Vai al contenuto

Tareus

Utente
  • Numero contenuti

    42
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

9 Neutrale

Su Tareus

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

38 visite nel profilo
  1. Tareus

    Il sesso.

    Le scene di sesso si descrivono per quello che sono: una scopata. Ripensate alle vostre e ne scrivete come se fosse un racconto veritiero fatto a una vostra amica. Renderle soffuse e cavalleresche vi fa ridere dietro da un lettore smaliziato.
  2. Tareus

    Neri Pozza [15/05/19]

    Se posticipano il bando c'è il caso che ogni opera inviata fino ad ora non sia valida.
  3. Tareus

    Case editrici di soli racconti

    Ci sono diverse case editrici che accettano racconti. Basta spulciare la sezione free per trovarne e alcune anche di valore. Nomi di solito non si fanno, anche perché con alcune pubblico.
  4. Tareus

    Biografia e case editrici

    La biografia è richiesta perché la casa editrice mette sotto contratto l'autore e non unicamente un buon libro. Già se non fai presente che ci sono elementi bio s'incazzano.
  5. Con la scrittura si può diventare ricchi o mantenercisi. Ovvio che se vendi le settanta copie ai parenti è un esercizio di stile. La gente, ben conscia di questo, preferisce acquistare un prodotto su cui si è investito molto e che rimanda un certo tipo di immagine. Le piccole vendono alle fiere perché ci sono gli appassionati che vanno appositamente a comprare i libri minori e gli avventori casuali che non leggono, ma che sono attirati dalla fiera del libro. Altrimenti alle presentazioni o nelle librerie di fiducia. Il discorso sullo scaffale in libreria non regge, perché con Amazon un libro lo compri in egual modo. E perché per essere a scaffale in ogni Feltrinelli un piccole editore andrebbe in fallimento.
  6. Tareus

    Quanto siete famosi?

    Ah. So che sei sarcastico, ma io non ho la possbilità di editare
  7. Tareus

    Quanto siete famosi?

    Testi in biblioteca, 500 follower (no, non li seguo) su twitter, un duecento copie vendute ma in tutto. Non ho conoscenti quindi ho perso almeno cinquanta vendite. Ma non è niente di che, perché un qualsiasi esordiente, se pubblicato da una buona casa editrice, viene stampato in centinaia di copie al primo colpo e arrivano a conoscerlo anche nell'entroterra siciliano.
  8. I lettori scelgono prima i libri famosi e poi i libri sconosciuti ma editi da grosse realtà editoriali. Le piccole case editrici vendono alle fiere e alle presentazioni.
  9. Tareus

    Premio DeA Planeta [28/02/19]

    E, per terminare il pensiero: a maggior ragione, quindi, poco importa che a vincere sia una professionista dai numeri modesti o una esordiente.
  10. Tareus

    Premio DeA Planeta [28/02/19]

    Verissimo che le case editrici mettono sotto contratto chi ha un pubblico e che l'esordiente non lo vuole quasi nessuno se non le micro. Però se una grossa realtà sceglie di promuovere un esordiente poco gli importa che abbia il seguito di cento conoscenti che gli possono comprare il libro. Un anticipo di 150.000 euro signifca almeno centomila copie stampate e distribuite in tutto il mondo; cosa pensate che importi loro se l'autrice ha un nome oppure no?
  11. Tareus

    Le case editrici pagano le royalties?

    Non è pulito a livello generale, come'è ovvio che sia perché c'è di tutto. Infatti ho scritto che i diritti vengono pagati. Tra le cose, il termine "pulito" non piace neanche a me. L'ho utilizzato per riprendere il messaggio precedente.
  12. Tareus

    Le case editrici pagano le royalties?

    L'ambiente non è pulito. Semplicemente molte case editrici portano avanti il lavoro pur pagando quelle decine o centinaia di euro all'autore. Potresti farmi il nome della casa editrice in privato?
  13. Tareus

    Meucci Agency

    Ho fatto refresh alle 23.59 e qualcosa ed è apparso il form. Ho spedito e sono stato accettato.
  14. Scrivo cose decisamente peggiori e mi credono tutti. PLe situazioni che vivi prendono per forza di cosa spunto da situazione reali; perché, ad esempio, se non hai mai subito una violenza fai molta fatica a raccontarne i risvolti, a meno che tu non scriva per filo e per segno ciò che una vittima ti può aver raccontato. Quando descrivi cose che hai vissuto devi andare in flusso di coscienza e scrivere con gli occhi e non con il cervello. Se inserisci una descrizione di troppo risulti costruito o viceversa che tu stia inventando. Tra l'altro io non ti conosco ma so che in mezzo al nulla, di notte, affini la vista e vedi nel buio, perché ho dormito e bivaccato molte volte in montagna.
  15. Tareus

    Le case editrici pagano le royalties?

    Sì, pagano i diritti, ma il lavoro lo fai tu. Perché, se ti portano unicamente in fiera, vendi una ventina di copie l'anno. Quindi per loro pagarti il 10% lordo di qualche decina di copie non è un problema. Se non ti versano neanche quei cinquanta euro sei finito nelle mani sbagliate.
×