere), consigliatissima la decantazione finale... Ok. Peraltro l'autovalutazione non è mai garanzia della validità e correttezza della scrittura . Se si scrive con la prospettiva, anche vaga, di essere pubblicati, conviene farsi valutare da un professionista. Almeno una volta, lo consiglio ovunque ne ho l'occasione. Previa ricerca nel web e altrove per sceglierlo con calma e oculatezza.
  8. Sì, articolo abbastanza confusionario e notizie scontate. Vale comunque la pena di sottolineare il tema dei resi, noto ma non sempre evidenziato, che contribuisce a spiegare la pubblicazione (da parte di case note e magari big) di un gran numero di titoli, poi abbandonati a se stessi. A margine, ho trovato modesti i prezzi: ero rimasta a notizie di una EAP decisamente più costosa. Lo ripeto ovunque mi capita! Sceglietene uno "indipendente", cioè non collegato alla speranza di rappresentanza o pubblicazione.
  9. sefora

    [Cerco] Coautore

    Negativo, mi spiace: non si occupa di fantascienza.
  10. sefora

    [Cerco] Coautore

    Prevedevo la battuta! Entrambi. Di solito scrivo gialli, ho all'attivo solo due favole su invito, per antologie benefiche. Provo con l'amica. Appena posso, è un periodaccio...
  11. sefora

    [Cerco] Coautore

    L'esperienza mi attirerebbe, ma non pratico il genere. Ho però un'amica che scrive narrativa per ragazzi e magari potrebbe essere interessata. Provo a chiederle.
  12. sefora

    Compleanni nel WD

    Grazie di , la torta è bellissima (@ElleryQ), brindiamo lieti!
  13. sefora

    Declinazioni

    Pubblicazione: marzo 2019 Pagine 218 €15 (solo cartaceo) http://www.heraldeditore.it/Libro-Declinazioni.html Andavano al liceo con lo stesso il treno, conoscenti ma non amiche. Ormai attempate, tre donne si ritrovano nei luoghi in cui hanno trascorso l'infanzia e l'adolescenza. Sandra, ex insegnante, da Fondi non si è mai allontanata; Berta vive a Ferrara con figlia e nipoti; l'ancora bellissima Gabriella è moglie di un ricco imprenditore romano. Tutte reggono il peso di un segreto più o meno importante, con il quale faticano a confrontarsi. Anche in forza dell'atmosfera peculiare del paese, che coltiva con sollecitudine la propria memoria antica e recente, finiranno per confidarsi gli aspetti celati delle loro storie. L'inaspettata “sorellanza” consentirà alle donne di superare, ognuna a suo modo, gli ostacoli interiori. E le loro esistenze ne usciranno cambiate. Si tratta di una ripubblicazione. Nella prima, come qualche staffer o lettore assiduo del forum forse rammenterà, si erano verificati parecchi problemi, tali da indurmi a rescindere il contratto dopo pochi mesi. Nel breve periodo in cui è stata disponile, questa storia "al femminile" aveva ottenuto un buon riscontro nel corso di due presentazioni e presso un gruppo di lettura. La ricerca di una nuova occasione si è rivelata più agevole di quanto prevedessi: ho ricevuto in breve ben tre proposte. "Declinazioni" è ambientato a Fondi nel Lazio, il mio paese d'origine, così questa volta mi sono affidata a un editore che conoscevo, inserito nella regione e molto attivo nel sociale. Il testo, rivisto e migliorato, sarà presto disponibile anche negli store on line.
  14. sefora

    Una frase che non mi torna

    Anch'io avevo inteso così... Vedo che ormai hai molti suggerimenti per risolvere
  15. sefora

    Una frase che non mi torna

    Non si capisce, metti prima lo zio (vide lo zio che... con il prete e...) "...gli poggio' la mano sulla spalla si accorse che tremava" La ripetizione è superflua: se trema lo zio lo fa anche la ✋
×