Vai al contenuto

contepriscilla

Utente
  • Numero contenuti

    56
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutrale

Su contepriscilla

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. contepriscilla

    INCONTRO COL PROPRIO AVATAR

    Ho riletto per due volte il racconto. Capisco e condivido tutte le tue ragioni. Ma mi resta la sgradevole sensazione che manchi qualcosa. Incontri l'avatar e... il racconto termina con una battura! Mi resta l'impressione che il finale avrebbe potuto assumere connotati più ricchi. Ma è una mia sensazione e non toglie alcunché al racconto che continuo a considerare in maniera molto positiva. Grazie a te!
  2. contepriscilla

    INCONTRO COL PROPRIO AVATAR

    Mauro, è un bel racconto, l'idea è buona e il finale simpatico e intelligente. L'unico appunto che posso farti, è che mi sembra scritto in fretta, come se volessi dire tutto subito. Io credo che il soggetto avrebbe richiesto maggior sforzo da parte tua, essere più descrittivo, e la scoperta dell'Avatar, avrebbe richiesto un impatto più "traumatico". Se posso darti un consiglio, riprendi il tema e costruiscici sopra un racconto di maggior "spessore" e con più "colore". Comunque una bell'idea.
  3. contepriscilla

    Destandosi un mattino

    @Bradipo Pur non entrando nel merito del tuo giudizio sul pezzo di Pupibina, che, essendo io parte in causa, reputo non corretto commentare, devo dire che mi fa "enorme piacere" vedere che il tuo giudizio tocca "finalmente" temi estremamente interessanti. Un bel dibattito a mio modesto vedere, che potrebbe aprire porte e finestre da cui poter ammirare "da posizioni diverse" dei bei panorami. Il mio riferimento al "qualcuno" che volò sul nido del cuculo evidentemente non era postato a caso. Bello vedere che anche dal nido si riesce a spiccare dei bei voli! Mi scuso per i riferimenti ai tuoi errori, anche se in ultima analisi mi sono serviti per chiarire che possono essere commessi (quando non voluti) da tutte le parti in causa e per diverse ragioni. Credo comunque che, da qualunque parte vengano, dovremmo attribuir loro la giusta "limitata" importanza dedicando maggior attenzione, nell'interesse di tutti, ma in particolare di chi scrive, alla trama, ai contenuti, allo stile e soprattutto all'armonia dell'opera, e all'estro creativo e all'espressività dell'autore. Questa è la mia modesta opinione. con maggior stima.
  4. contepriscilla

    Un nuovo giorno

    Mi piace questo voler entrare in punta di piedi, con espressioni come lo "schiudersi" della porta, il "passo lieve" dell'aurora, la sua "luce tenue". Creano un'atmosfera gradevole, delicata e al tempo stesso piena di chiaroscuri di cose dette e non dette, speranze e desideri pronunciati a mezza voce... E poi l'ingresso nella realtà di un nuovo giorno, con i suoi colori a tinte forti, le "incognite", le "lotte", le "aspirazioni", le "speranze" e quella parte finale piena di forza e di fiducia nell'esaltazione di un giorno che potrebbe anche essere "meraviglioso" per una vita mortale eppure definitivamente ed immancabilmente "preziosa". Trovo che hai dipinto un bel quadro, pieno di vita e di luce e soprattutto di positività. Non è facile farlo senza essere scontati in un contesto come questo. D'altro canto credo che sia una delle prerogative della poesia dire cose "scontate" in modo "diverso". O NO?
  5. contepriscilla

    Destandosi un mattino

    Intendi forse "One Flew Over the Cuckoo's Nest" in italiano "qualcuno volò sul nido del cuculo"? Se sì, lo possiamo ricordare in pochi qui... Non soi mai le modifiche siano errori o volute. OT Sì, mi riferisco a quel libro e quel film. Diciamo che si tratta di DUE errori NOLUTI (un po' come gli errori del tuo messaggio, o sbaglio?). Diciamo che conoscere quella storia non farebbe male al "Cuckoo's Nest". Diciamo che Pupibina ha postato il (S)uo racconto nonostante io abbia cercato (molto debolmente invero) di scoraggiarla. E, infine, diciamo che sono contento che l'abbia postato. IT Prendo atto della tua puntualizzazione e te ne ringrazio.
  6. contepriscilla

    Destandosi un mattino

    Somebody Flew Over the Cuckoos Nest!
  7. contepriscilla

    Seduta post trauma

    Non mi intendo di armi, ma direi di metterlo al singolare il colpo in canna... Mi suona male: trattandosi di due soggetti diversi non ci dovrebbe essere una condizione di scelta. Potresti allo stesso tempo benedire l'uno e maledire l'altro Non vorrei sbagliare, ma uno scatto di reni dovrebbe essere un balzo all'indietro (come quello dei portieri che si vedono scavalcare da un pallone). In questo contesto mi sembra improprio. Scavalcare mi sembra suoni male. Userei un altro termine. Anche qui "dato" mi suona alquanto ostico. userei un termine diverso, tipo trasmesso o "coinvolto anche lei in ...". Tutto ciò detto, il tuo racconto mi piace. Rende bene la rabbia e la frustrazione del soggetto e crea un buono stacco fra le due situazioni. Rabbia nel momento del "delirio onorico" e frustrazione e senso d'impotenza alla fine. Le uniche due cose che avrei cambiato: Io avrei sparato il secondo colpo. Avrebbe dato sfogo alla rabbia e maggior suspence nelle righe finali. E avrei apprezzato di più una descrizione più lunga e accurata dello sfacelo post-terremoto. Sembra quasi che i fogli siano più importanti delle macerie. Ma è solo un punto di vista diverso. Complimenti comunque. Bella l'idea e le immagini che crea.
  8. contepriscilla

    Il Prestigioso Critico

    Ho postato ARGIA VON STOIHFEN, che nel libro a suo tempo pubblicato dal gruppo, è il seguito di "Il prestigioso Critico". Se volessi avere più elementi per giudicare la personalità di CIS e della sua Segretaria ed il loro rapporto, puoi dare un'occhiata.
  9. contepriscilla

    Il Prestigioso Critico

    Non interverrò sul pezzo di Pupibina, essendo parte in causa e per di più "chiamato" in causa con il racconto, che nel libro segue "Il prestigioso Critico". Racconto che posterò quanto prima. Interverrò invece sul dibattito, invero divertente e intelligente, per fare i miei complimenti a Bradipo. Caro Bra, di tutti i riferimenti che usualmente distribuisci nelle tue SuperCritiche, quello del wonderbra appena postato è quello che mi piace di più. Misurato (e non mi riferisco alla foto del Maschietto, ma quella del seno) e al tempo stesso solido, armonioso e "pieno" di contenuti! Devo anche dire che finalmente si vede una critica e relativa risposta articolate, valide nei contenuti (scusate la ripetizione) e soprattutto divertenti. In tono quindi con il pezzo. Alla fine, come dice Bradipo, che chip sia scritto in maniera errata "volutamente" o "inavvertitamente", non cambia il senso del racconto, la sua ambientazione, il suo umorismo e soprattutto il suo valore. Come non cambia il suo valore una parola invece di un'altra o un accento messo nel posto sbagliato o una virgola in più. Giusto farli rilevare, ma a condizione non diventino il motivo predominante.
  10. contepriscilla

    Regina dei fiori

    Lo trovo agile, simpatico, anche se un po' troppo contenuto. Come se tu, pur avendo un buon tema da svolgere, non gli attribuissi la giusta importanza. Detto questo... Perché? Un? Forse volevi di In mia compagnia? L'immagine è bella e "fresca" (detto da un Estetista poi...!)
  11. contepriscilla

    l'ultima dimora

    Ho notato, con grande piacere, che due amiche (Endlessloveforbooks e White LionHeart) hanno recepito positivamente lo spirito di Cristalli di schiuma e Granelli di sabbia. Per gli appassionati di questo genere, vorrei chiarire che, pur reputandomi un pessimo scribacchino, io amo sia la Narrativa, che la Poesia. Pertanto, i sassi che sto buttando nello stagno, non hanno intenzione di ferire nessuno, o peggio mancare di rispetto a queste forme d'arte, ma, tuttalpiù, di stimolare coloro che hanno più fantasia di me, a cercare altre vie per dare sfogo alla loro creatività. Questa poesia segue l'orma di Cristalli..., ma si può leggere in due modi Uno (più serio) concludendola con la frase "eterna dimora" Il secondo (più umoristico), includendo gli ultimi tre versi evidenziati in colore diverso. Aspetto commenti (se vorrete avere la bontà di farne) questo spazio senza tempo dove ogni suono è silenzio e il silenzio rimpianto dove anche il sole è tenebra e la notte inseparabile compagna le tue agognate carezze speranze andate deluse sono solo ricordi pensieri inespressi sogni inappagati e la tua immagine mutabile e impalpabile guarda oltre il mio essere. Sento i tuoi passi sul mio corpo assente muoversi incerti sarai ancora con me per il tempo di una preghiera tutto ciò che resta è l'attimo fugace dell'ultimo triste sorriso sogno senza ali che ho portato con me in questa fredda eterna ultima dimora. Averti accanto a me ora non sarebbe giusto però farei a cambio!
  12. contepriscilla

    Un altro punto di vista?

    Mi lascia perplesso, come d'altro canto mi lasciava perplesso la mia. Però mi piace la voglia di uscire dal trito e ritrito. Purtroppo la poesia raramente è divertente e allegra. Generalmente si cerca di essere "interiori" e troppo spesso si cade nel triste quando non si diventa addirittura lugubri. E questa è una delle tante ragioni a mio avviso, che tengono i lettori lontani dalle "rime" In quest'ottica, cercare strade nuove è senz'altro un bel merito. Certo non si può sperare di colpire il centro al primo sparo, e credo che né tu né io ci siamo riusciti, ma... importante è averci provato, e... insistere! Tu, a differenza di me, hai una visione più ampia delle cose e questo può favorirti non poco. Prendi tempo e affina la "tecnica". Vedrai che ci divertiremo! Intanto ti faccio i miei complimenti per averci provato.
  13. contepriscilla

    Semplicità apparente - Poesia

    Dammi due ali che accarezzino l'aria e raggi di luce che scivolando su di esse come sogni nascosti giochino fra le morbide piume Parlerò di te e parlerò di me saranno parole al vento tanto per dire tanto per fare Voleranno con noi e con noi si adageranno per riposarsi sopra le nuvole E sembreranno più belle anche se meno reali e forse per questo più belle lo saranno davvero Ci poseremo e dormiremo su campi coperti di neve candida bianca e allegra nella sua semplicità apparente Poi, domani ci sveglieremo la testa pesante il cuore ferito le gambe stanche Il sonno non sarà servito e dovremo ricominciare senza averne la forza Saranno nuove delusioni ma nel tuo sorriso e in quello dei figli che avremmo voluto avere troveremo la forza di continuare E nuova neve cadrà Coprendo i campi devastati con la sua allegra semplicità apparente.
  14. contepriscilla

    Cosa cerca l'aspirante scrittore?

    Guardo una partita di calcio e vedo un rigore sbagliato e mi dico "io l'avrei segnato". guardo un film e mi vedo nel ruolo del protagonista (specie se l'eroina è come la vorrei io) in una corsa di formula uno, mi domando se potrei vincere... Credo che ognuno di noi vorrebbe sentirsi protagonista almeno una volta nella vita e, perché no? Magari nel suo intimo, in fondo al suo cuore, ma proprio in fondo in fondo in fondo, pensa che se avesse avuto i mezzi, la fortuna e le stesse opportunità che hanno avuto altri, ce l'avrebbe anche potuta fare! Ecco, io credo che per tanti scrittori aspiranti ci sia la voglia di dimostrare che, in fondo, ce l'avrebbero potuta fare anche loro. Scrivere un libro... Ahhh che soddisfazione! Poter dire ECCO! questo l'ho scritto io! e ascoltare gli altri che dicono NOOOOO! Ma davvero? Una goduria senza fine!
  15. contepriscilla

    Campo de' Fiori

    Racconto a tinte particolarmente forti. Bello, senza dubbio, ma di difficile lettura e, per il mio modo di leggere troppo ridondante. Sembra che cerchi di ripetere la stessa scena mille volte. Non credo sia un difetto, anzi! Rende ancora di più la sensazione di una lucida, fredda follia, ma per il mio modo di leggere, rende anche l'intero racconto una continua ripetizione di se stesso. Potrei leggerlo e poi passare dall'ultima riga alla prima, senza sentirne lo stacco. E' sicuramente, come ho già detto, di non facile lettura, anche perché si ha sempre l'impressione che ogni parola sia necessaria a rendere perfetto e meticolosamente armonico, l'intero racconto. Più di una volta sono tornato su quello che avevo letto per capire se mi fosse sfuggito qualcosa, o il senso di qualcosa. Il personaggio non poteva essere reso, a mio avviso, in modo migliore. Il resto è necessario contorno. Non è il mio tipo di letture preferito, ma devo dire che al contrario di letture simili, questa ha il pregio di avermi coinvolto emotivamente fino alla fine. Il che per un'anima candida come la mia, non è davvero poco! Ottimo lo stile.
×