Vai al contenuto

Luca Reano

Scrittore
  • Numero contenuti

    9
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su Luca Reano

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Luca Reano

    Optical

    @Gianfranco P, non sapevo esattamente cosa fosse l'Optical di cui parlavi. Dalla definizione trovata sul web pensavo di aver compreso, invece ho capito solo ora. E forse adesso preferisco "Effetto ottico", perché come dicevamo l'amore può essere visto come la somma di quei sentimenti (per la teoria dei colori l'appunto) e meglio si adatterebbe al modo in cui lo presenti nella tua poesia. Sinonimi di "concretezza" che potrebbero indicare anche un'emozione è difficile trovarne. Corporeità, tangibilità, materialità sono da escludere. Attrazione forse, ma dipende poi dalla maniera in cui intendi che l'amore è concreto, reale (come fosse qualcosa che è possibile toccare, avvertire coi sensi). Capisco, mi dispiace sia andata così. Ho letto il passo che mi hai inviato ed è molto bello secondo me il modo in cui descrivi il gallo colorarsi una volta terminata la notte! Comunque il libro che ho scritto non potrà mai portarmi a una delusione tale, perché ho già raggiunto il primo e più importante traguardo; e ciò che verrà dopo non potrà mai in ogni caso avere lo stesso peso
  2. Luca Reano

    Optical

    Grazie, @Gianfranco P! Non sono uno che gira troppo sui forum, ma questo posto mi piace! (devo solo capire bene come usare tag e citazioni) E il racconto dove lo potrei trovare? La concretezza di colore arancio in effetti è un accostamento alquanto particolare, anche perché la concretezza non è proprio un sentimento... ma mi piace che tu l'abbia inserita, perché l'amore è fatto anche di cose concrete, di fisicità (inevitabilmente, che la cosa piaccia o meno). Anche l'indaco è un colore che difficilmente si associa, anzi spesso viene dimenticato. Il verde va benissimo per la speranza, su questo sono d'accordo con te. Dopotutto, è il colore che si associa alla natura e agli alberi e direi che proprio questi sono da considerarsi la nostra speranza. Mi ero dimenticato di parlare del titolo della tua poesia nel mio messaggio precedente. Optical, anche se di difficile intuizione, penso sia il perfetto termine per descrivere questa scelta del colore della tavolozza, di una forte sfumatura che combina più colori (che è l'amore), che si spande tra nero e bianco. Ti faccio i complimenti per avere pensato ad una cosa del genere!
  3. Luca Reano

    Optical

    Una poesia originale, non c'è che dire. L'amore è fatto di tanti sentimenti e perciò di tanti colori come si evince dai tuoi versi... e non si è in grado di parlare davvero d'amore senza attingere all'intera "tavolozza", come fa il pittore quando deve creare un quadro complesso: non ci sarà un solo colore inutilizzato in quella tela. Perciò l'amore non è soltanto passione e speranza, non è fatto di soli sentimenti positivi; ed è vero anche il contrario. Mi è sempre piaciuta l'idea di accostare i colori alle parole e ai concetti e penso tu abbia fatto bene a fare uso degli accostamenti più classici (verde-speranza, giallo-allegria), perché in tal modo il messaggio può arrivare davvero a chiunque, che salterà queste (scusa il termine) banalità per arrivare al cuore della poesia, alla ricerca del colore che in quel momento è il predominante nel comunicare quel proprio sentimento d'amore a qualcuno.
  4. Luca Reano

    Buonasera, mi presento!

    Grazie a tutti dei messaggi di benvenuto! @Kikki I dettagli li potete già trovare nella sezione "I nostri libri"!
  5. Luca Reano

    L'Isola dei Ricci

    Buonasera sognatori e colleghi scrittori! Quest'oggi voglio condividere con voi il libro scritto da me e dalla mia ragazza al quale accennai nella mia presentazione! Titolo: L'Isola dei Ricci Autori: Valeria Panero, Luca Reano Illustratrice: Marilena Comino Autopubblicato: Amazon ISBN: 979-8677836596 Data di pubblicazione: 22 agosto 2020 Prezzo: 13,52 € (versione cartacea), 4 € (versione ebook, gratis con l'abbonamento a kindleunlimited) Genere: Favola, Narrativa per ragazzi (ma anche adulti e bambini) Pagine: 175 Quarta di copertina: "È un giorno di Sole come gli altri per i ricci di Alberofaggio, ma per riccio Pallino quel giorno è unico e speciale. La scelta di un sogno lo guiderà nel suo viaggio, alla ricerca del Mondo e di sé. Un confronto tra riccio e realtà, che gli svelerà ciò che conta davvero; attraverso la voce dei sentimenti, il cui linguaggio è universale e può arrivare a tutti, grandi e piccini." Link all'acquisto: http://amazon.it/dp/B08GFX3P8T/ref=rdr_ext_sb_ti_hist_2
  6. Luca Reano

    Stagnazione

    @ohohboh Figurati! I brani migliori comunque nascono proprio da quello, da attimi di sfogo o di ispirazione. E potresti ugualmente cercare di estenderlo volendo, c'è tutto lo spazio per un eventuale proseguo. Per quanto riguarda la punteggiatura, se posso permettermi, penso tu abbia fatto uso di un po' troppe virgole (anche se in uno sfogo è perfettamente comprensibile). Alle volte è meglio un punto e virgola o direttamente un punto e spezzare il periodo in due, così da lasciare più respiro a chi legge. Felice di esserti stato d'aiuto, al prossimo frammento allora!
  7. Luca Reano

    Stagnazione

    Non capisco per quale ragione ancora nessuno abbia commentato questo frammento, a mio dire molto elaborato e in grado di far riflettere. Dalle prime righe traspare una certa qual rabbia nei confronti di questa sterilità che l'uomo cerca di nascondere ma che appare chiara allo scrittore (o al personaggio che ne è il portavoce), così come al lettore. Ma questa rabbia lascia presto il posto alla compassione, perché le esistenze di cui parla sono giovani e rifuggono dal dolore proprio e causato dai propri simili. C'è poi un senso di estraneità che chiude questa sorta di poesia, con la fuga progettata per allontanarsi dai propri simili, in un atto di puro cinsimo (e desiderio di non identificazione). Sebbene non vi sia un messaggio positivo che traspare, si può supporre che vi siano altri che rifiutano un mondo di bassezze e di fango e che un ritorno (o forse il raggiungimento) di uno stato non di stagnazione ma di spontaneità e naturale fratellanza sia ancora possibile. Molto belle le immagini della trappola per l'io alato e delle risate sporche di terra. Forse la punteggiatura non aiuta a comprendere tutto quanto, ma alimenta l'idea del frammento come di un monologo, confessione personale o testamento lasciato ai posteri. Mi piacerebbe a questo punto sapere perché è nato questo frammento, cioè se è stato pensato come parte di qualcosa di più grande come un racconto o una poesia.
  8. Luca Reano

    Buonasera, mi presento!

    @mercy ti ringrazio! In realtà sarebbe Innovazione, comunicazione e nuove tecnologie... ma è un po' lungo
  9. Luca Reano

    Buonasera, mi presento!

    Buonasera a tutti! Mi chiamo Luca e sono uno studente universitario che studia Nuove Tecnologie a Torino. Tra le altre cose sono anche appassionato di letteratura e di libri in generale (e anche di manga). Ende, Moers e Tolkien sono alcuni tra gli autori che preferisco, ma leggo anche altro oltre ai fantasy! (sebbene ora stia leggendo "La saga oscura" ) Recentemente ho scritto un libro assieme alla mia ragazza e non vedo l'ora di poter condividere con voi maggiori dettagli!
×