Vai al contenuto

Xrow

Scrittore
  • Numero contenuti

    8
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutrale

Su Xrow

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 09/12/1981

Informazioni Profilo

  • Genere
    Non lo dice
  1. Xrow

    Cattiva presentazione?

    Quando non si ha una cognizione precisa di come presentare quello che si pubblica, il risultato è questo. I film possono ispirare, non dico no. Però in questo caso è come se la casa editrice volesse tradurre il linguaggio letterario in linguaggio cinematografico per far capire meglio ai presenti, come se così potessero arrivarci più facilmente. In realtà stupido è chi crede stupidi gli altri. Se lasci in mano le redini a un rappresentante della casa editrice, a una presentazione, comunque, non puoi aspettarti molto. Lo scopo è vendere subito. Allettare desideri immediati: azione, avventura. Io le presentazioni (su cui già ho forti dubbi) al massimo le farei da solo. O con qualcuno che ha letto il libro e che se ne è davvero innamorato.
  2. Xrow

    Et/et Edizioni

    Io non la consiglio, se mi è concesso dirlo. Nel 2010 li incontrai e parlai un po' di quello che avevo scritto. Non sapevano indicarmi cosa poteva interessarli. Dissero che avrebbero preso tutto se non fosse stato per il tempo che ci voleva a valutare circa dieci libri. Proposi un riassunto per ogni testo così che potessero vedere che tipo di scritti fossero. Dato che non sapevano, consigliai un testo in particolare e un testo di riserva. Non scelsero né uno né l'altro. Scelsero i due scritti che contrassegnai come ultimi da considerare. Li lessero e dissero di volerne pubblicare uno. Mi spiegarono a voce e genericamente cosa non era piaciuto. Niente editing né segnalazione sul testo delle parti da correggere. Solo una chiacchierata. Mi dissero di sistemare quei tre 'piccoli' problemi per passarlo alla pubblicazione. Apportata la correzione, la pubblicazione non c'è più stata e tuttora io non sono a conoscenza del motivo. Detto questo e scusate per il piccolo aneddoto, elenco alcuni punti negativi di questa piccola free: - La Etet non paga i diritti sulle prime 100 copie. Tu chiamala, se vuoi, free; - La Etet organizza presentazioni in luoghi culturali con gente culturale in cui un attore (?) finge di recitare i vostri testi con una musica qualsiasi di sottofondo e le luci soffuse. Le 100 copie ostacolo ai vostri primi guadagni vanno vendute così. - I soci fondatori di Etet sono professori/ex professori. Volete sapere chi sono i redattori, quelli che giudicano i vostri libri? Gli alunni/ex alunni. Il vostro manoscritto finisce nelle mani di due lettori qualsiasi quali potreste essere voi o io. Anzi, noi almeno scriviamo, ne sappiamo qualcosa in più. - E' questo il motivo per cui: la Etet non sa cos'è l'editing. Lo salta direttamente. I problemi che presenta il testo ve li risolvete voi da soli dopo la 'chiacchierata'. Ma io vi garantisco che non ne sarete capaci. Altrimenti il testo originale non avrebbe presentato proprio quei problemi. Che ne dite? - Non guardano in una direzione precisa. Non sanno cosa vogliono pubblicare. Quello che capita; E per non essere troppo irrispettoso, adesso elenco quelli che secondo me sono i vantaggi di questa casa editrice free: - Non dovete uscire un euro dal portafogli; - Se avete un testo che proprio non va bene per nessuna casa editrice, avete almeno la speranza che la Etet lo faccia leggere alla sua preparatissima redazione.
  3. Xrow

    GDS Edizioni

    P.S. (Scusate per il bis) A me (tra parentesi) dicono che la copertina è a spese loro.
  4. Xrow

    GDS Edizioni

    A me due giorni fa hanno inviato una mail in cui chiedono € 544,50 ( iva compresa) per l'editing di cui il mio testo avrebbe (effettivamente) bisogno. Fatto quello, passa in pubblicazione. Se l'editing però è a pagamento, loro un bel guadagno già lo recuperano. A questo punto che la pubblicazione sia 'totalmente gratuita', come ci tengono a specificare, diventa una cosa secondaria. Preferivo un semplice rifiuto o un invito a ripresentare il testo dopo aver rivisto qualcosa sotto loro suggerimento.
  5. Xrow

    Ciao a tutti

    Mi chiamo Stefano, ho trent'anni e scrivo da quando ne avevo dodici. Ho steso otto romanzi provando a pubblicarli per poi accorgermi che erano soltanto delle bozze. Così li ho ripresi uno alla volta e mi sono messo a correggerli. Ho contattato fin dal 1998 diverse case editrici con pochi risultati e con molte storie da poter raccontare a riguardo. Seguo la vostra lista da diverso tempo e parecchi contatti li ho avuti proprio tramite la stessa. Credo che gli editori di oggi siano parecchio confusi, che nel mondo dell'editoria attuale ci siano logiche di mercato per me incomprensibili e che per poter emergere bisogni accettare di dover sputare sangue. Nel senso che non ci si può aspettare di convincere facilmente un editore e che le delusioni possono protrarsi una dietro l'altra per anni e anni anche se quello che scrivi è davvero degno di pubblicazione. L'unica esperienza di pubblicazione che ho è stata con un'editrice a pagamento di nome Rupe Mutevole. Dopo anni di tentativi con le editrici non a pagamento, diciamo che mi sono lasciato andare, pur sapendo a cosa andavo incontro. Voglio mettere a disposizione degli altri utenti la mia esperienza. Un saluto a tutti, Stefano.
×