Vai al contenuto

Effebi

Scrittore
  • Numero contenuti

    100
  • Iscritto

  • Ultima visita

4 Seguaci

Su Effebi

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://www.goware-apps.com/destinazione-russia-una-nave-e-un-gatto-nella-tundra-e-altri-incontri-stra-ordinari-roberta-melchiorre-e-fabio-bertino/

Informazioni Profilo

  • Interessi
    Viaggi, letteratura e reportage di viaggio, antropologia culturale

Visite recenti

3.083 visite nel profilo
  1. Effebi

    Enrico Damiani Editore

    Nome: Enrico Damiani Editore e Associati Sito: https://www.enricodamianieditore.com/ Catalogo: https://www.enricodamianieditore.com/libri/collane/ Modalità di invio manoscritti: https://www.enricodamianieditore.com/pages/contattaci/ Distribuzione: https://www.messaggerielibri.it/ Facebook: https://www.facebook.com/enricodamianieditoreeassociati
  2. Effebi

    Ebook sì o no?

    Sono perfettamente d'accordo. Da qui la mia perplessità sulle due proposte di pubblicazione che ho avuto
  3. Effebi

    Ebook sì o no?

    Ciao a tutti, è una discussione che mi interessa particolarmente, perchè proprio in questo periodo ho due proposte per un mio libro da parte di due CE piccole ma che conosco e mi piacciono molto, ed entrambe pubblicherebbero solo in cartaceo. Sto appunto valutando cosa fare perchè da un lato ovviamente non vorrei perdere l'occasione ma dall'altro le mie esperienze precedenti di pubblicazione mi portano ad essere assolutamente dìaccordo con quello che ha scritto @Maurice sul fatto che ebook e cartaceo sono complementari. E concordo con lui anche sul fatto che produrre un buon ebook è piuttosto costoso, e immagino che molte piccole CE possano non avere al loro interno le competenze tecniche per farlo.
  4. Effebi

    Alpine Studio Editore

    Ciao a tutti, qualcuno ha avuto recentemente esperienze con questa casa editrice? Ho letto la discussione, ma guardando il loro catalogo mi stupisce un po' l'alto numero di libri pubblicati in tempi piuttosto ristretti. Grazie mille!
  5. Effebi

    goWare Editions

    Mi spiace per la risposta. Che sappia io (anche considerando la persona che vi ha risposto) leggono le opere che vengono proposte, però non scoraggiatevi, magari è solo il genere che non rientra nella loro linea editoriale
  6. Effebi

    goWare Editions

    Ciao Matteo, e benvenuto in goWare! :-) Solo per confermare che sono completamente d'accordo con te, io ho avuto due esperienze di pubblicazione con loro e ho sempre trovato professionalità e correttezza. E come giustamente noti, fanno scouting nel vero senso della parola, puntando cioè su autori esordienti ma facendo comunque selezione, senza pubblicare qualsiasi cosa solo per "fare numero" con gli ebook.
  7. Effebi

    Pubblicare un libro: il fattore economico

    Ciao, anch'io -almeno in base alla mia esperienza - sono completamente d'accordo con quel che scrive Marcello
  8. Effebi

    goWare Editions

    Benissimo, bene arrivata! :-)
  9. Un'altra bella, appassionata recensione di "Destinazione Russia" su Ilcoloredeilibri :-). Grazie a Valentina Sanzi! http://ilcoloredeilibri.blogspot.it/2016/09/libri-in-viaggio-recensione.html La strada da percorrere con destinazione Russia è lunga: occorrono molte ore di treno. Ma non c’è tempo per annoiarsi: il tragitto è una continua scoperta e rivela la vera essenza di questo straordinario paese attraverso gli incontri con le persone ordinarie che si incrociano in ambienti solo all’apparenza freddi ma che in realtà scaldano il cuore. Destinazione Russia è, quindi, il racconto di una catena di storie indimenticabili: l’anziana signora in viaggio verso un arcipelago remoto in cerca di “speranza” o Yashik, dal volto scavato dalla vita che, oltre il Circolo polare artico, ci dice che viene da nord, l’incontro con un gatto (anzi una gatta) nella tundra, oppure quello con una coppia di ferrovieri, che vive il loro amore in servizio sulla linea ferroviaria più lunga al mondo, o con gli studenti di una scuola-museo. Perfino quello con un lago incontaminato o semplicemente con compagni di scompartimento sul treno “dove viaggia la Russia intera”. Gli autori ci mostrano attraverso i loro occhi un mondo straordinario, uno sguardo che manifesta tutto l’amore per questa terra sterminata, una passione sconfinata come la Russia, capace di superare i limiti geografici e di arrivare a toccare l’anima. Dopo il Portogallo, la Russia è sempre stata il mio sogno più grande, visitare e fare mia la vastità dello Stato è sempre stato il mio desiderio più forte, poter toccare con mano e ammirare i suoi paesaggi sconfinati, le sue costruzioni così belle ed imponenti e conoscere ed imparare le tradizioni dei suoi popoli è l'obiettivo che da anni mi sono imposta di raggiungere e che sicuramente, con il tempo, raggiungerò. E quando sono venuta a conoscenza di questo libro non ho potuto fare a meno di prenderlo, inserirlo nel tablet ed immergermi nelle sue parole e nelle sue immagini con occhi sognanti e pieni d'amore per un Paese straordinario che ha continuato a sorprendermi pagina dopo pagina e per due autori che grazie alla loro esperienza hanno contribuito a nutrire un desiderio che mi avvolge ormai l'anima. Destinazione Russia è un reportage di viaggio molto particolareggiato e sentito fin nel profondo attraverso il quale Roberta Melchiorre e Fabio Bertino raccontano al lettore una delle esperienze più belle delle loro vite. Con i loro occhi e le loro parole, infatti, sarà facile entrare nell'entroterra Russo e scandagliarlo fin nel minimo dettaglio, sarà incredibile poter sentire sulla pelle quelle emozioni e quelle sensazioni che hanno arricchito l'anima dei due viaggiatori giorno dopo giorno e sentirsi a tutti gli effetti parte di un viaggio che almeno una volta nella vita deve essere affrontato. Fin dalle prime pagine le doti narrative dei due autori si rivelano in grado di far saltare allo scoperto lo spirito avventuriero del lettore che si sentirà inevitabilmente assalito dalla voglia di lasciarsi tutto alle spalle, preparare uno zaino e partire alla scoperta di uno dei Paesi più affascinanti del mondo. In Russia, però, Roberta Melchiorre e Fabio Bertino non ci arrivano direttamente: l'itinerario che hanno scelto di fronteggiare, infatti, prevede diverse tappe, tutte ugualmente interessanti, che porteranno i loro spettatori e loro in prima persona alla scoperta di un mondo quasi completamente diverso dalla piccola nicchia in cui siamo abituati a vivere. Da Varsavia a Chernobyl, da Mosca a Vorkuta, fino a viaggiare sulla Transiberiana, la ferrovia più lunga del mondo, e attraversare gli Urali approdando così in Asia, le personalità che incontreremo saranno delle più diverse, ognuna con una propria storia da raccontare, una propria vita presa a morsi e a calci per rimanere a galla, ognuna con le proprie gioie, soddisfazioni e i propri amori, i paesaggi che attraverseremo saranno in grado di lasciare la propria impronta sulle nostre anime e ogni singolo dettaglio rimarrà impresso con una facilità incredibile nelle nostre menti. La costruzione del libro, inoltre, merita assolutamente una menzione particolare: ogni capitolo, infatti, oltre a riportare collegamenti ipertestuali che hanno la funzione di spiegare alla perfezione ogni singola cosa senza lasciare al lettore un senso di incompletezza, è arricchito con foto ed immagini scattate direttamente dai due narratori che hanno il grande pregio di rendere tutto ancora più reale ed intenso, e spesso mi sono ritrovata ad osservare un singolo frammento per ore con il sogno e la speranza che in futuro quelle foto possano diventare le mie. Infine, con uno stile molto scorrevole e molto evocativo Roberta Melchiorre e Fabio Bertino hanno deciso di rendere partecipe i loro lettori di un viaggio che li ha portati alla scoperta di un altro pezzo di mondo indimenticabile.
  10. Ciao a tutti, è appena stata pubblicata su Critica Letteraria una bella recensione del nostro libro "Destinazione Russia. Una nave e un gatto nella tundra e altri incontri stra-ordinari". Un grazie a Giulia Pretta! Se volete leggerla la trovate qui: http://www.criticaletteraria.org/2016/08/tra-i-binari-delleurasia-destinazione.html
  11. “Alcuni anni fa ebbe un grande successo il film “Ladyhawke”, la storia di due innamorati condannati da un malvagio sortilegio a vedersi solo all’alba, per un breve istante. Durante il giorno lei si tramuta in un falco e lui durante la notte in un lupo, e solo al sorgere del sole, nel momento della trasformazione, i loro sguardi possono incrociarsi per un attimo. Penso a questa pellicola degli anni ’80 mentre dal finestrino del Rossija scorre la tranquilla campagna nei dintorni di Chita, con le tipiche case siberiane in legno dipinte a colori vivaci…”. Sui treni della Transiberiana succede di vivere esperienze uniche. Come quella, capitata a noi, di festeggiare l’anniversario di matrimonio dei due provodniki del vagone. Ljudmila Ivanovna e Andrej Vladimirovich sono marito e moglie, e alternandosi nel servizio sulla stessa carrozza, proprio come i protagonisti di Ladyhawke si incontrano solo ai cambi turno quando uno sveglia l’altra per ritirarsi poi a sua volta a riposare in cabina. Ma per la festa d’anniversario organizzata a sorpresa da Vladimir e Serghej, i due vigili del fuoco dello scompartimento accanto al nostro, hanno fatto un’eccezione. E la festa ha finito per coinvolgere tutti i passeggeri del vagone, regalandoci una giornata indimenticabile :-) E’ la storia che raccontiamo ne “Una vita in Transiberiana”, uno dei racconti di “Destinazione Russia. Una nave e un gatto nella tundra e altri incontri stra-ordinari”,
  12. Credo che questa foto renda l’idea dell’atmosfera che si respira nei racconti del libro. E’ una foto unica. E fortunata. Perché scattata dalla porta aperta di un treno in corsa, nel mezzo della tundra artica russa. Sul filo del Circolo Polare Artico, con gli Urali Polari a fare da sfondo. Le frecce del segnale, in cirillico, indicano “Europa” da un lato e “Asia” dall’altro. E’ la linea di confine tra i due continenti. Questo viaggio, che ci ha portato a varcare la “porta di ferro”, lo abbiamo condiviso con Serghei, il nostro compagno di scompartimento. Che ci ha parlato della sua dura vita di lavoro nei campi di estrazione del gas siberiano. Un viaggio che abbiamo raccontato ne “Oltre la porta di ferro”, uno dei racconti di “Destinazione Russia. Una nave e un gatto nella tundra e altri incontri stra-ordinari”.
  13. Titolo: Destinazione Russia. Una nave e un gatto nella tundra e altri incontri stra-ordinari. Autori: Fabio Bertino e Roberta Melchiorre Casa editrice: goWare Editions ISBN: 9788867975921 ASIN: B01I3AQF66 Data di pubblicazione: 25 luglio 2016 Prezzo: ebook euro 4,99 - cartaceo euro 18,99 Genere: letteratura di viaggio Pagine: 153 in ebook - 114 in cartaceo Quarta di copertina: La strada da percorrere con destinazione Russia è lunga: occorrono molte ore di treno. Ma non c’è tempo per annoiarsi: il tragitto è una continua scoperta e rivela la vera essenza di questo straordinario paese attraverso gli incontri con le persone ordinarie che si incrociano in ambienti solo all’apparenza freddi ma che in realtà scaldano il cuore. Destinazione Russia è, quindi, il racconto di una catena di storie indimenticabili: l’anziana signora in viaggio verso un arcipelago remoto in cerca di “speranza” o Yashik, dal volto scavato dalla vita che, oltre il Circolo polare artico, ci dice che viene da nord, l’incontro con un gatto (anzi una gatta) nella tundra, oppure quello con una coppia di ferrovieri, che vive il loro amore in servizio sulla linea ferroviaria più lunga al mondo, o con gli studenti di una scuola-museo. Perfino quello con un lago incontaminato o semplicemente con compagni di scompartimento sul treno “dove viaggia la Russia intera”. Gli autori ci mostrano attraverso i loro occhi un mondo straordinario, uno sguardo che manifesta tutto l’amore per questa terra sterminata, una passione sconfinata come la Russia, capace di superare i limiti geografici e di arrivare a toccare l’anima. Link all'acquisto: http://www.goware-apps.com/destinazione-russia-una-nave-e-un-gatto-nella-tundra-e-altri-incontri-stra-ordinari-roberta-melchiorre-e-fabio-bertino/
×