Vai al contenuto

Ilaris

Lettore
  • Numero contenuti

    102
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

20 Piacevole

1 Seguace

Su Ilaris

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

223 visite nel profilo
  1. Ilaris

    Premio CCC - Urania Mondadori scad. 31/08/2020

    @Ezbereth Grazie della dritta! Ho proprio voglia di provare a scrivere qualcosa di fantascienza
  2. Ilaris

    Mezzogiorno d'inchiostro 139 - Topic ufficiale

    Complimenti ad Almissima e a tutti i partcipanti!
  3. Ilaris

    [MI 139] Un ridente paesino

    @apazienza @Edu Grazie mille Sono contenta che apprezzi lo stile della prima parte . Sulla seconda concordo pienamente che è sbrigativa. Come scrivevo in risposta ad altri commenti ero indecisa se postare il racconto proprio perché non convinceva neanche me. Avevo pensato a una ripicca, ma mi ci sono incartata e mi ci voleva più tempo per scriverla come volevo...
  4. Ilaris

    Mezzogiorno d'inchiostro 139 - Off Topic

    Contavo di poter lasciare impressioni lampo su tutti i racconti, ma in questi giorni sono un po' incasinata... Bravi tutti, è un vero piacere partecipare
  5. Ilaris

    [MI 139] Un ridente paesino

    @Ippolita2018 @Spidocchiatore @Macleo Grazie mille, mi fa piacere che l'abbiate gradito @Ippolita2018 Colpito e affondato! Da una parte la morale da libro Cuore, che non richiedeva reazioni particolari e potevo tagliarla là; dall'altra parte il finale frettoloso (per una storia di dispetti mi ci voleva più tempo, mi ci stavo incartando).
  6. @Karl Rossmann Secondo me non c'è un trucco in malafede, piuttosto una sorta di infiltrazione in una falda acquifera che quando il PIC è nato, nel 1985, era limpida. Mi lasciano perplessa dei testi (parlo sempre di letteratura non di genere) con uno stile avvitato su se stesso, delle storie sfilacciate, autori per lo più usciti dalle scuole di scrittura. Chiaro: i gusti sono gusti, io sono una capra ignorante, io sono una capra ignorante (ripetizione voluta) e tra qualche decennio avranno avuto ragione loro, al di là di entusiasmi di nicchia e gusti del momento. Che dire, leggi qua e là, vedi i muri di gomma alzati dalle segretarie del PIC quando qualcuno avanza dei dubbi: ultimamente mi sono fatta un'idea. Se mi sbaglio, e le mie antenne sono guaste, ci rimetterò solo io spendendo un po' di più della quota per ottenere valutazioni esaustive (perdere i miei cento euro non li farà andare in fallimento). Ma almeno non mi illudo inutilmente
  7. @Lucio Siciliano Perché? Anzi fanno bene a dare tempo a chi vuole partecipare. Approfitto per fare una considerazione, che condivido con voi indirizzandola soprattutto a me stessa: io credo, aldilà delle delusioni e delle false speranze, che dobbiamo essere capaci di valutare il nostro testo alla luce della loro dichiarazione di intenti, ben chiara sul loro sito, e soprattutto leggendo (parlo di mainstream, che mi riguarda) i testi dei finalisti. Che ci piacciano o meno, queste sono le loro scelte. Ognuno è padrone in casa sua. Se accettiamo le regole partecipiamo, altrimenti no. Non è l'unico concorso. Una volta riconosciuto che non rientreremo mai nella rosa dei papabili, non bloccheremo il testo per dieci mesi e spenderemo i soldi della quota, con una piccola aggiunta, ottenendo delle schede di valutazione dettagliate e soddisfacenti in tempi più rapidi, rivolgendoci a fior di professionisti con nome e cognome. Così siamo contenti tutti
  8. ciao @Luke_85 In realtà non volevo andare fuori topic parlando della Einaudi, forse mi sono espressa male, volevo solo ricollegare la battuta scherzosa di Stefano Deda al Premio Calvino
  9. @Stefano Deda Te lo auguro e in bocca al lupo, ma temo si scomodino con gli esordienti solo se hanno la fascetta
  10. Ilaris

    [MI 139] Un ridente paesino

    @Garrula Grazie per l'apprezzamento
  11. Ilaris

    [MI 139] Non era la stessa cosa

    ciao @Garrula Il racconto ha una logica ben sviluppata. Uno dei due ha il coraggio delle proprie azioni, dall'atto della confessione all'abbandonare il seminario perché riconosce di avere dei desideri che non gli permettono di condurre una vita ipocrita come invece fa l'altro. Per lo meno, questa è la lettura che ne ho fatto io. Non so se fosse il tuo intento finale, ma si sa, qualche volta il lettore può leggervi altri significati. Descrizione molto bella Piaciuto molto, complimenti!
  12. Ilaris

    [MI 139] Un ridente paesino

    Ciao @Emy piacere mio Rifletto volentieri sui tuoi utilissimi appunti. Chi scrive deve sapere l'effetto che fanno le parole che usa. Solo sui seguenti punti, ti spiego il perché delle mie scelte (fermo restando che potevano essere scritte meglio): All’inizio ho messo solo "schiuma". Poi ho fatto una riflessione pseudo scientifica: la schiuma galleggia, e l’acqua nei serbatoio viene pescata in basso, non in superficie. Quindi l’unica soluzione, per farla arrivare al rubinetto, era mischiarla all’acqua. Lo sbattere sul lavello ha poi creato, dal fluido misto in uscita, la schiuma vera e propria Il raccontino dipinge una situazione talmente banale che infatti l’ho dovuta rendere più sotto forma di “quasi” sceneggiatura che di narrazione vera e propria. Staccare l’immagine dei due alla finestra che guardano verso la casa del vicino e riprendere con il vicino appoggiato alla staccionata mi sembrava il modo migliore per collegare visivamente la prima parte alla seconda. Dalla tua perplessità capisco che forse non funzionerebbe neanche sullo schermo. Sono contenta che sia stato gradito, soprattutto perché ero indecisa se postarlo. Se l’avessi allungato mi sarebbe piaciuto ancora meno Ti ringrazio davvero molto per avermi dedicato il tuo tempo e la tua competenza. Spero vorrai farlo ancora, in futuro!
  13. @ivalibri Le schede dovrebbero arrivare entro la fine di luglio, non ricordo dove l'ho letto, lo dicevano proprio loro.
  14. @ivalibri Ah no! Non parteciperò mai più. Meglio capirlo tardi che mai
  15. Ilaris

    [MI 139] Un ridente paesino

    @Almissima @Poeta Zaza @m.q.s. grazie mille! sono molto contenta che l'abbiate gradito @ m.q.s. grazie per gli appunti, ma questa: Profuma? è nel dialogo, e si dice comunque
×