Vai al contenuto

Gianluca Malato

Scrittore
  • Numero contenuti

    49
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

9 Neutrale

1 Seguace

Su Gianluca Malato

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 18/08/1986

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://www.gianlucamalato.it
  • Skype
    gianlucamalato

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Roma

Visite recenti

1.428 visite nel profilo
  1. Gianluca Malato

    L'isola del male - Gianluca Malato

    Ciao a tutti, vi propongo la mia ultima pubblicazione, un racconto horror ispirato ai miti di Cthulhu di H.P. Lovecraft. Il titolo è L'isola del male ed è disponibile in formato ebook in tutti i negozi online! Titolo: L'isola del male Autore: Gianluca Malato Formato: e-book Casa editrice: Self-Publishing ISBN: 9786050427950 Data di pubblicazione: 30 aprile 2016 Prezzo: 0,99 € Genere: Horror Link all'acquisto Amazon: http://www.amazon.it/dp/B01F0MJVV6 Google Play: https://play.google.com/store/books/details/Gianluca_Malato_L_isola_del_male?id=8SwYDAAAQBAJ&hl=it Kobo Books: https://store.kobobooks.com/it-it/ebook/l-isola-del-male QUARTA DI COPERTINA Durante un'esercitazione militare sui cieli dell'Oceano Pacifico, un pilota di caccia della Marina Militare Italiana perde contatto con la portaerei Cavour e si ritrova costretto a compiere un atterraggio di emergenza su una misteriosa isola deserta non segnata sulle mappe. Mentre tenta di sopravvivere in attesa dei soccorsi, le sue notti sono tormentate da incubi terrificanti in cui sogna tentacoli viscidi che lo stritolano senza pietà. Esplorando l'isola trova i cadaveri dei membri di una spedizione scientifica giunta sul posto per studiare il “bloop”, un misterioso suono proveniente dagli abissi dell'oceano. Nei diari dei ricercatori legge di allucinazioni e incubi simili ai suoi, ma c'è una parola misteriosa che ricorre in tutti i documenti: Cthulhu. Non passerà molto tempo prima che sull'isola si risvegli qualcosa giunto sulla Terra miliardi di anni fa e che aspetta solo di rivendicare il suo dominio sull'Universo. Racconto liberamente ispirato ai miti di Cthulhu di Howard Philips Lovecraft. ESTRATTO Non posso raccontare in video ciò che so, altrimenti mi prenderebbero per pazzo. Però devo far uscire questi pensieri dalla mia testa, altrimenti rischio di perdere la ragione davvero. Sono notti che ritardo il sonno il più possibile. Ormai gli incubi sono diventati così veri da sembrare reali. Quei tentacoli… mi sembra di vederli ancora, tutt'intorno a me. Non è il Megalodonte, ormai anche Max sembra essersene convinto. C'è qualcosa, su quest'isola dimenticata da Dio. Non è tangibile, altrimenti l'avremmo già trovata. Vive nei nostri sogni, prende forma nei nostri incubi e ci sta lentamente portando alla pazzia. Nessuno di noi ne parla, ma vedo le espressioni terrorizzate negli occhi di tutti la mattina, a colazione. Rebecca l'altro giorno si è quasi dimenticata di mangiare, lo sguardo perso nel vuoto. Tutti hanno capito che abbiamo gli stessi incubi, così reali da sentire i tentacoli stringersi attorno al nostro corpo anche da svegli. Comunque, una cosa è certa: non è stato un incubo a produrre il “bloop”. Il suono misurato era vero, reale. Su cosa l'abbia provocato abbiamo ancora le idee poco chiare, ma a me comincia a venire il sospetto che sia stato una specie di esca, un richiamo da parte di qualcosa che si è svegliato e che ha voluto attirarci qui. Perché nonostante il silenzio surreale è fuori di dubbio che non siamo soli su questa dannata isola. Qui, da qualche parte, dimora qualcosa che si sta divertendo a giocare con i nostri sogni. O è così, o sono diventato pazzo.
  2. Gianluca Malato

    Selfpublishing: voi cosa ne pensate?

    L'idea è che se una casa editrice legge un self e le piace, può contattare l'autore e chiedergli di togliere l'opera dal commercio per essere lei stessa a pubblicarla dietro regolare contratto. Alcuni editori vedono nel self publishing una sorta di scouting mediante il quale valutare la risposta del pubblico ed eventualmente decidere se reclutare l'autore. Per inciso, gli autori che hanno ricevuto proposte dagli editori dopo l'autopubblicazione sono pochi.
  3. Gianluca Malato

    Scrivere un romanzo..con carta e penna!

    Io mi sono avvicinato alla scrittura a mano libera di recente. Scrivo con una stilografica Parker, ma quando sono fuori casa preferisco una Pilot Hi-tecpoint V5, così se me la perdo o la rompo non fa niente. La prima stesura la scrivo su un quaderno, poi ricopio tutto al PC e da quel momento in poi lavoro solo sulla versione digitale. Scrivere a mano è bellissimo, ti fa ricordare meglio le cose e restituisce alla scrittura il suo sapore "artigianale". All'inizio ho avuto qualche difficoltà ad adattarmi, avendo sempre scritto al computer, ma piano piano ci sto riuscendo e mi sta piacendo un mondo!
  4. Gianluca Malato

    Selfpublishing: voi cosa ne pensate?

    Confermo quanto detto. Il contratto di pubblicazione con un servizio di self-publishing è già una tutela del copyright attribuito alla persona fisica. Se poi vuoi essere più sicuro, puoi autospedirti il file dell'opera via PEC (Posta Elettronica Certificata). Io, almeno, faccio così prima di mandare qualcosa a un editore. Sostituisce la raccomandata tradizionale, avendo pari valore legale. Inoltre, costa molto meno.
  5. Post un po' vecchio, ma data la mia esperienza personale, confermo che con youcanprint è possibile distribuire ebook da scaricare gratuitamente.
  6. Gianluca Malato

    Consigli tipografici per chi parte da zero

    Ho autopubblicato un romanzo in forma cartacea e ti riporto la mia esperienza in materia di specifiche tipografiche. Il formato che ho scelto è il 13x20 cm. Il font è Times New Roman 12 con interlinea singola e 0,5 cm di rientro della prima riga. I margini sono 1,82 cm quello interno (vicino alla brossura), 1,56 cm quello esterno, 1,57 cm quello alto e 1,10 cm quello basso. Il numero di pagina l'ho messo allineato al centro. Per un libro delle dimensioni che dici tu, la brossura fresata o addirittura il cucito filorefe sono secondo me i formati di rilegatura più appropriati. Non trascurare lo spazio tra la brossura e il margine interno della pagina, altrimenti le parole risultano troppo vicine alla piega interna del libro ed è scomodo leggerle.
  7. Gianluca Malato

    Selfpublishing: voi cosa ne pensate?

    In generale, penso che la gente non badi molto alla casa editrice o alla formula del self publishing. Il lettore vuole solo leggere un prodotto di qualità. E' vero che la maggior parte delle pubblicazioni self è spazzatura, per questo ci sono lettori che, per scelta, non leggono self. Però è anche vero che esistono autori pubblicati dalle case editrici con le quali hanno sfornato pattume non dissimile dai "pensierini della sera" di cui parli tu. La verità è che il self è un mondo variegato e sfondare è incredibilmente difficile. Non ci dimentichiamo che il self publisher è un editore vero e proprio, quindi deve impegnarsi per fare bene questo mestiere e non tutti sono portati a farlo.
  8. Gianluca Malato

    ISBN authorpublishing

    Ho letto qualcosa su questo tipo di codice ISBN. Sinceramente, non ne vedo l'utilità e credo che non lo userò, considerando che le piattaforme di self-publishing spesso regalano l'ISBN.
  9. Gianluca Malato

    Runa Editrice

    A volte può capitare che google riesca a trovare delle pagine di un sito che in realtà il gestore avrebbe dovuto nascondere. Semplicemente, non tutti sanno come si nascondono i post agli occhi di google, per cui capitano questi fenomeni. Evidentemente l'editore desiderava nascondere il form, per questo si è stupito che sia stato trovato.
  10. Gianluca Malato

    Runa Editrice

    Scusate, vorrei spezzare una lancia a favore di questo editore. E' già da mesi che il form per l'invio dei manoscritti non è più raggiungibile dal sito. Il fatto che sia stato trovato per vie traverse a mio avviso non giustifica il suo utilizzo e la pretesa di ricevere informazioni sul manoscritto inviato. Se il form non è raggiungibile dal sito, mi viene da pensare automaticamente che le selezioni sono chiuse.
  11. Gianluca Malato

    FocusWriter

    Nome: FocusWriter Tipologia: Software di scrittura Descrizione: Software di scrittura a tutto schermo per evitare distrazioni Sitoweb: http://gottcode.org/focuswriter/ Ciao a tutti! Approfitto della nuova sezione del forum per parlarvi del software che uso per scrivere. Si chiama FocusWriter, è completamente gratuito e ha una bellissima caratteristica: la finestra di scrittura appare a schermo intero, nascondendo la barra delle applicazioni e scoraggiando qualsiasi attività diversa dalla scrittura stessa (quale navigare su internet, leggere la posta, vedere Facebook etc.). Inoltre, è possibile darsi un obiettivo di scrittura in termini di tempo o parole e visualizzare la percentuale di completamento di quell'obiettivo mentre si scrive. La grafica è totalmente personalizzabile e, per i nostalgici, è possibile ascoltare il suono della pressione di un tasto da macchina da scrivere ogni volta che premiamo un tasto sulla nostra tastiera. Personalmente lo trovo utilissimo. Il suono della macchina da scrivere scandisce il ritmo della scrittura e ciò aiuta più di quanto non possa sembrare. Inoltre fa esattamente il suo mestiere, limitando enormemente qualsiasi distrazione. I formati compatibili sono TXT, Word e ODT, quindi non ci sono problemi di compatibilità con altri programmi. Io lo uso solo per la prima stesura, con carattere Courier New, preferendo Libre Office per le revisioni successive. In ogni caso, un software che consiglio (la moglie dello sviluppatore è una scrittrice, pertanto questo programma è stato creato per lei :-))
  12. Gianluca Malato

    Booktrailer, una moda o marketing intelligente?

    Confermo che si tratta più di un vezzo che di un valido strumento di marketing. Io ho impiegato tutte le vacanze di Natale dell'anno scorso a realizzare il booktrailer del mio romanzo e non credo sia servito a rilanciare le vendite. E' un prodotto carino da fare, ma dispendioso di tempo e, a volte, di denaro. Non credo che valga la pena realizzarlo. Meglio puntare su altri strumenti.
  13. Gianluca Malato

    Narcissus (Streetlib) o Amazon?

    Esprimo il mio personale parere in merito. Eviterei Amazon KDP per i seguenti motivi: distribuzione limitata a un solo store e royalty nette inferiori agli altri servizi a causa dell'IVA non agevolata sui libri (dovuta all'assenza di codice ISBN). Per il digitale consiglierei Narcis... ehm, StreetLib Selfpublish Questo perché ha la distribuzione più ampia e ha royalty nette più alte. Per il cartaceo suggerisco Youcanprint, poiché rispetto al Print On Sale di StreetLib ha una distribuzione di gran lunga più capillare (migliaia di librerie fisiche sul territorio nazionale e tantissime librerie on-line). Sconsiglio Smashwords, Lulu e ilmiolibro non perché siano cattivi servizi, ma perché quelli che ho citato sono decisamente più competitivi in termini di rapporti qualità/prezzo.
  14. Gianluca Malato

    La Torre del Gigante - Gianluca Malato

    Ciao a tutti, come avevo annunciato in un vecchio topic, ho deciso di pubblicare un romanzo in maniera periodica. Il romanzo che vi presento oggi è un fantasy breve dal titolo La Torre del Gigante. Titolo: La Torre del Gigante Autore: Gianluca Malato Genere: Fantasy Anno di pubblicazione: 2015 Numero capitoli: 14 Prezzo: gratuito Editing a cura di: Cristina Donati Sinossi Lo stregone Attichus ha imprigionato re Keradas per costringerlo a rivelare i segreti delle più antiche magie elfiche. Il re sa bene che il cuore del mago è malvagio e continua a rifiutare, sebbene Attichus abbia devastato il suo regno e disperso il suo popolo. Dove un tempo vivevano gli elfi, adesso gozzovigliano gli orchi. L'altissimo e splendido palazzo reale si è trasformato nella dimora di un feroce gigante che sorveglia costantemente le rovine dell'antico regno grazie a una magica pietra. Il re, intrappolato nella sua prigione da un incantesimo, osserva impotente la rovina della sua terra. Ha un solo modo per liberarsi: rubare l'Occhio del Gigante, la preziosa gemma che può aprire la cella nella quale egli è imprigionato. Solo un ladro esperto e astuto può sottrarre questa pietra dalla fronte del gigante e permettere così a Keradas di sconfiggere Attichus, riscattare il regno e ridare una casa al suo popolo. Riuscirà l'abile fuorilegge Korgath a infiltrarsi nella torre del gigante e a rubargli la gemma? Tra caverne buie e pericolose dove ogni ombra nasconde un pericolo, un esercito di orchi famelici e varie creature magiche sul suo cammino, Korgath dovrà superare diversi ostacoli per cambiare le sorti del re elfico e del suo popolo. Dove trovare il libro Il romanzo verrà pubblicato a puntate. Ogni settimana, a partire dal 1 marzo, verrà pubblicato un nuovo capitolo sul sito http://latorredelgigante.blogspot.it, per 14 settimane. Sarà possibile leggere gratuitamente i capitoli on-line, scaricarli singolarmente in formato ePub, Kindle e PDF o riceverli via e-mail iscrivendosi alla newsletter del sito del romanzo. L'hashtag di riferimento sui social network è #latorredelgigante Fatemi sapere che ne pensate!
  15. Gianluca Malato

    Origami Edizioni

    Bene! Buono a sapersi!
×