Vai al contenuto

Marco -_-

Utente
  • Numero contenuti

    7
  • Iscritto

  • Ultima visita

5 Seguaci

Su Marco -_-

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Catania
  • Interessi
    Leggere e scribacchiare sono i motivi che mi hanno spinto ad iscrivermi su questo forum. Spero la mia permanenza sia gradevole e soprattutto Creativa!
  1. Marco -_-

    Un nuovo giorno.

    Commento: indirizzo. Apro gli occhi e non c' è nulla da vedere. Sembra di esser stato in coma un anno intero. I vestiti insudiciati coprono il pavimento, la foto di un quadro penzola triste da un chiodo mal messo. La vicina che strilla al figlio di nove anni mi farà impazzire, sembra un jungla trapiantata a trenta metri da me, anzi, trapanata direttamente nel mio cervello, dritta fino a uno stupido mal di testa. Ripenso a quando vivevo con la mia famiglia, da piccolo, quando a svegliarmi c' era prima un raggio di sole che tagliava la tenda colorata della mia stanza. E' così lontano questo ricordo... E' passato tanto tempo. Adesso invece, l' odore del caffè mi ricorda che mia moglie sapeva come farmi sentire amato, ma adesso è troppo tardi per pensare. La nostalgia lascia il posto alla malinconia, e la malinconia, lascia il posto alla solitudine. Le mie mani e le mie gambe fanno tutto da soli. Non capisco. Non riesco a pensare. Non riesco a comprendere. Il mio appartamento mi disorienta, la mia vita mi disorienta, boigotta le mie emozioni, la mia anima. Non voglio irrompere nel mondo con questa faccia, è solo che quella specie di lavoro mi tiene incatenato, nell' insoddisfazione e nella frustrazione di vivere morendo nell' anima, nel tempo. Gridando correrei e mi strapperei di dosso quel briciolo di parvenza che definiscono "dignità", e direi a tutti, si, in faccia a tutti direi: "Ridatemi la mia vita! Ridatemi indietro quel bambino che osservava stupito quel raggio di sole, e rideva... Non sono una bestia! Anch' io muoio come voi...". Pian piano la voce nella mia testa si placa, e diventa silenzio. Sono stanco. Mi par di sentire una goccia cadere sulla mia guancia... Mi toccherà sistemare quelle tubature! Un bagliore di luce mi acceca sull' uscio di casa. Non è un semplice giorno, questo è un nuovo giorno, forse, una nuova speranza, un nuovo io.
  2. Marco -_-

    A Lei

    Devo dire che hai descritto magnificamente questo lento, crudele crescendo in dolore e sofferenza. Sei stato molto capace nel "disegnare" questa immagine, a volte un pò allentata, e a ragione, per la necessità comunicativa intrinseca del testo stesso. Bravo, ottimo lavoro. Mi è piaciuta particolarmente l' impressione che hai trasmesso "fotografando" nelle immagini della "sedia", del "letto" e della "coperta", quel tepore di casa propria che quasi sanguinava quel "Mà". Bravo, veramente bravo.
  3. Marco -_-

    I suoi boccoli

    Il pezzo mi è piaciuto. Sembra che la Lei lo inviti a dargli la caccia ogni giorno, ogni ora, ma Lui, odiando disperatamente questi suoi gesti e queste sue azioni autodistruttive, la ami ancora di più! cit.: "...Mi ama perché crede che io possa darle la libertà perduta, mi odia perché non lo faccio..." In questa frase ho intravisto una immedesimazione da parte del personaggio, come se stesse parlando anche di se stesso, oltre che della sua Lei, cioè: "La amo perchè credo che possa darmi la libertà perduta, la odio perchè non lo fa". Anche la conclusione mi è sembrata molto bella: "Proverò a salvarla, la terrò con me anche se non ho un soldo in tasca. Poterla aiutare mi servirà come un’ancora di salvezza, darle un’identità mi restituirà quella che ho perduto, ... Non importa che io non sia più la stessa persona di prima. La cosa che conta veramente è l’amore che provo per lei." Il suo amore, un pò temerario, un pò "diverso", è la cosa vera che gli conferisce identità. Non è più quello che pensa, ma quello che fa, per Lei, la cosa importante. Credo che si possa collegare a quello che succede quando si cresce e non sono più i Ti Amo, o i "Sei la Mia Vita" ad avere più importanza, ma si dà più peso anche alla concretezza delle cose, nelle cose... Direi che nel disagio del Lui, si possa quindi intravedere una crescita del personaggio, una consapevolezza maturata, ed una conferma di Amore non fisico, ma emotivo, quasi ancestrale. Brava, credo che con queste basi potresti tirar su anche un altro frammento.
  4. Marco -_-

    Salve!

    Grazie, ok. Lo farò.
  5. Marco -_-

    Salve!

    Ok, niente paura. Posso farcela!! Voi invece sembrate già ben posizionati nel forum... Quali sono i vostri testi più interessanti, tra i vostri e non?
  6. Marco -_-

    Salve!

    Bene bene, grazie. In breve, che posso dirvi, ehm... Direi di essere una persona intellettualmente attratta dal processo di creazione, quello che porta a buttar giù ciò che si sente per poi provare quella senzazione, non di vuoto, ma di sollievo, soddisfazione, crescita. E, dato che ho bisogno di affinare i miei metodi da appassionato scrittore, beh, fatevi sotto e... Commentatemi!! Comunque ho letto il regolamento, e, ad essere sincero mi è sembrato un pò troppo "crudo" a primo impatto, ma vva bene, sennò non sarebbe un regolamento con i contro fiocchi!!
  7. Marco -_-

    Salve!

    Salve, sono rimasto terribilmente impressionato dalla creatività e dalla competenza che arricchiscono questo forum. Spero di rendere questa esperienza formativa e gratificante.
×