Vai al contenuto

Shut up and sleep

Scrittore
  • Numero contenuti

    11
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su Shut up and sleep

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

248 visite nel profilo
  1. Shut up and sleep

    Dal banco alla cattedra

    Mio piacere @Isflores che sia passata! Si sono in grado di comporre Anche a me piace la poesia misurata, profonda e classica ma personalmente sono alla ricerca di qualcos’altro. È la ricerca! Un esercizio di stile. Forse avrai notato di come la presenza di anglicismi nella vita di tutti i giorni si stia diffondendo. Ecco, mettiamoci una bella rima con Facebook, avanti. La facciamo con notebook, che dici? poi viaggiamo ad alte velocità Wireless e chiediamo qualcosa alla Hostess. Certo potrei dire “Libro di faccia” (anziché Facebook), computer portat...ah, no, “Calcolatore” portatile (notebook), “Senza fili” e “Assistente di volo” ma come ben sai le parole conservano qualcosa che va oltre il significato e spesso è legato alle nostra esperienza. E qualcuno potrebbe giustamente ostinarsi per difendere quel qualcosa (e qui si parla della lingua) eppure è il corso a fare la storia. Io apprezzo tantissimo la poesia classica e mi piace anche leggerla ma personalmente credo che il nostro tempo è il contesto dove prendere il classico e metterlo a mollo significa utilizzare un mezzo non appropriato e inquinarlo. Andare a cavallo, aspettare al semaforo e guardare le moto che passano dal fianco e smarmittano. Può questo renderla meno nobile? Penso di sì. Lasciamo la poesia classica al classico o a chi ha questo spirito dentro di se. Io immerso nel mondo di oggi cerco di capirlo e rappresentarlo. Divertendomi, perché no? risulta così piacevole. È vero, sicuramente manca qualche verso, qualche parola mi hai pizzicato e non posso negarlo ma mi sono fermato quando ho ritenuto che nel complesso il componimento avesse acquisito la sua essenza comunicativa @Lmtb99 Ti ringrazio per l’interpretazione. È veramente schietta, diretta e oggettiva. Sul significato ci hai visto davvero lungo, mi fatto molto piacere leggerti. A presto
  2. Shut up and sleep

    Dal banco alla cattedra

    Commento La prego che scusa non regge non mi interroghi sul past tense le distrazioni mi fanno le avances di libri vissuti usati e dispense resta lo studente in trance rispondo la scuola è importantissima per capire cosa odi ad esclusione trovi quello che ti piace internet invece lo chiudi vada subito fuori indicando la porta « si, si ma.. » sembra che a lei non importa a me davvero serve quel pezzo di carta se apro quella lì voi me ne chiudete un altra Le dico che ho studiato ... conosco il progresso dalla zappa al whatsapp di adesso la via della set-up l’e-commerce stesso le barbabietole da Zuckerberg lo stato connesso le grandi influencer l’industria del sesso sulla quarantina sulla quarantena il riavvicinamento social-e la storia del premier le storie della villa, la casa al mare, il distanziamento sociale gli outfit clandestini il 5G e i nuovi telefonini questo non è il Past Tense insegna è il tempo passato! negli anni 60 produzione industriale le macchine lavorano per l’aziendale si pensava l’oggi e poi cosa farne cercavano dei modi banconote false se non fosse per gli scarichi delle cisterne avremmo più acqua dolce pensate alle carpe la tecnologia fu santa nel prendere piede “vieni verso di me ti lascio anche le scarpe!” direbbe la speranza a metà dei ‘70 se tutto si automizza staremo alla larga dalla produzione che usa la verga da quelle fatiche la famiglia alberga Allora usufruiamo di questa ricchezza che questo Past Tense è senza giustizia Io non sono bravo nel parlare inglese ma dato che un mio amico ha lasciato il paese mi sono interessato a parlare la lingua perché lavora meno e non ha famiglia ma rientra con le spese può avere una figlia !!!!!!!! !!!!! !!! ! MA VAAAAAAAAA che del tuo amico tu non conosci la schiena e del progresso - il pregresso - lo conosci appena mettiti a studiare te lo dico spesso ??? parla di pregresso mentre fa il regresso !!!!! BASTA VADO FUORI KE MI SENTO OPPRESSO! Lei che vuole ragione non la si da a priori Intanto io col web ne so più dei miei genitori duemilaventi
  3. Shut up and sleep

    Intuizione

    Complimenti @Lollowski 👏🏻 Personalmente sono di gusti difficili ma questa mi è piaciuta. Innanzitutto: l’ambiente e la sua collocazione nel tempo. Il fatto che tu parta con Per poi riprendere con un Fino al seguente Ricrea un effetto “time laps” perché si ha la possibilità di visualizzare il cielo e il suo movimento in relazione a quello che accade e anche l’enfasi attraverso la quale. Senza mettere da parte gli aggettivi che accompagnano più che dignitosamente le modalità e voglio fare presente di come tutto converge e si stringe al pensiero dell’autore che mette a fuoco l’interrogativo. L’immagine dell’insetto è veramente impeccabile! Viva e ricca di particolari e nonostante questi tendano a fotografare il momento questo conserva la sua dinamicità e non si appesantisce. Un po’ più semplice la conclusione ma comunque efficace, non aggiunge peso al componimento e l’equilibrio che c’è in questo alternarsi di pieni e spazi accompagna bene creando un buon ritmo. Alla terza lettura forse qualcosa c’è che mi fa storcere il naso ma è la prima per me quella fondamentale e avendola sinceramente apprezzata non voglio neanche sforzarmi per cercare di capire cos’è Con molto piacere, a presto!
  4. Shut up and sleep

    HEY!!

    @Poeta Zaza solitamente la notte mi vengono tante di quelle cose in testa... che se si deve dormire non ne parliamo proprio! I pro e i contro ci sono ad esempio riesco a produrre di più, solo che... non so se hai visto l’altro ieri ho pubblicato “Le palle indolenzite” e se questo è il titolo di una poesia ti lascio immaginare. Per di più Shut up and sleep mi piace perché è provocatorio, nel caso in cui qualcuno non volesse proprio dar conto a delle opinioni avverse @mercy Grazie del benvenuto! Ecco, riconosco che la scrittura richiede tempo, impegno e costanza. Per me la creatività è un muscolo da tenere allenato, ad esperienza personale, quelle volte che mi sono fermato è stato difficile ricominciare sia per assenza di stimoli sia per una macchinosità nel processo questo forum potrebbe essere un valido compromesso per dilettarsi con leggerezza, senza pensieri, in esercizi di stile
  5. Shut up and sleep

    Lunghezza in versi di una poesia

    Ciao @Ugo1951 il titolo è il titolo il verso è l’insieme di parole contenute in una riga che possono essere distribuite come ben saprai in distico, terzine, quartine ecc. questi raggruppamenti che formano la strofa sono solitamente seguiti spazi bianchi considerati pause quindi non contano come versi per le note bisogna vedere il regolamento del concorso, spero di essere stato d’aiuto
  6. Shut up and sleep

    Le palle indolenzite

    Grazie tante! apprezzo molto Giá il fatto che sia stato percepito l’argomento per me è un grande successo e sono molto felice di ciò proprio il trattarlo con così poca sensibilità indica il mio scarso interesse/coinvolgimento emotivo e devo dire che la forza del parallelismo dell’immagine non è molto d’aiuto perciò temevo che questo ne oscurasse il vero significato, invece mi lasci piacevolmente sorpreso Scanzonati saluti!! A presto
  7. Shut up and sleep

    Le palle indolenzite

    Piccola nota: Per una lettura esaustiva l’ultima parte va letta togliendo {( l’imballo )} , esatto proprio via dalle balle! È un “rompi.......capo” è anche significativo ma se non colto interrompe il flusso quindi per una seconda lettura: provare per credere 👍🏼
  8. Shut up and sleep

    Le palle indolenzite

    Commento: Le palle indolenzite Oi, oi, oi palle mie! Perché dolete? che sia la noia? che sia la gioia? Chi-chessia! ma a casa mia che sia poesia se i pantaloni li porto io! A gambe accavallate è meglio che vi disparate che poi se vi intrecciate lamentate e disperate ma vi devo ricordare delle pazze peripezie per le scale a due a due circensi anatomie e poi ognuna per le sue dai fianchi alla vita tappeto elastico da sballo è lo sfianco di sta vita appesa sempre alle mie già, l’ultimo “che sballo” è il ballo che fa mercanzie {(senza imballo)} e se il farlo è da belle amicizie al fuori dalle balle ... il bello? L’intimo sarcasmo
  9. Shut up and sleep

    Ad un metro da te

    Ciao!! Spero che tu sia aperto alle critiche ovviamente parlo per gusto personale e vorrei iniziare analizzando la struttura del tuo componimento che è molto irregolare e quasi priva di ritmo, per quanto in grado di percepirne un minimo intenzionale rimane comunque molto restio. Inizialmente diciamo che promette bene, insomma...si legge l’intenzione di voler essere breve e conciso per lasciare quel vuoto che crea spazio ai sentimentalismi e di solito funzionano bene, soprattutto seguiti da un introduttivo esplicativo come quello del titolo in questione! Eppure a parer mio rimane un po’ troppo macchinoso. Secondo me il punto forte di blocchi brevi e concisi è che siano sincroni ma se non lo sono, già dall’inizio percepisco una difficoltà ad immedesimarmi. Superata la prima parte è tutto molto scorrevole ma ormai i versi hanno perso non di poco il proprio valore perché la loro sequenza si inizia ad interpretare come la ricerca di una pausa che possa ricreare “effetto” quasi come a riempire/gonfiare lo stesso e allora si lascia perdere e si inizia a cercare di valorizzare altre cose come gli ambienti, le dimensionalità e le immagini che dovrebbero essere distribuite in maniera più equilibrata. Secondo me, quando si prende per mano il lettore bisogna guidarlo in un viaggio e preparare il terreno per ogni figura che gli si vuole presentare ed è fondamentale affinché possa venirne piacevolmente sorpreso. Certo ci sono momenti salienti e alcuni molto forti che vanno a creare contrasto ma è l’insieme che conta e anche in questo caso è la somma a fare il risultato. Potrebbero sembrare minuzie ma fidati! È stato un piacere, a rileggerti 👋🏻
  10. Shut up and sleep

    HEY!!

    Ciao a tutti sono “nuovo” o meglio, tempo fa mi iscrissi ma senza ne presentarmi ne essere attivo. È giusto per sperimentare un po’ di scrittura, insomma trovare un modo per tenermi allenato con qualcosa di semplice ed immediato che mi dia la possibilità di avere un confronto diretto con qualcun’altro. Questa situazione del forum sembra intrigante perché poco impegnativa e magari trovando le giuste sezioni credo di poter trovare quello che cerco ovvero una continuità personale per evitare di “perdere punti” creativamente parlando. Quali sono state le vostre esperienze? Il forum vi ha dato tanto? Vi ha fatto crescere? Grazie per il vostro tempo e la vostra attenzione. A presto!
×