Vai al contenuto

StephenDedalus

Lettore
  • Numero contenuti

    21
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

4 Neutrale

Su StephenDedalus

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 18 dicembre

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. StephenDedalus

    Background filosofico

    @ElleryQ e @Ippolita2018, grazie mille per questi consigli. Proverò anch'io a superare l'iniziale pregiudizio.
  2. StephenDedalus

    Background filosofico

    Desidererei leggere un romanzo non di genere, un testo che abbia, oltre alla trama, una latente ma non troppo chiara base filosofica. Oltretutto, scritto da un Italiano.
  3. StephenDedalus

    Background filosofico

    Io spero sia tanto come dite voi. A volte ho paura di non riuscire a trovare, oggi, un testo che possa rispondere alle mie aspettative, basate su anni e anni di lettura di classici. Ne sono così condizionato che, a volte, nonostante si tratti di una buona opera, mi frega l'iniziale pregiudizio. Forse voglio troppo, forse non trovo (mea culpa) ciò che voglio vedere. Potreste consigliarmi un testo, non di genere, che risponda alle mie richieste e che sia stato pubblicato negli ultimi dieci anni?
  4. StephenDedalus

    Background filosofico

    Come A portrait of an artist as a young man? Perchè proprio leggendo questo libro m'è venuto di farmi questa domanda. E la mancanza o meno di un background filosofico, di una sottile e invisibile trama di pensiero filosofico, è importante ai fini della valutazione dell'opera? Anche in un giallo, qualora mancasse, ne perderebbe in qualità? Ovviamente parlo di Autori, il che mi spinge a pensare: ne abbiamo ancora oggi?
  5. StephenDedalus

    [10WD] A mio padre

    In un'epoca in cui sempre meno persone leggono e la maggior parte di queste legge anche male, darsi manforte e donare attenzione all'altro sono gli unici modi per evitare di cadere nel superficiale. Arzigogolii o meno, mi ha fatto piacere.
  6. StephenDedalus

    Background filosofico

    Buon pomeriggio. In questi giorni di calura estiva, concentrato sulla tesi e impossibilitato a scrivere racconti o altro, mi viene spesso da chiedermi quanto sia importante per un autore il possesso di un background filosofico. Secondo voi è assolutamente necessario? Oppure un autore può tranquillamente farne a meno? Domanda extra: oggi, sempre secondo voi, gli autore ne fanno maggiormente a meno?
  7. StephenDedalus

    [10WD] A mio padre

    Al di là delle probabili correzioni di stile, molto spesso di natura puramente soggettiva, nella sua semplicità questo frammento mi ha preso molto. Sono rimasto colpito in particolare da una frase: Ben fatta: l'ho letta con la voce del protagonista spezzata dai singhiozzi. Complimenti.
  8. StephenDedalus

    Richieste abilitazione Narrativa over 18

    Salve a tutti. Dichiaro di avere più di diciotto anni.
  9. StephenDedalus

    Irvine Welsh - Il Lercio

    Ciao @Andrea.Dee. Girovagavo senza meta e ho trovato questo post sul Lercio di Welsh. Anche a me è piaciuto, tuttavia non quanto Trainspotting. Lessi entrambi diverso tempo fa, quindi ho difficoltà a ricordarne il motivo. Sarà stato perchè a Trainspotting sono legati più ricordi rispetto che al Lercio. Ricordo però che appena iniziato mi trovai di fronte quello che aveva tutta l'aria di essere un errore di impaginazione. L'avevo comprato online ed ero più che convinto m'avesse dato un libro stampato male. Invece no, era proprio così!
  10. StephenDedalus

    Bonsoir et salut

    @Unius Grazie Unius. Lo farò di certo, con piacere e al più presto!
  11. StephenDedalus

    Bonsoir et salut

    @Ljuset @Black @ElleryQ @Luna @Di Radisea @AryaSophia Grazie a tutti per l'accoglienza, come sempre calorosa. Io spero davvero tanto di non perdermi per strada. Stavolta voglio con tutto il cuore che il percorso sia quanto più duraturo possibile. Ci becchiamo in giro!
  12. StephenDedalus

    Bonsoir et salut

    Salve a tutti. Il nickname recita Stephen, il mio nome è Luciano. Voi potete chiamarmi come preferite. Credo sia la terza o quarta volta che mi presento e spero sia l'ultima. Con questo non voglio dire che abbandonerò di nuovo e non tornerò più ma che voglio protrarre a lungo questa esperienza, bella o brutta che sia (ma sarà sicuramente bella). Anni fa credevo di essere bravissimo nell'arte della scrittura, mentre ora ho perso ogni certezza e forse pure qualcosina in più. Lo scopriremo soltanto scrivendo. Auguro a tutti una buona serata, magari ci becchiamo in qualche discussione. Alla prossima!
  13. StephenDedalus

    Paolo (speciale Halloween)

    @JMC Ti sei spiegato benissimo e mi fa piacere tu abbia apprezzato la franchezza. La tua risposta è assai esauriente: si tratta di punti di vista. Se tutti la pensassimo allo stesso modo sullo scrivere, allora falliremmo tutti come scrittori. Fortunatamente si hanno idee diverse. Tu l'hai sviluppata in questo modo, io l'avrei sviluppata in un altro e ci ho visto le cose che ti ho scritto sopra. Al di là di tutto, a rileggerci!
  14. StephenDedalus

    Terza (e spero ultima) presentazione

    @Niko Grazie mille. Beh, lo spero anch'io!
  15. StephenDedalus

    Paolo (speciale Halloween)

    Partirei da questa breve sequenza. Alla prima lettura ho avuto come l'impressione mancasse qualcosa. Una sorta di filo invisibile che permettesse di godere della scorrevolezza del testo. Alla seconda ancora nulla. Lo leggo allora una terza volta, ed ecco che mi viene di definire il testo come soggetto a un'incoerenza sentimentale e caratteriale. Mi spiego meglio: le caratteristiche di quelli che in fondo sembrano essere i soggetti della storia (Paolo su tutti) vengono per lo più lasciate al non detto, quando invece avrei preferito, magari allungando l'intero testo, che questi venissero maggiormente sviluppati. Condivido in parte ciò che ha scritto @Talete. Mi viene quindi difficile non tanto leggere la storia, (che peraltro è scritta sostanzialmente bene, a parte le frasi già notate), quanto seguire l'azione del personaggio e capirne i motivi. Non c'è, aggiungerei, un'epifania che me lo spieghi, al di là dell'accenno all'albinismo, magari causa di prese in giro, sì, ma non di reazioni tanto azzardate. Il resto è un lento susseguirsi di pensieri poco sviluppati che rientrano nella gamma della rabbia e della paura. Niente, non l'ho trovato coerente e maturo. Non ti nascondo che non mi è piaciuto, ma questo riguarda più un gusto mio, personale. Vorrà dire che adesso cliccherò sul tuo nickname, cercherò e leggerò un tuo precedente racconto ironico e mi affiderò a quello per dare un giudizio più completo al tuo modo di scrivere. Che, sia chiaro, attenendoci allo stile, non mi dispiace affatto. Saluton!
×