Vai al contenuto

nexa78

Scrittore
  • Numero contenuti

    75
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

2 Neutrale

1 Seguace

Su nexa78

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Non lo dice

Visite recenti

1.563 visite nel profilo
  1. nexa78

    Edizioni e/o

    A Londra e New York i libri della Ferrante sono in evidenza in ogni libreria, sono alti persino nella classifica di Amazon, mio parere personale: continueranno a vendere egregiamente anche dopo la 'rivelazione'. Per gli invii, aspetterei novembre
  2. nexa78

    Edizioni e/o

    credo che siano già con la testa a Francoforte
  3. Se non sbaglio, qualche mese fa una ragazza presente sul forum aveva passato le selezioni e quest'anno iniziava i corsi alla Holden. Magari lei potrebbe aggiungere qualcosa alla discussione
  4. nexa78

    Ceccacci literary agency

    @Draka guardando gli autori che rappresentano vedo Brizzi e Basile che non fanno woman's fiction, stessa cosa Bussola e Mazzariol, poi Zilhany scrive gialli. Direi che la woman's fiction ha una bella rilevanza ma non credo sia l'unico genere a cui sono interessati.
  5. nexa78

    Quando conta l'età per un aspirante?

    Premetto di non parlare del caso in questione ma in termini generali. Credo che l'età, soprattutto quando si parla di autori adolescenti o poco più, conti e conti parecchio. Il caso, come sempre, fa notizia. Suscita curiosità. Guardiamo solo la copertura mediatica riservata a Simone Bailes, ginnasta USA, che alle recenti olimpiadi ha vinto quattro medaglie d'oro e un bronzo. La sua è stata una prestazione 'maiuscola' ma non una sorpresa, arriva da anni di vittorie a livello internazionale. Certo, ripetersi alle olimpiadi non è semplice ma se dietro alle sue prestazioni non ci fosse stata una situazione familiare disastrata, avrebbe ottenuto la stessa attenzione? Ho qualche dubbio, lo dico sinceramente. Ho fatto questo esempio perché credo che l'editoria non si sottragga a questo meccanismo, purtroppo. Parlando sempre di marketing non sottovaluterei anche il fattore empatia. Un autore con un'età compresa tra i16 e i 20 anni si rivolge direttamente a una fascia di lettori che in molti casi leggono poco. Un autore della loro stessa età, diciamocelo, può capirli, entrare in sintonia con colo come un quarantenne non potrebbe mai fare. Infine rappresenta la realizzazione concreta di un sogno, il 'lui ce l'ha fatta'. I casi di autori giovanissimi sono tanti, pensiamo a Melissa P., e più recenti Cristina Chiperi e Giacomo Mazzariol. Solo il tempo potrà stabilire se saranno stelle cadenti o realtà che crescono e in grado di perdurare. Se possibile vorrei aggiungere un ulteriore spunto di riflessione al topic: oltre l'età, quanto conta la 'popolarità' per far sì che un aspirante scrittore trovi spazio nei già fitti programmi editoriali delle nostre CE? E non parlo di personaggi famosi, attori, vip e quant'altro ma personaggi che nel loro piccolo hanno già un seguito (vd. FB, Wattpadd, Youtube, etc).
  6. nexa78

    Autopubblicazioni di successo

    @Spartacus chi è 'dell'ambiente' ne sa di sicuro più di me
  7. nexa78

    Autopubblicazioni di successo

    Fuori dal romance: Riccardo Bruni, candidato al premio Strega. Nel romance oltre la Premoli? Sara Tessa, Silvya Kant, Lucrezia Scali, solo per fare qualche nome. E questi sono quelli che conosco io, non vorrei che l'incredulità diventi un paracadute per non vedere
  8. nexa78

    Autopubblicazioni di successo

    Parlando di romance, mi vengono in mente un paio di nomi che dal self sono stati messi sotto contratto da una CE. Casi che in self digitale hanno venduto diverse migliaia di copie (non parlo della Premoli).
  9. nexa78

    Quanto conta la classifica amazon?

    Con 150 copie non ti avvicini nemmeno ai primi 10 posti...
  10. nexa78

    Ceccacci literary agency

    So per certo che non è così, la selezione è dura come per le altre agenzie. Tutto qui
  11. nexa78

    Ceccacci literary agency

    Solo io non ci trovo nulla di male che un'agenzia annoveri rappresenti autori/libri 'commerciali'? Non stiamo parlando di un libro di gossip o di ricette. Io ci vedo un buon intuito
  12. nexa78

    Corbaccio Editore

    Gli agenti hanno senza dubbio un canale preferenziale con le CE, che sia l'unico non saprei dirti. Parlando di agenti che hanno portato i loro autori in GEMS mi viene in mente la Ceccacci, che ha fatto pubblicare la Caboni in Garzanti
  13. nexa78

    TZLA - Trentin e Zantedeschi

    Allinda, sono convinta che nel riuscire a pubblicare ci siano tanti fattori in gioco: un buon racconto, capacità di portarlo su carta, capacità di affascinare il lettore, 'genere' giusto al momento giusto, fortuna di mandare il tuo racconto a chi è in cerca di voci nuove, testardaggine nel non mollare, e potrei continuare senza voler pensare a complotti o quant'altro. Perché vogliamo sempre ridurre tutto a favoritismi o pochezza di spirito?
  14. nexa78

    TZLA - Trentin e Zantedeschi

    Riccardo, anche se Aurora è una neo iscritta non ci vedo nulla di male se ci riporta la sua esperienza! Credo di averlo già detto diversi interventi fa, a me la TZLA ha proposto un contratto di rappresentanza senza la richiesta di un editing a pagamento. Ho un'amica sempre sotto agenzia con loro a cui è capitata la stessa cosa mentre conosco altri a cui, per lavorare all'editing, hanno chiesto un contributo economico. Cosa faccia la differenza non te lo saprei dire, però non trovo giusto tirare delle conclusioni quando non si hanno tutti i fattori. Per il resto, in bocca al lupo a tutti
  15. nexa78

    Ceccacci literary agency

    @gierre13: mi spiace sia andata male ma ti assicuro che leggono, più e più volte.
×