Vai al contenuto

Arianna Sofia Ferrari

Scrittore
  • Numero contenuti

    57
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su Arianna Sofia Ferrari

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Amalgama

    Carino il componimento. Il tono è piuttosto malinconico se non drammatico, e questo mi piace. Non capisco solo se queste ripetizioni sono frutto di una scelta volontaria a dare circolarità alla poesia oppure sono casuali, dovute dalla suggestione che queste parole ti evocano. A presto!
  2. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Solo aurore boreali

    Ciao, @Talia Se c'è una cosa che adoro è l'uso di termini scientifici in poesia e in prosa poetica, credo siano capaci di evocare più del vago e dell'indefinito leopardiano. Questa poesia è un 'eccellente prova di questo. Complimenti!
  3. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Testamento

    Ciao, @Alba360 Credo che questa sia la quartina più bella. L'immagine mi ha ricordato D'Annunzio, nonostante la dimensione del tuo componimento sia ben altra. Mi piace l'eco del maestro in un mondo diametralmente opposto al suo, fatto, come qui leggo, di delicatezze private ed affetti semplici.
  4. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Traiettorie Ininterrotte

    Ciao @Alba360 Non sai quanto prezioso sia per me questo commento! A presto!
  5. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Traiettorie Ininterrotte

    @Emy Grazie dell'accoglienza... Ero dubbiosa se partecipare o no, ma il fatto che fosse il primo ciclo di un nuovo Contest mi sono... fatta coraggio. Credo proprio che tu abbia colto intero lo spirito con cui ho scritto il componimento, ed in generale il mio modo di approcciarmi al mondo. Grazie!
  6. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Risonanze

    @Mathiel Bellissima la contrapposizione tra la dolcezza ed il taglio, che rimanda intera l'intensità di un bruciore quasi piacevole, e per questo disarmante. Questi due versi funzionano, perché nella loro semplicità, rendono evidente - almeno così mi è parso - quella sensazione di ripetersi di qualcosa che forse è la voce delle macerie stesse... Grazie!
  7. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Traiettorie Ininterrotte

    Grazie, @Mathiel, di queste meravigliose parole di commento. A presto!
  8. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1 - Fuori concorso] Sbiadito

    ABBA BAAB CDE CDE Bello!
  9. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Resilienza

    ...un vero lampo - e che bagliore! Complimenti!
  10. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Trovami l’incanto

    @Komorebi Bella. Davvero davvero bella. Sentire l'insensatezza di tutto nella complessità di ciò che possiamo apprendere, e decidere di non cedervi per l'incapacità, altrimenti, di vivere - ecco cosa conosco quotidianamente; ecco ciò che la poesia mi dice. A presto!
  11. Arianna Sofia Ferrari

    Lampi di Poesia 1 - Topic ufficiale

    Traccia 3 Il mio primo Contest... Aiuto...
  12. Arianna Sofia Ferrari

    [LP 1] Traiettorie Ininterrotte

    Traccia 3 Aurora, ridi ricami di luci rifrante, sospese, sinuose Sibille. Pronuncia verdi parole, profezie mute e notturne di dolori futuri, ancestrali lamenti, riverberi silenti, sofferenze di creature mortali disperse seguendo di notte le tue traiettorie ininterrotte.
  13. Arianna Sofia Ferrari

    La piccola libreria in fondo al vicolo

    @Bluesman Avevo letto già giorni fa questo racconto. Ho sentito la necessità di rileggere e commentare. A partire dal titolo: trovo - non so perché - che sia assolutamente accattivante. La narrazione è più che buona, fluida e piacevole. L'idea è deliziosa; la trama semplicissima ma divertente e curiosa. Lo stile, pure abbastanza semplice, a tratti colloquiale, è comunque vivace ed ha personalità (cosa non comune, a mio parere, in effetti) Mi piace parecchio l'episodio rievocato dal protagonista, di quando ha cancellato tutti i puntini delle lettere i dall'ultima pagina di un negativo per ripicca: l'ho trovato di buon gusto e gradevole. Carina anche la descrizione del lavoro del tipografo, che personalmente non conoscevo ma che mi ha molto incuriosito. Ho giusto un'osservazione ed una domanda. A parte la ripetizione forse poco poco ridondante, anche se non troppo fastidiosa, ho provato un forte disturbo nel leggere questo accostamento. Mi è sembrato l'abuso di un linguaggio (anche solo lontanamente) vezzeggiativo. Ma probabilmente è una cosa mia. Inizialmente, avevo pensato che il racconto sarebbe presto andato a parare sul genere fantasy, ma un fantasy alla Miyazaki, molto favolistico e pittoresco, impiegando l'antico come presentimento narrativo del, per così dire, soprannaturale. Mi chiedevo se fosse così anche per il tuo scritto, visto che - al di là del fatto che il protagonista è inizialmente scettico ma poi sembra ricredersi - il tono rimane sempre piuttosto realistico. A rileggerti presto!
  14. Arianna Sofia Ferrari

    Marta

    Ehi, @Domenico Santoro Nel racconto scrivo che si conoscono da una vita e che lui conosce bene casa di lei, ma in effetti mi accorgo che hai perfettamente ragione e dovrei aggiungerci quanto metto di seguito: sono amici d'infanzia; hanno fatto elementari e medie insieme, per poi separarsi alle superiori, restando comunque amici stretti, come testimoniato dal fatto che si incontrano al parco tutti i giorni. Per il resto, il fatto che tu abbia percepito il tutto come molto maturo, mi fa pensare che dovrei cambiare l'età dei personaggi che, nella mia testa, sono liceali. Un buon suggerimento! Grazie: non ci avevo pensato... In realtà, vi era un intento di raccontare qualcosa di molto cupo, asfissiante, e, appunto, farlo con toni seri. Mi chiedo e ti chiedo: il tutto eccessivo per il lettore?
  15. Arianna Sofia Ferrari

    Marta

    Non credo si possa essere eccessivamente critici restando nei limiti degli intenti costruttivi. Questa piattaforma, d'altra parte, serve e mi serve proprio a questo: crescere, maturare e migliorare come scrittrice. O sbaglio? Passo, allora, a spiegare le mie scelte (e non-scelte) su un paio di punti. Svista, più che errore. Non l'avevo proprio notato. Mi spiego, appunto. Si trattava proprio di una scelta (dagli intenti di enfatizzazione delle immagine usate in precedenza), e, come capita, evidentemente non troppo felice. Sul fatto che l'immagine della malinconia sia stereotipata... beh, non metto in dubbio che dal tuo punto di vista sia così. La dimensione esteriore, poi, è un pretesto estetizzante per parlare di qualcosa di interiore, questo nei miei intenti, fallibili. Grazie di essere passata, @Adelaide J. Pellitteri
×