Vai al contenuto

Robert Wilhelm

Lettore
  • Numero contenuti

    71
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

43 Piacevole

Su Robert Wilhelm

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Bergamo
  • Interessi
    Oltre alla lettura e alla scrittura, la musica d'arte e il progressive metal, il buon cinema e manga come Berserk.

Visite recenti

243 visite nel profilo
  1. Robert Wilhelm

    IoScrittore

    Non ho superato la selezione degli incipit, pensavo di fermarmi a quella fase del torneo e non continuare come lettore, poi però ci ho ripensato e in estate ho commentato i 10 romanzi assegnati nella fase successiva. Alla fine sono nei dieci lettori premiati, ho ricevuto alcuni romanzi cartacei e un buono da spendere online. Tutto sommato è stata una bella esperienza.
  2. Robert Wilhelm

    IoScrittore

    Oggi sono stati svelati i nomi dei 10 vincitori, scrittori e lettori. Complimenti a chi è riuscito nell'impresa!
  3. Robert Wilhelm

    Come verificare l'originalità di un'idea?

    Questione annosa e forse irrisolvibile. Si potrebbe estendere il discorso a cosa c'è di nuovo nel mondo in generale e forse la risposta sta nei nuovi referenti tecnologici (intendo il virtuale e affini, con la sua lenta ma inesorabile evoluzione). Se vuoi un consiglio estemporaneo, leggere Kurt Vonnegut può aiutare a capire cos'è uno stile davvero sui generis (nella terza stagione di Ozark, non a caso, è lo scrittore preferito dal fratello pazzo della coprotagonista Wendy).
  4. Posso risponderti in quanto docente di lettere e latino al liceo. Quello che dici in parte è vero, spesso colleghi riciclano liste di lettura ormai datate e non adatte a ragazzi di oggi. Anch'io ho avuto in sorte Madame Bovary a 16 anni e Anna Karenina a 18 (ma in realtà l'ho letto dopo la laurea) e non sono soluzioni congeniali. Alcune alunne di mie colleghe si sono ritrovate con Narciso e Boccadoro e Il villaggio di Stepànčikovo e i suoi abitanti... Personalmente leggo molto e impiego diverso tempo nel decidere quali letture assegnare: devono essere non troppo lunghe e accessibili, venire incontro un minimo ai gusti degli studenti ma essere anche libri di spessore, magari con un quid di originalità in più (proporre sempre Calvino e Benni non ha senso). Ci sono, inoltre, iniziative interessanti come Lo struzzo a scuola organizzato da Einaudi e poi tocca imparare dai propri errori: La colubrina di Tournier non è scelta scontata, nemmeno il Candido in un biennio liceale. Volendo si possono proporre testi di autori scomparsi da poco (penso a Zafon e Sepulveda) oppure di recente pubblicazione. Poi, ovviamente, ci sono le indicazioni nazionali del MIUR, i Promessi Sposi non si possono evitare, ma non se ne dà una lettura integrale, almeno io non mi sono mai sognato di proporla. Secondo me i giovani lettori devono puntare su pochi classici, consigliati da amici, parenti e professori; devono leggerli e amarli, per poi riscoprirli all’università. A me è capitato con alcune novelle di Maupassant (lette in terza media) e Centomila gavette di ghiaccio di Giulio Bedeschi. Sul divario Nord-Sud circa le statistiche di lettura non mi esprimo, ricordo solo che Gianni Celati sostiene che la lettura è un atto essenzialmente asociale, nel senso che esiste solo in forma “privata”: non sono mai riuscito a leggere per strada o sul bus, è un’attività che richiede uno spazio apposito. Sulle letture pubbliche e i club letterari non saprei che dire, mai frequentati.
  5. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    Allora vorrà dire che eviterò la pellicola di Bent Hamer, con Bukowski non si scherza. Non penso abbiano realizzato grandi film dai suoi libri, o sbaglio?
  6. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    Non le ho visto tutte e quattro, ma tra quella del 1974 con Robert Redford e quella del 2013 con Leonardo Di Caprio direi che è migliore quest'ultima.
  7. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    A mio avviso ad oggi è il miglior film di Baz Luhrmann, gli altri proprio non mi convincono, la poetica del cineasta australiano è troppo esagerata per i miei gusti. Di Caprio stellare come dici tu, molto meglio di quanto visto in Romeo + Giulietta. La pellicola, inoltre, vede nella parte di Daisy la malinconica Carey Mulligan, attrice con un suo perché. Il testo di Francis Scott Fitzgerald resta un capolavoro accessibile ai più ancora oggi, a differenza di Corpi vili di Evelyn Waugh. Sono due romanzi che si prestano a un confronto, ma è più famoso Il grande Gatsby...
  8. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    Sì, intendevo Edith Stein, interpretata da una grande Maia Morgenstern. Poi ci sono anche film che parlano della Shoah e Arendt.
  9. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    Non conosco la pellicola, ma da quello che mi dici ne sto alla larga. Ritengo Simone Weil una grande pensatrice (alla pari della Arendt e della Zambrano). Su Rossellini non posso che concordare, cineasta imprescindibile. p.s. forse, pensando a un altro film che ritrarre una grande pensatrice, si potrebbe citare La settima stanza di Márta Mészáros. Lo ricordo come un lungometraggio discretamente riuscito.
  10. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    Questo regista non ha mai sbagliato un colpo, vuoi vedere che dipende anche dal suo nome? Penso sia un tributo al grande Mann
  11. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    Di solito quando vengono scelte opere così ambiziose il risultato è deludente. Vedasi American Pastoral... Salverei, invece, gli adattamenti HBO de I pilastri della terra e Mondo senza fine.
  12. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    Ottime scelte, Espiazione è uno dei film che meglio valorizza il fascino magnetico di Keira Knightley e poi c'è una colonna sonora di tutto rispetto. Per quanto riguarda il sommo Miyazaki, hai fatto un altro centro, Il castello errante di Howl è il mio preferito della sua videografia. Pensa che ho scoperto da poco, invece, il romanzo di Diana Wynne Jones da cui non sapevo fosse stata tratta la pellicola! Sul fronte delle trasposizioni poco convincenti cosa proponi?
  13. Robert Wilhelm

    Ciao, mi presento.

    Ben fatto, vedrai che troverai molti spunti interessanti. Mi sono iscritto da poco anch'io e non mi sono pentito. Leggi il regolamento e se vuoi pubblicare qualche racconto breve sarò felice di leggerlo @Gabri Montu
  14. Robert Wilhelm

    Trasposizioni cinematografiche

    Apro questa discussione (non mi sembra ce ne sia già una nel forum) per chiedervi quale adattamento filmico dell'ultimo ventennio vi ha convinto fino in fondo e quale vi ha deluso. Intendo pellicole dal 2000 a oggi con sceneggiatura tratta da romanzi o racconti. Se dovessi sbilanciarmi personalmente direi il recentissimo Emma di Autumn de Wilde, benfatto e curato; all'opposto l'inguardabile La torre nera di Nikolaj Arcel, uscito nel 2017. Insomma, promosso il film tratto dal romanzo di Jane Austen, bocciato quello ispirato alla saga di Stephen King. Sono curioso di leggere le vostre segnalazioni, c'è l'imbarazzo della scelta...
  15. Robert Wilhelm

    Quanto siete cambiati come lettori?

    @fogliolabile Bella questione quella della metamorfosi del lettore. Leggere ci trasforma ma penso ci sia una coerenza in quello che leggiamo, siamo attirati più da certi generi letterari rispetto ad altri, è normale sia così. Di come ho iniziato ricordo poco, sicuramente con alcuni testi consigliati a scuola (mi viene in mente un romanzo del ciclo arturiano, ma anche C'era due volte il barone Lamberto di Gianni Rodari). Per l'esame di terza media ho letto Centomila gavette di ghiaccio di Giulio Bedeschi, bellissimo. Al liceo mi colpì Siddharta (anche per me Hermann Hesse è un autore geniale insieme a Thomas Mann) poco Madame Bovary (ero "piccolo" per apprezzare) e non troppo i romanzi di Cesare Pavese. Poi studiando lettere iniziai a diventare abbastanza onnivoro, ma sempre seguendo le indicazioni del piano di studi. È stato dopo la laurea che ho potuto finalmente scegliere. Ho scoperto gli autori russi, ho approfondito Balzac e Flaubert, poi sono andato in ordine sparso, ma sempre privilegiando romanzi dell'Ottocento e del Novecento con alcune concessioni al Settecento. Poca saggistica e alcune scelte sono state infelici, ho il vizio di cercare autori non troppo noti per vedere come scrivono, ma può capitare di sprecare solo tempo. Adesso che lavoro ho meno ore a disposizione, mi sono dato agli eBook e devo dire che leggere un mattone di 400 pagine con un bel carattere 12/14 è tutta un'altra cosa. Insomma, da lettore per dovere mi sono ritrovato lettore per diletto e ho riscoperto la saggistica. Adesso amo soprattutto pubblicazioni sui miti e la cultura greca antica, ma anche testi che affrontano le problematiche sociali ed esistenziali del nostro secolo. Come fantasy ho letto solo Il signore degli anelli, per la fantascienza mi sono rivolto soprattutto ad alcuni blasonati come Orwell e Huxley. Mai letto best-seller americani (intendo Ken Follett e affini). Concludo citando un passo di Patrick Süskind, tratto da Amnesia in litteris (prosa contenuta in Drei Geschichten und eine Betrachtung, in italiano Ossessioni).
×