Vai al contenuto

Fortuna

Scrittore
  • Numero contenuti

    82
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

20 Piacevole

Su Fortuna

  • Rank
    Sognatore

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. @Fantom scrivo anche io quello che penso. Una scena "irrealistica" è una scena descritto senza la giusta atmosfera. In teatro si utilizza per rendere "vera" una scena. Se un orco non si accorge del folletto a un metro da lui, la gente non ride perché non è credibile che un orco non vede il folletto. (ho scritto un ORCO che non vede un FOLLETTO, di per sé ben oltre l'irreale) Evidentemente la scena non sembra vera perché qualcosa nella descrizione non funziona. Ti faccio un esempio. Immagina di dover descrivere un funerale in cui entra una persona vestita da ballerina di samba. La persona è vestita così perché il defunto ha specificato come ultime volontà questa cosa oppure per ragioni sentimentali o per una scommessa persa. Probabilmente la persona vestita da ballerina non sarà a suo agio, probabilmente sarà imbarazzato e ci sarà un mormorio attonito degli altri ignari presenti al funerale. E questo anche se il personaggio è sicuro di sé stesso e particolarmente menefreghista. Oppure sarà sfrontato e maleducato. Ma sarebbe irreale se nessuno si fermasse a guardarlo, sarebbe irreale se entra e saluta tutti come se niente fosse, se l'intervento di per sé non suscita le giuste emozioni negli altri, se non crea un cambiamento sostanziale. Se l'azione non corrisponde alla reazione. L'orco che non vede il folletto a un metro di lui può avere diecimila ragioni per non farlo, è concentrato sull'obiettivo, è ubriaco, ha un difetto di vista mai diagnosticato che crea difetti nei bastoncelli per cui la sua visione periferica è compromessa, sa che a breve arriverà qualcuno e ha l'orecchio teso in direzione opposta. A questo proposito mi viene in mente Alessandro Baricco in City, in cui una centralinista diventa amica di un bambino, che ha un sorvegliante che non parla. Sostanzialmente una situazione strana ma lui la descrive come la cosa più normale del mondo e funziona benissimo...
  2. Fortuna

    Il dubbio di essere "Uno dei tanti"

    @Nonsmetteredicorrere al momento non ho inviato a nessuna casa editrice ma solo ad agenti e, a tutt'oggi, solo uno mi ha dato speranze se lavorerò sul mio romanzo aggiustando quello che non funziona. Ma il mio percorso cominciando dagli agenti è stata una scelta ragionata in base alle stesse ragioni che ti poni tu. "Voglio essere una dei tanti?" Io no. Non critico nemmeno io chi sceglie questa strada, sacrosanta se uno la ritiene giusta per sé ma per me non funziona. Parliamoci chiaro, tutti noi sognami di essere i nuovi Follet, Smith o Rowling ed è pur vero che alla maggior parte di noi non accadrà. Non è pessimismo, è statistica. Una volta però ho acquistato dei libri in una bancarella di autori che promuoveva i propri libri per una casa editrice medio-piccola. Li ho letti e lì per lì ho capito che pubblicare di per sé non è impresa così difficile. Erano libri senza quel mordente che ti aspetti in un libro che definiresti "bello", io di supplicare un passante per comprare il mio libro per poter dire "sono una scrittrice" non lo voglio fare. Almeno non come prima scelta, poi se emerge che il mio lavoro non vale abbastanza allora farò un passo indietro e deciderò se mi andrà bene pubblicare per mio diletto e vendere quaranta copie ai miei conoscenti però non credo dovrebbe essere la prima scelta se credi nel tuo lavoro. Perché è giusto darsi una possibilità. In bocca la lupo anche da parte mia, a te e a tutti quelli che sono immersi nel tuo dilemma (e anche a me, perché no?)
  3. Fortuna

    La revisione perfetta, frase per frase.

    @Black grazie delle dritte innanzi tutto. Capisco cosa intendi, credevo di averlo fatto e invece no. Mi sa che l'unica via è lavorarci sopra…
  4. Fortuna

    Non farsi capire dal lettore

    Non ti è mai successo, ad esempio, di usare il discorso indiretto e di trovarlo "il tentativo di un bambino delle elementari quando la maestra gli spiega la differenza tra il discorso diretto e quello indiretto." A me succede. Lo scrivo indiretto per variare un po' il discorso diretto, per dare movimento e poi mi sembra tanto banale. Come se dicessi al lettore cosa pensare, come se un attore a teatro entrasse con un pennello in mano dicendo " sono un pittore, mi raccomando, notate il pennello che ho in mano, perché sono proprio un pittore"
  5. Fortuna

    Patologie che esonerano dal conflitto nel 15-18

    @RedInferno Grazie mille!!!
  6. Fortuna

    Non farsi capire dal lettore

    Butch è proprio quest il punto, anche io prediligo il secondo, però mi è stato fatto osservare che questo rallenterebbe la narrazione. Come si fa a quel punto? La verità sta nel mezzo? O bisogna modulare una verità in base all'utilità? E in questo caso come la risolvi? Qualche volta mi trovo a chiedermi, dopo un po' di tempo, se leggendo il mio stesso racconto, mi annoierei o mi divertirei. Al di là delle paranoie che galoppano spontanee mi viene difficile distaccarmi. Forse dovrei stringare di più i periodi e poi lasciare le informazioni non vitali alle digressioni. Credo che proverò in questo modo.
  7. Fortuna

    Non farsi capire dal lettore

    @butch io sono alle prese con il ritmo ma la punteggiatura è poco mia amica. Non perché la usi male, ma perché non amo tanto i periodi corti. es.: Guardò a lungo la maniglia. L'abbassò. Entrò in punta di piedi. Sarebbe stata felice della sorpresa. preferisco: Guardò a lungo la maniglia, incerto se aprirla. Quando l'abbassò entrò in punta di piedi, pregustando il suo viso quando lui avrebbe gridato "sorpresa!" Però so che questo rallenta la narrazione e spesso può fornire troppe informazioni non vitali. Il lettore finirà per capire troppo e a sbadigliare mentre lo fa. forse gli esordienti, o meglio tutti quelli che ogni tot di libri pubblicati con successo, peccano di troppo zelo. "E se non si capisce quanto è depressa Dafne, come potranno sorridere quando si riprenderà?" "E se non ho reso John abbastanza arrabbiato?" "E se sopravvaluto il lettore? E se invece lo sottovaluto?" Qualche volta divagare aiuta però a dare delle pennellate piacevoli alla lettura...
  8. Fortuna

    Come evitare una violenza di gruppo.

    Allora è semplice. La persona più debole è l'amica di Aurora. Quindi deve trovare il modo di filmare l'amica, magari con l'aiuto di qualche amico di cui Lara è infatuata e fare in modo di ricattare lei, perché si offra al posto suo a questi tre, così impara a tradirla. In questo modo evita la violenza e si vendica.
  9. Fortuna

    La revisione perfetta, frase per frase.

    @Emy mi inserisco in questa discussione perché ho un problema, e visto che dici di essere fissata col ritmo ho bisogno proprio del tuo aiuto. Un agente ha respinto il manoscritto dandomi buone speranze se farò una revisione del testo. Mi ha contestato il ritmo della narrazione, essendo fatta per buona parte da dialoghi (i protagonisti sono in una stanza per tutto il romanzo e parlano moltissimo) dice che questo impedisce una certa fluidità, un ritmo narrativo adeguato e, immagino, piacevole. Dice che non potendo inserire digressioni nel dialogo devo renderlo più fluido. Hai qualche dritta? O chiunque altro ce l'abbia, è benvenuto. Il fatto è che non avevo mai pensato al "ritmo". Anche se è fondamentale, mi è sfuggito. Errore da novellina. Quella del lettore automatico mi sembra una buona idea proverò senza dubbio.
  10. Fortuna

    Come evitare una violenza di gruppo.

    Io la vedo così, Aurora dovrebbe fare un po' "Giuditta", quindi presentarsi a casa dello stalker, fingendo di piangere e di sottomettersi. L'unica maniera è affrontarli uno per volta, a meno che non crei una situazione in cui, chiudendoli in una stanza, li asfissia col gas tutti e tre, oppure li manderei dall'amica. o potrebbe mutilare il primo poi recapiterei il pene agli altri due simpaticoni. L'alternativa è che lei pubblichi da sola il suo video, cominci ad usare la sua sessualità in maniera aggressiva e poi la usi contro i tre...
  11. Fortuna

    Troppo gerundio fa male alla lettura?

    in verità potresti farlo se stessi correndo nel campo di cotone e raccattassi batuffoli con le mani, ma io stavo citando un famoso scioglilingua…
  12. Fortuna

    Gilam Agency

    @ophelia03 suppergiù un mese. Grazie per le parole di incoraggiamento.
  13. Fortuna

    Gilam Agency

    Ho dimenticato di dire che la risposta del signor Lamanna è stata veramente molto cortese e professionale. Il ritmo della narrazione è qualcosa su cui mi devo certamente documentare meglio (la critica era a quello, non al ritmo dei dialoghi, ho commesso un errore) spero proprio di poter migliorare. Mi colpisce come, valutato da un professionista, il mio romanzo (ma immagino quello di ognuno) mi appaia sotto tutt'altra prospettiva. Una prospettiva che proprio non avevo preso in considerazione. C'è sempre da imparare…
  14. Fortuna

    Gilam Agency

    Risposta ricevuta oggi, negativa ma che mi offriva anche una speranza. Dice che il testo è da rivedere ma che l'idea è buona, anche la scrittura perciò sono contenta da un certo punto di vista. Le critiche sono legate ad aspetti che non avevo né avrei potuto considerare (nello specifico il ritmo dei dialoghi) più alcune altre cose. Come prima risposta è stata buona, secondo il mio punto di vista, mi ha detto che dopo un editing posso inviarlo nuovamente. Buona giornata!
  15. Fortuna

    Troppo gerundio fa male alla lettura?

    "Andavo a Lione, cogliendo cotone. Tornavo, correndo, cotone cogliendo." cit.
×