Vai al contenuto

mutantboy

Scrittore
  • Numero contenuti

    116
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di mutantboy

  1. mutantboy

    E se ognuno di noi pagasse una quota, il forum sarebbe salvo?

    Ho solo risposto al quesito iniziale per amore di discussione. Concordo con te che non ci sia una possibilità concreta di salvarlo in questo modo.
  2. mutantboy

    E se ognuno di noi pagasse una quota, il forum sarebbe salvo?

    Io pagherei, se si tratta di una piccola quota
  3. mutantboy

    Chiusura del Forum

    Sono basito. Io sono entrato in questo forum meno di un anno fa, essendo la mia attività di "scrittore" relativamente recente. Leggo commenti che parlano della deriva del forum, della serietà, troppa o troppo poca. Certo non è esente da difetti, ma non mi sono mai sentito come qualcuno che entrava a casa di altri e non veniva accettato, anzi! Io in passato ho gestito un forum (su tutt'altri argomenti), e seppur fosse molto più piccolo, la favola dell'incapacità di autosostenersi economicamente è una cagata pazzesca (non è volgarità, è solo una letterale citazione cinematografica). Non ho problemi da ammetterlo, se sono riuscito a pubblicare il mio primo romanzo è grazie a questo forum: non ci sarei riuscito senza averlo trovato. Finire la partita con scuse banali e portarsi pure via il pallone è veramente inspiegabile. Che ce ne facciamo del campo di gioco vuoto? Siamo circondati da idiozie e scelleratezze, e quando arriva una cosa buona, degna di nota, chiude con motivazioni risibili.
  4. mutantboy

    PlaceBook Publishing

    Io sono in fase di editing. Sono intervenuti per correggere alcuni aspetti formali, hanno suggerito qualche taglio e qualche modifica relativa ad alcuni aspetti che non convincevano. Il lavoro è attento, e tutto all'insegna del "parliamone insieme", ma spiegando chiaramente le ragioni per cui suggeriscono determinati interventi. Nessun diktat o imposizione.
  5. mutantboy

    Rossini editore

    Io invece ho scelto la casa editrice che mi pubblicherà tra varie, proprio perchè mi hanno contattato telefonicamente in prima battuta anzichè con una fredda mail, e ci siamo conosciuti parlando. Non siamo macchine, per fortuna, le persone le conosco parlandoci e stringendogli la mano, non scrivendo. La comunicazione personale del contatto diretto per me è tutto. Telefono fisso? Veramente nel 2020 esiste ancora qualcuno che ha il telefono fisso?
  6. mutantboy

    Mario Vallone Editore

    Buongiorno, se ho interpretato in modo troppo severo le sue parole, mi scuso. Mi conceda però che la sua risposta, così secca e stringata, lasciava aperta anche la mia interpretazione. Se mi avesse detto quanto ha scritto ora, anche solo dicendomi che il mio lavoro era stato messo in valutazione comunque, anche se in coda a tutti gli altri, sicuramente non l'avrei interpretata in questo modo. Ci tengo anche a sottolineare che, a parte l'aver definito (forse erroneamente) la sua risposta come "risentita", non ho espresso giudizi nè su di lei, nè sulla sua casa editrice, nè sul suo lavoro. Ho solo riportato la mia esperienza per quello che è stata. Detto ciò, rinnovo il dispiacere per aver interpretato in maniera eccessivamente negativa la sua risposta, fortunatamente il forum esiste anche per chiarire questi malintesi. Ne approfitto anche per comunicarle che ho già firmato per un'altra casa editrice, che a breve pubblicherà il mio romanzo, quindi non è più necessario che tenga la mia opera in valutazione. Grazie per le risposte, cordiali saluti
  7. mutantboy

    Mario Vallone Editore

    Buongiorno @ElleryQ, come da regolamento, non potendo pubblicare le mail che ho ricevuto, pubblico la mia mail in cui rispondevo alla richiesta dell'editore su come mai avessi inviato proprio a loro la mia opera: Buongiorno Sig. Vallone, grazie per la risposta. Ho conosciuto la sua casa editrice attraverso il forum "writer's dream". Il mio sogno, la mia realizzazione, non è quella di diventare ricco scrivendo, ma quella di arrivare alle persone, poterle intrattenere con ciò che scrivo. Navigando sul suo sito ho capito che i suoi criteri lavorativi sono affini a ciò che cerco. Naturalmente, come può immaginare, ho inviato il mio libro anche ad altri editori, nella speranza che qualcuno possa apprezzarlo. Cordiali saluti Accetto serenamente che il contenuto non sia stato di suo gradimento, ma se permette nemmeno io accetto di essere accusato che sia una mail preconfezionata nè che l'abbia inviata a mille editori. Certo, ho inviato a diverse case editrici contemporaneamente, non lo nego. Le ho selezionate in base a quelle che ritenevo più adatte al mio romanzo, dato che anche io non ho tempo da perdere e non ho nessun interesse a scrivere a realtà che già in partenza so che non sarebbero interessate. Se avessi dovuto inviare l'opera a una casa editrice alla volta, e poi attendere l'eventuale rifiuto prima di fare un nuovo invio, ci vorrebbero dieci anni per pubblicare... Peraltro, in questo topic, non l'ho mai accusato di essere maleducato né disonesto, per cui gradirei che non mi fossero messe in bocca cose che non ho detto. Ovviamente non posso pubblicare la risposta che ho ricevuto a questa mail, ma se il Sig. Vallone vuole farlo, ben volentieri.
  8. mutantboy

    Ebook sì o no?

    Io per pubblicare il mio libro, tra le proposte ricevute, ho scelto un editore che pubblica sia in cartaceo che in digitale. Credo sia necessario. E' vero che si tratta di una fetta di mercato minoritaria, ma è sempre un bacino d'utenza che non ti puoi precludere. Non sono due mercati intercambiabili. Da lettore, sono ormai passato da tempo agli ebook per varie ragioni, e non compro più cartaceo. Dovrebbe davvero uscire il libro del secolo, quello di cui proprio aspetto l'uscita da una vita, per convincermi a comprare in cartaceo un'opera non disponibile in digitale. E non credo di essere l'unico. Per cui credo che non uscire in digitale significhi giocarsi una fetta di lettori, pochi o tanti che siano.
  9. mutantboy

    Le ripetizioni: sempre errori da eliminare?

    Per me ci sono situazioni in cui, se usate con criterio e talento, sono molto utili. Certo, sconfinare nella ripetizione-errore è molto facile. L'abuso, l'utilizzo quando non è necessario, o peggio ancora quando si vuole rendere ridondante qualcosa che non serve, sono veramente pessimi. E' difficile usarle bene, ma quando qualcuno ci riesce, per me non è affatto un errore.
  10. mutantboy

    Dreambook Edizioni (Sidebook)

    Ciao, ricevo finalmente la proposta di contratto. Molto positiva sotto certi punti di vista :prezzo di vendita corretto, prima tiratura corposa (anche troppo, 500 copie), 3 presentazioni a carico dell'autore, copie in conto vendita all'autore.... Viene richiesto un contributo all'autore di 1500 EUR, quindi totalmente EAP. Rifiuterò cortesemente.
  11. mutantboy

    Brè Edizioni

    Ho ricevuto una proposta da Bré, subordinata ad alcune modifiche (non invasive) alla mia opera che mi hanno suggerito con molta precisione. Proposta totalmente free, ma nel contratto sono poco chiari alcuni aspetti della pubblicazione. Si parla alternativamente sia di cartaceo in print-on-demand (modalità che io non disprezzo) che di distribuzione e tiratura di stampa. In questo c'è un po' di confusione. In ogni caso rifletterò.
  12. mutantboy

    goWare Editions

    Penso che vada fatto notare che pubblicano anche libri di negazionisti che parlando di dittatura sanitaria,ecc... di questi tempi la dignità non è cosa da calpestare. Ognuno fa i conti con la propria coscienza e la mia mi dice che non potrei mai collaborare con chi dà voce a chi ha certe idee.
  13. mutantboy

    Dreambook Edizioni (Sidebook)

    Io ho ricevuto una proposta di contratto, ma sto ancora attendendo il contratto vero e proprio per valutazione.
  14. mutantboy

    Dreambook Edizioni (Sidebook)

    Sì, ho risposto sulla discussione originaria citata due post più in alto
  15. mutantboy

    Calibano Editore

    Anche io ho ricevuto una proposta, ma sinceramente, se non fosse per i 390 euro, tutto il resto non mi sembra affatto disprezzabile, anzi. Anche la distribuzione e le attività di promozione (almeno in teoria) non mi sembrano male. Prevedono di inviare loro copie gratuite a blog e giornali, prevedono di supportarti nelle presentazioni. Non so qualcuno ha effettivamente pubblicato con loro e ha qualcosa da dire.
  16. mutantboy

    Una proposta di condivisione

    Mi allargo. Sarebbe carino fare una specie di split promozionale. Ovvero spendere un po di tempo per diffondere reciprocamente attraverso tutti i propri canali e contatti la "pubblicità" del libro uno dell'altro...una sorta di marketing condiviso.
  17. mutantboy

    Dreambook Edizioni (Sidebook)

    Chiedo scusa, l'ho cercata più volte con l'apposita funzione, ma non mi ha mai dato risultati...
  18. mutantboy

    Porto Seguro Editore

    Se sono in conto vendita l'editore non dispone di nessun incasso finchè tu non vendi e incassi...
  19. mutantboy

    Autostima e analisi discordanti

    Ciao, volevo chiedervi come vivete, come interpretate e come reagisce la vostra autostima di fronte a feedback totalmente discordanti da parte delle case editrici. (Intendo quelle free, naturalmente, che non hanno interesse a lodare il tuo prodotto per incassare i tuoi soldi). Mi spiego meglio: ho ricevuto varie risposte negli ultimi due mesi da parte di diverse case editrici, tutte medio-piccole. E se mi fermo ad analizzare quelle che hanno avuto la pazienza di spiegare le loro motivazioni, dimostrando di aver letto con attenzione il mio romanzo, mi trovo di fronte ad alcune che mi hanno proposto la pubblicazione sottolineando numerosi punti positivi e apprezzando il lavoro, altre che invece l'hanno stroncato citando difetti molto precisi, senza possibilità di rimedio. Voi come gestite nel vostro animo queste situazioni?
  20. Ciao a tutti, sto sviluppando la trama del mio prossimo romanzo. Sarà una storia ovviamente di fantasia ma innestata su una serie di eventi storici reali, che verranno rispettati sia nella sostanza che nella sequenza temporale. Di fianco ai personaggi inventati ci saranno alcuni personaggi realmente esistiti, e le due storie (reale e di fantasia) si fonderanno insieme. Avevo deciso che le azioni e le parole dei personaggi "reali" sarebbero state solamente quelle documentate e certe, così come emerso dai verbali e dagli interrogatori del processo che penale che ha riguardato questi eventi. Mi stavo chiedendo ora se fosse possibile, ai fini dello scorrimento della storia, far compiere loro anche azioni e interazioni con i personaggi di fantasia (marginali) inventate. Sarebbe un rischio in termini di possibili querele? Quali problemi potrebbe comportare, sia in termini legali che in termini di credibilità della storia stessa?
  21. mutantboy

    Azioni di personaggi reali in una storia di fantasia

    Questo è un aspetto che non conoscevo, e a questo punto tanto vale essere più preciso da parte mia. In realtà il mio non è un romanzo storico con personaggi di fantasia, ma un romanzo di fantasia innestato su una storia vera. Ovvero la tragedia del Vajont, e i personaggi reali nella storia sono "gli attori" della tragedia, coloro che sono stati processati per la vicenda.
  22. mutantboy

    Azioni di personaggi reali in una storia di fantasia

    Diciamo che non sono super celebrità, che sono note per eventi non positivi, e che sono morte... Come detto vorrei fare il possibile perchè le loro azioni e parole fossero comunque quelle ufficialmente emerse dai processi e documentate, senza azioni di fantasia. Storia di 60 anni fa, i personaggi non sono comunque più in vita.
  23. mutantboy

    CTL Editore Livorno

    Ricevo una valutazione al romanzo loro inviato tempo fa, ben prima di firmare con altra casa editrice. L'opera viene stroncata sotto ogni punto di vista (narrativa, trama, dialoghi, personaggi, perfino grammatica e punteggiatura). In pratica, uno schifo (eppure di proposte free ne ho ricevute, e ho pure firmato giò un contratto di pubblicazione per quest'opera...). In pratica, una tragedia. Sentenza: non pubblicabile. Però...con loro editor (non gratis) l'opera potrebbe essere pubblicata e addirittura risultare interessante. Premesso che non ho mai pensato di pubblicare senza che la casa editrice in questione procedesse all'editing, trovo una certa discrepanza tra la stroncatura e il successivo miracoloso editing. Parere del tutto personale: o il libro fa veramente schifo (ma non credo visti i riscontri) e quindi mi vogliono vendere un editing inutile, oppure tutto sommato non è così male, ma devono cercare di vendermi l'editing e quindi ci vanno pesanti. Particolare buffo: nel premio letterario Golden Crime da loro promosso, a cui ho partecipato, il romanzo è arrivato così com'è tra i finalisti....
  24. mutantboy

    La vera narrativa è solo in prima persona al presente?

    Scusate l'errore di battitura di "discriminazione"....
  25. mutantboy

    La vera narrativa è solo in prima persona al presente?

    A me i Jihadisti non sono mai piaciuti, in nessun campo. A lui non piace? Lecito. Questo non la rende meno dignitosa però. L'unica "discrimanzione" dovrebbe essere in termini di qualità. E' come se io dicessi che il Rap non è musica perchè mi fa schifo e non lo ascolto, o che la vera narrativa sono solo i thriller perchè è ciò che piace a me.
×