Vai al contenuto

Midgardsormr

Scrittore
  • Numero contenuti

    2.584
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    20

Midgardsormr ha vinto il 16 agosto 2013

Midgardsormr ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

468 Straordinario

Su Midgardsormr

  • Rank
    Drago e Tigre
  • Compleanno 17 gennaio

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://www.jamendo.com/it/list/a122239/rising-sun

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Un luogo sconosciuto
  • Interessi
    Uno solo: la donna della mia vita.

Visite recenti

8.797 visite nel profilo
  1. Midgardsormr

    Parabola savanologica

    Chiunque tu sia, grazie. Questa è la storia migliore che abbia letto da mesi a questa parte. Anche perché comunque ho letto gran poco. Magari se mi impegnavo di più trovavo qualcosa di meglio... ma probabilmente no. Non so perché ma mi sono immaginato Giovanni e sua madre con accento napoletano. Forse per quel "c'è un casino di pazzi" a inizio pezzo. Bel lavoro.
  2. Midgardsormr

    Mid è il mio nome

    A te! Buona giornata, buona lettura e buona scrittura!
  3. Midgardsormr

    Ruggine

    Piacevole. Il finale è un po' "telefonato", probabilmente perché durante il racconto hai calcato talmente la mano su "acqua" e "fare ruggine" che non ci si poteva aspettare qualcosa di diverso (anche se, lo ammetto, fino alla fine ho sperato in un colpo di scena). Piccolo appunto. "Fare scienza" mi sembra un'espressione così distaccata, impersonale e generica rispetto al resto del racconto, basato tutto sulle debolezze e i fallimenti della protagonista, che mi sembra quasi stonare nel testo. Avrei preferito qualcosa di più personale: cosa studia esattamente questo personaggio? Forse è solo una mia impressione, ma questa frase mi sembra un'occasione mancata, soprattutto in un breve racconto come questo, in cui ogni spazio per definire i personaggi dovrebbe essere sfruttato. A parte questo, un buon racconto. A rileggerti.
  4. Midgardsormr

    Mid è il mio nome

    E come dimenticarlo? Ho passato ore e ore in questo forum. Vedo tanti volti nuovi, ma fa molto piacere vedere anche alcuni della vecchia guardia.
  5. Midgardsormr

    Mid è il mio nome

    Grazie Unius! È passato davvero tanto tempo (il tuo avatar era Adso, all'epoca... mi sento vecchio ).
  6. Midgardsormr

    Notte prima del volo

    Tutto sommato una buona pagina di impressioni. Come detto altrove non vado matto per questo genere di racconti "senza trama", ma la tua scrittura è abbastanza fluida e si lascia leggere con piacere. Una sola nota, poco importante e di carattere prettamente tecnico, riguarda gli accenti. Spesso usi accenti acuti e gravi indistintamente, ma non è corretto. Alcuni esempi: Sono errori sistematici nel testo e non riesco a capire a cosa siano dovuti, perché in certi casi usi l'accento giusto e in altri no (ci sono anche parole accentate quando l'accento non ci andrebbe, e altre che vorrebbero l'accento ma non ce l'hanno). In ogni caso volevo segnalartelo, e se dovesse esserti utile qui sotto puoi trovare un riferimento alla grammatica relativo all'uso degli accenti: http://www.treccani.it/enciclopedia/acuto-o-grave-accento_(La-grammatica-italiana)/ Se usi Office/LibreOffice/OpenOffice tutte le parole in questione dovrebbero essere evidenziate dal correttore automatico. In ogni caso un pezzo piacevole, e un buon esercizio di scrittura. A rileggerti.
  7. Midgardsormr

    Un saluto a tutti i sognatori

    Benvenuta!
  8. Midgardsormr

    Carbone e Diamanti - Il Funerale

    Non ho tempo di lasciare un commento esaustivo ma... Uao. Complimenti per la scrittura. Scorrevole, incisiva, energica al punto giusto, fatti salvi i rilievi che ti hanno già fatto notare. Ma si tratta di roba da correzione di bozze, niente più. Se devo essere sincero al 100%, questo genere di racconti in cui trama e sviluppo lasciano spazio a impressioni e schizzi di vita non sono il mio pane. Ma nonostante tutto mentirei se dicessi che non mi è piaciuto. Di nuovo complimenti. Spero di poter leggere altri tuoi scritti, magari più lunghi o strutturati. Alla prossima.
  9. Midgardsormr

    Mid è il mio nome

    Grazie @bwv582 (gran bel nick... e gran bel pezzo! ). La firma nemmeno la ricordavo, temo sia lì da qualche anno, se è contraria al regolamento la rimuovo immantinente. In ogni caso non aspettarti granché, ho studiato pianoforte e composizione, ma al contrario di te non ho preso il diploma in nessuna delle due materie. Ci si legge in giro.
  10. Midgardsormr

    [MI 116 - fuori concorso] Incontro diplomatico

    Commento lampo giusto per riprendere un po' la mano, sono anni che non lo faccio. Quindi non garantisco sulla qualità del mio intervento. Discreta atmosfera, intrigante l'idea di usare personaggi storici in un fantasy. Altri hanno già detto molto per quanto riguarda la forma, e io mi ritrovo particolarmente nei commenti di AndC. Trovo che ci siano alcuni problemi di registro nel frammento: alcune parole suonano troppo auliche o desuete, altre troppo comuni e colloquiali. Per fare un esempio, io non userei mai "atro" nella stessa scena con "far saltare il tetto" o "a colpo d'occhio". Ci sono alcuni di questi contrasti che mi risultano indigesti. Questione di gusti, forse. Non sono molti, ma sufficienti a farmi alzare il sopracciglio. E come dei piccoli graffi su un vinile di musica classica, sono sufficienti a distrarmi e a non farmi godere appieno il tuo pezzo. Un altro appunto che vorrei fare riguarda la scelta delle parole. Per esempio: Impreciso. Il messaggio passa comunque, ma il termine usato non è dei più adatti: "vocabolo" si usa in ambito linguistico per indicare un elemento lessicale autonomo. Si tratta di un tecnicismo, e stona in un racconto fantasy, come se Gandalf si mettesse a parlare di etologia ne "Il Signore degli Anelli". Per quanto simile nel significato, "vocabolo" non è sinonimo di "parola" e si usa in un ambito differente. Altro esempio: "Scolpire" è un verbo difficilmente riferibile al metallo, perché significa letteralmente "lavorare un materiale asportandone parti per ricavare figure, incisioni o scritte". Il metallo non si "scolpisce", ma si "modella", specie se si tratta di un'armatura che talvolta non viene scalfita neppure dai colpi di un'arma. A meno che essa non sia costituita di un materiale simile alla pietra o al legno (e non mi risulta da questo frammento), "scolpire" non è il termine adatto. Ci sono una decina di scelte lessicali analoghe a queste, nel racconto. Come detto, il messaggio passa comunque ma i termini utilizzati sono imprecisi, e possono rovinare l'esperienza dei lettori più esigenti (come me... sì, sono pignolo e me ve vanto ). Infine una nota sullo stile. Ognuno ha il proprio modo di scrivere, e non esiste uno stile "corretto". Tutto sommato la prosa di questo estratto mi sembra piacevole alla lettura, nonostante quanto segnalato da me e dagli altri. L'unico limite, secondo me, è che esagera con gli aggettivi nella descrizione. Alla comparsa di Aeda ci sono ben 6 sinonimi di "nero" nel giro di 4 proposizioni: "nera", "scura", "atra", "buie", "tetre", "cupi". C'è di che compilare un dizionario... L'abbondanza di aggettivi e apposizioni si ritrova in quella che sembra quasi la cifra stilistica del testo, ovvero gli aggettivi usati in coppia nelle descrizioni: Se a questo aggiungiamo che, a esclusione del discorso diretto, i sostantivi del racconto sono quasi sempre accompagnati da un aggettivo, un'apposizione o un complemento di specificazione, arriviamo a uno stile eminentemente descrittivo che però risulta anche molto statico e pesante. Personalmente non ho problemi a leggere alcune pagine scritte in questo stile, ma se il racconto fosse stato lungo il triplo forse non sarei riuscito a terminarlo. Con questo non voglio dire che il racconto è scritto male, nient'affatto. Credo solo che alcune parti potrebbero trarre vantaggio da una sfoltita generale. Ecco, questo è quanto. Spero possa esserti utile. Ribadisco che il testo è valido, e ha secondo me solo bisogno di un po' di editing. Spero di poter leggere altri frammenti ambientati in questo tuo mondo.
  11. Midgardsormr

    Mid è il mio nome

    Grazie!
  12. Midgardsormr

    Mid è il mio nome

    Ciao a tutti. Che strano ripresentarsi qui dopo tanto tempo. Ma è giusto, il sito è cambiato tantissimo, e dovrò imparare tutto daccapo. Probabilmente la maggior parte di voi non si ricorda di me. Mi chiam(an)o Mid, sono stato utente del forum per quattro anni prima di scomparire. Life happens. Sono tornato, non so per quanto: ultimamente sono volubile e le mie intenzioni sono mutevoli. Potrei star qui per altri quattro anni, oppure potrei andarmene di nuovo nel giro di due giorni. Amo il fantastico e le storie ben scritte. La mia pignoleria per la forma è proverbiale, e vi farà venire l'ulcera. (Ri)abituatevi. Sono un musicista mancato e un gran giocatore, soprattutto di giochi da tavolo, di ruolo, e strategici. Sono fuggito dall'Italia perché non mi voleva, e ora vivo in Irlanda, dove lavoro nell'IT. Ero un nipponista, ma il mio giapponese è molto arrugginito. Be', chissene. Ringrazio chiunque abbia letto fin qui. Bíodh lá maith agat, buona giornata a tutti.
  13. Midgardsormr

    Creep Advisor (scadenza 31/03/2015)

    Un'iniziativa di Escrivere.com, per brevi racconti horror (12mila-35mila caratteri), ambientati in luoghi reali di cui si conoscono miti o leggende popolari. L'obiettivo è di realizzare una specie di "guida turistica dell'orrore". È possibile partecipare al concorso inviando fino a 2 racconti. I racconti possono anche essere corredati da foto e/o illustrazioni. I racconti selezionati verranno pubblicati in un'antologia distribuita gratuitamente. Qui il bando completo del concorso: http://escrivere.com/groups/collaborazioni/forum/topic/bando-completo-di-creep-advisor/
  14. Midgardsormr

    Pagamento dell'autore dalla millesima copia in poi

    Quel contratto sembra la versione editoriale di stage che vengono offerti da molte aziende ai neolaureati: lavora (gratis) per noi, in cambio avrai un'esperienza da aggiungere al curriculum. Nel frattempo quelle aziende si arricchiscono con manodopera spesso volenterosa, motivata e soprattutto a costo zero. Un'esperienza da curriculum NON È un compenso. Prova a dire ai tuoi amici di andare in un supermercato, e poi alla cassa proporre una cosa del tipo: "guardate, vi pagherò solo quando supererò i mille euro di spesa. Nel frattempo voi potrete dire di avermi conosciuto, e che io ho fatto la spesa da voi!" L'idea che la casa editrice debba essere la prima a guadagnare è sbagliato, perché non sta guadagnando sul suo lavoro ma alle spalle di quegli autori e collaboratori che verrebbero pagati dopo. Come dire che una fabbrica assume operai, ma comincerà a pagare gli stipendi solo se il prodotto sarà arrivato a una certa soglia di vendite. Non esiste.
  15. Midgardsormr

    Ebook e musica, questo matrimonio s'ha da fare?

    In questi giorni ho pensato un po' a quest'idea, e ogni volta che ci pensavo mi dicevo che tutto sommato non era male. Però ogni volta sentivo che mancava "qualcosa". Oggi ho capito cos'è il "qualcosa" che mi mancava, e sono passato a buttare giù i miei pensieri. Moltissimi hanno risposto che l'idea non era male, ma che la musica doveva essere adatta al testo. Un po' come la colonna sonora di un film. Però, al contrario del film, la lettura è personale. Mi spiego. Il film è un prodotto finito. Comunque, è "più finito" rispetto a un romanzo. La mediazione tra pellicola e fruitore è minima. Un romanzo ha bisogno di passare attraverso la lettura. C'è uno strato di mezzo che lo rende poco adatto all'accompagnamento di una colonna sonora, perché anche la colonna sonora è immediata, mentre il romanzo non lo è. La dimostrazione più semplice riguarda il tempo di lettura. Anche a voler scrivere un pezzo apposito per una scena thrilling, per esempio, la resa non sarà mai come quella di un film: alcuni leggeranno la scena d'un fiato, magari "lasciando indietro" la colonna sonora. Altri invece, abituati a leggere lentamente, saranno solo a metà scena quando la musica terminerà. Insomma, proprio per il fatto che esiste una differenza tra l'immediatezza della musica e la mediazione della lettura, un romanzo non riuscirà mai ad amalgamarsi completamente a un'eventuale colonna sonora. Si, lo so, ho scritto da cani ma spero comunque di aver reso il concetto. Diverso sarebbe invece il discorso per concept album ispirati alle vicende di un romanzo. Però in quel caso la lettura e l'ascolto non dovrebbero essere concomitanti. Semplicemente per il lettore la musica diventerebbe un'estensione del romanzo quando non sta leggendo. Similmente a quanto detto da elphie.
×