Vai al contenuto

Musidora

Scrittore
  • Numero contenuti

    206
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Musidora

  1. Musidora

    Libri (scritti bene) con protagonisti adolescenti ?

    Mi sapreste consigliare qualche buon romanzo, straniero o italiano è uguale, con protagonisti ragazzi/e? Non voglio sentir nominare cose come La solitudine dei numeri primi, L'eleganza del riccio, o scrittori come Ammaniti. Escludendo i superclassici come Il giovane Holden, Jack Frusciante è uscito dal gruppo, Narciso e Boccadoro, I turbamenti del giovane Torless, cosa rimane di bello? Vorrei leggere qualcosa del tipo La scopa del sistema o Le vergini suicide (rispettivamente Wallace e Eugenides), ma che non siano questi due... Grazie!
  2. Musidora

    Presentazione in Feltrinelli?

    Ciao volevo sapere quanti di voi hanno fatto presentazioni del proprio libro in una Feltrinelli. Ho provato a chiamare quella di Milano in piazza Piemonte e mi hanno dato la mail a cui inoltrare la richiesta, solo che devo richiamare perché l'indirizzo a quanto pare è sbagliato... Solo che pubblicando per un piccolo editore (La Gru) ed essendo un'esordiente, ho paura che una libreria grossa come la Feltrinelli di Piazza Piemonte non sia tanto per la quale. Proverò a sentire anche in quella di Monza eventualmente. Voi invece che esperienze avete con le Feltrinelli? Vale la pena contattarli o meglio puntare su librerie indipendenti? Grazie!
  3. Musidora

    E/O dice di no ad Amazon

    L'autore ne è ben consapevole e lo scrive nel libro il perché.
  4. Musidora

    E/O dice di no ad Amazon

    Amazon impone agli editori condizioni gravosissime, insostenibili per gli indipendenti. E nel contempo danneggia seriamente le librerie (forse più quelle di catena che le indipendenti; peraltro già danneggiate dalle catene). Se ve ne frega qualcosa della cultura e della tutela della bibliodiversità nel nostro paese invito ad approfondire l'argomento leggendo il saggio di Alessandro Gazoia: "Come finisce il libro. Contro la falsa democrazia dell'editoria digitale". Se invece tenete solo al risparmio a qualunque costo continuate pure a rifornirvi da Amazon.
  5. Musidora

    Quale scrittore avreste voluto conoscere?

    Ma sbaglio o fin ora sono venuti fuori solo uomini? Di scrittrici nisba? Neanche per sbaglio? Che triste...
  6. Musidora

    Ma un'antologia come si fa? E soprattutto, perché nessuno la vuole?

    Se poi dici che di antologie di racconti hai letto Bukowski, bé il consiglio è solo uno: datti ai racconti e leggi quante più raccolte possibili! Segui i siti che si occupano di racconti, in particolare L'osservatorio Cattedrale, molto ben fatto e utile punto di partenza per chiunque si interessi di racconti brevi.
  7. Musidora

    Ma un'antologia come si fa? E soprattutto, perché nessuno la vuole?

    Dove hai letto che le case editrici free non pubblicano antologie? A me sembra una notizia completamente falsa e basata su un pregiudizio che purtroppo è duro a morire, ossia che i racconti non vendono. I racconti si vendono, ma per farlo bisogna crederci. Prima di tutto ci deve credere chi li scrive, ovvero proporre materiale originale, accurato e coerente di cui sente la "necessità". Meglio fare un'antologia con pochi racconti, ma buoni, piuttosto che infilarci dentro la qualunque per far numero. Secondo di devono credere ovviamente gli editori e gli agenti letterari, ma da questo punto di vista io credo che in Italia qualcosa si stia muovendo, sono sempre di più infatti le antologie di racconti che si possono trovare in libreria, anche se c'è da dire che spesso si tratta di autori stranieri, di italiani ancora pochi, forse perché siamo i primi a ritenere i racconti una scrittura minoritaria rispetto al romanzo? Ad ogni modo , nessuno può sapere qual è la via giusta per te, ma quello che ti posso dire è di non focalizzarti troppo sulla lunghezza, ascolta la storia che stai scrivendo e dalle lo spazio necessario, né più né meno.
  8. Musidora

    Racconti Edizioni

    A me hanno detto che prendono in considerazione tutti i testi che ricevono, ma chiaramente sono piccoli e pubblicano pochi libri che però curano nei dettagli, quindi prima di mettere mano a un testo devono essere molto sicuri della sua validità. Un autore che ha la fortuna di pubblicare con loro però, a mio modesto avviso, si trova la strada spianata verso pubblicazioni più grosse...
  9. Musidora

    Racconti Edizioni

    Ho intervistato personalmente i ragazzi di questa bella CE (per un progetto di tesi di laurea) e posso solo dire cose positive sul modo di lavorare di Stefano e Emanuele. Hanno una cura e un'attenzione per l'oggetto libro che è pari a quella di Adelphi o Gallimard o Quodlibet, e tutti i libri di stranieri che hanno pubblicato gli hanno tradotti personalmente, proprio per stabilire un rapporto più confidenziale con il testo. Da pochissimo so che hanno pubblicato il loro primo autore italiano, un ragazzo giovane che hanno scovato sulla rivista Effe (per cui tenetela d'occhio la prossima volta che volete proporre un racconto inedito) in generale fanno molto scouting sul web, blog e riviste letterarie, chi ha intenzione di proporre loro qualcosa secondo me deve essersi già un minimo confrontato con il panorama letterario, appunto facendosi conoscere tramite riviste letterarie o concorsi. Non che non accettino esordienti assoluti, ma la selezione che fanno sulle opere è altissima, infatti prima di pubblicare un italiano hanno aspettato a lungo per trovare qualcosa che veramente li convincesse. Considerate che investono tanto nella promozione e sono distribuiti da Messaggerie, per cui i loro libri io li ho visto esposti praticamente ovunque qui a Roma, sia librerie di catena che indie.
  10. Musidora

    L'età "giusta" per esordire

    Ho messo tra virgolette la parola "giusta" perchè naturalmente non credo ci sia in assoluto un'età perfetta per esordire, dipende da tanti fattori, in primo luogo dalle esperienze personali di ognuno: da quando e come ha iniziato a scrivere, e pensare di farlo diventare più di un semplice hobby. Detto ciò vorrei sapere cosa ne pensate a riguardo, magari aggiungendo l'età in cui avete pubblicato la vostra prima opera, se è stato troppo presto secondo voi perché magari eravate ancora immaturi come stile, oppure troppo tardi e avreste voluto iniziare a muovervi prima per avere più possibilità di essere notati, e crescere man mano. Per quanto mi riguarda credo che l'età in un certo senso migliore per pubblicare il primo libro sia tra i 20-25 anni. Sotto i vent'anni no perché rischi di essere preso solo come fenomeno letterario del momento, mentre oltre i venticinque hai già comunque fatto delle scelte professionali che determineranno il tuo tempo a disposizione per scrivere e occuparti di letteratura, quindi se fin ora non è stata neanche vagamente una delle tue aspirazioni quella di essere un autore (e quindi tentare di pubblicare) più tempo passa più sarà difficile allacciare contatti fruttuosi in questo campo. M
  11. Musidora

    Laurea in Editoria e Scrittura

    Ciao, non so dirti della magistrale alla Sapienza, ma io frequento la specialistica in Comunicazione e Editoria a Tor Vergata e mi sto trovando bene; certo per gli sbocchi lavorativi nessuno ti dà la pappa pronta, ma ti dà comunque una buona formazione sul mondo editoriale e della comunicazione, se scegli i corsi afferenti a quest'area.
  12. Musidora

    Edizioni La Gru

    Almeno è stato onesto. Meglio lasciar perdere piuttosto che fare male e controvoglia questo lavoro, che pure paga pochissimo.
  13. Musidora

    Edizioni La Gru

    L'editore, Massimilano Mistri, ha scritto tempo fa su FB questo post, lo riporto: "Con oggi comunico ufficialmente di non far più parte del mondo editoriale per un tempo indefinito. La Gru andrà avanti tranquillamente senza di me. Tornerò se e quando avrò voglia. Non darò spiegazioni a nessuno, quindi evitate di perdere tempo a scrivermi o commentare questo post perché non avrete alcuna risposta. Ve la do già la risposta: mi annoia. Mi annoia a morte. Non trovo nulla di più noioso". Non so se la casa editrice sta andando effettivamente avanti, ma di certo il suo abbandono ne farà sentire le conseguenze.
  14. Musidora

    Filosofia ed estetica contemporanea

    Mi è sempre piaciuta la saggistica che riguarda la filosofia dell'arte, l'estetica e in generale tutto ciò che riflette sul corpo e il linguaggio (dalla body art al decostruzionismo). Anzi si può dire che certi filosofi più dei romanzieri mi aiutano ad elaborare un mio stile. Penso soprattutto a Deleuze che con Millepiani mi ha aperto un mondo! Un altro teorico che mi affascina è Mario Perniola, molto interessante Il Sex appeal dell'inorganico. Insomma vorrei riuscire a leggere e approfondire molti di questi autori: Agamben, Blanchot, Baudrillard, Ariemma, Jean Luc Nancy, Didi Huberman... C'è qualcuno che può consigliarmi qualche testo in particolare di questi teorici o di altri simili se ne conoscete? Grazie!
  15. Musidora

    Il genere letterario che NON scrivereste mai

    Qual è il genere che per un motivo o per l'altro non scrivereste? Vuoi perché non vi sentite in grado, non vi interessa, o proprio non vi piace leggere e di conseguenza fare quel genere? Lo so che è impossibile mettersi a tavolino e dire: "Oh bene, adesso scrivo un bel horror- fantasy- thriller", il genere non è una dichiarazione preventiva, ma semmai si usa per ragioni di comodità espressive, quando si parla del libro che abbiamo scritto o letto, spesso la prima domanda che viene fatta è "Che genere è?". E così ci si barcamena... Per quanto mi riguarda io non so se riuscirei mai a scrivere qualcosa specificatamente "di genere", a scrivere un fantasy di 500 e passa pagine credo che morirei, così come un romanzo rosa. Stessa cosa per gialli, polizieschi, storie di spionaggio. Non ho nulla contro questi generi, ma li sento lontani mille miglia da quello che m'interessa.
  16. Musidora

    Il vostro modo di vestire

    Curate il modo di vestire? Vi piace la moda, pensate di seguire uno stile particolare o comprate abiti solo per necessità e praticità? Dove comprate vestiti solitamente e che marche preferite? Forse è un topic più per donzelle, però sono curiosa di sapere cosa c'è negli armadi di tutti (oltre agli scheletri ovviamente^^) ciao, Musidora
  17. Mi sono iscritta al concorso "Racconti nella Rete 2010" (http://www.raccontinellarete.it/) i cui racconti scelti verranno inseriti in un' antologia edita da Nottetempo, il fatto è che per partecipare alla selezione dei venticinque racconti che verranno pubblicati devo versare 30 euro a racconto! (Io ne ho mandati tre e me ne hanno presi due, quindi dovrei versare 60 euro) Il concorso comunque sembra una cosa seria, promosso dall' Associazione Culturale LuccAutori, di cui ad ottobre si svolgerà una manifestazione con relativa promozione dell' antologia ecc... Io ho fiducia nei miei scritti, ma mi trovo comunque in difficoltà davanti ad una richiesta simile. Voi cosa dite? C'è qualcuno che era a conoscenza di questo concorso e magari ha partecipato? Grazie Musidora
  18. Musidora

    Striptease culturale

    Domande carine che ho letto su D inserto della Repubblica il sabato... Ve le giro sperando di fare cosa gradita: Striptease culturale 1 Il tuo primo ricordo culturale? 2 Il posto dove ti vengono più idee? 3 Cosa stai leggendo? 4 Feticismi? 5 Musica. La tua biografia in una playlist? 6 E un brano per il tuo funerale? 7 Tv? Un programma della tua infanzia e uno d’oggi? 8 Cose sul sesso imparate da: libri, musica, film? 9 Parole o espressione che odia? 10 E una che ama? 11 Mai compiuto illegalità nel nome del sapere? 12 Una cosa che fa online e non riesce a smettere? E un sito da vedere? 13 Una cosa che sai fare benissimo? 14 Un progetto folle? 15 L’incipit per la tua autobiografia?
  19. Musidora

    Libri che trattano dipendenze

    Ok, in questo periodo sono particolarmente vogliosa di consigli titoli autori generi, in poche parole di LIBRI Quindi altra sfida tematica che riguarda l'angusto tema delle dipendenze (meglio se con protagoniste femminili o scritti da donne), complico le cose escludendo questi libri che ho già letto oppure non mi interessano: - Noi ragazzi dello zoo di Berlino - Alice e i giorni della droga - Requiem for a dream - tutti i libri di Irvine Welsh - tutti i libri di Bukowski - tutti i libri di Fabiola de Clercq - Sprecata - Briciole - Ragazze interrotte - Prozac Nation - Infinite Jest - Storia di Chloe Cosa mi consigliate?!
  20. Musidora

    Psicologia psicoanalisi psichiatria

    Cosa ne pensate degli psicologi/psichiatri/psicoanalisti? Vi affascina come lavoro o vi siete mai trovati a doverci andare? Avete una preferenza d'indirizzo particolare (Freud, Jung, Lacan...) oppure fa lo stesso? Se fosse necessario prendereste o avete mai preso psicofarmaci, oppure siete contrari?
  21. Musidora

    Presentazione in Feltrinelli?

    Nessun problema! Questa "colonnizzazione" mi è molto utile dato che anch'io sono alle prime armi in quanto a presentazioni e sto giusto cercando di capire come/dove/quando organizzarle.
  22. Musidora

    Sbramami - Claudia Porta

    Ciao sono lieta di potervi segnalare l'uscita del mio primo libro: Sbramami, antologia di racconti pulp-weird pubblicata a fine giugno da Edizioni La Gru. autore: Claudia Porta titolo: Sbramami editore: edizioni la gru collana: Cortocircuito ISBN: 978-88-97092-31-5 pagine: 164 14 x 20 cm - brossura prezzo: 13,00 euro giugno 2012 La copertina è opera dell'artista Conrad Roset [ www.conradroset.com] il blog di Sbramami: http://sbramami.tumblr.com/ quarta di copertina: Diciotto racconti in cui la lettura equivale ad un viaggio nel mondo della letteratura tenendo però sempre bene a mente che il percorso intrapreso si sviluppa nell’arte, ovvero in quel complesso universo in cui l’emozione e il talento sono strettamente interconnessi alla tecnica e allo studio. Leggere Claudia equivale ad essere scaraventati in un quadro di Frida Kahlo; le immagini e i colori sono spesso violentissimi, ma in realtà racchiudono un tocco visionario unico da cui diventa arduo liberarsi. (Massimiliano Mistri, editore La Gru) estratto dalla prefazione: "Dolcemente irriverenti, ordinatamente anarchici, programmaticamente dadaisti: i racconti di Claudia Porta contenuti in Sbramami sono la summa di un percorso disordinato e coerente. Come disordinate e coerenti potrebbero essere le nostre stanze da letto dopo un baccanale a base di acido lisergico: al risveglio dei sensi ogni cosa e frantumata ed espansa, polverizzata e scombinata, gettata nell’ angolo più improbabile della stanza. Eppure, se la memoria reggesse il rewind dei suoi stessi ricordi e ricostruisse il passato fotogramma per fotogramma, ogni abominio commesso tra le lenzuola e la porta e ogni sfacelo sul tavolino da notte comincerebbe ad avere un’origine e un senso. Se potessimo ricordare la successione (il)logica degli avvenimenti di quella notte allucinata, allora ogni cosa sbrindellata e marcia che ci circonda ritroverebbe la sua necessaria identità, la sua precedente integrità e compostezza. E qui che la bravura di Claudia Porta s’inserisce e ci conduce per mano mostrandoci, non tanto il processo di distruzione cui le nostre vite sono irrimediabilmente votate, ma la fase precedente lo schianto, l’ arroganza che ci ha condotto a cadere nel baratro. E nella ricostruzione analitica e divertita delle nostre debolezze e del caos che ci circonda che Claudia esprime tutta la felicità della sua penna, ridendo non del colpo apoplettico che prima o poi ci devasta, ma dell’ inconscia e ossessiva volontà di ognuno di distruggersi nel modo più spettacolare e innaturale possibile." (Gabriele Pieroni, giornalista) Valentina Dazed Di Martino [House of Books]: Un mondo di parole voluttuose dove la realtà vista attraverso un caledoscopio rosa fragola e verde menta diventa favola e cruda quotidianeità. Senza remore e con innocenza perversa Claudia Porta è una scrittrice da conoscere e approfondire, direbbero le convenzioni. Invece io dico di sbramarla. info: http://www.edizionil...m/sbramami.html http://www.facebook.com/Sbramami
  23. Musidora

    Sbramami - Claudia Porta

    RecenSbramami Tutti gli scrittori vorrebbero avere buone recensioni dei propri libri, giusto? Ebbene Sbramami dice NO! al buonismo delle stucchevoli recensioni prezzolate di blogger e amici, per promuovere altresì un nuovo e imperdibile contest: RecenSbramami. In cosa consiste? Scrivi una recensione di Sbramami di MINIMO 1000 battute (spazi esclusi) tenendo presente alcuni punti chiave: • I racconti di Sbrama mi sono sporchi squallidi e immorali, enuncia e argomenta il grado di perversione e malattia mentale delle protagoniste. • Perché una persona NON dovrebbe leggere Sbramami? Che cosa lo rende un libro precipuamente violento, sconcio e inverosimile? • Qual è il peggior racconto di Sbramami? Quale il personaggio più ignobile, assurdo e deviato? • Perché Claudia Porta è un’autrice meschina, fedifraga, e falsamente talentuosa? • A chi e perché sconsiglieresti con tutto il cuore di leggere Sbramami? In premio un buono di 20 EURO spendibile in tutte le librerie Feltrinelli. Hai tempo di leggere e recensire Sbramami fino all’ 8 OTTOBRE. Invia il tuo scritto a claudia_678@alice.it mettendo come oggetto della mail: RecenSbramami. P.S. l’autrice si riserva la facoltà di assegnare più premi a recensioni particolarmente meritevoli o al contrario di non elargirne alcuno in caso di materiale non ritenuto valido.
  24. Musidora

    Perchè scrivi?

    Per dare forma all'assurdo. Perché quello che voglio leggere ancora non esiste...
  25. Musidora

    Curiosità: lettera di rifiuto "incoraggiante"?

    A me sembra già una cortesia che mandino una mail standard... Con le centinaia di migliaia di manoscritti che arrivano alle big è semplicemente impensabile che si mettano a scrivere per tutti una risposta personalizzata, contando che magari dopo aver letto solo la sinossi cestinano tutto.
×