Vai al contenuto

Scrivereper

Scrittore
  • Numero contenuti

    4
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

5 Neutrale

Su Scrivereper

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Scrivereper

    Meucci Agency

    Alla fine dopo 3 settimane ho mandato una mail all'agenzia per sapere qualcosa in merito alla valutazione del materiale inviato. Sono stati gentilissimi, per un disguido la mia proposta non era stata vista... Hanno recuperato esaminando il tutto e in soli 3 giorni mi hanno risposto (negativamente, ahimè). Tutto bene, confermo professionalità e serietà dell'agenzia.
  2. Scrivereper

    Meucci Agency

    Forse hai ragione... però nelle istruzioni nel loro sito non stabilisce una data e un orario certi di chiusura del form online. E' scritto soltanto che verrà chiuso al raggiungimento del numero massimo di proposte accettate. Aspetterò ancora...
  3. Scrivereper

    Meucci Agency

    Salve a tutti, il 15 di settembre (forse per caso, forse per errore) ho trovato "aperto" il form online della Meucci per l'invio e valutazione di inediti. Ho provato a inviare il mio materiale e ho ricevuto immediatamente la conferma automatica della ricezione del mio manoscritto. Sono passati più di 10 giorni e non ho ricevuto però alcuna risposta. A qualcuno è capitato? Secondo la vostra esperienza è opportuno inviare una mail di richiesta informazioni o conviene aspettare ancora? Grazie mille.
  4. Scrivereper

    Presentazione di una scrittrice in cerca di casa editrice

    Buongiorno e buon sabato, come tutti voi che siete qua, anch'io amo scrivere e cerco una casa per i miei scritti. Mi sento manchevole di tante e tante letture, ma custodisco gelosamente quelle a me care. Lavoro felicemente in una biblioteca, dove mi occupo di eventi culturali e comunicazione. Amo altrettanto il teatro, leggere ad alta voce, ascoltare i cantautori italiani. Tra i libri che ho amato di più spicca "Uno, nessuno e centomila" del nostro Pirandello, ma anche "Il dolore perfetto" di Ugo Riccarelli, "Il giovane Holden" del buon Salinger e l'indimenticabile "L'insostenibile leggerezza dell'essere" di Kundera. Un libro che invece ho trovato unico nel suo genere, seppur distante dai miei gusti di lettrice, ma imperdibile è "La trilogia della città di K" di Agota Kristof. Tra gli autori italiani contemporanei, trovo che Sacha Naspini sia una delle voci più originali e interessanti. "La straniera" di Claudia Durastanti mi ha aperto gli occhi sull'autobiografismo, mentre "Città sommersa" di Marta Barone mi ha commosso, intenerito e coinvolta. Amo parlare di libri con chiunque abbia interesse a farlo. Felice di essere qui, a presto!
×