Vai al contenuto

Axolotl

Scrittore
  • Numero contenuti

    665
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    5

Tutti i contenuti di Axolotl

  1. Axolotl

    United stories

    Nome: United Stories Costi (se presenti nel sito): lettura gratuita Sito web: https://unitedstoriesagency.com/ Facebook: Esperienza personale: Un'amica, che conosce la mia ricerca annosa e infruttuosa di un agente letterario, mi ha segnalato questa "nuova agenzia che opera all'anglosassone". Gli editor che l'hanno aperta non sono degli sconosciuti e il modus operandi è quello che io prediligo, quindi ho cercato di mettermi in contatto con loro. L'editor mi ha risposto dopo una decina di giorni, scrivendomi gentilmente l'indirizzo che le avevo richiesto. Mi ha anche comunicato che rispondono solo in caso di interesse. Ho inviato loro il mio manoscritto e non ho mai ricevuto nessun segno di vita, neanche automatico. Dichiarano di rispondere solo se interessati, quindi è normale, ma resto dell'idea che almeno una conferma automatica di ricezione del materiale sarebbe dovuta. Così, come dicevo, si ha l'impressione di scrivere a un'entità mitologica (magari il fantasma di una casa vittoriana, visto il proposito di lavorare "all'anglosassone"?). Sono certo che per i loro autori (la cui lista è disponibile sul sito) siano dei collaboratori più che reali, ma resto dell'idea che uno straccio di risposta a noi postulanti sia sempre un bel segnale di rispetto, tanto più per un'agenzia che ha aperto da poco. In ogni caso, mi sembra un'occasione da sfruttare: i creatori di United stories hanno una certa esperienza del mercato editoriale e un curriculum non da poco.
  2. Axolotl

    United stories

    Io lo tengo d'occhio da quando sono nati. Non li accettano MAI
  3. Axolotl

    Adelphi

    Non credo, ma se scrivono di spedire le sinossi e che "risponderemo entro due mesi", e poi effettivamente rispondono a tutti (tranne che a me), avranno i loro motivi
  4. Axolotl

    Adelphi

    anch'io ho spedito una sinossi alla fine di settembre, scoprendo qui di questa possibilità: a me però la risposta non è arrivata. A volte penso che il mio indirizzo email (un gmail normalissimo con nome e cognome ) nasconda in sé qualcosa di repulsivo.
  5. Axolotl

    Elliot Edizioni

    Raccontaci il seguito, poi. Il malcostume di solito prevede anche che la CE giri il manoscritto alla costola POD (es. ti risponde l'Erudita quando hai contattato Perrone)... sarebbe interessante sapere se altre CE hanno adottato la stessa pratica. Per quanto riguarda l'indirizzo, credo che tutte le case editrici che fanno parte del gruppo LIT condividano la stessa sede.
  6. Axolotl

    Elliot Edizioni

    Luce2201, infatti te l'ho chiesto perché ultimamente si è diffuso un certo malcostume tra gli editori... sei convinto di aver parlato con qualcuno di magari blasonato, e invece sei stato ricontattato dalla costola POD dello stesso gruppo editoriale. Mi sembra strano che, per pubblicare con Elliot, ti telefoni il direttore di "qualcun altro".
  7. Axolotl

    Elliot Edizioni

    cosa intendi con "ha fondato le due costole"? Il direttore editoriale di elliot è una donna (L. santini); hai parlato con lei?
  8. Axolotl

    Neri Pozza [15/05/19]

    Esattamente come l'hai scritto. Un pat pat che a loro non costa niente.
  9. Axolotl

    Neri Pozza [15/05/19]

    ma sì, certo @Irene51. Volevo solo esprimere il mio risentimento per questa storia della valutazione anticipata, che mi ha lasciato proprio l'amaro in bocca (non per il concorso in sé, ma perché per me spedire ha comportato un certo sforzo logistico che ha coinvolto altre persone - vivo all'estero - e che, se l'avessi saputo, non avrei certo scomodato). Le modalità di lettura dei manoscritti di Io Scrittore sono piuttosto chiare e certo plausibili, comunque .
  10. Axolotl

    Neri Pozza [15/05/19]

    sarebbe successo solo se avessi VINTO entrambi i concorsi... Un'eventualità che io (e credo la stragrande maggioranza dei partecipanti ai concorsi) avrei considerato impossibile. Hai fatto bene a rispettare le regole, non dico di no... ma credo sia poco plausibile che il NP abbia ritardato la deadline per questo motivo. Tra l'altro, non credo che loro facciano il possibile per ricevere il maggior numero di manoscritti, formulando pensieri tipo "posticipiamo la data, così chi è stato escluso dal DP avrà ancora una possibilità!" ... figurati ! DeA Planeta e Neri Pozza sono due universi paralleli che non si incontrano mai.
  11. Axolotl

    Neri Pozza [15/05/19]

    Io non credo che siano in molti a tener presente questi divieti (e giustamente: le possibilità di rientrare tra i finalisti di uno dei due sono remotissime). Sicuramente non "ondate di partecipanti". Io non ho partecipato al DeA planeta perché a stento ho concluso il mio manoscritto per metà maggio, ma comunque non credo proprio che il posticipo sia dipeso da quello. Tra l'altro mi pare l'abbiano sempre fatto (ritardare la prima deadline annunciata).
  12. Axolotl

    Neri Pozza [15/05/19]

    Perché contiamo talmente poco che non vale neanche la pena di salvare le apparenze ?
  13. Axolotl

    Neri Pozza [15/05/19]

    Senza dubbio, ma un sacco di gente spedisce all'ultimo, è fisiologico. Il mio manoscritto è arrivato tipo il 20 maggio (ed è lungo ), come molti altri. Il regolamento diceva che la lista dei 12 finalisti sarebbe uscita a luglio... Se avessi saputo che sarebbe uscita venti giorni dopo la ricezione del mio manoscritto, mi sarei risparmiato la spedizione.
  14. Axolotl

    Neri Pozza [15/05/19]

    ma no, anzi... ci hanno permesso di sognare per meno di un mese! Non è carino, da parte loro
  15. Axolotl

    Neri Pozza [15/05/19]

    Sono andato a guardare nella vecchia discussione e l'altra volta la dozzina era stata pubblicata di sera . Io ho partecipato così per scrupolo, perché per l'ultima volta avrei potuto usufruire dell'opzione Under 35 e mi dispiaceva sprecare la possibilità teorica. Ma ho presentato un manoscritto probabilmente inadatto al catalogo e ancora grezzo (ho potuto partecipare solo perché la deadline era stata posticipata). In ogni caso, anche il mio manoscritto è arrivato intorno al 20 maggio e mi lascia un po' perplesso pensare che le mie oltre centomila parole siano state valutate in tempo .
  16. Axolotl

    Invii mirati agli editor delle CE

    La raison d'etre delle agenzie letterarie (e il loro valore: per questo ce ne sono alcune più efficaci di altre) sta per l'appunto nel rapporto che lega l'agente agli editor delle CE. Un agente è utile se ha dei contatti, se no chiunque potrebbe improvvisarsi tale (e infatti lo fanno ). Se l'agente è stimato dagli editor, questi leggeranno i manoscritti che lui inoltra loro. Il ragionamento di Franco Forte non inserisce la variabile stima (che purtroppo è vaga, aerea e impossibile da quantificare) nell'equazione, e a mio avviso la rende nulla.
  17. Axolotl

    Invii mirati agli editor delle CE

    ma comunque secondo me, checché ne dica Forte, la maggior parte degli editor importanti non ha nessuna voglia di ricevere un manoscritto cartaceo non richiesto proprio sulla sua scrivania... Se le case editrici chiedono di spedire via email alla segreteria letteraria e non in cartaceo direttamente all'editor (e anzi, scrivono ovunque che i manoscritti cartacei vengono subito smaltiti), non vedo in che modo potrebbe essere utile prendere simili iniziative. Probabilmente funziona per contattare Forte, ma si tratta dei suoi gusti personali . Anche se ci tratta vagamente da cretini per "non esserci informati".
  18. Axolotl

    Invii mirati agli editor delle CE

    Esempio: cita più volte Stile Libero di Einaudi. La responsabile è Dalia Oggero. Il suo indirizzo e-mail non è indicato da nessuna parte e su FB ha scritto a caratteri cubitali di non contattarla via reti sociali per questioni relative ai manoscritti. A mio avviso non farebbe proprio i salti di gioia, se cominciassimo a spedire in massa dattiloscritti indirizzati a lei . Forse la sua teoria è valida per quanto riguarda i manoscritti cartacei... Ma la maggior parte delle case editrici non li vuole (fortunatamente) più!
  19. a me incuriosiva ma su goodreads ha una delle valutazioni più basse che abbia mai visto su un libro "famoso" . Dicono, in sintesi, che sia buono solo l'inizio
  20. Axolotl

    Dubbi sui Contratti editoriali

    No, neanche un cent. Nel corso del topic ho spiegato diverse volte perché l'ho ritenuto conveniente .
  21. Axolotl

    Dubbi sui Contratti editoriali

    Qualche mese fa avevo parlato del tipo di contratto che mi era stato offerto (royalties a partire dalla 501 esima copia). Mi è arrivato il primo rendiconto e le 500 copie sono state abbondantemente superate nei pochi mesi trascorsi dall'uscita del volume. Credo quindi di aver effettuato bene le mie valutazioni. L'editore ha pubblicato un esordiente senza prendersi troppi rischi (ma ha lavorato in modo ineccepibile) e io sono arrivato in libreria... Se questa è una strategia "anomala", al momento posso dire che funziona.
  22. Axolotl

    Sovera

    la discussione mi è saltata all'occhio perché ho appena visto un loro libro tra le opere in concorso al premio Comisso
  23. Axolotl

    Ceccacci literary agency

    Sì, hai ragione. E credo che questi "di più e di nuovi" siano più che sufficienti a dar da vivere agli agenti.
  24. Axolotl

    Ceccacci literary agency

    Boh, a volte mi chiedo se non si rendano conto che noi condividiamo le nostre esperienze e che lavorare in questo modo alla lunga è nocivo anche per chi ha il coltello dalla parte del manico. Comunque non servirà a niente, ma io farei notare che certi toni non si confanno a chi elargisce un servizio a pagamento (va da sé che possono stroncare tutto quello che vogliono, ma c'è modo e modo di farlo).
  25. Axolotl

    Ceccacci literary agency

    Secondo me la Ceccacci era uno dei pochi agenti a poter vantare un certo "fiuto" : a mio avviso ai primi tempi riusciva a coniugare tendenze del mercato, scouting e autentico interesse per i libri. E poi niente, è diventata ricca . [esagero, eh. So bene che se avesse voluto arricchirsi avrebbe intrapreso un'altra carriera. Ma mi pare di aver capito che è passata a lavorare in un modo meno lungimirante e probabilmente più ricco di gratificazioni immediate].
×