Vai al contenuto

GiorgiaScalise

Operatore Editoriale
  • Numero contenuti

    10
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

12 Piacevole

2 Seguaci

Su GiorgiaScalise

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 30/05/1992

Contatti & Social

  • Sito personale
    https://unaeditortralerighe.wordpress.com/

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. GiorgiaScalise

    [Editor] Giorgia Scalise

    Nome: Giorgia Scalise Professione: Editor, correttrice di bozze, lettrice editoriale Sito: https://unaeditortralerighe.wordpress.com/ Social: https://www.facebook.com/unaeditortralerighe Laureata in Lettere e in Filologia Moderna, ho svolto un tirocinio di quattro mesi presso Fandango Libri nel corso di un master in “Mestieri della scrittura e dell’editoria dall’artigianato al digitale”, durante il quale ho studiato sia storytelling sia pratica editoriale. Leggo e scrivo in inglese.
  2. GiorgiaScalise

    [Cerco] Editor / Correttore di bozze

    Ciao! Ho visto il tuo annuncio e ho pensato di propormi. Laureata in Lettere e in Filologia Moderna, leggo e scrivo correntemente in inglese. Ho conseguito in master in Mestieri della scrittura e dell'editoria dall'artigianato al digitale e, oltre ad aver svolto un tirocinio di quattro mesi presso Fandango, ho lavorato in passato con autori che volevano pubblicare self. Anche per questo, ti consiglio sinceramente di non affidare l'editing e la correzione di bozze alla stessa persona: più si rilegge un testo meno si notano gli errori, quindi l'editor farà una fatica immensa a lavorare poi alla correzione di bozze, specie se non ci sono periodi di stacco tra una lettura e l'altra, e ti darà risultati inferiori a quelli di una persona che approccia il testo con occhi puliti. Le tecniche che si possono usare per imbrogliare il cervello sono poche e funzionano solo fino a un certo punto. Detto questo, posso farti un preventivo per il line editing e fornire una prova di come lavoro su un massimo di due cartelle. Se ti interessa, puoi inviare il testo integrale a unaeditortralerighe@gmail.com
  3. GiorgiaScalise

    Gruppo Fandango

    Figurati, @Silverwillow Personalmente, leggere le proposte editoriali era la parte dello stage che ho amato di più. Se riuscirò a mettere di nuovo piede in una CE, l'accumulo di manoscritti sarà l'ultimo dei loro problemi! 😂 Anche se stare in stand a PLPL è stato meraviglioso. Poter parlare a ruota libera dei libri, spingere senza pietà i tuoi preferiti, cercare il libro perfetto per il lettore indeciso... mi è piaciuto così tanto che non vedo l'ora di rifarlo! Ho pure ottenuto una copia autografata di Febbre (non mi stanco mai di ribadire quanto amore si merita), che custodirò per sempre come un tesoro.
  4. GiorgiaScalise

    Gruppo Fandango

    @Loryzo io posso assicurarti che non li ho mai visti ignorare nessuno. Se ti hanno dato le loro mail, presumo si aspettassero che inviassi il testo. Ad autori venuti a PLPL per fare la tua stessa richiesta hanno più volte risposto "certo, può mandarlo all'indirizzo x.y@z.it" senza farsi il minimo problema e anche a chi ha chiamato al telefono per fare la medesima richiesta. Questo è quello che posso dirti perché l'ho visto con i miei occhi. Così come posso confermarti che, pur con i loro tempi, li ho sempre rispondere ai testi ricevuti.
  5. GiorgiaScalise

    Gruppo Fandango

    @Loryzo non so dirti perché non lo abbiano fatto. Posso rispondere solo di quello che ho visto nel periodo in cui sono stata con loro.
  6. GiorgiaScalise

    Gruppo Fandango

    A valutare valutano. Io personalmente ho fatto qualcosa come una trentina (forse di più; dovrei contarle) di schede di lettura per loro, tra testi italiani e inglesi. Di cartacei ne ho fatti pochi, anche se ho visto una bella catasta dove li tengono, perché: a. dovevo alternare con la revisione delle bozze (non solo di testi in uscita, ma anche folder & co.); b. perché mi è stato più volte chiesto di dare priorità ai testi che arrivavano sulle mail personali della direttrice editoriale e della editor di narrativa. Specifico, però, che la maggior parte erano invii spontanei. Solo gli stranieri e uno o due italiani venivano da agenti. Verso fine novembre mi fu chiesto di dare loro una mano a svuotare la mail della segreteria, ma in redazione avevamo le bozze che ci uscivano dagli occhi e PLPL in arrivo (deadline infernale, perché devi chiudere tutto prima che inizi, visto che passerai la giornata intera allo stand), quindi non ho potuto contribuire, né so se lo abbiano poi fatto. So che non rispondono man mano che valutano, ma a "blocchi": accumulano un po' di risposte e le mandano nei momenti buchi. Di solito, se il testo ottiene una prima valutazione positiva, gira per la redazione e si raccolgono i pareri per decidere se sì o se no. Anche per questo ci vuole tempo. In più ci sono periodi di fermo come la fiera di Francoforte o PLPL. E adesso ci si è messo pure il Covid.
  7. GiorgiaScalise

    Gruppo Fandango

    Ho avuto il piacere di svolgere un tirocinio di quattro mesi (settembre - dicembre 2019) presso Fandango Libri. Esperienza meravigliosa. Potrei parlarne per ore senza stancarmi; eviterò perché non sono sicura su fino a dove spingermi con le informazioni, però qualche informazione mi sembra giusto darla. Fandango non è una casa editrice "grande"; loro stessi non si considerano tali e partecipano non a caso a Più Libri Più Liberi, la fiera della piccola e media editoria. Nella mia foto sono appunto di guardia al loro stand - cosa che ho scoperto piacermi da morire. Il quantitativo di testi da valutare che ricevono è tale che lo scontro risulta impari, forse proprio perché l'idea che siano collegati alla casa cinematografica li fa sembrare più grandi di quello che sono. A livello di staff, per esempio, non hanno minimamente i numeri di Mondadori... ma neanche a livello di titoli che mettono fuori all'anno. Per quanto riguarda l'utilità di mandare loro il manoscritto, una cosa che raccontano spesso in fiera è che La bambina falena di Luca Bertolotti è arrivato come un signor nessuno in mezzo a tanti altri e li ha subito convinti. A gennaio di quest'anno l'autore ha pubblicato il suo secondo libro, Poliestere. Non è una cosa da tutti i giorni, ma accade. A proposito di questo, passare per il loro stand a PLPL e chiacchierare è un'ottima cosa e ho visto più volte le editor dare la loro mail per ricevere manoscritti, ma evitate di lasciare roba cartacea (manoscritti, sinossi, biglietti da visita o altro): c'è un casino terribile e di solito i fogli volanti fanno una bruttissima fine. Volevo fare questo post subito dopo essermi presentata, ma ho continuato a rimandare per mancanza di tempo... e perché, tra una cosa e l'altra, continuavo a dimenticarmene.
  8. GiorgiaScalise

    Buondì!

    Grazie mille, @Befana Profana! Le spallate fanno sempre un po' male, ma per fare poi bene sul lungo termine, si spera. A rileggerci!
  9. GiorgiaScalise

    Buondì!

    Ti ringrazio! Bazzico per il WD da tempi immemori (rigorosamente nell'ombra), ma fa sempre bene rileggere il comportamento. Da gestrice di un forum mi prende tantissimo la strizza quando gli utenti non lo fanno, quindi di solito è il primo topic che apro. Qui spero di riuscire a costruire qualcosa e uscire dalla mia confort zone.
  10. GiorgiaScalise

    Buondì!

    Salve a tutti! Anche se sono iscritta da una vita e mezza, non mi sono ancora presentata, perché io e le presentazioni abbiamo un rapporto conflittuale. Non so mai cosa dire di me... eppure sono un'assidua frequentatrice di forum da più di un decennio. Ho iniziato con forum di gioco di ruolo (che frequento ancora) che mi hanno aiutato a prendere coscienza della mia passione per la scrittura. Probabilmente, tutte le mie decisioni accademiche (e lavoraive, a questo punto) si sono basate sulla mia casuale scoperta che potevo giocare scrivendo. Il passo successivo è stato realizzare che potevo scrivere racconti e romanzi, anche se le volte che ho utilizzato personaggi nati per i giochi di ruolo sono state pochissime e anche meno le volte in cui li ho usati senza cambiarli. Scrivo ancora e gioco anche, ma le due cose sono ormai binari paralleli, il che è quasi ironico. Facevo l'università, quando nella mia mente si è concretizzato il desiderio di lavorare in editoria. Tra alti e bassi, tirocini e Covid, vado avanti. Inutile disperarmi per quello che non posso controllare, quindi ho deciso che era il momento di dare una spallata al muro... e di cominciare a farlo proprio scrivendo questa presentazione. Spero mi porti fortuna, in un certo senso.
×