Vai al contenuto

ViCo

Scrittore
  • Numero contenuti

    81
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su ViCo

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. ViCo

    AA - Aspirante Astronauta

    Strana scelta di vocabolo due avrei scritto "alla" costruito avrei scritto "le più disparate" oppure "dalle più semplici alle più complesse" Racconto delicato, il cui pregio maggiore è restituire bene la nostalgia per i sogni dell'infanzia e il senso di perdita di un'innocenza che, in fondo, non smette mai di accompagnarci. Ci sono un po' di refusi e frasi frettolose. Alcune le ho segnalate. Altre volte usi termini un po' freddi ("i coniugi" riferito ai nonni) che spezzano l'identificazione con la protagonista e quindi disturbano. L'ellissi, il salto dall'infanzia all'età adulta, è un espediente che in genere mi piace, ma forse qui avresti creato più pathos con qualche dettagli sui nonni o sui genitori. Insomma credo che il racconto sia una buona base se perdi qualche altra ora a rifinirlo. Alla prossima
  2. ViCo

    [N20-2] Nella pace degli dei

    qui la a mancante l'hanno segnalata altri. Sono rimasto spiazzato quando ho capito che si trattava di Medea. I versi per tre quarti della poesia hanno un ritmo rapido e un tono asciutto. Per come la ho letta io non mi sarei aspettato un legame con un tema classico. Leggendola una seconda volta ho notato un paio con una costruzione che forse voleva ricordare un certo linguaggio. come questa: Complessivamente mi è piaciuta, ma trovo una frattura fra la parte finale e il resto, che secondo me non valorizza appieno il potenziale della poesia.
  3. ViCo

    [N20-2] ə

    Questo il passaggio più bello! Poesia quasi geniale. Il quasi dipende dal fatto che alcune associazioni non le ho capite (quindi quel che non è geniale è il lettore di certo). Originale e ben costruita. Mi ha divertito, complimenti.
  4. ViCo

    [N20-2] Fatti di niente

    Mi piace il verso finale vale quanto un'intera poesia Belle e delicate immagini da cui trasuda nostalgia e senso di perdita. E' vero che la penombra predispone a certi sentimenti e immaginarla mentre fuori tutto è imbiancato dalla neve è un tocco di classe. Forse ha agito anche la suggestione della bellissima canzone che De Andrè ha dedicato a Tenco. Non la conoscevo in questa versione Fresu/Turci, ma l'avevo nelle orecchie mentre leggevo. Complimenti
  5. ViCo

    [N20-2] Cenere

    Premessa: non sono un grande lettore di poesia ed essere il primo a commentare mi fa sentire un tantino a disagio. Detto ciò: ho apprezzato molto la metrica. Il ritmo mi ha fatto pensare a un testo musicabile. L'interpretazione della traccia è perfetta. Personalmente ho una resistenza nei confronti delle parole cuore e gioia nei versi, ma questo è dovuto al mio carattere da misantropo e non al vostro testo. Bella la chiusura.
  6. ViCo

    [N20-2] Perduta Patria

    Traccia: un bel ricordo in un periodo buio. Sta finendo un anno difficile eppure per ciascuno avrà certamente portato momenti di felicità. Un attimo di gioia brilla di più in mezzo alle avversità? Scritta a tre mani di cui due di @Bestseller2020 Perduta Patria In questa giornata a Milano dopo un anno prigioniero felici vanno i miei pensieri che nulla è per sempre perso Il vecchio spegne i ricordi nel silenzio finiti gli schiamazzi per i piazzali han sbarrato l'uscio gli artigiani dai banchi sono spariti i boccali per le vigne sazi sono i corvi ladri sui tralci incolti che mano abile non ha visto né canti e ceste ripiene In questa giornata a Milano dopo un anno prigioniero felici vanno i miei pensieri che nulla è per sempre perso Perché sei morta Patria? Le tue mura sono ancora perfette le tue strade pulite e deserte libere da detriti e polvere ma non ho sentito cannoni tuonare né stridio di cingoli avanzare niente è piovuto dal cielo per distruggerti con zelo In questa giornata a Milano dopo un anno prigioniero felici vanno i miei pensieri che nulla è per sempre perso Freddi sono rimasti i moschetti immobili i forconi nei fienili le mani alzate e bene in vista sui ceppi hai riposto Lontani sono i giorni dei barbari sulle guglie le tue statue dominano memori di gloriose giornate di vespri e d'Aprile In questa giornata a Milano dopo un anno prigioniero felici vanno i miei pensieri che nulla è per sempre perso Stanno spartendo le tue vesti dentro i palazzi di vetro che alte tiene le sue bandiere come fantasmi di popoli Perduta Patria! Per i capelli ti tengo sogneremo aspettando i baci e strade affollate, amici da stringere i liberatori d'abbracciare In questa giornata a Milano dopo un anno prigioniero felici vanno i miei pensieri dove il cuore si è perso
  7. ViCo

    Lorem Ipsum

    @Mrs. Robinson ti hanno scritto o telefonato?
  8. ViCo

    [N20-1 - F.C.] N.E.

    Vicina? Al marito non avrebbe detto il nome? sud dell'Africa o Sudafrica Ripetizione Una traccia difficilissima con cui te la sei cavata egregiamente. Leggendo mi sembrava di sentire la musichetta di X-files. Il racconto tiene viva l'attenzione. Forse alcuni aspetti rimangono un po' indefiniti. In cosa consiste il nuovo senso? Mi era sembrato che potesse essere la capacità di parlare attraverso la tecnologia, ma poi mi pare di aver capito che non vuoi specificarlo. Anche il finale forse un po' troppo aperto. Però il racconto intrattiene. Complimenti
  9. ViCo

    [N-20-1] Preliminari

    @Ippolita2018 Oddio (l'esclamazione non poteva essere un'altra) dobbiamo ripetere l'esame di punteggiatura Grazie sia per i complimenti sia per i suggerimenti. E' importante avere l'occasione di migliorarsi e il tuo giudizio è fra i più belli che abbiamo ricevuto
  10. ViCo

    Tratti di pioggia sopra Auschwitz

    Bello @Bestseller2020Una poesia che mi ha emozionato. Mi piace quando non si cercano parole nuove ma si combinano in modo nuovo parole antiche. Parlare dell'olocausto non è facile. Si rischia di cadere nello scontato o, sforzandosi di essere originali, diventare leziosi. Qui invece c'è un bell'equilibrio. Il dolore è raccontato attraverso le cose e, in questo modo, si trasmette l'impressione che appartenga non solo agli uomini, ma anche alla natura. Un dolore davvero universale. Bravo
  11. ViCo

    [N20-1] La stirpe degli uomini dei

    Come vedi io e @Bestseller2020 siamo allineatissimi
  12. ViCo

    [N-20-1] Preliminari

    @Edu Grazie! A un certo punto della scrittura Adamo non faceva una bellissima figura, ma essendoci diventato simpatico abbiamo cambiato la storia. Ci vediamo nei bassifondi.
  13. ViCo

    [N20-1] La stirpe degli uomini dei

    @Mafra bel racconto. Equilibrato, con un personaggio ben definito e uno stile godibile. Interpretazione della traccia rigorosissima.
  14. ViCo

    [N-20-1] Preliminari

    @@Monica Sì siamo un po' tonti, a noi se dici il primo pensiamo al primissimo Grazie del commento spero ti abbia strappato un sorriso
  15. ViCo

    [N-20-1] Preliminari

    @ivalibri Non nego che i pensieri all'apertura del pacco non fossero proprio di gratitudine per l'autore della traccia. Anzi diciamo che lo abbiamo considerato proprio un pacco. Però alla fine è stato divertente quindi grazie, per l'opportunità e per i lcommento.
×