Vai al contenuto

paolo pagliarini

Scrittore
  • Numero contenuti

    5
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su paolo pagliarini

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. paolo pagliarini

    MAREMMA IN NERO

    Mi chiamo Begini Salvatore, sono un osteopata di Venturina (LI) da tanti anni, giorni fa Daniele, un mio cliente, mi ha regalato il tuo libro e da quel momento non me ne sono staccato un attimo fino a divorarlo. Volevo ringraziarti perché io che sono un lettore di gialli e noir da tanti anni .. onestamente sono rimasto confuso e piacevolmente sorpreso da questa tua prima opera, è un insieme di descrizioni rapide avvincenti e coinvolgenti come non ricordavo da decenni..grazie ancora di aver dato vita a questo libro... grazie a te e grazie a Daniele che vedrò e ringrazierò domani mattina a studio da me.. direi in poche parole che questo più che un libro è una grande descrizione dell' animo umano fatta con una leggerezza e con una fragranza che raramente si incontrano .. un giorno mi piacerebbe conoscerti e magari passare una serata insieme ..ne sarei veramente orgoglioso.. un grande saluto e un grande ringraziamento per quello che hai fatto e spero. .. farai ancora.
  2. paolo pagliarini

    West Egg

    Ho già detto in altra sede che a causa della mia veneranda età il tempo per me è prezioso e non lo voglio sprecare. Vorrei solo chiarire con il cortese moderatore che il termine usato per cercare di riassume, in poche parole, l’accaduto non era affatto “denigratorio”. Descriveva perfettamente il comportamento di quei signori che Lei definisce “degli operatori editoriali” mentre io considero più semplicemente estremo opposto di un contratto. Lo stralcio di lettera era solo per confrontare le esperienze con altri navigatori, tutto qui. Per il resto se nel forum non posso esprimere le mie opinioni credo che ne farò a meno.
  3. paolo pagliarini

    presentazione di Paolo Pagliarini

    Salve, forse sono troppo vecchio per queste cose. Per capire come fare a presentarmi mi ci è voluto un po' di tempo e spero che c'abbia azzeccato. Siccome io il tempo lo considero più prezioso del denaro non lo vorrei sprecare. Dunque vado al dunque. Nel post che ho pubblicato ho scritto la pura verità, non mi sembrava di aver schioccato giudizi ma solo un racconto delle cose così come sono andate. Il concetto che sottendeva il mio posto era semplice: pago un servizio e lo esigo. Tutto qui. Poalo
  4. paolo pagliarini

    West Egg

    Riporto la mia esperienza con West Egg. Leggo su di un giornale (era la fine dell’anno 2012) “Mentre scrivete confrontatevi con qualcuno. Potete anche rivolgervi a servizi professionali come West Egg, gestito da editor di mestiere. Ha un costo, ma fa la differenza.” Detto fatto, spedisco il mio lavoro e ne ricevo una scheda tecnica di valutazione, impressioni e osservazioni come segue (lo scrivo perché tutti possano verificare se sia sempre la stessa che circola):*Editato dallo Staff* E giù una sequenza di valutazioni negative che portano a concludere per la necessità di un editing al costo complessivo di 2000 euro. Avevo già pagato 332,80 euro per la lettura. Accetto e vengo assegnato a un professionista dell’editing che lavora col sottoscritto esclusivamente al telefono e per totali 7 (sette) sedute. Il lavoro, intendendolo iniziato alla prima lettura (ottobre 2013), viene preso in carico in maggio 2013 e terminato a luglio del 2013. Il lavoro che mi vene consegnato è assurdo, spogliato di ogni originalità, ha il finale addirittura ridicolo. A tal punto che devo rifarlo di sana pianta per riconsegnarlo all’archivio della West Egg in attesa di essere proposto sul mercato editoriale. Sì, perché fra le altre cose avevano *Editato dallo Staff* contatti con case editrici famose cui suggerire il lavoro, però mai accaduto. Esperienza negativa anche per l’approccio con quelli della West Egg che, avuti i pagamenti, non si sono fatti più vivi.
  5. paolo pagliarini

    MAREMMA IN NERO

    Quella mattina sull'Aurelia spirava un vento gelido. Di quelli che tagliano la faccia. Lorenzo accettando un passaggio in autostop, non pensava certo di andare incontro ad uno sconcertante destino. E nessuno poteva immaginare che quel fatale incidente andasse a collocarsi in una trama oscura rivelando realtà nascoste e sconcertanti. Luigia Del Presale, l'affascinante sostituto procuratore di Grosseto e il maresciallo dei Carabinieri di Follonica, Gaetano Barbarossa, in un crescendo di tensioni, andranno a scoprire i fatti criminali che legano in un intreccio perverso luoghi e personaggi: dalla selvatica Garibalda, madre-padrona di cinque figli con i quali vive in un bosco isolato dal mondo, allevando e macellando maiali, a Spartaco e Michela, giovane e sfortunata coppia di contadini in procinto di diventare genitori, allo strano ed elegante girovago che sa uccidere i maiali e sa lavorare la loro carne. E forse non solo la loro carne...
×