Vai al contenuto

Due

Lettore
  • Numero contenuti

    25
  • Iscritto

  • Ultima visita

Risposte risposto da Due


  1. 49 minuti fa, Lizina ha scritto:

    certamente non mi aspetto, anzi sarebbe piuttosto irritante, di essere apostrofata con tono di sufficienza solo per il fatto di chiedere quanto promesso.

    Sono assolutamente d'accordo. Anche perché io ho solo gentilmente chiesto di capire se il manoscritto fosse già stato letto e cestinato. Ho anche specificato che in caso contrario avrei continuato ad attendere "il mio turno" senza problemi.

    Ma va bene così, non era questa, evidentemente, la mia buona occasione.

    In ogni caso, di chiedere con educazione non credo ci si debba mai vergognare. Non era certo nelle mie intenzioni irritarla.

    • Mi piace 2

  2. E, in compenso, è vero anche il contrario. Potresti aver scritto un buon libro anche se in pochi lo hanno letto. E a quel punto? Su che basi decidi se valga la pena di insistere? Ti basta il pare di qualche esperto, che però nel conteggio dei tuoi lettori conta uno come tutti gli altri cinque o sei? 😅 Problema complicatissimo che ha troppo a che fare con il nostro ego per non intricarsi sempre di più. 🙈🙉🙊

    • Mi piace 1

  3. 1 ora fa, Bojack88 ha scritto:

     a fare entrambe le cose, almeno finchè il mio libro non sarà pubblicato. Poi vedrò cosa fare, magari scoprirò di fare schifo come scrittore e quindi continuerò ad occuparmi solo della mia attività. Almeno mi metterò l'anima in pace

    Magari invece farò un buon libro e sarà lo slancio per la "carriera" di scrittore.

    Tutto molto condivisibile. L'unica falla nel tuo discorso, secondo me, è che tu dai quasi per scontato che scrivere un buon libro significhi vendere. Essere un bravo scrittore ed essere uno scrittore di successo, invece, sono due cose molto diverse che non necessariamente coincidono. È questo a complicare tutto.

    • Mi piace 3

  4. 19 ore fa, Horselover Fat ha scritto:

     

    Credo che il testo sia lo stesso (non ha senso mandare un romanzo imperfetto allo sbaraglio in versione elettronica per poi occuparsene con più cura solo in seguito), ma chi ha pubblicato con la Watson può in caso smentire. Spesso gli acquirenti di ebook (non di questa CE, ma in generale) lamentano conversioni approssimative e difettose e perciò mi interessava sapere a cosa ti riferissi.

    No, per quanto riguarda le questioni di allineamento, spaziatura, a capo ecc. devo dire di non aver riscontrato problemi.

    • Mi piace 1

  5. 7 ore fa, Horselover Fat ha scritto:

     

    Che intendi con "refusi"? Errori di battitura? In tal caso dubito che l'edizione cartacea differisca di molto, perché il testo è lo stesso. Oppure ti riferisci a problematiche di "adattamento" del testo, con parole spezzate, spazi di troppo, allineamenti strani, etc, che potrebbero dipendere da una conversione difettosa? 

     

    Per quanto riguarda me, ho inviato a distanza di tempo due diversi estratti di altrettanti romanzi a questa CE ma non ho mai nemmeno ricevuto una pernacchia di riscontro. Capisco il concetto di rispondere solo in caso di interessamento, ma mi sono sempre chiesto cosa costi predisporre una mail automatica di avvenuta ricezione. Così, tanto per non lasciare nell'incertezza chi invia il proprio file. 

    Per refusi intendo errori di battitura, sì. Come "a" al posto di "o", per fare un esempio banale. Se ci siano anche nella versione cartacea non lo posso dire. Mi scuso, non conosco le procedure editoriali, ho pensato che magari potessero aver pubblicato prima in digitale e poi aver revisionato meglio per la versione cartacea. Se non è così, allora non è un problema di ebook ma di editing in generale.


  6. Io ti direi innanzitutto di revisionare il manoscritto, ora che il delirio da conclusione del mattone comincia a scemare e la mente è più fresca 😅. Dopo, punterei inizialmente a una free pura. Se proprio non ne trovi, credo che non sarà così difficile, in un secondo momento, ripensarci e tornare a proposte simili a quella che ti hanno fatto (pseudo-free con costi mascherati). Il punto è: non avere fretta. Proprio perché è stata dura, non "svendere" il tuo lavoro per l'ansia di vederlo stampato.

    • Mi piace 2

  7. Qualcuno ha avuto notizie da parte dell'agenzia ultimamente? Anche solo risposte a richieste di informazioni o conferme di ricezione? Per quanto mi riguarda, i giorni passano ma tutto tace. Data la celerità dimostrata nei rari casi in la signora si è detta interessata, non so cosa aspettarmi.


  8. Sarebbe interessante capire se almeno tutti quelli che hanno ricevuto la conferma di ricezione e il "leggeremo" abbiano ricevuto risposta. Magari il criterio è quello. Potrebbe, cioè, in base a sinossi e presentazione, rispondere solo a coloro ai testi dei quali sa che darà un'occhiata. Potrebbe essere? 🤔


  9. Il fatto che ti abbia chiesto la sinossi non è necessariamente una prova del fatto che non abbia letto il tuo libro. Leggendone molti, magari aveva solo bisogno di richiamare le idee. Però se hai avuto, parlando con lei, l'impressione che andasse un po' alla cieca, allora la questione è diversa e, in ogni caso, avendo già speso quella cifra per l'editing, anche io avrei rifiutato al posto tuo.


  10. Cari scrittori e lettori, buongiorno. La mia domanda è la seguente. Come capite quando siete arrivati ad un punto della revisione sufficientemente buono da inviare il manoscritto all'agente? Voglio dire, si potrebbe andare avanti con le revisioni all'infinito. È davvero un problema se l'agente riceve il romanzo con qualche "svista" o quando siete abbastanza convinti di aver eliminato almeno la maggior parte dei refusi inviate?


  11. Salve a tutti! Ho una curiosità. Si è detto nei post precedenti che la lunghezza aderisce sovente al genere letterario. A parte i romanzi fantasy, della cui mole colossale si è parlato più volte, per quanto riguarda gli altri generi avete un'idea approssimativa di lunghezza standard? Ad esempio, penso che i romanzi storici superino spesso le 500.000 battute, ma ho dei dubbi sugli altri generi, soprattutto thriller, noir e romanzi non di genere.


  12. Ciao a tutti. Sto scrivendo un thriller ambientato in Italia. Non so ancora se diventerà un racconto o qualcosa di più corposo, ma mentre scrivo ho diversi dubbi che riguardano la gerarchia delle forze di polizia e della magistratuta: di tutte quelle figure che collaborano ad un'indagine di polizia. Cercando in giro la mia confusione è purtroppo aumentata. Quello di cui avrei bisogno è, in buona sostanza, un elenco ordinato per "potere" di questi ruoli e magari indicazioni generiche sulle mansioni di ciascuno. Qualcuno di voi saprebbe generosamente aiutarmi o indicarmi risorse per poter capire meglio? Grazie in anticipo a tutti quelli che vorranno aiutarmi, o anche solo darmi un consiglio. Buona giornata e buona scrittura a tutti voi! 😊

     

     


  13. Buonasera!

    Sono molto felice di essere qui, di potervi scrivere e di potervi leggere. Avere la possibilità di parlare con persone per cui una parola non è solo un insieme di lettere, ma un concentrato di mondi, mi fa sentire meno sola.

    Allora, evviva i sogni, evviva i sognatori, evviva tutto quello che c'è dentro un libro quando è chiuso e nella mente quando è aperta!

    Buona lettura e buona scrittura a tutti voi!

    • Mi piace 1
×