Vai al contenuto

Sebastian

Utente
  • Numero contenuti

    11
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

2 Neutrale

Su Sebastian

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 02/07/1983

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://www.facebook.com/trasabbiaestelle

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Roma
  1. Sebastian

    Promozione: fin dove si deve spingere l'autore?

    Senza offesa ma credo che un modo di ragionare del genere non porti da nessuna parte. Posso capire il rifiuto dovuto alla distanza e alle relative spese, ma non il limite massimo di due o tre presentazioni. Il libro può essere bello quanto vuoi, ma se la gente non lo conosce, continuerà a nonconoscerlo. Se qualcuno ha comprato il tuo libro e lo ritiene bello, molto probabilmente lo passerà al suo amico/collega (e te lo dico per esperienza, perché il mio libro l'hanno letto non meno di 5000 persone, e circa 1000 lo hanno comprato). Il passaparola c'è stato e ha portato qualche vendita, ma il "grosso" delle vendite è avvenuto con la promozione, alcune trovate pubblicitarie a bassissimo costo (5 dollari per un video di promozione) e un marketing ragionato su internet. Senza contare che con le presentazioni aumenti le vendite, incrementando anche il passaparola se il libro è valido. Se davvero ci tieni al tuo libro, tieni anche al fatto che sia letto. Altrimenti non lo avresti pubblicato, lo avresti lasciato nel cassetto. Se vuoi che più gente possibile lo legga e, come nel mio caso, rientrare della tua "scommessa" dopo averlo pubblicato da solo per farlo esattamente come era nei tuoi pensieri senza vincoli editoriali di alcun tipo, la fase di promozione è importante tanto quanto quella di scrittura. La tua ultima frase non la capisco proprio, perdonami ma fa tanto frase ad effetto su facebook: "la pubblicità sarà pure l'anima del commercio, ma non del mio romanzo". Il tuo romanzo rimane sempre lo stesso: se lo pubblicizzi e fa schifo, continuerà a fare schifo, a meno tu non sia una "firma" con un grande gruppo editoriale alle spalle. Se invece l'anima del tuo romanzo è splendida, non fai altro che fare del bene all'umanità pubblicizzandolo. Scusa la franchezza, ma personalmente ritengo certi atteggiamenti accettabili solo in determinate fasce di età.
  2. Sebastian

    Ciao a tutti! :-)

    scusate le ultime 4 righe, ho il vizio di appuntare le cose che voglio scrivere in basso, e pian piano inserirle nel discorso. Stavolta ho dimenticato di cancellarle, e non capisco perché sia scritto 4 volte
  3. Sebastian

    Ciao a tutti! :-)

    Ciao Sabry! Lei non è solo fantasia, purtroppo. Per farti capire come nasce questo libro, ti racconto un aneddoto. Una giornalista di Roma ha definito il mio libro "una perla". Lì per lì ho creduto in un'esagerazione, dovuta a un eccesso di empatia della giornalista, sposata con un militare in missione. La spiegazione che ho ricevuto dalla ragazza è stata: "Le perle nascono dal dolore provato dall'ostrica quando un granello di sabbia o un'altra sostanza estranea le invade. Piano piano i molluschi la ricoprono di strati, finché quella sostanza non può più irritarli". Io non so quanto originale sia questa metafora, ma posso assicurarti che quel giorno sono rimasto senza parole, quasi in lacrime. Il libro nasce proprio dalla mia reazione a un dolore fortissimo, provato nel periodo in cui ero più indifeso, seppur armato fino ai denti, nel deserto afghano. Io quelle sere passate a scrivere, a rielaborare il dolore, ad appuntare i miei pensieri pure su un pezzo di carta appoggiato sulle gambe mentre ero dentro al Lince nel mezzo del nulla, non le posso dimenticare. E questo libro è stato al tempo stesso un fedele compagno di viaggio e un confidente, da qui la mia gelosia nel momento della pubblicazione. Doveva "uscire" esattamente come lo avevo in mente, e così è stato. Per quanto riguarda il tuo matrimonio, come scrivo nel libro, chi sposa un militare dice due volte sì: al marito e all'esercito... bisogna avere più forza degli altri/delle altre. In bocca al lupo!
  4. Sebastian

    Ciao a tutti! :-)

    A metà strada fra Herat e Farah. Fortunatamente adesso arriva il periodo invernale e la situazione si calma... relativamente... In bocca al lupo a tuo fratello!
  5. Sebastian

    Premio Letterario Città di Ciampino

    Caspita, io giocherei praticamente in casa ma non posso partecipare!
  6. Sebastian

    Arriva l'inverno

    Welcome! Anche io mi sono iscritto oggi!
  7. Sebastian

    Ehm... salve a tutti! :)

    Dall'alto della mia anzianità... benvenuto su questo forum! :-D
  8. Sebastian

    Ciao a tutti! :-)

    Grazie a tutti per il benvenuto!
  9. Sebastian

    Ciao a tutti! :-)

    Ciao Pippo! Si, commercialmente parlando, il fatto che parte della storia sia ambientata in Afghanistan sicuramente genera e ha generato più interesse della media. L'anno scorso avevo qualche soldino da parte (bei tempi!) e quindi ho deciso di utilizzare un servizio POD, in modo da poter curare personalmente tutte le fasi il libro, dal carattere del testo, alla copertina (li ho fatti letteralmente dannare), al tipo di carta, all'impaginazione. Per quanto riguarda le CE free, i tempi richiesti per la lettura e l'eventuale offerta di contratto di pubblicazione mi sembravano un po' eccessivi. Ho ricevuto due risposte da CE un po' più veloci della media, di cui una richiedeva un contributo (scartata a priori, perché non ha senso, se devo tirar fuori soldi, preferisco "giocarmela" col POD e fare tutto come dico io) e l'altra invece mi offriva un contratto totalmente free, ma le condizioni poste mi sono sembrate inaccettabili. Avevo voglia di "uscire", anche perché il lavoro di editing l'avevo già portato avanti con due giornaliste e mezza base italiana in Afghanistan, mentre la parte grafica l'avevo curata in modo maniacale per quasi 2 mesi... insomma, il manoscritto era da stampare e basta. Il libro ha avuto una tiratura di 1000 copie e, grazie anche a qualche idea originale nelle presentazioni e al passaparola, la risposta del mercato è stata molto positiva.
  10. Sebastian

    Ciao a tutti! :-)

    Grazie! Sarei curioso di sapere in che parte dell'Afghanistan era tuo fratello, io sono stato nelle zone di Herat e di Farah, ma mai a Bala Morghab nel nord!
  11. Sebastian

    Ciao a tutti! :-)

    Mi chiamo Stefano e vivo a Cinecittà, un quartiere di Roma un tempo famoso per essere la culla dei film di Fellini... adesso invece produce un bel po' di immondizia televisiva made in De Filippi! Ho scritto il mio primo libro, "Tra sabbia e stelle", durante le mie due missioni in Afghanistan tra il 2010 e il 2012. Questo libro, nato su consiglio di una giornalista, mi ha riempito di soddisfazioni tra premi e diffusione! Mi fa quindi molto piacere iscrivermi a una comunità di persone che ha la mia stessa passione!
×