Vai al contenuto

ebreovenutodallanebbia

Scrittore
  • Numero contenuti

    67
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

20 Piacevole

Su ebreovenutodallanebbia

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. ebreovenutodallanebbia

    Lorem Ipsum

    Su, lasciaci dubitare. Dubitare è bello e costruttivo
  2. ebreovenutodallanebbia

    Lorem Ipsum

    Devo infatti ricredermi. A un secondo invio, tanto per rompere le balle e perché avevo modificato qualcosa nella storia, la risposta è stata la medesima. Quindi template standard.
  3. ebreovenutodallanebbia

    Divergenze Edizioni

    Leggo stamattina sul loro sito: "Il catalogo di letteratura è completo sino a dicembre 2024, pertanto ringraziamo chiunque abbia pensato a noi per proporre un’opera di narrativa, ma oltre ad essere orgogliosamente slow book, non abbiamo la forza finanziaria di produrre più titoli di quelli già inseriti in calendario. Sarà invece possibile inviare testi di teatro o di saggistica varia. Ogni lavoro sarà letto e valutato con la massima cura da trentasei consulenti, i cui tempi di lettura variano da quattro a sei settimane."
  4. ebreovenutodallanebbia

    "Contagiati" Ensemble Edizioni caffè letterario Le Murate

    La quarantena è il periodo di segregazione cui è sottoposto il contagiato, il diverso, una fase probatoria necessaria a smascherare la malattia, un luogo di isolamento in cui la salute è sospetta, spiata da dietro un vetro di diffidenza. Fino al momento della diagnosi, la condanna alla solitudine forzata è preventiva, perché la salute degli uomini è troppo precaria per rischiare, e l’untore va isolato. Il virus fa tanto più paura quanto più viene da lontano, perché le vie sconosciute percorse dal diverso non possono che essere strade pericolose, terre infette. Così, lo spauracchio del contagio separa mariti da mogli, genitori contagiosi da figli deludenti; i seni nutrienti delle madri divengono ricettacolo di batteri, il latte veleno trasmesso con l’inganno della vita. Perfino l’amore diventa un sospetto episodio virale, quando l’inverno lo spoglia dei suoi fiori e ne rivela i frutti guasti. In dodici storie inquietanti e visionarie, Andrea Mauri ci racconta la sua ossessione per la malattia e il disagio del vivere moderno, proponendoci la scrittura come unica terapia efficace contro le infezioni della vita. Andrea Mauri è nato e vive a Roma. Dal 1995
  5. ebreovenutodallanebbia

    IoScrittore

    Anche a me è arrivato lunedì.
  6. ebreovenutodallanebbia

    Contagiati

    La quarantena è il periodo di segregazione cui è sottoposto il contagiato, il diverso, una fase probatoria necessaria a smascherare la malattia, un luogo di isolamento in cui la salute è sospetta, spiata da dietro un vetro di diffidenza. Fino al momento della diagnosi, la condanna alla solitudine forzata è preventiva, perché la salute degli uomini è troppo precaria per rischiare, e l’untore va isolato. Il virus fa tanto più paura quanto più viene da lontano, perché le vie sconosciute percorse dal diverso non possono che essere strade pericolose, terre infette. Così, lo spauracchio del contagio separa mariti da mogli, genitori contagiosi da figli deludenti; i seni nutrienti delle madri divengono ricettacolo di batteri, il latte veleno trasmesso con l’inganno della vita. Perfino l’amore diventa un sospetto episodio virale, quando l’inverno lo spoglia dei suoi fiori e ne rivela i frutti guasti. In dodici storie inquietanti e visionarie, Andrea Mauri ci racconta la sua ossessione per la malattia e il disagio del vivere moderno, proponendoci la scrittura come unica terapia efficace contro le infezioni della vita.
  7. ebreovenutodallanebbia

    Emersioni

    secondo me hai fatto bene. Basta saper attendere.
  8. ebreovenutodallanebbia

    Contagiati Libreria Altroquando

    La quarantena è il periodo di segregazione cui è sottoposto il contagiato, il diverso, una fase probatoria necessaria a smascherare la malattia, un luogo di isolamento in cui la salute è sospetta, spiata da dietro un vetro di diffidenza. Fino al momento della diagnosi, la condanna alla solitudine forzata è preventiva, perché la salute degli uomini è troppo precaria per rischiare, e l’untore va isolato. Il virus fa tanto più paura quanto più viene da lontano, perché le vie sconosciute percorse dal diverso non possono che essere strade pericolose, terre infette. Così, lo spauracchio del contagio separa mariti da mogli, genitori contagiosi da figli deludenti; i seni nutrienti delle madri divengono ricettacolo di batteri, il latte veleno trasmesso con l’inganno della vita. Perfino l’amore diventa un sospetto episodio virale, quando l’inverno lo spoglia dei suoi fiori e ne rivela i frutti guasti. In dodici storie inquietanti e visionarie, Andrea Mauri ci racconta la sua ossessione per la malattia e il disagio del vivere moderno, proponendoci la scrittura come unica terapia efficace contro le infezioni della vita.
  9. ebreovenutodallanebbia

    Emersioni

    Ti consiglierei di investire il tuo tempo in altro e lasciar perdere l'appuntamento in casa editrice. Ho pubblicato con un'altra casa editrice del gruppo LIT, e me ne sono pentito amaramente. Molte chiacchiere (e se andrai in casa editrice ne sentirai delle belle) poi nessun fatto. Anzi, mi è stato rinfacciato di non aver venduto abbastanza. Mi rivolgerei altrove, se fossi in te. Un saluto
  10. ebreovenutodallanebbia

    Castelvecchi

    E' proprio così. Ho abboccato ed è stato un disastro. Lascia perdere.
  11. ebreovenutodallanebbia

    Meucci Agency

    appuntamento fallito, ci riproverò a novembre
  12. ebreovenutodallanebbia

    IoScrittore

    Diciamo che il caso di Cambridge Analytica ci ha scossi parecchio
  13. ebreovenutodallanebbia

    IoScrittore

    Dalle mie assegnazioni sembra che tutti scrivano noir o fantasy
  14. ebreovenutodallanebbia

    Lorem Ipsum

    se funziona così, provo a rimandarlo, considerato che nel frattempo ho lavorato con un editor e che il testo è notevolmente cambiato.
  15. ebreovenutodallanebbia

    Lorem Ipsum

    quindi non l'hanno letto. Ciò fa ben sperare per il futuro del mio libro
×