Vai al contenuto

Gogo

Scrittore
  • Numero contenuti

    7
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

6 Neutrale

Su Gogo

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Il racconto comincia con la descrizione della giornata dell’11 agosto 1954, data della nascita del protagonista e prosegue con la storia dell’incontro tra i suoi genitori. Il padre, Uccio, tornato da poco a casa, dopo essere stato prigioniero di guerra, incontra per caso la sua futura moglie Rosetta, mentre attende l’uscita dalla fabbrica di sua sorella Rita. La narrazione della famiglia di Uccio, con l’ironia di un fratello e l’ingegno di adattabilità di un altro, oltre al racconto della sorella adottata, fanno da anteprima alla comparsa di un divertente personaggio: il Conte Carlo Maria Garzia de la Moncaya, la cui mamma del padre di Giorgio è figlia illegittima. Vi è, quindi, riportata, la rocambolesca storia dell’incontro fra il Conte e la bisnonna. Sono altresì riportati gli scherzi e le bizzarrie del nobiluomo e le particolari figure del Marchese Delle Fratte detto “magna-magna”, del Barone Frangipane-Casati, del Colonnello Ugo Maglio e del prete Don Gino, vittime dirette o indirette degli scherzi del Conte. Viene anche descritto il contesto economico-politico, ai tempi del Conte, con la nascente “Questione Meridionale”. Si prosegue, con il matrimonio dei genitori di Giorgio, con la descrizione divertente del pranzo di nozze. Riprende la storia, subito dopo la nascita di Giorgio, con i racconti della sua giovinezza trascorsa con gli amici e in famiglia. Il protagonista narra, tra l’altro, delle estati trascorse con i suoi amici e le serate con parenti e vicini, seduti fuori dalle proprie case. Subito dopo, descrive alcuni personaggi della sua infanzia, i rapporti con loro, assai diversi da quelli che si possono instaurare attualmente, e alcuni divertenti episodi di vita familiare. Termina la storia con la nascita dell’ultimo fratello, Francesco, diventato diversamente abile per una fortissima febbre, dopo qualche mese di vita. Continua con divertenti episodi di vita comune, con artefice l’ultimo nato. Conclude il racconto sottolineando alcune differenze tra la vita di allora e quella . L’augurio finale è che i giovani ragazzi di oggi riescano a costruire un mondo migliore di quello in cui viviamo.
  2. Gogo

    Rossini editore

    Ragazzi, io non ho nulla da lamentare. Il mio libro uscirà ad aprile p.v. e, attualmente, è in vendita online su tutti gli store, partendo da Mondadori sino a Feltrinelli. La mia opera è rimasta tale e quale com'era, eccetto l'abolizione di un paio di paragrafi che hanno migliorato il racconto. Hanno sostituito la mia copertina con la loro e, ho convenuto, che fosse di gran lunga più bella quest'ultima. Non ho mai sollecitato alcunché ma ho atteso che mi chiamassero o scrivessero.
  3. Gogo

    Un saluto a tutti da Gogo

    No, nella maniera più assoluta. Mi ritengo un sognatore con una fervida fantasia. Buon lavoro a tutti.
  4. Gogo

    Un saluto a tutti da Gogo

    Scusatemi, ero convinto di essermi già presentato. Il mio nome è Giorgio. Sono un avvocato civilista che ama scrivere, oltre agli atti legali, anche racconti di ogni genere. Sono un grande lettore di libri e, nonostante la non giovane età, sono sempre pronto a mettermi in discussione.
  5. Gogo

    Castelvecchi

    Salve, anche a me hanno risposto con lo stesso contenuto di Amy, proponendomi di farlo eventualmente pubblicare da *Editato dallo Staff*. Sapete qualcosa in merito a questa casa editrice?
  6. E’ un racconto di fantascienza molto particolare contenendo, lo stesso, reali accadimenti e vicende umane. Il protagonista principale è Gogo Golan, un alieno nato e vissuto sulla Terra. La storia si sviluppa con la narrazione dello stesso che riporta, su un diario, la sua vita e quella dei suoi genitori, prima sul loro pianeta di origine e poi sulla Terra. Gogo descrive l’incontro dei suoi genitori sul loro pianeta natio, presso il Centro di ricerca dove stanno sostenendo una prova per essere assunti come osservatori spaziali. Continua con il loro trasferimento sulla terra e la descrizione dei loro primi incarichi negli Stati Uniti. Poco prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, i suoi genitori, per fine incarico, ritornano sul pianeta natio ed il posto di osservatore viene preso dal figlio Gogo Golan, già istruito allo scopo. Poco dopo l’inizio delle ostilità, i governanti del suo pianeta decidono di ritirare tutti gli osservatori presenti sulla Terra, ma Gogo, essendo nato sulla Terra rifiuta e decide di restare sentendosi a tutti gli effetti un terrestre. Inizia così la sua avventura, come un qualsiasi essere umano. Si troverà un lavoro, poi sarà chiamato alle armi e combatterà sia nelle Isole Filippine che in Europa, precisamente in Italia. In Sicilia, incontrerà la sua futura moglie che sposerà, finita la guerra. Il diario termina con il racconto della sua vita e la felicità per la sua famiglia terrestre. Mai si è pentito di essere rimasto. Questo diario sarà, poi, lasciato in eredità ad un pronipote, di nome Andrea, che così sarà messo al corrente delle origini aliene dei suoi avi. Quest’ultimo leggerà l’avvincente racconto scritto da Gogo Golan, contenente anche l’invito a visitare il pianeta dei suoi antenati. Per recarsi su questo mondo, chiamato Kuru, non dovrà fare altro che portarsi su uno stargate, posizionato sulla Terra. Il pronipote, certo che quanto narrato dal suo progenitore corrisponda a verità, decide di visitare Kuru. Ad aspettarlo su pianeta, a fargli da guida, ci sarà il padre di Gogo Golan che, nonostante sia trascorso più di un secolo dalla sua nascita, è vivo, vegeto e, per di più, ancora giovane. Qui troverà una società in perfetta armonia, tecnologicamente avanzatissima, ma la gente del posto, con il passare dei secoli è diventata apatica, solitaria e poco interessata all’ambiente circostante. Sentimenti come amicizia, fantasia si sono persi nel tempo. Il papà di Gogo Golan, forte della lunghissima esperienza trascorsa sulla Terra, cerca di porre rimedio a tutto questo. Il pronipote Andrea, ritornato sulla Terra, fa le dovute considerazioni fra i due mondi, ritenendo l’imperfetto nostro mondo di gran lunga preferibile al loro. L’augurio è che, comunque, gli uomini si diano da fare a curare e preservare il nostro pianeta e, nel contempo, rifuggire la guerra, vivendo in pace e in armonia.
  7. Gogo

    Una vacanza indimenticabile

    E' un racconto avvincente, attuale, a tratti dolcissimo. La vicenda ha come protagonisti principali due ragazzini quattordicenni gemelli, maschio e femmina. Sullo sfondo le vicende familiari e, nel corso del racconto, anche quella di un ex marinaio che lambisce lo stesso, dando alla trama una dose dolce-amara di solitudine cercata e di amore verso gli animali. La storia inizia con i ragazzi sulla soglia di casa che attendono una inaspettata e fugace visita del padre di ritorno dalla Svizzera con destinazione la Sicilia. I ragazzi sono felicissimi dell’arrivo di papà e, nell’attesa, il maschietto racconta al lettore chi sono e le vicissitudini familiari. Si va indietro nel tempo, quando loro bambini hanno visto il loro papà andare via da casa per lavorare in una fabbrica di scarpe in Svizzera. Si continua con l’amarezza e il rancore della loro mamma verso il marito che non ha voluto cercare un lavoro nelle vicinanze di casa. Prosegue con la lontananza che, lentamente, sta dissolvendo il rapporto matrimoniale e la sofferenza dei ragazzi che avvertono la disgregazione della loro famiglia. Ma ad un certo punto giunge a casa una lettera da un Ministero con la comunicazione che il padre poteva essere assunto nella pubblica amministrazione. Questa occasione inaspettata può far cambiare la situazione familiare. Nonostante le incertezze, l’amore mai sopito verso sua moglie fa sì che il padre accetti il posto offertogli in Sicilia, come guardiano di un faro. Ecco dunque del perché del suo fugace passaggio a Lecce e dell’entusiasmo dei ragazzi che lo aspettano sulla soglia della stessa. Il racconto va avanti con il papà che prende servizio nel nuovo posto di lavoro, le conseguenti difficoltà ambientali e il rammarico per il lavoro lasciato in Svizzera, essendo il faro situato sullo scoglio di Strombolicchio. Ma l’incontro con il vecchio collega che sta per andare in pensione, il fascino della natura incontaminata e l’immensità del mare opereranno su di lui una profonda trasformazione. Questa inciderà anche nei rapporti con la moglie, che miglioreranno alquanto. Il padre, con il trascorrere del tempo, invita la famiglia ad andare a trovarlo. La moglie accetta la proposta e, di lì a poco, l’intera famiglia incontrerà un sorprendente marito-padre. Trascorreranno tutti insieme giornate meravigliose e i due fratelli saranno anche protagonisti di una bellissima avventura che farà diventare il loro viaggio una “vacanza indimenticabile”.
×