Vai al contenuto

Melia

Utente
  • Numero contenuti

    135
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Melia

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://stoscrivendounromanzo.wordpress.com

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna

Visite recenti

1.228 visite nel profilo
  1. Melia

    Il sito web di un romanzo

    Purtroppo difficilmente fai SEO con i sitebuilder :-) o meglio, lo fai bene. Esatto, io mi immagino un menu dove una voce è "ultime notizie" e lì c'è il blog, ma il resto sarebbero delle belle pagine statiche, invento: trama, personaggi, ambientazione, mappa (se è un fantasy!), l'autore, dove comprarlo, ecc. Il blog è uno strumento splendido, ma va usato quando serve. Come tutto!
  2. Melia

    Il sito web di un romanzo

    Ci pensavo anch'io ma non mi viene in mente nulla. Oggi come oggi pare che tutto debba essere un blog, mentre secondo me un sito ha ancora le sue da dire, soprattutto quando deve presentare un oggetto "statico" come può essere un romanzo (con una ovvia sezione di "notizie" in cui si parla delle presentazioni, recensioni, ecc. ) A me non dispiacerebbe metterne in piedi uno se e quando (forse mai!) il mio romanzo verrà edito. Le competenze ce le ho :-D i soldini... be', non ne servono moltissimi, se fatto in un certo modo.
  3. Melia

    Invio a più case editrici

    Contribuiscono ad abbassare la stima verso la categoria degli esordienti e, mi vien da dire, a ragione. Purtroppo immagino ce ne siano moltissimi, che inviano "a caso" e al di fuori delle richieste della CE (tipo: ti chiedo le prime 50 cartelle, mi mandi 800 pagine). Bisogna entrare nel mondo editoriale in modo più professionale possibile, perché le CE cercano persone con le quali lavorare, non dilettanti (passatemi il termine!)
  4. Melia

    Siete i primi a cui lo dico!

    Grazie a tutti! Nel frattempo ho scritto qualche pagina di un'altra storia e resisto alla tentazione di rileggere il romanzo... ho prefissato almeno tre settimane di stacco e non devo cedere!
  5. Melia

    Aspetto fisico dei personaggi

    Dipende. Nel mio romanzo ho descritto molto bene alcuni dei personaggi perché è funzionale alla storia (cioè il loro aspetto fisico lo è). In quello che sto pensando adesso (sì, sto pensando a un altro romanzo... ) c'è solo qualche accenno, vago. Diciamo che tendo a descrivere quello che "serve" alla storia, o poco più. Traggo ispirazione però da persone reali, per alcuni tratti, che poi rielaboro fino a farli diventare "personaggi".
  6. Melia

    Il mio copyright é sicuro?

    A me è successo. E pensa un po', con un testo in Creative Commons, che bastava mettere il nome giusto. Ecco. Ma dai, non ci vuole molto eh... non ho parole. Ritiro tutto ciò che ho detto e rivedrò le mie convinzioni in merito...
  7. Letto, qualche tempo fa (i totalitarismi e i "ventenni" sono uno dei miei argomenti preferiti su cui approfondisco e studio da molti anni) e lo ritengo un eccellente testo, molto importante per la comprensione del fenomeno "fascismo in Italia". Piaciuto molto.
  8. Melia

    Manuali di scrittura

    Concordo. Serve leggerli, ma serve anche dimenticarli o meglio: applicarli con criterio. Perché è solo quando si conoscono le regole del gioco che si può giocare "ai margini" o addirittura infrangerle per creare un nuovo gioco (ripetizione: gioco-giocare-gioco. Un manuale direbbe che non va bene, e probabilmente qui ha ragione). Tutti i manuali spendono pagine per dire come si scrivono i dialoghi, poi arriva Saramago, fa come gli pare e vince il Nobel. Ma lui conosceva le regole, molto bene, e ha fatto un ragionamento stilistico per infrangerle, definendo una sua cifra personale difficilmente replicabile. Io, molto tempo fa, feci un corso di scrittura e nel primo periodo dopo il corso successe proprio quello che dice Marcello: tutto ciò che scrivevo era piatto. Perfetto, se segui il manuale, ma piatto. Non era la mia voce, ho buttato tutto e ho ricominciato daccapo: ora conosco le regole e, ogni tanto, le infrango. Ma non ho mai più scritto una D eufonica, quello no :-)
  9. Melia

    Nascondere un cadavere

    Ma è legale, questo topic? Sposo l'idea di Lem del pozzo. Se c'è la necessità di far sparire completamente il corpo, la cosa migliore è farlo a pezzi, cucinarlo e gettarlo nell'umido, e seppellire lo scheletro in diversi punti lontani tra loro. Poi dipende dalla storia: far sparire un cadavere è una buona idea, ma magari potrebbe essere un'ottima idea farlo trovare a qualcun altro
  10. Melia

    Adeguatezza dei commenti

    Per esempio io non riesco a commentare le poesie, non ho gli strumenti necessari per farlo. Però sto leggendo i commenti degli altri e magari, pian piano, qualcosa imparo e prima o poi mi butterò!
  11. Melia

    Adeguatezza dei commenti

    Avendo già preso parte a community di aspiranti scrittori, so che la tendenza imperante è quella di entrare, non presentarsi nemmeno e iniziare a postare i propri racconti, poesie, pezzi di testo senza interazione con nessun altro che se stessi. E, tendenzialmente, senza avere la benché minima capacità di reggere le critiche, tanto che ho visto un buon numero di utenti (non qui, sottolineo!) andarsene sdegnati perché "la mia arte non è capita". Il senso, da come l'ho interpretato io, del postare un proprio brano solo a seguito di un commento è proprio questo: da un lato scoraggia i postatori seriali, dall'altro contribuisce ad aumentare l'interazione tra gli utenti e l'esercizio del proprio spirito critico nei confronti dei testi altrui, che è un'ottima palestra per iniziare a guardare i propri con lo stesso occhio. Poi, io sono qui da poco tempo e l'ho interpretato così, ditemi se sbaglio!
  12. Melia

    Come scrivere una lettera di presentazione a un editore

    Dici che devo scriverlo? Il titolo è bellissimo eh!
  13. Melia

    Come scrivere una lettera di presentazione a un editore

    Più formali, indubbiamente. Le CE sono aziende e va sempre ricordato. Le presentazioni buffe, ironiche, "suggestive" non fanno colpo, questo ve lo posso garantire. Io scriverei, con opportune varianti a seconda del tipo di CE a cui sto inviando: Buongiorno sig./sig.ra (Nome dell'editor, si dovrebbe sapere), mi chiamo Melia, ho 18 anni e nella vita lavoro per l'ACME Corporation in qualità di tester delle trappole di Will E. Coyote. Curo il blog "Come catturare Roadrunner" e ho una rubrica fissa sul magazine online "Pennuti, questi dispettosi". Vi sottopongo il manoscritto dal titolo "L'autobiografia di un coyote sfortunato", il mio primo romanzo. In allegato, come da vostre indicazioni, può trovare la sinossi, i primi dieci capitoli e la mia biografia, compresa di recapiti. La ringrazio. Cordiali saluti Melia
  14. Melia

    Come scrivere una lettera di presentazione a un editore

    Suggerisco anche di evitare menzioni ai premi letterari a meno che non siano una segnalazione al Calvino, al Tedeschi, all'Urania, insomma, a quelli "noti". Da mie info, agli editori non interessano per nulla. Meglio aggiungere se si ha un blog (indicare l'indirizzo!) che ha a che fare con la scrittura oppure se si collabora con una rivista... insomma, cose che abbiano a che fare con il mondo editoriale.
  15. Melia

    Dove mettere i libri?

    I fumetti sono in box, perché non ci sono solo i libri, no...
×