Vai al contenuto

Brutus

Scrittore
  • Numero contenuti

    86
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Brutus

  1. Brutus

    Pordenonelegge 2020 [16/20-09-2020]

    Pordenonelegge 2020 Festa del libro con gli autori Quando: dal 16 al 20 settembre 2020 Dove:Pordenone e provincia Sito: pordenonelegge.it Quest'anno purtroppo a causa covid i vari incontri hanno posti limitati (e già tutti esauriti), c'è però la lodevole iniziativa di pordenoneleggeTV che permetterà anche a chi non è al festival di vedere molti incontri con autori di alto livello.
  2. Brutus

    Libri per la scrittura di gialli

    @butch ciao, quello della Grimaldi è un ottimo manuale di scrittura. Sul sito della Audino, nella pagina proprio di "Delitti e castighi" puoi trovare delle schede in Pdf scaricabili gratuitamente, molto utili per farsi un'idea di come funziona un'indagine in Italia. Comunque, per esperienza, se resti sul generico non dovresti incappare in grossi errori, se poi riesci a far leggere i tuoi scritti a un appartenente alle forze dell'ordine tanto meglio.
  3. Brutus

    Confusione tra avverbi di tempo e tempi verbali

    Sei ottimista! Allarga pure ai bambini delle elementari e ragazzi delle medie... Comunque mi accodo a quanto detto da @Marcello , certe castronerie non le ho mai lette neanche io. Poi, che nello scrivere si segua più come suona una frase rispetto al seguire pedissequamente la grammatica ci sta, non lo trovo grave, alle volte è la parola usata che stona. "Adesso" suona molto peggio che "ora", ad esempio.
  4. Brutus

    Come verificare l'originalità di un'idea?

    A mio avviso difficilmente un romanzo può arrivare ad essere una copia di qualcosa di già scritto, certo nel fantasy incappare in idee vecchie è più facile ma stile, ambientazione e variabili renderanno comunque "unica" l'opera, non mi preoccuperei troppo, visto appunto che a lavorare di fantasia qualcosa di proprio ci si mette sempre. Concordo con @leopard sul fatto che ci sono generi tecnicamente sempre uguali e generi obbligati a una minima originalità, resta il fatto, ad esempio, che nel giallo se la trama non è un problema lo sono molto spesso i personaggi. Riuscire a creare qualcosa che non ricalchi lo stereotipo del detective, poliziotto, indagatore dell'incubo è praticamente impossibile! Quindi ogni genere ha le sue problematiche specifiche.
  5. Brutus

    Calcio e squadre inventate

    Salve a tutti, ho un problema tecnico con il nuovo romanzo che vado a cominciare. Verte, tra le altre cose, su partite truccate di squadre di calcio italiane minori, diciamo da terza serie, Lega Pro o Serie C, come preferite chiamarle. Ovviamente è tutta fantasia ma non posso certo usare i nomi di squadre vere (o no?) e inserirle in un quadro da calcioscommesse/calciopoli, quindi mi ritrovo a dovermi inventare nomi di squadre inesistenti ma che risultino geograficamente plausibili e verosimili, non proprio il massimo quando il contesto è perfettamente aderente alla realtà. Non vorrei che la trama perdesse credibilità a causa di ciò. Suggerimenti?
  6. Brutus

    Calcio e squadre inventate

    Non è che non posso...è che ho paura suoni troppo poco realistico per chi legge, anche a inventarle di sana pianta finisce che le trovo comunque in qualche misconosciuta terza categoria...
  7. Brutus

    Calcio e squadre inventate

    perché (forse non l'ho detto prima) essendo il quarto di una serie che finora è stata perfettamente aderente alla realtà mi "scoccia" cominciare a inventare adesso. Mi sa che forse è meglio che cambio trama, le idee non mancano per fortuna.
  8. Brutus

    Alberi Genealogici per Storytelling

    Secondo me, programmi per mappe concettuali come Popplet son perfetti allo scopo.
  9. Brutus

    Redenzione del cattivo

    @Rogas ciao, più che poco plausibile la tua trama ha bisogno di dilatare i tempi per permettere al cattivo di redimersi. Se, per esempio, per scoprire la colpevolezza della moglie gli inquirenti ci mettessero mesi allora il marito (già a conoscenza del fatto) avrebbe modo di elaborare la cosa. Lo stesso vale per il recupero psicologico del bambino, volendoci anche qui dei mesi, il padre potrebbe riflettere nel frattempo sul suo comportamento precedente. Si tratta quindi, secondo me, di bilanciare attentamente le tempistiche del cambiamento per non farlo apparire troppo frettoloso. Buona scrittura.
  10. Brutus

    quesiti sulla Polizia di Stato

    @Gualduccig ciao, per quello che ne so innanzitutto Vice Questore e Commissario coincidono come ruolo, in pratica il vecchio commissario non esiste più, ora si chiama Vice Questore (vedi Schiavone di Manzini). Le sezioni che tu dici non credo siano subordinate alla Squadra Mobile, ma la compongono a seconda dell'importanza della Questura di riferimento. Per esempio Milano di sicuro avrà varie sezioni specifiche per ogni genere di reato mentre Pordenone avrà una sola sezione che si occupa di tutto, dipende dalla grandezza della città insomma. Inoltre è bene tenere presente che il Questore è si il superiore delle varie figure di poliziotto che tu citi, ma nulla ha a che vedere con l'attività investigativa che fa invece capo al magistrato responsabile delle indagini a cui devono dare conto i suddetti. Procuratore, sostituto o aggiunto che sia. Comunque in rete si riesce a farsi un'idea abbastanza chiara di come funziona la Polizia, altrimenti leggi qualche giallo recente di ambientazione italiana...buona scrittura!
  11. Brutus

    Dare del "Lei", maiuscolo o minuscolo?

    ...e la suocera!
  12. Brutus

    Dare del "Lei", maiuscolo o minuscolo?

    Non sono d'accordo. Un conto è scrivere una lettera commerciale o una semplice mail verso una persona con cui non si ha confidenza o non si conosce, un conto è scrivere narrativa. Visivamente io non ricordo di aver mai visto un "Lei" maiuscolo all'interno di un romanzo.
  13. Brutus

    trama e covid

    @leopard ciao, secondo me hai due possibilità. Retrodatarlo all'inverno 2019 cestinando quanto scritto riguardo maggio o continuare postdatando al 2021, ma non avendo la sfera di cristallo non sappiamo come sarà la situazione tra un anno. Altrimenti se non hai riferimenti e sviluppi già consolidati nel romanzo precedente della serie ambientalo prima di quello già scritto.
  14. Brutus

    Nero Press

    @Altrove ciao, siamo in due allora. Per curiosità, di che genere è la tua opera? Io ho spedito un giallo/poliziesco. In bocca al lupo, intanto.
  15. Brutus

    Vivere di sola scrittura in Italia

    @Shiki Ryougi da come scrivi sembra che tu debba stravolgere le tue opere per darle in pasto al pubblico. Sicura che sarà così? In ogni lavoro ci sono compromessi e non capisco perché tu sia convinta che questi possano castrare la tua libertà creativa, ma qui stiamo andando OT ormai.
  16. Brutus

    Noia

    @Evilelf se i tuoi amici ti hanno dato riscontri positivi pur conoscendo la trama non vedo motivo di farsi troppe pare.
  17. Brutus

    Noia

    Ciao @Evilelf , non è che la tua paura è solo insicurezza? Uno scrittore un minimo allenato dovrebbe capire se una storia funziona, o perlomeno non dovrebbe avere dubbi dopo 20 capitoli... A meno che tu non sia un adolescente immaturo o un individuo con ego smisurato, dovresti essere in grado di analizzare obiettivamente i tuoi scritti. La lettura da parte di un amico o conoscente è un ottimo consiglio. Per una prima impressione è più che sufficiente, non è necessario rivolgersi a uno del settore. Io ho fatto così ed è stato molto utile. Chiaramente sapevo a chi davo in pasto i miei romanzi e quindi sapevo anche da chi potevano provenire consigli utili. Ciò non toglie che anche l'apprezzamento di un lettore comune ti fa capire di non aver scritto proprio una schifezza.
  18. Brutus

    Vivere di sola scrittura in Italia

    @Shiki Ryougi Scusa la franchezza, ma se non cominci a considerare scrittura e disegno come un lavoro non ha nemmeno senso provarci. Ho amici talentuosi nel disegno che sono riusciti a renderla una professione non perché bravi a disegnare ma perché il loro approccio mentale era estremamente professionale molto prima di farne un occupazione retribuita. Ho conosciuto ragazzi dall'enorme talento artistico incapaci di gestirsi con serietà e pertanto mai in grado di sfondare. Questa è la differenza fondamentale nel cercare una via d'uscita creativa all'ordinario. Anche se sono solo degli hobby bisogna sempre metterci impegno, costanza e determinazione oltre a una buona dose di umiltà e autocritica. Sono caratteristiche fondamentali nella vita di tutti i giorni, per persone che tutti i giorni affrontano un lavoro che certo non le soddisfa, o una situazione familiare/sentimentale che non è quello che sognavano, ciò non toglie che bisogna metterci l'anima nelle cose che fai. Concludi quello che hai cominciato, ingegneria apre molte porte, cercati quella che più ti aggrada, prova, sperimenta e continua a coltivare le tue passioni, ma con passione!
  19. Brutus

    Sceneggiatura per webtoon

    Ciao @Pawn371 , da quello che ho visto in rete non mi pare di vedere qualcosa di diverso da una normale sceneggiatura per fumetto, anzi hai più libertà nella costruzione della griglia ma il concetto di arte sequenziale rimane uguale e perciò anche la scansione temporale. Hai solo una suddivisione verticale, tutto qui. Ho notato però una mediocrità in disegni e testi piuttosto generalizzata, lo confermi?
  20. Brutus

    Sulla riva

    @franka complimenti per la pubblicazione e il concorso. Il tuo mi sembra un romanzo molto intrigante lo leggerò di sicuro! Se posso farti un appunto, la copertina è bella ma mi pare fuorviante, in libreria rischi di finire tra i romance...
  21. Brutus

    Giallo geopolitico [30/09/2020]

    Ho scovato questo concorso gratuito su un sito che bazzico ogni tanto: Thriller Cafe. Riguarda romanzi sul genere giallo nel senso ampio del termine, quindi anche thriller, noir, o altro. L'opera letteraria deve essere incentrata su aree critiche dal punto di vista geopolitico. Per questa edizione si parla di Nord Africa e Medio Oriente. Per maggiori info: https://doctisardua.it/il-giallo-geopolitico
  22. Brutus

    Progettare e non scrivere

    @fogliolabile Personalmente neanche io mi considero uno scrittore perché fino a pochi anni fa, come piace a te, mi limitavo a creare storie e sceneggiarle, poi per vari motivi ho dovuto abbandonare, mantenendo questa predisposizione mentale alla creazione di storie, che mi dispiaceva lasciare nel cassetto. Così l'ho presa come una sfida personale: vediamo se riesco a scrivere (e finire) un romanzo. Venuto come sia venuto non importa, la soddisfazione di arrivare alla fine è stata tanta ed è stata anche un'ottima palestra. Scrivere è faticoso, senza dubbio, quindi se ti piace solo inventare storie potresti, visto che ti piace il disegno, provare ad utilizzare il fumetto come media per sfogare la tua creatività, puoi anche limitarti a sceneggiarle e farle disegnare a qualcun'altro (là fuori è pieno di bravi disegnatori che non hanno alba di come si scrive una storia - parlo per esperienza) oppure se comunque preferisci la narrativa cercare collaborazioni, si può scrivere un romanzo anche a più mani. Se però il tuo problema è proprio nella dicotomia scrittura naturale/progetto editoriale allora devi valutare tu quale devi forzare. Sono convinto che se riesci a scrivere racconti sei in grado di portare a termine un romanzo, per una revisione c'è sempre tempo dopo...
  23. Brutus

    I Servizi Segreti

    @Silverwillow così su due piedi mi vengono in mente di Ken Follett: Il codice Rebeca e Le gazze ladre; entrambi ambientati in quegli anni. Altrimenti il film su Turing e il codice Enigma. Ci penso e vedo se mi viene in mente altro.
  24. Brutus

    I Servizi Segreti

    @Silverwillow ti consiglierei i classici, da Le Carrè a Follett, a volte più utili di tanti saggi per carpire atmosfere e vita quotidiana. Su questo ultimo punto ti segnalo Mike Herron.
  25. Brutus

    [MI 136] Da uomo a uomo

    Traccia di mezzogiorno. DA UOMO A UOMO “Hai mangiato almeno?” Silenzio. “Sei andato al cesso?” Ancora nessuna risposta. Il grosso cane sdraiato sul divano lercio intanto continuava a sbadigliare, l’uomo in piedi si stava preparando un caffè con la moka. Indossava una canotta unta e i boxer grigi. Ai piedi infradito consumate. “Senti che puzza. Quella bestia ha bisogno di lavarsi.” Disse andando ad aprire la finestra. Il caldo agostano pervase la stanza. “Puoi rispondermi per favore? Così non possiamo continuare, lo capisci questo vero? Capisci che io ci sto impazzendo? Vedi che almeno io ci provo a instaurare un minimo di dialogo? Ma tu continui a chiuderti in questo mutismo!” Batté i pugni sui pensili della cucina. “Rispondi! Cosa vuoi che faccia? Che ti chieda scusa? Per cosa poi? Per la vita che ti faccio fare? Perché non trovo un posto di lavoro? credi sia facile campare così?” Mise la tazzina in tavola e prese la zuccheriera dalla credenza. Tolse i bicchieri e le posate. “Tranquillo, faccio io, come sempre.” Disse in tono ironico. Quello seduto non reagì alla provocazione rimanendo al suo posto. Le mani ossute appoggiate sulla tovaglia a quadretti blu e cuoricini rossi, la sua preferita. Il capo chino sul petto come a osservare il piatto di pasta ormai fredda. Non si mosse nemmeno quando il coinquilino glielo levò da sotto gli occhi. Inerme di fronte ai rimproveri del compagno. Finalmente la moka finì il suo lavoro. L'uomo in canottiera bevve nervosamente il caffè, gli tremava la mano dall'agitazione. Gettò la tazzina nel lavabo, aprì l'acqua calda e indossò i guanti da cucina. Mentre aspettava che il detersivo agisse riprese il soliloquio. “No, adesso dimmi chi è lo schiavo di casa? No perché almeno un grazie, una gentilezza, un gesto di affetto. Chiedo troppo? Si certo per te è troppo. Cosa te lo chiedo a fare.” L'animale sul divano si riscosse dal torpore. Ora guardava con interesse l'uomo che aveva cominciato a sciacquare le stoviglie. A un certo punto questi cominciò a tremare. Stava piangendo? Da dietro non si capiva. Si voltò di scatto e scaraventò il bicchiere che aveva in mano contro il muro. Andò in mille pezzi come la mente del suo proprietario. “Basta! Non ce la faccio più!” Urlò con voce stridula. Alcune schegge raggiunsero il cane che dopo un attimo di spavento cominciò a ringhiare minaccioso. L'uomo in canottiera impaurito si mise a correre, scappando fuori dell'appartamento e scendendo le scale a perdifiato. La bestia gli fu subito dietro. Quattro zampe funzionano meglio di due gambe. Prima che potesse arrivare al portone con un balzo lo raggiunse. Il peso dell'animale lo travolse. I denti aguzzi trovarono il collo magro e affondarono facilmente nella carne recidendo giugulare e trachea nello stesso momento. Nel silenzio dell'androne si sentiva solo l'aria mista a sangue che gorgogliava dalla bocca dell'uomo. Sembrava la scena di un documentario sulla savana: il leone e la gazzella. Lentamente il cane mollò la presa. Poi liberò la vescica urinando sul morto. Non per spregio ma perché dopo tutte quelle ore al chiuso non riuscì a trattenersi. Quindi si avviò soddisfatto su per le scale. Finalmente si erano liberati dal giogo di quel tiranno. Una volta rientrato in casa, con le fauci ancora insanguinate raccolse il suo guinzaglio andandosi ad accucciare accanto alla sedia dove per tutto questo tempo il cadavere del padrone non si era mai mosso.
×