Vai al contenuto

ranocchio

Utente
  • Numero contenuti

    47
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

28 Piacevole

Su ranocchio

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 31/10/1960

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Leggiuno (Varese)

Visite recenti

1.966 visite nel profilo
  1. ranocchio

    [Editor] Domenico Russo

    Insomma! Tutti questi complimenti. Sì, concordo, è bravino... ok, bravo. Uff! Va bene, è molto bravo. Ma di quando appare mestruato ne vogliamo parlare? In quei momenti ti smonta come fa un bambino con il meccano. Come cos'è il meccano? Ma dai... Ah! Vero... sono antico, ma te, che leggi i feedback e non conosci "il mostro"... fidati. Il grande dei problemi è che,a questo scaraffone, poi ti ci affezioni e se non chiama o invia i suoi commenti (quasi) ti manca. Quando fissa "l'appuntamento telefonico" non sai cosa aspettarti: ti armi, metti l'elmetto e lui, serafico, (di solito) parte con: "Buonasera (o buongiorno) Xxxxx, tutto bene?" Troppo educato! Anche quando ti martella è troppo educato. Ok! Anche simpatico. E capace. Di mestiere è polistrumentista: un poco fabbro con la lima, un poco (sempre fabbro) che salda qui e là, un poco pescatore che ti abbocca una soluzione che avevi dentro, un poco falegname che modella le forme. Se ha difetti? Hai voglia! Cecato, risata contagiosa, non sa farsi pagare il giusto e... amico mio, spero. Sì, perchè sebbene estremamente professionale ha la capacità di saper discorrere come si farebbe seduti ad un caffè. Alla pari, intendo. Per l'appunto da amico. Se te lo consiglio a te che cerchi un editor? No... sono geloso. Grazie. M.
  2. ranocchio

    Libri per ragazzi in CAA

    Carissima @Ezbereth (perdona,ma il tuo nome non mi si illumina ), quando ho letto CAA sono sobbalzato sulla sedia! Ti scrivo in privato.
  3. ranocchio

    Baldini & Castoldi Editore

    Grazie JaV, della presenza, dei consigli, delle bacchettate... mi auguro che una persona altrettanto "nobile" della tua ex CE possa essere d'aiuto quanto lo sei stato tu. M. PS : comunque panino e birra rimangono sempre validi
  4. ranocchio

    [Editor] Franco Forte

    Se ti confessassi perchè scelsi proprio loro per avere una scheda di valutazione credo che ti metteresti a ridere: mi piaceva la grafica del sito . Bontà di scelta che si è rilevata positiva anche nella lunga scheda che mi arrivò (a firma di Francesco P.). Se mi è stata utile? Direi di si. Innanzitutto perchè, comunque, hai uno spassionato giudizio al di là dei soliti noti (amici, famigliari....) e poi il cast era di un certo spessore. Sul fatto della schiettezza devo dire che la prima rapida (quasi spasmodica) lettura della loro scheda mi alterò un poco ( compreso l'attorcigliamento conseguente degi zibedei). Poi, a bocce ferme, capii che alcune cose (presunzione innanzitutto) andava parcheggiata e iniziai a rivedere e correggere secondo quanto capii dalla loro relazione. Ha funzionato? Non lo so, di certo mi ha giovato a livello di sintesi. Valutazione e editing : Ai tempi che feci fare la valutazione dello scritto si: potevi scegliere. Ora non so come sono le loro strategie di mercato (anche se desumo uguali). Di certo l'editing è quel pelo dispendioso con loro, ma non posso dire che questo sia da considerarsi "ladrata" non avendolo usufruito. WestEgg vs Il Quadrotto : Beh!... domanda difficile. Credo che la stessa capacità di analisi l'abbiano anche i ragazzi del Quadrotto, ma a loro mandai la versione "potata" e quindi... non saprei risponderti... sarebbe uno scontro ad armi impari e i ragazzi del Quadrotto non rilasciano relazione scritta (se questo possa essere discriminante). Ciao M.
  5. ranocchio

    [Editor] Franco Forte

    West Egg : ho avuto contatti con questo studio e mi servii della loro professionalità per avere un parere. Con il versamento di un obolo (non so se fu congruo,ma comunque e a quei tempi per me abbordabile) stilarono una scheda della prima versione (molto grezza) di quanto sto cercando di pubblicare (o autopubbicare) adesso. I tempi di lettura e "verdetto" furono di circa un mese/mese e mezzo. Proposero l'editing con sforbiciate a livello di potatura "foresta amazzonica", ma mi fermai alla scheda. Sulla base di questa rividi il mio "romanzo" e devo dire che (probabimente) mi diedero uno spunto per calibrare meglio la ma intraprendenza. Gentili e spietati (non te lo mandano a dire: se è buono ti incoraggiano, se non è buono consigliano altro). Credo che tra lettura e editing si raggiungano le cifre menzinate in questo topic (a meno che siate eredi di Umberto e lo scritto sia di sè già perfetto). Il Quadrotto : a parte la gratuità della lettura e il loro rientrare pienamente nelle "mie corde" (non fondamentale come ago di giudizio, naturalmente) si approcciano all'aspirante scrittore con fare umile e non cattedratico e, ancor di più, grazie alla loro filosofia di aggregazione (la loro sala lettura in Roma mi fa letteralmente impazzire) confermano una disponibilità al limite dell'irreale. Non rilasciano schede, ma fissano un appuntamento telefonico in cui si parla dei punti di forza e delle claudicanti mancanze dello scritto. Non so se fannno editing, mi bastò la telefonata a darmi la "voglia" di cercare una CE.
  6. ranocchio

    Citazione testi canzoni

    Perdonate se mi intrometto, ma mi appare che si stia quel "pelo" sovradimensionando un cavillo (e vabbene che noi italiani siamo bravi a creare problemi burocratici, ma embè!). Partiamo da questo presupposto : sono esordiente, scrivo, ho la fortuna di essere pubblicato e nel mio testo ho inserito due strofe di una famosissima canzone che ha sbancato al botteghino, anzi... esagero: tutta la canzone! E' vero! Tutti noi siamo quel "appena appena" sicuri che la nostra opera pubblicherà migliaia di copie e... auspichiamo al divenire famosi (lo auguro a tutti), ma anche non credo che sarà la citazione a rendere famoso il romanzo. Da qui : ma secondo Voi, oltre alla difficoltà di pubblicare, fare il botto nelle vendite, diventare famosi credete (davvero) che un "Vasco Rossi" vi citi perchè avete violato un copyright di una sua canzone? Oppure che la SIAE stia a calcolare, in percentuale, quanto dobbiate al cantante ( anche se questo mi appare già più italian mode) ? Razionalizziamo. Se diventiamo famosissimi il romanzo non farà altro che incentivare le vendite anche della canzone citata (se frega a qualcuno andarsela ad ascoltare per intero); se restiamo con i piedi per terra e vendiamo qualche migliaio di copie indire una causa contro la nostra "malaugurata scelta" produrra effetti solo negativi per l'artista violato (te lo vedi un Vasco che indice causa perchè è stato citato in un romanzo e la cosa diventa di dominio pubblico : ergo figura di palta). Comunque, è un mio pensiero che non ha peso, ma il mio raziocinio dice così : un conto è il plagio che ben dista dall' analizzare, inserendola, una frase, una parte di canzone o di libro scritto da altri. Stiamo sereni, su! Ho pubblicato un libro con una CE molto conosciuta nel campo delle sue pubblicazioni. Ho citato, inserendo parte delle sue canzoni, nel mio discorrere con il lettore. Il nostro libro ha venduto circa quattromila copie. Non abbiamo sentore di cause o copyright violati... ma tant'è... Buon lavoro autori. M.
  7. ranocchio

    Pubblicare un libro: il fattore economico

    confermo il 10% (almeno questa è la mia esperienza diretta) con una medio-grande.
  8. ranocchio

    Libro pubblicato e ricavato devoluto in beneficenza

    Michela , se posso, in che campo del sociale?
  9. ranocchio

    Siete scrittori... in incognito?

    Ps: ma come si fa a correggere gli errori di un post? Leggo,in alcuni, post modificato, ma ammetto di essere impedito (o non ho capito) come si deve procedere. Scusate l'OT PS : specifico che non prendo psicofarmaci (leggi Valium)...era un battuta
  10. ranocchio

    Siete scrittori... in incognito?

    Perdona...non so cosa ho schiacciato ma è partito il post ancor prima che lo scrivessi (e questo dice tutto del mio essere "scrittore") . Mettiamola così : sì, lo sanno tutti che scrivo (parentado, amici, amici degli amici e adesso anche qui). Peccato che mi hanno sempre identificato come: " Hey, è quasi Natale, ci facciamo scrivere un pensiero da Mauro?" oppure "Hey, è il compleanno di... lui saprà cosa scrivere. Come chi? Ma Mauro!" Il vero dramma è che io non so scrivere, almeno lo scrivere come conclamato e auspicato in questo forum. Mi spiego meglio, anzi riformulo : diciamo che riesco a combinare le parole in modo così assurdo che appaiono belle. A volte risultano piacevoli addirittura a me e mi tocca rileggerle rimanendo (sempre a volte) basito! Scherzi a parte. Ho letto i vari interventi e trovo molte similitudini con quello che la vita mi ha permesso di gioire. Dal tema in quinta elementare con vergogna pubblica (io nel contempo NON ho imparato a disegnare), al fatto di mettersi di notte a "buttare" giù un pensiero. Non ho una formazione classica e nemmeno umanistica e questo risulta essere un grosso handicap : lo so, lo capisco e me lo porto a casa. Non amo leggere testi se non che siano tecnici o che parlino del volo. Vuoi per pigrizia, vuoi per mancanza di tempo. Nonostante questo enorme scoglio ho già pubblicato (insieme ad altri) e le vendite sono andate anche bene, sopra le aspettative (ti confesso che giocai facile visto che l'argomentazione trattata era di mia piena padronanza e piuttosto "poco sfruttata". Da lì mi sono quel pelo gasato e ho scritto un romanzo. No,non ho ancora pubblicato, ma attendo il verdetto. Probabimente sono una anomalia di questo forum. Non sono stressato nell'attesa (saranno le dosi di valium che mi sparo), non sento in continuazione la voglia di scrivere ma... quando mi viene (la voglia), lì mi alieno (e così incontro unacasanellospazio ). Scrivo, quasi senza pensare, come se l'immagine, l'azione fossa impressa nella mente e alla fine dello scrivere mi sento spossato, svuotato al limite dell'emicrania. L'insieme dei capitoli mi nasce così: come un puzzle che poi devo ricomporre. (Poi vi fornisco il numero della prima neuropsichiatria della mia zona). In questo modo è nato il mio romanzo e per questo, forse, ci ho impiegato quasi sette anni per redigerlo (non continuativi eh?). Cosa mi aiuta? Forse credere che il bicchiere sia sempre, e ripeto sempre mezzo pieno. Un abbraccio a tutti, M.
  11. ranocchio

    Siete scrittori... in incognito?

    Ciao @Jade13
  12. ranocchio

    Copyright sui disegni da inserire in un libro

    Approfondirò. Grazie @ElleryQ
  13. ranocchio

    Copyright sui disegni da inserire in un libro

    Ciao @Ezbereth leggo ora il tuo post. Complimenti per l'iniziativa e ti sarei grato se mi postassi il link. So che viviamo in un mondo di squlibrati ma credo che l'utilizzo di disegni recepiti nel web (mica li hai rubati!) per una pubblicazione benefica non possa essere attaccata dai soliti "avvoltoi". Una azione mediatica di una azione del genere contro la tua pubblicazione li sottorerrebbe a vita! Ma ripeto, so che il nostro mondo ha qualcosa che non funziona... quindi giusto informarsi. Nel mio romanzo (termine forse eccessivo), che è in valutazione attualmente, ho inserito delle foto (epoca del secondo conflitto mondiale) e le ho modificate trasformandole in disegni e (credo e spero) che ciò mi "liberi" dal copyright (anche se,tale dicitura e che è sempre citata ove esiste, non era presente durante lo scarico del materiale fotografico che scelsi). Posi la tua stessa domanda ad un illustratore e scrittore di libri tecnici che vive nel mio paese. Lui mi affermò che, nel caso di dubbi, bastava citare la fonte nelle note (del tipo: immagini liberamente tratte dalla rete). Gli chiederò migliori lumi e ti passo l'informazione il più correttamente possibile. Ciao M.
  14. ranocchio

    Baldini & Castoldi Editore

    ... muoro!
  15. ranocchio

    La sinossi: discussione madre

    @Ljuset ... raccolgo la mascella e cado in vergogna. Ho così da correre per raggiungerti! *sospiro*
×