Vai al contenuto

LuckyLuccs

Sostenitore
  • Numero contenuti

    618
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    1

LuckyLuccs ha vinto il 12 giugno 2020

LuckyLuccs ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

568

5 Seguaci

Su LuckyLuccs

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 15 luglio

Contatti & Social

  • Sito personale
    www.lucabuggio.it

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Torino

Visite recenti

3.441 visite nel profilo
  1. LuckyLuccs

    E se ognuno di noi pagasse una quota, il forum sarebbe salvo?

    Devo ancora digerire la notizia. Questa per me è diventata una casa, un punto di riferimento per quanto riguarda la scrittura e anche la lettura. Mi fa male il pensiero che dopo tutte le cattive notizie di questo 2020 ce ne sia un'altra per l'anno che deve ancora iniziare. Rimango sintonizzato in attesa di sapere cosa si decide. Credo che il difficile non sia creare un forum analogo a questo. Il difficile, temo, sia recuperare tutti i contenuti, che sono davvero una ricchezza. Non ho abilità informatiche tali da essere d'aiuto, ma la volontà di continuare a seguirvi c'è tutta.
  2. LuckyLuccs

    Aletti editore

    Comicissima quella della 'maggiore visibilità.
  3. LuckyLuccs

    Aletti editore

    beh, almeno puoi rifiutare la proposta senza troppi rimpianti.
  4. LuckyLuccs

    Pegasus Edition

    C'è una grande differenza dal punto di vista dell'autore. Da quello dell'editore cambia solo il soggetto a cui chiedere i soldi per aggirare il rischio di impresa.
  5. LuckyLuccs

    Giovane Holden

    Questo topic appartiene a un forum dove ci si scambia opinioni sull'editoria ed è quello che faccio, dando la mia opinione. Il mio discorso generale parla dei concorsi letterari come una strategia di editoria a pagamento mascherata. Sono un editore che indice un concorso. Se ci facciamo un giro sui siti di stampa digitale ci facciamo una rapida idea di quanto costa stampare una cinquantina di copie di un libro e con una semplicissima equivalenza anche di quante quote di iscrizione al concorso sono sufficienti a me editore per coprire le spese di pubblicazione al vincitore e ricavare un utile dall'operazione con cui coprire i costi di pubblicità e segreteria. Non sto facendo, come tu mi hai accusato di fare, i conti in tasca a nessuno, perché è davvero sufficiente fare un giro su google e farsi fare un preventivo di stampa di libri in digitale per farsi un'idea. Questo non significa che io editore stia facendo nulla di illegale: semplicemente anziché far coprire le spese all'autore le faccio coprire ai partecipanti al concorso. Due piccioni con una fava, no? Io editore non corro alcun rischio di impresa, e l'autore è contento perché non deve pagare per pubblicare (tolta la quota di iscrizione, ca va sans dire). A me non sembra affatto di essere stato off topic, ma mi rimetto all'opinione dei moderatori, e se ho infranto, senza volerlo, regole di correttezza o di buona educazione faccio un passo indietro e chiedo scusa a te, al tuo editore e al forum. Non sono qui per fare polemica con nessuno.
  6. LuckyLuccs

    Historica

    No non c c'è nulla di truffaldino come non c'è nelle altre forme piu o meno mascherate di editoria a pagamento. Basta sapere a cosa si va incontro. Io ho avuto un carteggio con questa associazione e in corrispondenza di uno dei loro (tantissimi) concorsi a cui ho partecipato perché era gratuito... decidendo di ritirare il racconto una volta capito bene come funzionava. Condivido la mia esperienza sperando possa essere utile ad altri.
  7. LuckyLuccs

    Historica

    Fanno molti concorsi gratuiti ma l autore non ha diritti sulle copie vendute ne copie omaggio. Se vuole anche solo una copia per se deve comprarla. Tutte le persone che conosco risultano vincitrici del concorso (compreso me , che però non appena ho capito ilmeccanismo ho ritirato il mio racconto "vincitore"). L editore ti spiega che il prezzo del volume è determinato dal numero di partecipanti e già questo fa capire che è sulla vendita di copie agli autori che fanno business. In più essendo di torino e partecipando al salone come autore ti posso garantire che una presentazione al salone passa inosservata al grande pubblico. Insomma non ci perdi nulla (a parte i soldi della copia) ma nemmeno fai un grande affare. Se posso permettermi di darti un consiglio Quegli stessi soldi che useresti per foraggiare questo concorso investili in self publishing.
  8. LuckyLuccs

    Giovane Holden

    Non so in questo caso ma so che in altri casi i concorsi con quota di iscrizione servono a coprire le spese di pubblicazione del vincitore. Che è quello che ho detto, mi pare.
  9. LuckyLuccs

    Giovane Holden

    non so in questo caso, ma in generale se il concorso prevede una quota di iscrizione è facile che le spese di pubblicazione del vincitore le paghino gli altri partecipanti...
  10. LuckyLuccs

    Piergiorgio Nicolazzini

    Ottimissima agenzia. Segue anche i miei libri (perché ha un contratto col mio editore).
  11. LuckyLuccs

    Mi presento

    benvenuta Stefania!
  12. LuckyLuccs

    Aspettative di vendita

    credo che il numero minimo per non considerare il libro un flop si aggiri intorno alle 200 copie. ragiono dal punto di vista degli editori che fanno business sugli autori, perché vedo che in media grosso modo il target è fissato proprio intorno a quel numero. dal punto di vista dell'autore,il margine tra flop e successo è un valore troppo soggettivo che dipende dalle aspettative dell'autore stesso e dal bacino d'utenza della sua opera. immagino per esempio che vendere 200 copie di una silloge poetica sia molto più difficile che vendere 200 copie di un fantasy con i vampiri o di un romance coi pirati.
  13. Qualche mese fa, su un gruppo facebook di autori e lettori, una persona pubblicò un suo estratto di storia chiedendo opinioni. A ogni osservazione (osservazione, nemmeno critica) rispondeva dicendo all'interlocutore che non capiva nulla e che l'osservazione non aveva senso. Andò avanti per parecchio, andando vicino a insultare quelli che trovavano da ridire sul suo testo, sfiorando il flame. Alla fine io feci un commento del tipo "la prossima volta che vi chiedete perché gli editori non danno più risposte e motivazioni in caso di rifiuto, ricordatevi di questa discussione". Tempo due giorni e mi trovai su Amazon recensioni critiche al limite dell'insulto (es. "libro patetico per lettori pigri") sui miei libri, da parte di un utente che ovviamente aveva recensito a cinque stelle un'opera firmata dalla persona che aveva aperto il post su facebook... Ecco, il mondo dell'editoria italiana è anche questo.
  14. Se pensi che molti autori mandano indiscriminatamente il loro manoscritto anche a editori che non trattano il loro genere, e basterebbe sfogliarne il catalogo per capirlo, la dice lunga sulla maniera con cui molti autori si approcciano al mondo editoriale.
×