Vai al contenuto

Edoardo Bastioni

Lettore
  • Numero contenuti

    26
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su Edoardo Bastioni

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 22/12/1983

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Milano
  • Interessi
    Ermetismo.

Visite recenti

100 visite nel profilo
  1. Edoardo Bastioni

    La Terza Stagione

    Grazie del benvenuto Floriana, sì, spesso sia commenti che poesie sono "lampo", sono così anche nella vita, utilizzo sempre poche ma selezionate parole. Già dalle scuole elementari. Amo anch'io l'uso della punteggiatura e sto molto attento a come farne uso, anche nei versi.
  2. Edoardo Bastioni

    La Terza Stagione

    Grazie dei commenti, la strofa conclusiva "E l'Autunno ancor d'infanzia profuma" è il fulcro della poesia. Questa stagione, che è universalmente considerata quella del declino, rievoca in me nostalgici ricordi d'infanzia, soprattutto con il profumo della terra che ha il mese d'Ottobre.
  3. Edoardo Bastioni

    La Terza Stagione

    I frammenti del tempo mortale Logorano gli argini del fiume E l'Autunno ancor d'infanzia profuma.
  4. Edoardo Bastioni

    Attimo

    La tua poesia offre forti sensazioni cinestesiche, le parole fanno vivere le tue emozioni e la solitudine dei tuoi versi. Un'ode al vento, che porterà via gli attimi, le foglie morte , nella loro caducità autunnale (immagine istintivamente ungarettiana), e poi la caduta, richiamata anche dal baratro della morte, ed il ciclo della rinascita dolorosa. Chiude la prima parte la contrapposizione tra fiamma e tempesta, immagine che mi stimola i profumi del fuoco e del mare, vedo i colori blu scuro fondersi nell'arancio ed il bianco del fumo. Sopraggiunge ora la personificazione del tempo, come un principe notturno che per poche interminabili ore (nel ticchettio) ti porterà via e ti farà dimenticare la tua solitudine, con il profumo della sua pelle. La scelta dei versi liberi è sicuramente prediletta rispetto ad una rima "forzata", versi che suonano come una riflessione notturna, che riesco a contestualizzare come fosse scritta da un poeta dell'antica Roma, forse esiste una componente Lucreziana relativa alla natura.
  5. Edoardo Bastioni

    [LP4] La fine dei tempi

    Da implacabile esimatore di litanie a sfondo apocalittico e decadente, il contenuto della tua poesia è di mio completo gradimento. La forma e le rime non proprio, ma mi permetto di rimodularla, con l'intendo di "crepuscolarizzare" i tuoi versi : Collassa d'oltretomba il Sole un mortal sospiro Contemplan le stelle lo strazio di pianeti dove il tempo e lo spazio rinnegan la creazione.
  6. Edoardo Bastioni

    La brezza del cosmo

    Sento influenze Leopardiane nella composizione e nelle tematiche, con un'interpretazione personale molto più ottimistica della vita. L' esser un tutt'uno con l'universo, l'ammirazione del cosmo, l'ambientazione evocativa con i profumi dell'estate e la bellissima contrapposizione tra le "querce flebili", quasi un ossimoro, e la grandezza delle "stelle gracidanti", anch'esso, quasi un ossimoro. Benchè amo componimenti più drammatici, ho gradito molto l'ambientazione e le parole.
  7. Edoardo Bastioni

    Ottobre (parte I)

    La tematica dell'Inverno è ricorrente nei mie versi, in maniera quasi ossessiva. E' l'Inverno dell'esistenza, proprio come hai appena sottolineato.
  8. Edoardo Bastioni

    Ottobre (parte I)

    L' ultimo caldo d'un pomeriggio d'Ottobre Pretende d'oscurare il gelo L' Inverno affila i sui coltelli. (Ottobre '18)
  9. Edoardo Bastioni

    Notturno

    Il titolo di questa poesia, Notturno, ha catturato immediatamente la mia attenzione, così come la scelta dell'impostazione in stile prosa. Esordisci con due soggetti che rievocano una forte unione, uno si rispecchia nell'altro tanto da concederti l'utilizzo del verbo "emana" al singolare, come fosse un tutt'uno, così come l'immagine successiva di brandelli di corpi e legni , che permette un'inversione tra soggetto e complemento oggetto. Introduci l'immagine della Morte, che arriva dal cielo (con le sue ali scure), unica custode di nomi e ricordi dimenticati. Ci conduci infine sulla riva, lontano, al termine della notte, tra persone sconosciute, con l'immagine forte dei "solchi profondi" che creano un gioco geometrico con il sole del mattino. Immagini di desolazione ed abbandono che trovano consolazione "a sera tarda", quasi a creare una ciclicità tra inizio e fine della poesia, una sorta di quotidiana e desolante ripetizione. Potrebbe essere una poesia datata 1919, in un desolato dopoguerra.
  10. Edoardo Bastioni

    Il Bacio

    Una poesia istintiva e spensierata, scritta probabilmente con la spensieratezza della giovinezza, lontana dalla desolazione che la vita, in alcuni di noi, induce.
  11. Edoardo Bastioni

    Sei più di uno

    Preferisco la seconda forma grafica (quindi l'originale). Asseconda perfettamente il ritmo che rallenta.
  12. Edoardo Bastioni

    Sei più di uno

    La tua poesia ha un ritmo contemporaneo, parla di azioni quotidiane che compi nella tua vita, sia ciclicamente, sia occasionalmente. Raccogliere i vestiti sporchi, gestire le questioni dei genitori, uno scambio di idee sulle elezioni (e forse, sulla situazione disastrata in cui ci troviamo), una piacevole distrazione con una sigaretta condivisa, quando hai dato il tabacco all'amico, e poi, finalmente, una bella corsa purificatrice. Forse, proprio mentre corri, ripensi alla tua vena artistica, al libro che hai scritto. E' importante che venga letto da qualcuno e che riceva la giusta attenzione. Ed è ancor più importante, per te, che una persona speciale ti dia le sue attenzioni, anche tramite questo libro. Dopo tre anni, non è ancora avvenuto. Questo lascia una sapore di amarezza. Ho riletto diverse volte questa poesia, la metrica segue ritmi accostabili ad un metronomo, la si può leggere con diverse basi musicali d'accompagnamento, sia lente, sia rapide con cambi di tempo. Il rallentamento finale spezza il ritmo veloce della prima parte, evidenzia il distacco del pensiero dall'azione ciclica quotidiana. Anche l'uso della punteggiatura imprime un ritmo serrato d'esordio, una virgola lascia riprendere il respiro, fino all'uso dei punti. Poi gli spazi, ci introducono nell' intimità dei tuoi pensieri e all'attività parallela di scrittrice.
  13. Edoardo Bastioni

    Buongiorno a tutti.

    Bene, proseguirò la mia attività come semplice lettore, quando riuscirò a strutturare un commento conforme al regolamento lo invierò ad qualcuno dello stuff, sperando che tenga conto del mio modo di scrivire molto conciso. Anche ai tempi delle scuole e dell'università venivo costantemente penalizzato per la brevità dei miei scritti. Almeno ero bravo nei riassunti.
  14. Edoardo Bastioni

    Buongiorno a tutti.

    Non sono all'altezza di questo forum, purtroppo. Ho postato ieri una breve poesia, inserendo come da regolamento un commento a quella di un altro utente, ma questo non è stato sufficiente ed il topic è stato chiuso. Purtroppo non è da me dilungarmi, in questo caso è un limite. Mi sembra ipocrisia forzare fuori da me delle parole non mie, solo per poter postare una poesia, che è invece una composizione spontanea.
  15. Edoardo Bastioni

    Buongiorno a tutti.

    Ho pubblicato la mia prima poesia. Sto contemporaneamente leggendone molte altre nel sito, talvolta commentando le mie preferite. Come ho scritto nella mia presentazione, ho un diario che tengo esclusivamente al lavoro, sul quale posso scrivere per brevi frangenti di libertà. Lo stile ermetico è sicuramente funzionale al mio tempo.
×