Vai al contenuto

MyConc

Scrittore
  • Numero contenuti

    32
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

3 Neutrale

Su MyConc

  • Rank
    MyConc
  • Compleanno 10 novembre

Visite recenti

55 visite nel profilo
  1. MyConc

    Malattia

    Caro@Mattia Alari , seguo le tue poesie con vivo interesse , ancor di più ti leggo nei commenti trovandoti stupendamente delicato e obiettivo... La tua poesia promette una continuità e lo fa dichiarando un amore così fedele e dedito da poter tollerare anche una forma di malattia; anche oltre la malattia, anche divenendo mal d'amore appassionato. Supera il crepuscolo per la volontà stessa di voler vivere un tale amore. Mi toccherai senza saperlo in un rantolante cigolio del pensiero E sarai la mia tosse stessa; e l’iride dei miei occhi di nero camino. Questo passaggio in particolare conferma il mio pensiero. Spero di non essere andata fuori tema. A rileggerti.
  2. MyConc

    Eterne note.

    Esiste un canto soave e dolce che colma, scorre , inonda… e una melodia lontana, antica, che rincorre i tempi e vi si conforma, che posa i suoi versi nell’intimo e lì: fiorisce o ristagna. E’ l’opera pregevole elargita a tutti i cuori che siano o meno in grado di udirla e di avvedersi. Si compone di doni, di grazie, di mancanze, di significati silenti… Un arpeggio armonico che pizzica le corde interiori degli animi che rievocando avvenimenti intendono. Dissolti i primi suoni un diffondersi di solenne vibrazioni dilaga nell’intimo, qui si rivela la sommità di si tale mistica composizione che eleva gli spiriti inclinandoli a onde virtuose. Discernimento ètico, palesa il ritmo e nell’intendere, da libere creature, serbiamo memoria a quel miserere che trabocca in ognuno. Incommensurabile finale rammenta un’ultima esauriente battuta: “ Tra tutti anche tu.”
  3. MyConc

    bisbigli

    @enkoComplimenti. Il tuo componimento evoca suoni e immagini chiare. Sembri ispirato da una icona. Metafore e similitudini si rincorrono producendo richiami coinvolgenti. A rileggerti.
  4. MyConc

    Inerzia

    @Nerio Aspettavo pazientemente che qualcuno commentasse proprio questa poesia... Devo confessare che è uno stile anche lontanissimo dal mio. Leggo con fatica il genere, tuttavia mi invitava a comporla in corso d'opera delineandosi da sola... Non ho ancora chiarezza sul mio stile poiché, senza basi di formazioni, spazio da un genere all'altro trasportata dall'istinto e sono qui tra voi proprio per scoprirmi; per imparare divertendomi e uscirne sapendo chi sono come autrice. La tua descrizione mi chiarisce aspetti mai considerati e mi pone un quesito: Ma si scrive una poesia di questo stile già conoscendo parafasi di equivalenze logistiche e riformulazioni discorsive oppure ti ci imbatti anche alla cieca valutando il risultato? Prossimamente, posterò un'altra poesia, la prima di questo genere di poesia, scritta di getto; come per Inerzia attenderò che qualcuno me la snoccioli, come hai fatto tu, aprendomi porte nuove e guidandomi alla comprensione. Ti ringrazio del prezioso contributo.
  5. MyConc

    Emanuele, lo spettro dell'animo umano.

    ...@GiuliaShumaniTutankaEmanuele invita a ritrovarsi e a riprendersi i tempi giusti...
  6. MyConc

    Emanuele, lo spettro dell'animo umano.

    @GiuliaShumaniTutanka Mi rimandi una bellissima immagine di te in pineta che , letto il racconto, si lascia coccolare dagli elementi godendone appieno. Emanuele invita a ritrovarsi e a riprendersi l tempo giusti... Grazie con un sorriso.
  7. MyConc

    Emanuele, lo spettro dell'animo umano.

    wuau @Adelaide J. Pellitteri mi spingi molto in la... Grazie.
  8. MyConc

    Emanuele, lo spettro dell'animo umano.

    @Rominaqu Sai mi fa sorridere il tuo appunto sulla punteggiatura poiché mi viene spesso detto che esagero e soprattutto abbondo con i punti di sospensione... starò migliorando? Grazie di avermi letto, terrò a mente le tue impressioni. Ho scritto di getto questo testo e sicuramente può migliorare. Alla prossima.Grazie.
  9. MyConc

    Tristezza

    Grazie di averla letta@Nerio e grazie degli appunti di cui terrò conto.
  10. MyConc

    Tristezza

    Tristezza è un animale ferito sta nel tuo animo e… ogni tanto si fa sentire; ti spezza, ti lega, può essere selvaggia e dolce, ti guarda e ti chiama, ma comunque resta sola… se piangi ti trafigge, se rispetti il buio del silenzio si acquieta… ti chiama, ti vuole nel suo tormento: non scendere dentro di lei…
  11. MyConc

    Come i sassi vicino gli scogli

    Buongiorno@Kalim Crumben , componimento delicato e dolce. Trasmette un senso di serena attesa; attesa per la persona giusta, attesa in un luogo dove gli elementi naturali ritmano movimento e parlano di ampiezza di spazi aperti. Molto bella. A presto, a rileggerti. ,
  12. MyConc

    Una corsa contro il tempo

    @Marco Lazzaro Che dire... non è per niente il mio genere di lettura, assolutamente no! ma dalla prima frase non ho potuto smettere di leggere! catturata fino all'ultimo rigo! Complimenti davvero." Spero di dimenticare la storia alla svelta"
  13. MyConc

    Emanuele, lo spettro dell'animo umano.

    Grazie di avermi letto@Marco Lazzaro .
  14. MyConc

    Emanuele, lo spettro dell'animo umano.

    Non esistono i fantasmi, eppure, se fosse una professione la sceglierei. Mi chiamo Emanuele; non vi dico l'età perché non voglio che giudichiate il mio modo di essere. Non sono, impiegato, non sono scrittore, ma sto costantemente in mezzo alla gente... Non sono un barbone! Forse sono un sognatore. Mi piace osservare la gente e ascoltare. Mi piace mischiarmi tra le persone, captare i loro diversi stati d'animo, conoscerne l'intimo, per potermi poi dire: “Quella persona è buona, l'altra furba o egoista.. “ Gioco a collocare, mentalmente, le persone nei vari luoghi di appartenenza, mi diverte immaginarle in determinate situazioni. Abito in una mansarda; sono stupendi gli attici, gli appartamenti, le ville... ma non credevo che fosse tanto ispiratrice una soffitta: piccola , stretta, luminosa e a un passo dal cielo. Ma! Avete più guardato il cielo ultimamente? Dite la verità: quante volte alzate la testa per tuffare lo sguardo nel blu vellutato di una notte trapuntata di stelle? Quando arrivate dinanzi casa vostra, lo fate mai? E se lo fate, non vi sembra che ogni stella del firmamento stia lì a porvi una domanda cui non sapete rispondere? Non vi viene spontaneo sorridere? no...? Ho capito; avete altro a cui pensare... E ditemi allora: “ un prato, o un ciuffo d'erba baciato dai riflessi del sole, cosa vi trasmettono? Meraviglia? O è solo qualcosa che sta là tutti i giorni e che non degnate minimamente di attenzione? Se tornate a casa a piedi; non vi sentite leoni Si certo leoni! Non siete felici di poter camminare, di poter percorrere le strade, di guardarvi intorno e di osservare cose, gente, colori? Non vi sentite mai particolarmente ottimisti? no... vero?... siete così stanchi e non vedete l'ora di potervi riposare, quindi percorrete in fretta la strada del ritorno. E il vento allora? Oh no! Non crediate che sia un ambientalista; non lo sono. Però il vento è di questo mondo e tutti lo incontriamo... non è così? ...il vento che soffia leggero e carezzevole...: “ mi scombina i capelli, alza la polvere, mi costringe in casa o preannuncia brutto tempo...” è questo che pensate di lui? … vi dirò : io cammino all'aperto anche quando c'è vento, alle volte lo sfido: “ soffia! Vediamo quali echi mi porti... “ altre volte lo invidio; il vento sì che conosce tutto e tutti, e certamente parla: “ se è freddo preannuncia davvero tempi rigidi, se è caldo ci inebria. “ Voglio dirvi: non esiste brutto e bel tempo, è il nostro animo che condiziona le nostre giornate, il nostro umore...davvero! La pioggia sopra i tetti non la sentite così ritmica e cantilenante? Non la accogliete come un nuovo venuto? Non l'amate? Anche lei è un dono fatto a questo mondo. Il correre frenetico da una parte all'altra, il dover districare le situazioni di tutti i giorni, il lavoro, i figli, la famiglia... abbiamo tanto ma non ci guardiamo attorno, non ammiriamo, né godiamo il mondo, ma soprattutto non ringraziamo Dio di quello che NON abbiamo. No... non sono un sacerdote! Se proprio volete saperlo vado in chiesa solo quando me ne ricordo, e mi rimprovero mentalmente o mi sacrifico per andarci. Che vergogna vero? Però prego spesso e non penso al mio crocifisso come a un portafortuna. Se sono una persona normale? Certo che lo sono! Allora forse pensate che io sia uno a cui non manca niente, che abbia denaro, un lavoro importante, una vita felice ecc. ecc. Vi sbagliate! Non ho niente di tutto ciò. Ma allora chi diavolo sono e cosa voglio da voi! E' questo che vi state chiedendo? Be...perché non provate a guardarvi dentro? Io sono ognuno di voi. Certo! Sono l' Emanuele che è dentro di voi!, la parte di voi che ama vivere e guardarsi attorno, che apprezza le piccole cose: un ciuffo d'erba, un raggio di sole o il semplice cadere della pioggia. Ma ascoltatevi... non sentite esultare il vostro animo a questa rivelazione? Non mi sentite dentro di voi? Ci sono senza dubbio, ci sono... ma mi tenete prigioniero dietro una parete trasparente. Mi avete incatenato con la vostra fretta, con le vostre necessità materiali, con tutte quelle urgenze che hanno preso il sopravvento sulle cose importanti, tanto da non saper apprezzare le piccole cose che elevano l'animo al cielo. Volete dunque ora lasciarmi libero per cortesia? Volete permettermi di ringiovanirvi nel cuore e nella mente? Se me ne darete la possibilità opererò in voi.
  15. MyConc

    Una rosa

    Hai un metodo spontaneo nell'esprimerti, semplice, pulito. Questo racconto attrae il lettore da subito, certamente ci sono pochi punti (dei quali ti parlavano già sopra) che vanno appena alleggeriti. Sei riuscita a materializzare la condizione psicologica e le emozioni della protagonista senza scivolare su espressioni banali, semplicemente utilizzando piccoli dettagli significativi. Molto bello.
×