Vai al contenuto

simone_piazzesi

Scrittore
  • Numero contenuti

    22
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su simone_piazzesi

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://www.simonepiazzesi.it

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Pistoia
  • Interessi
    leggo, scrivo, suono, nuovo, navigo, stravaccio
  1. simone_piazzesi

    PressUp

    Più che un POD PressUp è una tipografia che fa ottimi prodotti a prezzi ridotti, ma non mi risulta che fornisca l'isbn
  2. simone_piazzesi

    Short Challenge: A quando l'utente 1500?

    Tutto ciò avverrà il 7 dicembtre 2010
  3. simone_piazzesi

    All'estero pagano anche le riviste... di fantascienza!

    succede anche qui? ma se non ti pagano nemmeno se scrivi articoli di giornalismo, figurati i racconti!! siamo 60 milioni, e non ci sono solo due rivista di nicchia, è proprio che ci manca la cultura del "mestiere" di scrivere. A me la differenza pare abissale... che ci siano eap anche all'estero è un altro discorso, però se voglio trovo anche chi remunera l'attività di scrivere, in italia pare di chiedere chissà cosa...
  4. simone_piazzesi

    All'estero pagano anche le riviste... di fantascienza!

    Segnalo questo bel post di Troccoli con una riflessione sul diverso orizzonte editoriale fra l'italia e l'estero, dove non solo non chiedono soldi agli esordienti, ma li pagano anche per scrivere 1- racconti (non sia mai che in italia tal forma venga presa in considerazione...) 2- di fantascienza (genere cmq di nicchia) 3- pagando a riga o a parola!!! Viene da essere smaliziati e chiedersi: ma come fanno a offrire certe cose? Forse che negli altri paesi c'è anche gente che legge? .... http://letturefantascienzaedintorni.blogspot.com/2010/05/la-sottile-linea-di-confine.html
  5. simone_piazzesi

    Cosa state leggendo?

    la polvere del messico, di pino cacucci, molto intrigante
  6. simone_piazzesi

    Serie famose

    giusto per ricordare che le "serie" non sono patrimonio del fantasy, cito "il romanzo di Ferrara" di Bassani, o l'immarcescibile ciclo dei vinti di Verga (benchè incompiuto). Per il moderno la serie del commissario Bordelli di marco vichi non è male.
  7. simone_piazzesi

    Cuore meccanico

    più che la seconda parte a me non convince l'ultimo verso. E' troppo "poetico", melodrammatico, mentre il pathos della poesia sta tutta nella sua meccanicità, nella descrizione di un uomo ridotto ad automa. potresti dire la stessa cosa, nell'ultimo verso dico, mantenendo lo stile del componimento
  8. simone_piazzesi

    Basta con i vampiri

    concordo appieno, al 100%, col post. non se ne può più di vampiri, fantasy straccione e robaccia varia. Oltretutto sembra che gli adolescenti leggano solo la saga di new moon!! se fate un giro su yahoo answers c'è solo quello!!!
  9. simone_piazzesi

    Topo Oreste e la grande città

    grazie, è opera del fumettista oscar celestini, e la scelta cromatica fatta l'ha resa ancora più suggestiva. Pensate che la prima edizione era in bianco e nero ;(
  10. simone_piazzesi

    Topo Oreste e la grande città

    dalla copertina si vede bene, Onda Edizioni, totally free
  11. simone_piazzesi

    Topo Oreste e la grande città

    Titolo: Topo Oreste e la grande città Autore: Simone Piazzesi Editore: Onda Edizioni Prezzo: 9.60 Euro N. Pagine: 176 Incipit: a questo indirizzo http://www.simonepiazzesi.it/libri.html Può un topo rischiare la vita per salvare una comunità di gatti? Se questo topo si chiama Oreste... sì! Topo Oreste e la grande città, una favola moderna sulla solidarietà, l'amicizia e, naturalmente, l'amore. Un po' racconto per l'infanzia, un po' "cartone animato", questo romanzo breve (o racconto lungo, fate voi...) si presta ad una duplice lettura: quella più immediata, diretta appunto al pubblico più giovane, in cui risalta il senso dell'avventura, del pericolo, del coraggio e dei grandi valori. L'altra lettura invece, un po' più profonda, è rivolta ad un pubblico più adulto, e riguarda le contraddizioni dei sentimenti, le difficoltà nei rapporti sociali, la possibilità di superarle, la spinta a cercare soluzioni non-violente che però, ahimè, non sempre sono efficaci (e qui si potrebbe aprire un lungo dibattito). Un libro per tutti quindi: per far addormentare i bimbi la sera e per far rilassare e riflettere i grandi.
×