Vai al contenuto

Braska

Utente
  • Numero contenuti

    193
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

11 Piacevole

Su Braska

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 07/04/1995

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Catania
  • Interessi
    C'è un urgente bisogno di modificare il mio profilo... e questo commento non dovrebbe andare in "interessi"...

Visite recenti

2.600 visite nel profilo
  1. Braska

    Ma l'antagonista deve proprio esserci?

    Allora... in un fantasy ovviamente dev'esserci qualcosa che si oppone alle imprese del personaggio principale, e, come diceva Black, può essere una persona, un oggetto, o anche un forte sentimento represso del protagonista, un trauma, ecc... Detto questo, però, non è assolutamente necessario che si tratti per forza del classico "signore oscuro", che spesso diventa un cliché per com'è fatto (per quanto io ami Harry Potter, ad esempio, Voldemort è il classico signore oscuro senza alcuna motivazione reale di fondo, quindi risulta essere parecchio banale. Almeno per me). Secondo me, tutto sta nel come poni l'antagonista nel libro, signore o oscuro o non. Ad esempio, potrebbe anche essere una persona cara al protagonista, e per varie ragioni personali i due si ritrovano in conflitto durante le loro "avventure" o "missioni". È un semplice umano, ma allo stesso tempo un antagonista. Io, invece, nel mio libro ho scelto di usare il signore oscuro, ma non in uno stile classico. Non è il classico tipo che vuole conquistare il mondo o distruggerlo, anche se all'inizio può sembrarlo, ma in realtà in seguito la sua storia per intero verrà raccontata e spiegata nei minimi dettagli, così come il suo mondo, tutti i misteri che lo avvolgono e le varie motivazioni. In fin dei conti, in realtà, si potrebbe anche dire che non è affatto un signore oscuro, ma una persona come altre. Tutto sta nel come poni questo antagonista o "signore oscuro". In ogni caso, devi sempre spiegare le motivazioni di ogni punto della trama e ogni azione dell'antagonista, senza mai lasciare il tutto nel cliché "sono invincibile e voglio distruggere/conquistare il mondo perché non ho nulla di meglio da fare". Inoltre cerca di inquadrare l'antagonista anche come personaggio principale, in un certo senso. Cioè, potresti scrivere molto di lui in prima persona, i suoi sentimenti, i suoi pensieri e le sue motivazioni. Fai in modo che non spunta solo ogni tanto per seminare chissà quale tipo di distruzione, ma che sia attivo durante tutto il racconto. Adesso ti rispondo ai vari punti: 1: credo di aver già risposto a questo xD. 2: no, non è assolutamente necessario che ci sia già dall'inizio. Il mio appare solo alla fine del primo libro, per poi risultare come personaggio attivo, come dicevo, nei seguiti della saga. 3: beh, un fantasy senza antagonista, signore del male o non, non credo possa risultare granché. Voglio dire, non è necessario che ci sia solo il nemico principale, ma delle minacce dovranno pur esserci. Non penso possa parlare solo di cosa i protagonisti abbiano mangiato alla mensa della scuola di magia e di cosa imparino giorno dopo giorno. In ogni caso, ripeto, sta tutto nel come poni le vicende, la trama e i personaggi. Buon proseguimento con il romanzo!
  2. Braska

    Problemi di ripubblicazione...

    @Nativi Digitali Edizioni Grazie mille! Queste parole, specialmente da un editore, mi rincuorano moltissimo
  3. Braska

    Problemi di ripubblicazione...

    @Marcello Grazie mille anche a te! Evidentemente mi stavo facendo troppe paranoie inutili
  4. Braska

    Problemi di ripubblicazione...

    @achillemerolla Figurati, non hai nulla di che scusarti! E comunque anch'io odio il caps lock usato deliberatamente senza alcun criterio, ma in questo caso era semplicemente per far risaltare alcune parole chiavi del discorso, così da far sembrare più chiaro il concetto :). Stai pur tranquillo che i miei libri sono assolutamente liberi da questa brutta bestia
  5. Braska

    Problemi di ripubblicazione...

    @FadingAway Sempre dei bei consigli e delucidazioni . Grazie mille, Fad! I tuoi pareri sono sempre ben accetti xD. @achillemerolla Non sono riuscito a capire se stessi parlando sul serio o stessi scherzando, nonostante alludessi all'ironia, mi spiace xD. In ogni caso, ti posso assicurare che nei miei testi non uso e mai userò il maiuscolo per evidenziare concetti e parole, nessun problema! Essendo questo un normalissimo post, non credo ci sia alcun problema al riguardo... o c'è qualche regola di cui non sono a conoscenza? Comunque apprezzo anche il tuo parere al riguardo, grazie
  6. Braska

    Problemi di ripubblicazione...

    Salve a tutti! Innanzitutto, complimenti ai moderatori per la nuova interfaccia, era da un po' che non entrato nel forum Il problema che mi pongo riguarda la ripubblicazione del mio libro... Due anni fa sono riuscito a pubblicare per la primissima volta il mio libro fantasy, ovviamente con enorme entusiasmo, con una piccola C.E gratuita (NoEAP, o come preferite). Ho ricevuto parecchie recensioni positive, ma altre sono state negative a causa dei numerevoli refusi rimasti nel testo, poiché la mia C.E non aveva apportato alcun editing... adesso non faccio nomi ovviamente. Comunque sia, quel contratto è ormai giunto al termine, quindi passiamo avanti. Essendo libero da quel contratto, in questi mesi ho inviato il libro a molte altre C.E e circa 3 mesi fa ho ricevuto una nuova proposta di pubblicazione, questa volta da parte di un'ottima C.E (a mio parere). Mi hanno risposto con tanto di valutazione del testo e sono sembrati molto entusiasti del mio libro, elogiando i punti di forza ma facendomi comunque notare che conteneva ancora molti refusi, specialmente nella parte iniziale! In ogni caso, mi dissero che questo non andava a sminuire il valore del libro, e che avremmo sistemato tutto una volta giunti ai lavori di pubblicazione. E qui viene il problema... (Ah, dimenticavo di dire che ovviamente ho accettato il contratto. Questo problema non riguarda assolutamente la C.E, ma soltanto me personalmente). Rileggendo il libro in questi giorni, noto che lo stile è comunque MOLTO IMMATURO e totalmente FUORI DAI CANONI di quello attuale, essendo un libro, come dicevo, che ho iniziato 4 anni fa. Ci sono moltissimi punti scritti male, termini inadeguati, refusi e tanti piccoli problemi qua là. Insomma, la sostanza c'è, ma non è sfruttata al meglio per via dello stile di scrittura ai tempi, appunto, immaturo. Dunque in questi giorni sto riadattando il testo del libro al mio stile attuale, sostituendo parole inadeguate, termini, piccole parti di dialogo e ogni tanto aggiungendo o rimpiazzando qualche frase d'effetto qua e là. Non è troppo complicato, dopotutto non devo cambiarlo ad ogni parola! Il testo rimane uguale, semplicemente lo rendo adatto al mio stile di scrittura attuale, non so se mi spiego. Ed è proprio questo il problema (arrivo al dunque): avendo pubblicato lo stesso libro in precedenza con quel vecchio stile di scrittura, credete che possa crearmi problemi una ripubblicazione con un testo DEL TUTTO migliorato e DI GRAN LUNGA più maturo? Oppure mi sto facendo troppi problemi io? Considerate che la pubblicazione precedente non è andata affatto bene, perché la C.E non aveva praticamente lettori e, a mio parere, si sono affondati da soli. Dunque il libro è stato letto da pochissima gente. È tutto un problema di coerenza: non vorrei che con la nuova pubblicazione il libro possa essere visto incoerente con la vecchia versione (che comunque è come se non fosse stata letta affatto). Dunque, ecco esposto il problema. Mi scuso per la lunghezza del testo, ma volevo spiegare la situazione in modo esaustivo xD. Il mio writer's nightmare, in questo caso, riguarda le due versioni del libro. Ma la domanda che vi pongo è: vi siete mai ritrovati a dover affrontare una situazione simile, con due versioni di qualità palesemente differenti del vostro libro tanto da aver timore di infangare il vostro nome e quello del manoscritto? Ripeto, riassumo e concludo: - il libro è ASSOLUTAMENTE identico di trama e tutto, ho semplicemente migliorato il testo su tutti i suoi punti deboli, senza aggiungere alcuna svolta di trama o cambiamento! Risulta sempre lo stesso, sia per quanto riguarda gli eventi, sia per i dialoghi, sia per ogni altra cosa! - La vecchia versione non è più disponibile per l'acquisto, ma temo lo stesso che possa riscuotere qualche problema. Voi che ne dite? - Sto apportando questi miglioramenti di stile e tutto per la nuova e unica pubblicazione che avverrà a breve. Ok, ora qualcuno mi odierà per la lunghezza apparentemente infinita di questo post. A voi la parola!
  7. Braska

    Idee all'aria!

    (Mi scuso per essermi ripetuto con "in questi giorni" . Vorrei poter modificare il testo, ma non posso )
  8. Braska

    Idee all'aria!

    Ottimo consiglio, davvero! In questi giorni sto cercando di fare esattamente quello che mi hai scritto qui. Sto cercando di riprendere la trama del mio primissimo libro per farne qualcosa di nuovo, e in questi giorni sto proprio facendo "maturare l'idea", come dicevi tu, dentro di me. Ho già creato tutta la trama e gli eventi principali, e adesso sto pensando a come strutturare al meglio la storia e il passato dei protagonisti. Il tutto prendendo continuamente nota! Appena avrò fatto gli ultimi ritocchi, comincerò a mettere nero su bianco
  9. Braska

    Idee all'aria!

    Grazie anche a te, Fading, concordo anche con le tue parole . Facciamo tutti del nostro meglio, con calma. "Chi va piano, va sano e va lontano"
  10. Braska

    Idee all'aria!

    Concordo pienamente con ciò che hai detto! Tra l'altro anch'io comincio spesso dal finale
  11. Braska

    Genesis Publishing

    Grazie mille! ^^
  12. Braska

    Idee all'aria!

    Beh sì, questa sarebbe una buona idea! A volte lo faccio prendendo nota di tutto e salvando i documenti . Mi aiuta a tenere in mente le storie migliori, i personaggi e tutto il resto. A volte ho anche cominciato a scrivere come dici tu, semplicemente mettendo nero su bianco queste idee per poi far venire fuori tutto il resto spontaneamente
  13. Braska

    Idee all'aria!

    È come se in ognuna ci fosse qualcosa che non va... o qualcosa che mi blocca. Non so, ma credo che mi abbiate capito
  14. Braska

    Idee all'aria!

    Il fatto è che a me capita TROPPO spesso . Cioè: creo una trama, i personaggi, la loro storia, i loro intrecci, ecc... cerco di svilupparla e definirla, ma poi mi va in fumo. E ricomincio con un'altra. Poi anche quella va in fumo, e poi ancora un'altra... e così via . Il fatto è che io le creo già ben definite di trama, personaggi ed eventi principali, ma ogni volta mi fermo a pensare a tutto questo e non scrivo nulla... e poi mi fallisce. Per quanto riguarda gli appunti, li prendo sempre
  15. Braska

    Idee all'aria!

    Il tuo commento mi ha lasciato perplesso , ma ho afferrato il concetto!
×